Analisi della patch 9.1 di League Of Legends

Profilo di Rios
 WhatsApp

Vi avevamo anticipato un primo sguardo sulla patch 9.1, oggi andiamo a commentare tutti i cambiamenti che avevamo visto nei giorni scorsi. Bisogna dire che un buff presente nell’anteprima che vi abbiamo dato, è stato misteriosamente rimosso. Stiamo parlando del piccolo buff al tempo di re-cast della Q di Aurelion Sol. Purtroppo per il Drago Celestiale (e per i suoi giocatori), il cambiamento anticipato non è stato inserito in questa patch e, forse, non arriverà mai sul server live (oppure arriverà nella patch 9.2). Sono interessanti i mini rework ad Ornn e Sejuani, che vi consigliamo di leggere con particolare attenzione perchè potrebbero rivelarsi molto più complessi di ciò che sembra.

Campioni

Ashe: cambiamento

Concentrazione dell’esploratrice (Q):
  • Ora il bordo dell’icona dell’abilità s’illumina quando può essere attivata al massimo delle stack
Colpo del falco (E):
  • Adesso Ashe guadagna un assist se un nemico non visibile viene ucciso entro 10 secondi dopo che è stato rivelato da Colpo del falco

La modifica alla E permetterà ad Ashe di guadagnare più gold, certo non risolleverà il tiratore dalla situazione in cui si trova, ma sicuramente male non farà.

Jinx: buff

Zap (W):
  • Il tempo di cast dello Zap ora scala con la velocità d’attacco e passa da 0.6 secondi a 0.6-0.4 secondi in base alla velocità d’attacco bonus accumulata (cap al 250% di velocità d’attacco, includendo anche il bonus dato da Caaambio (Q) )

Piccolo buff che permetterà a Jinx di avere un’arma (efficace) in più durante il late game, evitandole di basarsi solo sugli attacchi base.

 

Jayce: cambiamento

Portale acceleratore (E):
  • Se Jayce attiva Portale acceleratore durante l’attivazione di Esplosione Shock , ignorerà tutti i comandi di movimento finché entrambe le abilità non saranno castate.

Cambiamento che permetterà ai giocatori di Jayce di avere più fluidità durante le combo (evitando interruzioni dovute all’inserimento di comandi di movimento non voluti).

Kalista: cambiamenti

Statistiche base:
  • Attacco base aumentato da 62 a 67
  • Scaling con l’attacco fisico aumentato da 3.6 a 4
  • Scaling velocità d’attacco aumentato da 3.5% a 4%
Perforazione (Q):
  • Danno base aumentato da 10/70/130/190/250 a 20/85/150/215/280
Sentinella (W):
  • Kalista non guadagna più 5/10/15/20/25 di attacco fisico quando il suo compagno di patto è vicino
Lacerazione (E):
  • Lacerazione ora infligge il 50% di danni in meno ai mostri epici (NUOVO)

Questi cambiamenti, sono sostanzialmente dei test che la Riot vuole fare su Kalista. Infatti sono solo un’anticipazione dei prossimi buff che vedremo prossimamente su questo tiratore. Nonostante tutto, il nerf che è stato fatto alla sua E ha uno scopo ben preciso: indebolirla a livello competitivo. Infatti la Lacerazione di Kalista, era efficace tanto quanto uno smite.

Katarina: buff

Shunpo (E):
  • Ora Katarina si teletrasporta, immediatamente, sul bersaglio scelto
  • Il tempo di cast passa da 0.075 prima dello scatto e 0.075 secondi dopo lo scatto a 0.15 secondi dopo lo scatto
  • Adesso Katarina può caricare l’attiva della Pistola a lame Hextech affinché si attivi dopo il tempo di cast dello Shunpo

Questo buff renderà Katarina molto più fluida e più forte, permettendole di essere più efficace e soprattutto immediata durante la sua combo.

Nasus: buff

Attacco incrementale (Q):
  • Nasus guadagnerà 12 stack per ogni campione, minion grande o mostro grande ucciso invece che 6 come già vi avevamo spiegato in un articolo dedicato

Nasus è ufficialmente diventato un jungler. Ebbene si, l’avevamo detto in un’anteprima (e molti non ci avevano creduto) ed adesso è finalmente realtà. Potrebbe essere un nuovo periodo d’oro per il dio di Shurima, infatti i jungler aggressivi sono attualmente pochini e Nasus potrebbe prendere le sue stack in tutta tranquillità. Ad elo basso potrebbe essere devastante.

Ornn: cambiamenti

Statistiche base:
  • La crescita della salute passa da 90 a 95
  • La rigenerazione della salute passa da 1.4 a 1.8
  • Crescita della rigenerazione della salute passa da 0.14 a 0.18
  • La crescita dell’armatura passa da 3 a 4
  • Attacco fisico base aumentato da 67 a 69
Forgia incarnata (passiva):
  • Ornn ora guadagna il 10% di armatura e resistenza magica in più dagli oggetti (NUOVO)
  • Al livello 13, ogni oggetto potenziabile comprato da Ornn può essere potenziato gratuitamente (Ornn può avere al massimo 2 oggetti potenziati) (NUOVO)
  • Dal livello 14 in poi, Ornn può potenziare uno degli oggetti potenziabili di un alleato stando entro un range di 600 e cliccando sull’alleato (gli alleati possono avere solo un oggetto potenziato) (NUOVO)
  • Ornn ed i suoi alleati non possono più pagare per potenziare i loro oggetti
  • Ornn può potenziare nuovi oggetti (NUOVO)
Fenditura vulcanica (Q):
  • Costo in mana diminuito da 55 a 45 mana
  • Danno base diminuito da 20/50/80/110/140 a 20/45/70/95/120
  • Rallentamento diminuito da 40/45/50/55/60% a 40% ad ogni livello dell’abilità
Soffio del mantice (W):
  • Ornn non guadagna più uno scudo ogni volta che attiva l’abilità
  • Ora Ornn diventa inarrestabile mentre usa Soffio del mantice
  • Tempo di ricarica diminuito da 14 a 12 secondi
  • Durata diminuita da 1 a 0.75 secondi
  • Il rallentamento che Ornn s’infligge viene diminuito dal 50% al 35%
  • Danno al bersaglio Fragile aumentato dal 7%-12% della salute massima del bersaglio al 12%-20.5% della salute massima del bersaglio
Carica ardente (E):
  • Costo in mana cambiato da 50 mana a tutti i livelli a 35/40/45/50/55 mana
  • Se un pilastro creato da Fenditura vulcanica sta per sparire quando Ornn attiva la Carica ardente, questo durerà finché lo scatto della E non sarà terminato
Richiamo del dio della forgia (R):
  • Il Rallentamento del primo cast cambiato da 40/60/80% al 10% che aumenta fino al 40/60/80% in base alla distanza percorsa
  • Il knockup del secondo cast passa da 1.5 secondi a tutti i nemici colpiti a 1 secondo al primo nemico colpito ed 0.5 secondi a tutti gli altri nemici colpiti

Questi cambiamenti sono effettivamente un mini rework di Ornn. Questo campione, è sempre stato fin troppo forte in competitivo ed un pò più debole in SoloQ. Vista questa situazione, la Riot ha deciso di cambiare le cose e cerca d’invertire la situazione, dando ad Ornn nuovo smalto per le code in solo. I cambiamenti alla passiva, potrebbero dirottarlo, efficacemente, nel ruolo di support. Infatti il poter potenziare,gratuitamente, un oggetto dell’alleato potrebbe renderlo un support oltremodo temibile. I cambiamenti più forti, sono in assoluto quelli fatti alla W. Il danno sul bersaglio reso “fragile” sono a dir poco folli, il valore che si aveva prima al livello 18 (12%) lo si ha ora al livello 1 mentre in late game questo valore sale al 20,5% della salute massima del bersaglio. I cambiamenti alla R invece, confermano ancora di più quanto detto prima: ovvero il suo indebolimento a livello competitivo. 

 

Sejuani: cambiamenti

Statistiche base:
  • La crescita della salute passa da 88 a 105
  • L’armatura base passa da 31 a 34
  • La crescita dell’armatura passa da 3 a 4.25
  • La resistenza magica base passa da 27.1 a 32.1
  • La crescita della resistenza magica passa da 0.75 a 1.25
  • La crescita dell’attacco fisico passa da 3 a 4
Furia del nord (passiva):
  • Resistenze bonus diminuite da 20/70/120 di armatura e resistenza magica (+100% totale di armatura e resistenza magica) a 20 di armatura e resistenza magica (+25% totale di armatura e resistenza magica)
  • Durata della passiva aumentata da 2 a 3 secondi
Assalto artico (Q):
  • Danno base aumentato da 60/90/120/150/180 a 80/120/160/200/240
Rabbia dell’inverno (W):
  • Danno base del secondo colpo aumentato da 30/65/100/135/170 a 30/70/110/150/190
  • Il rallentamento del secondo colpo ora viene rimosso dopo 0.25 secondi
Permafrost (E):
  • Durata dello stordimento diminuita da 1/1.1/1.2/1.3/1.4 secondi ad 1 secondo a tutti i livelli dell’abilità
  • Range diminuito da 850 a 600
  • Danno aumentato da 20/35/50/65/80 a 40/80/120/160/200

Con questi cambiamenti, Sejuani sarà meno resistente (la passiva darà meno statistiche ma durerà di più) ma avrà molti ma molti più danni. Per bilanciare le statistiche perse dalla passiva, le sue statistiche base sono state aumentate portandola ad essere più forte di prima senza la passiva attiva. Anche la sua capacità di applicare controlli è stata diminuita, ma per bilanciare questo cambiamento i suoi danni sono stati alzati a e di molto (specialmente sul Permafrost e sull’Assalto Artico).

Sivir: buff

Lama boomerang (Q):
  • Colpire un campione nemico non diminuisce il danno dell’abilità sugli altri bersagli

Buff che si spiega da solo, utile ma non sostanziale.

Vayne: buff

Ora finale (R):
  • Quando Ora finale è attiva, il tempo di ricarica di Capriola è ridotto del 50%

Questo buff è sbagliato. Questo buff renderà Vayne uno degli adc più forti del gioco. Provate ad immaginare un hypercarry come Vayne, con i danni di Vayne che è quasi perennemente invisibile sfruttando la nuova sinergia tra la R e la Q. Non serve dire altro.

Xayah: buff

Incantalame (E):
  • La durata del blocco viene aumentata da 1 secondo ad 1.25 secondi

Buff che permetterà a Xayah di avere leggermente più danni sul bersaglio immobilizzato. In early game renderà i bersagli bloccati, molto più esposti ai danni non solo del tiratore ma anche del supporto che le sta affianco.

Zyra: cambiamento

Crescita rigogliosa (W):
  • Se Zyra attiva Crescita rigogliosa durante il tempo di cast della Q o della E, ignorerà tutti i comandi di movimento finché entrambe la abilità non saranno attivate

Cambiamento simile a quello che è stato fatto a Jayce, che renderà Zyra leggermente più cattiva e frustrante.

Oggetti da jungler

Il machete del cacciatore, il talismano del cacciatore, la lama del cacciatore non incantata e la sciabola del soldato non incantata riducono l’oro guadagnato dai minion di 10 se l’oro guadagnato dal loro proprietario guadagnato dai minion è più grande della metà dell’oro guadagnato dai mostri.

Rune

Pioggia di lame: cambiamenti

  • Velocità d’attacco bonus cambiata da 75-125% (dal livello 1 al 18) a 110% a tutti i livelli
  • Gli attacchi che beneficiano di un attack reset (esempio la W di Jax) non consumano più le stack della runa

Statistiche delle rune

  • La velocità d’attacco data dalle rune viene aumentata dal 9% al 10%

Celerità: buff

  • Moltiplicatore della velocità di movimento bonus aumentato dal 8% al 10%

Colpo di scudo: buff

  • Danno aumentato da 4-21 (dal livello 1 al 18) a 5-30 (dal livello 1 al 18)

Assistenza alle Torri

  • I campioni in un range di 1200 dalla torre verranno contati nella distribuzione dell’oro se hanno contribuito o meno alla distruzione della torre stessa
  • I campioni che sono in un range di 2500 dalla torre, che hanno contribuito alla distruzione della torre stessa, verranno contati nella distribuzione dell’oro (NUOVO)

Nuovi aspetti in arrivo

Durante questa patch verranno anche rilasciati i nuovi aspetti della serie Luna di Sangue che saranno dedicate ad Aatrox (che avrà anche una Prestigio), Pyke e Sivir.

Per le splashart ufficiali vi rimandiamo al sito della Riot

 

Riot Games

Riot fa causa ad uno studio vietnamita per violazione di copyright

Profilo di Rios
 WhatsApp

Secondo quanto riportato da Polygon, Riot avrebbe fatto causa ad Imba Network, uno studio di sviluppo vietnamita che potrebbe aver violato il copyright di TFT. Una situazione davvero difficile per questi sviluppatori, che dovrebbero affrontare un processo davvero difficile.

Infatti le somiglianze tra i personaggi di I am Hero: AFK Tactical Teamfight (il loro gioco) e TFT sono davvero tante, anche troppe. Nel dossier pubblicato ci sono tutte le prove del caso, che sembrano dare ragione all’azienda americana pronta a chiedere un grosso risarcimento.

Una vicenda davvero poco carina, che ricorda moltissimo quanto successo nel 2018 con il celebre Mobile Legends.

Riot e la violazione di copyright

La vicenda

Imba Network è uno studio di sviluppo vietnamita, noto ultimamente per il gioco I am Hero: AFK Tactical Teamfight. Il titolo potrebbe inizialmente sembrare un anonimo autochess come gli altri, ma per Riot non è stato così.

Infatti l’azienda ha notato fin troppe somiglianze tra I am Hero: AFK Tactical Teamfight TFT, al punto di voler intentare una causa nei confronti di questi sviluppatori. Riot ha definito il gioco come un vero e proprio “knock-off” di TFT, che avrebbe spudoratamente copiato i nomi e le sembianze di moltissimi campioni di League Of Legends.

All’interno del dossier pubblicato, inoltre, si fanno notare le molteplici somiglianze tra Teemo (di LoL) e Tomee, che non condividono soltanto l’aspetto ma anche la lore ed il soprannome. A causa di tutti questi fattori, Riot ha chiesto un risarcimento di ben 150.000$ per ogni istanza di violazione. Una cifra colossale se pensiamo a quante violazioni avrebbe commesso questo studio.

Le somiglianze tra i due titoli, inoltre, sono così marcate che anche gli utenti se ne sono accorti. Infatti, nelle recensioni che si possono leggere su Google Play Store ed App Store, quasi la totalità delle recensioni fanno riferimento a questa “libera ispirazione” ai personaggi di LoL.

Alcuni ci sono andati molto pesanti nelle loro recensioni, accusando direttamente lo studio, che avrebbe preso i personaggi di LoL proprio per spingere i download del proprio prodotto. Insomma, un caos senza fine sta per travolgere Imba Network, che potrebbe finire in dei guai molto seri.

LEC: Perkz ed i Vitality devastano i G2 Esports

Profilo di Rios
 WhatsApp

La seconda settimana della LEC si è conclusa oggi con i fuochi d’artificio. Tutti i riflettori erano puntati sul match of the week, giocato tra VitalityG2 Esports. Una partita piena di narrativa, tanto nostalgica e romantica quanto cruenta e ricca di voglia di rivalsa.

Alla fine l’hanno spuntata Perkz e compagni, che hanno inflitto una sonora sconfitta ai propri avversari mai realmente in partita. Inoltre dobbiamo segnalare che FnaticRogue sono rimasti ancora imbattuti ed in vetta alla classifica del campionato.

Insomma, anche questa seconda giornata è stata spettacolare quanto la prima, se non di più. Andiamo a vedere cos’è realmente successo.

La seconda giornata della seconda settimana di LEC

Troppa confusione

La giornata odierna di LEC ci ha offerto una prima partita molto confusionaria, giocata tra Excel ed SK Gaming, due squadre che faticano nel trovare la propria forma ideale. Nonostante gli inglesi avessero giocato un ottimo early game, trascinati dal Lee Sin di Markoon, tutto è cambiato in mid game.

Infatti gli XL hanno perso completamente la bussola, cedendo fight, risorse e kill vitali a degli SK che non hanno mollato nemmeno un minuto. Fortunatamente lo scaling dell’Aphelios di Patrik ha salvato i suoi compagni, riuscendo ad essere decisivo negli ultimi fight.

Grazie a lui la squadra è riuscita ad avere quel quid in più utile per vincere, riuscendo a portarsi a casa una partita che era ad un passo dalla disfatta totale.

Get Jinxed

Ogni volta succede la stessa cosa. Ogni singola volta, gli Astralis, riescono a perdere una partita che avrebbero potuto vincere con merito. Infatti erano riusciti a sfruttare i molteplici errori dei MAD Lions, recuperando uno svantaggio davvero grosso.

Grazie alle buone azioni di Elyoya, infatti, i campioni in carica della LEC erano riusciti ad assicurarsi in early game, ma un fight al Nashor ha ribaltato le sorti della partita. I MAD hanno preso una schermaglia in inferiorità numerica, perdendo Jinx in apertura e favorendo i danni della Xayah di Kobbe capace di rimettere in partita i suoi compagni.

Fortunatamente, però, gli Astralis hanno si sono fatti prendere dall’ansia, riconsegnando la partita nelle mani dei loro avversarsi. Nei fight successivi, infatti, i danesi hanno sbagliato quasi tutto (specialmente il focus), ignorando Unforgiven e la sua pericolosissima Jinx libera di fare danno mentre Armut teneva impegnati tutti con il suo Aatrox.

Punto importantissimo per i leoni madrileni, che si riprendono, almeno in termini di risultati, dopo una prima giornata non proprio brillante.

It’s the Rogue’ show

Cinque partite giocate in due settimane di LEC cinque vittorie conquistate. Questo è l’impressionante ruolino di marcia dei Rogue. Anche oggi la squadra ha dimostrato di poter devastare ogni avversario, ed i BDS lo hanno provato sulla loro pelle.

Tutti i giocatori stanno performando benissimo, ma la vera sorpresa continua ad essere il jungler Malrang che oggi ha giocato un Trundle artistico. Il coreano è arrivato un po’ in sordina, e c’erano fin troppi dubbi sulla suo vero valore tecnico. Ed invece lui ha sorpreso tutti, dimostrando di essere pronto per l’Europa.

Dall’altro lato i BDS continuano a non essere una squadra. Sbagliano tanto, e non riescono a comunicare correttamente nemmeno nelle situazioni più semplici. Devono migliorare, e lo faranno sicuramente, ma la strada sembra ancora lunghissima.

Massacro

Se i Rogue ci hanno stupiti fino ad ora, lo stesso stanno facendo i Fnatic. Il match di oggi, giocato contro i Misfits, doveva essere duro per loro, che però hanno giocato letteralmente sul velluto. Tutto questo è stato possibile anche grazie ad un draft difference monumentale, dato che gli arancio-neri potevano vantare solo power-pick nella loro composizione (Twisted FateCaitlyn su tutti).

Wunder e compagni sono stati infermabili in ogni singolo fight, agevolati anche da un Hylissang immortale e sempre al centre dell’attenzione con Braum. Non c’è mai stata realmente partita, e la vittoria è stata una pratica fin troppo semplice, risolta in 23 minuti.

Il super team è arrivato

A chiudere la seconda settimana della LEC ci ha pensato il match of the week, giocato tra i Vitality ed i G2 Esports. Una partita dalle mille narrative, legate principalmente a Perkz che affronta la sua vecchia squadra per la prima volta trovandosi Caps in lane come avversario.

Molti pensavano che sarebbe stato un game molto close tra i due team, ma alla fine così non è stato. I francesi sono riusciti ad imporre una dominazione totale fin dai primi livelli, con una gank splendida di Selfmade in corsia inferiore che ha distrutto il mental dei suoi avversari.

Inoltre, in corsia centrale Perkz ha dimostrato chi è l’unico vero Re d’Europa, infliggendo al suo amico Caps una sonora lezione. Il super team è finalmente partito come ci si aspettava, e se questa è al devastazione che può portare, le altre squadre dovrebbero iniziare a tremare.

Fonte immagine di copertina: pagina Twitter della LEC

Reignover torna in LEC: finalizzato l’accordo con i MAD Lions

Profilo di Rios
 WhatsApp

Il nome di Reignover dovrebbe far venire in mente dei dolci ricordi ai fan dei Fnatic, che lo hanno letteralmente amato alla follia nel 2015. L’ex jungler coreano, infatti, è stato protagonista del perfect split degli arancio-neri in quell’anno in cui hanno vinto tutto.

Dopo questa breve parentesi europea si è trasferito in Nord America, ma non riuscì mai più a trovare lo stesso successo con gli Immortals, i Liquid ed i CLG. Dopo il ritiro ha abbracciato il mondo del coaching, rimanendo per diversi anni alla corte dei Cloud 9.

Ora ha deciso di tornare in Europa, accasando ai MAD Lions come nuovo positional coach per la giungla del team campione della LEC.

Reignover torna in LEC

Una storia altalenante

Dieci mesi. Tanto è durata l’esperienza europea da giocatore di Reignover, ma rimarrà per sempre impressa nella leggenda dei Fnatic. Infatti il jungler coreano ha aiutato il team a coronare il perfect split nel 2015, vincendo ben due titoli della vecchia EU LCS in quell’anno facendo innamorare tutti i tifosi arancio-neri.

Purtroppo le sue successive esperienze in Nord America non sono state così positive, ma gli hanno aperto la strada verso una nuova carriera da coach. Gli anni trascorsi alla corte dei Cloud 9 gli hanno portato parecchie soddisfazioni, facendolo crescere dal punto di vista professionale.

Ma ora per lui arriva una nuova sfida, che lo ha riportato in Europa. Infatti Reignover ha siglato un contratto come positional coach con i MAD Lions. Il coreano dovrà aiutare Mac nella gestione della jungle, e lavorerà a stretto contatto con Elyoya, uno dei migliori (se non il migliore) jungler del Vecchio Continente.

Per lui non sarà un lavoro semplice, visto che i campioni in carica della LEC vogliono continuare a lottare per il titolo, pur avendo perso due tasselli importanti come HumanoidCarrzy. La squadra ha avuto un andamento ondivago in queste prime partite, e bisognerà trovare una quadra in fretta.

Fonte immagine di copertina: pagina Twitter dei MAD Lions