ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Quali carte lasceranno lo Standard con la rotazione? Parte 2: L’ACCADEMIA DI SCHOLOMANCE

Quali carte lasceranno lo Standard con la rotazione? Parte 2: L’ACCADEMIA DI SCHOLOMANCE

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Continuiamo la nostra rubrica all’insegna delle carte che non tra molto lasceranno lo Standard per accasarsi definitivamente in Wild. Dopo Lunacupa, in questa seconda parte parliamo dell’espansione centrale del 2020: L’ACCADEMIA DI SCHOLOMANCE.

L’espansione che ci ha portato nella nota scuola di magia di Warcraft, presieduta dal malvagio Kel’Thuzad (e ci ha introdotto velatamente la futura Thamsin), ha presentato la nuova meccanica Impulso Magico e le carte Bi-Classe, perfettamente a tema con l’argomento dell’espansione.

Vi ricordiamo che in questa rubrica tratteremo quasi esclusivamente le carte che ORA stanno impattando più delle altre, tranne qualche breve eccezione di carte speciali (che in passato sono state estremamente utilizzate). Vediamo subito quali scompariranno dallo Standard.

Druido, Cacciatore di Demoni, Cacciatore

Il Druido si ricorderà molto di Scholomance poiché gli ha donato alcune delle carte più forte degli ultimi anni, alcune ancora oggi di estremo valore e potenziale. Su tutte abbiamo Fioritura Fulminea (utilizzata anche dallo Sciamano) e Studi sulla Natura che insieme danno la possibilità di rampare e creare una value incredibile. Animali da Guardia e Legge del più forte sono altre due carte che, nonostante non vedano gioco adesso, hanno maltrattato il meta per mesi e mesi alla loro uscita. Il Cacciatore di Demoni, invece, a questo giro si salva: nessuna carta di questa espansione trova molto gioco in questo ultimo meta. Il Cacciatore, invece, perderà altre carte per il suo Face Hunter: addio al Wolpertinger e alle due Bi-Classe Infestazione Adorabile e Famiglio Demoniaco.

Mago, Paladino e Ladro

Vera sciagura per il Mage, Jaina si fonda completamente su questa espansione e perde pezzi importantissimi. Carte collegate ai Danni Magici come Maestra Duellista Mozaki, Studio Forsennato e la Bi-Classe con lo Sciamano Studi sui Primordi. Perde anche le carte in comune con il Ladro: Ladra di Bacchette e Mente Fredda. Proprio Valeera, oltre a queste due importantissime carte perde anche modi di pescare fortissimi (Passaggio Segreto e Lezioni di Taglio). Poi non dimentichiamoci della giocatissima (non molto dopo il nerf) Jandice Barov.
Le carte del Paladino, invece, stanno trovando poco gioco, ma ci sono comunque pezzi importanti, come la rimozione di massa Ser Barov e il difensivo Alunno Meticoloso, altro pezzo da Libram Pala.

Stregone, Sacerdote e Guerriero

Lo Stregone perderà carte molto diverse tra loro: la rimozione Spiriti della Scuola e le due Bi-Classe con il Priest, Gigante di Carne e Rianimazione Cadaveri. Il Priest dal canto suo, oltre quest’ultima carta, ha davvero poco da rimpiangere: Dono della Luminosità giocato nel Miracle Priest, Studi sui Draghi e l’estremamente nota Squarciamente Illucia, ma che non vede gioco ormai da mesi. Per Garrosh, oltre alle carte in comune con Ladro e Paladino, solo un ultimo saluto a Scuotiossa, timore di tutti, tranne che del Sacerdote.

Sciamano e Generiche

Tutte le Bi-Classe con il Mage sono fortissime, ma anche le due sciamaniche Istruttrice Cuorfiammante e Studente Diligente. Per quanto riguarda le carte Generiche, l’espansione ci ha portato un quantitativo di drop bassi forti davvero enorme: Guida della Scuola, Iniziato Intrepido, Scagliapenne, Scopa Animata, Bacchettaia, Neofita del Culto e Panthara Divoramana. Tool e carte aggro dal potenziale incredibile: come verranno sostituiti?

Queste sono al momento le carte più forti che ruoteranno, ma ne manca ancora una da vedere. Di Scholomance quale vi mancherà di più dopo la rotazione? Fateci sapere la vostra…

Sono giusti gli aggiornamenti al gioco poco prima di un torneo ufficiale? Risponde Abar

Sono giusti gli aggiornamenti al gioco poco prima di un torneo ufficiale? Risponde Abar

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Aggiornamenti Hearthstone – Abbiamo visto nei giorni scorsi la nuova patch 23.6, che oltre a tanti contenuti ha annunciato ufficialmente il futuro arrivo della prossima espansione Assassinio al Castello di Nathria. Ma subito dopo è scoppiata la bufera, perché?

L’unica differenza notevole, alla Constructed, con questa Patch, è stata l’introduzione di Principe Renathal che cercherà di stravolgere un po’ il meta prima dell’arrivo dell’espansione. Ma anche nel competitivo torneistico la confusione è dietro l’angolo.

Questo soprattutto se il prossimo grosso torneo ufficiale, il Masters Tour, è proprio dopo pochi giorni dall’aggiornamento. Molti sono stati i giocatori che hanno lamentato il timing di questa patch, che romperà le uova nel paniere a molti deckbuilder che parteciperanno alla competizione di Blizzard.

Altri, però, non sono contrari a queste tempistiche spiegando che per TUTTI i giocatori ci saranno difficoltà nel provare i mazzi nuovi e testare nuovi deck, quindi tutti sulla stessa barca.

Tra le decine di testimonianze per una “fazione” o l’altra ha risposto Abar, Product Manager per Hearthstone Esports. Con un lungo thread su Twitter, Abar ha cercato di spiegare che il maggior profitto per il team proviene sicuramente dagli acquisti dei giocatori, ma ciò non vuol dire che i dev non sono ben attenti alle richieste della sezione Esports di Hearthstone.

Parafrasando il PM si capisce come, a volte, per un’esigenza o un’altra le tempistiche possano “infastidire” le competizioni ufficiali, ma nonostante ciò i feedback sono sempre ben accetti per vedere come non scontentare nessuno. (Per una maggiore precisione e minore interpretazione del messaggio vi lasciamo il post ufficiale in basso).

Sicuramente le lamentele sono giustificate, ma bisogna anche comprendere ed accettare le dinamiche di un’azienda e soprattutto di un business (alla fine anche Hearthstone è un business). Sicuramente c’è un motivo dietro determinate tempistiche.

Questo è quello che comprendiamo dalla testimonianze di Abar, voi cosa ne pensate? È giusto lamentarsi delle tempistiche di Blizzard, o bisogna comprendere ed adattarsi di conseguenza agli aggiornamenti?

Articoli Correlati:

Le Locande del Tempo sono finalmente qui. Come cambia l’Arena?

Le Locande del Tempo sono finalmente qui. Come cambia l’Arena?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Come preannunciato qualche giorno fa, e soprattutto con l’arrivo della nuova patch 23.6, finalmente hanno fatto oggi il loro esordio le Locande del Tempo in Arena. O meglio, potremmo dire che hanno ri-esordito.

Già, ovviamente le Locande del Tempo non sono una novità ed anzi sono la seconda edizione di questo interessante evento per la modalità. Ma non ci ritroveremo le stesse copie delle carte del primo evento, anzi troveremo molte delle carte bilanciate ed adattate ad un Hearthstone moderno. Una novità su tutte è la rimozione dal pool di carte di Murozond che ha bisogno di un brainstorming maggiore prima di essere reintrodotto nell’evento insieme alle altre carte.

Purtroppo non si conosce la lista completa delle carte, che ancora non è stata pubblicata sul sito ufficiale, ma le restanti carte originali (più probabilmente un paio di carte del Cacciatore di Demoni) sono già in-game e Matt London, responsabile delle modalità per Hearthstone, ha svelato tutte le modifiche alle carte.

Bilanciamenti alle nuove carte di Locande del Tempo

Più in basso vi pubblicheremo le vecchie carte, in modo da cominciare a vedere le differenze con le nuove modifiche.

Le carte originali delle Locande del Tempo

Con l’introduzione delle Locande del Tempo avremo anche un ticket gratuito per l’Arena, in modo da poter provare le novità appena sbarcate.

Molti i giocatori che in queste ore le hanno provate: lo stesso Matt London ha svelato che in una run dovrebbero capitarvi da 1 a 3 carte nuove. Ci sono giocatori che ne stanno ottenendo anche molte di più, quindi incrociate le dita.

Che ne pensate di questa novità per l’Arena?

Articoli Correlati:

Battlegrounds SURVIVAL: la prima tappa va a Budilicious. Già aperte le iscrizioni per la seconda!

Battlegrounds SURVIVAL: la prima tappa va a Budilicious. Già aperte le iscrizioni per la seconda!

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Dopo il torneo di test dedicato allo Standard di Hearthstone, i colleghi di ReadyCheck hanno deciso di aprire un piccolo circuito competitivo questa volta dedicato alla modalità Battaglia, organizzando il Battlegrounds SURVIVAL.

Il circuito consiste in due tappe ad iscrizione gratuita ed aperta a tutti (con anche un montepremi in palio) ed i migliori 16 delle due tappe accederanno di diritto alla finale del torneo, con un montepremi ancora maggiore.

La prima tappa si è svolta lunedì 27 ed ha visto coinvolti molti giocatori italiani, tra cui il noto, quanto forte giocatore di BG, Budilicious. Il torneo prevedeva una Bo1 tranne che in finale dove i giocatori si dovevano affrontare in una B03 (stessa cosa per la finale 3°/4° posto).

Detto ciò, Budi ha fatto un filotto invidiabile non perdendo un match neanche in finale, dove ha battuto Kremitas con un secco 2-0, mentre si classifica terzo ShadowGod97 che ha battuto con lo stesso risultato Fante. Ma vediamo subito la Top 8 della tappa che si qualifica di diritto alla prossima fase, quella finale.

Top 8 Battlegrounds SURVIVAL Tappa 1

  • Budilicious
  • Kremitas
  • ShadowGod97
  • Fante
  • Ubarthad
  • Xaizer
  • Rggsmn
  • Disi

Nel mentre vi segnaliamo che già sono aperte le iscrizioni per la seconda tappa che si svolgerà domani sera (QUI per l’iscrizione), sempre alle 19 e che avverrà nelle stesse modalità della prima tappa.

Facciamo ancora una volta i complimenti ai colleghi di ReadyCheck per il lavoro svolto durante il torneo, questa volta nonostante l’aggiornamento del gioco arrivato nel bel mezzo del torneo che ha rallentato lo sviluppo della competizione, ma che di certo non l’ha fermata (grazie all’intervento degli admin).

Che ne pensate di questo ulteriore torneo?

Articoli Correlati: