Buon compleanno Hearthstone!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

L’11 Marzo del 2014, quello che allora si chiamava “Hearthstone, Heroes of Warcraft” veniva ufficialmente lanciato in tutto il mondo dopo una fase di open beta iniziata il 21 Gennaio.
Quello stesso giorno Blizzard pubblicò la celebre patch 1.0.0.4944 dell’Open Beta, l’ultima pubblicata nella fase di prova, che introduceva anche dei bilanciamenti per due gloriose carte.
Entrambe le carte avrebbero ricevuto dei bilanciamenti molto importanti e per una di queste, Nat Pagle, non sarebbero stati neanche gli ultimi…

Patch 1.0.0.4944 – 11 Marzo 2014

Il Meccanista Granfavilla a Marzo 2014

Meccanista Granfavilla ora è una 3/3 (invece che una 2/2) e la nuova descrizione è la seguente: Grido di battaglia: trasforma un altro servitore casuale in un Gigantosauro 5/5 o in uno Scoiattolo 1/1.

Nat Pagle, come appariva prima e dopo la patch del 2014.

“La descrizione di Nat Pagle è ora la seguente: all’inizio del tuo turno, hai una probabilità del 50% di pescare una carta aggiuntiva.”

Per chi ancora non era attivo su Hearthstone in quel periodo, c’è da ricordare che con la medesima patch vennero annunciate da Blizzard le ricompense per le partite classificate (i dorsi stagionali) e gli eroi “gold”, ottenibili vincendo 500 partite sempre con la stessa classe.
Correlato: La storia delle carte di Hearthstone, chi è Nat Pagle?

Da quel giorno sono passati ormai 5 lunghissimi anni, durante i quali sono cambiate moltissime cose, su tutte il team di sviluppo che ha attraversato una fase di profonda rivoluzione per tutto il 2018 e che si presenta oggi sotto una nuova guida rispetto a quella storica che ha caratterizzato i primi anni dall’annuncio di Hearthstone (per esempioBen Brode, che ha lasciato Blizzard ad Aprile 2014).

Questo spettacolare titolo di carte online ha sicuramente attraversato periodi migliori durante il suo glorioso passato, ma siamo sicuri che, sotto la nuova direzione degli sviluppatori e con l’inizio dell’Anno del Drago, Hearthstone abbia la concreta possibilità di tornare a brillare a livello nazionale ed internazionale!

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.