Chiudi
Millennia: cosa aspettarsi dal nuovo strategico di C Prompt Games

Millennia: cosa aspettarsi dal nuovo strategico di C Prompt Games

Profilo di Stak
 WhatsApp

Sono quasi passati tre mesi da quando Paradox Interactive ha pubblicato il trailer che annuncia l’uscita di Millennia, un nuovo strategico a turni che ci vedrà impegnati nella fondazione di una civiltà partendo dall’età della pietra sino ad arrivare a un impero tecnologico in un futuro parecchio distante da noi.

Il gioco presenta delle idee di gameplay particolarmente interessanti che abbiamo già visto in altri videogiochi strategici e in altri titoli popolarissimi come la storica saga sviluppata da Ensemble Studios Age of Empires che, con il suo quarto capitolo, vinse nella categoria Miglior gioco di simulazione o strategia ai TGA del 2021.

Il nuovo gioco di C Prompt Games però sembra voglia essere ancora più ricco e profondo, facendoci attraversare un gran numero di fasi storiche con un gameplay ancora più ricco di meccaniche.

Come se non bastasse, ad alimentare l’hype di tutti gli amanti degli strategici vi sono alcuni nomi di non poca importanza: spiccano infatti Rob Fermier (System Shock), Ian Fisher (Age of Mithology) e Brian Sousa (StarCraft II).

Tutto ciò che sappiamo finora sul gioco

Nello specifico, il genere di appartenenza di Millennia (che potete approfondire sul suo sito ufficiale) è il 4X, un sottogenere degli strategici che prende il nome dai principali obiettivi del giocatore: eXplore (esplora), eXpand (espandi), eXploit (sfrutta), eXterminate (stermina), lo stesso genere a cui appartiene Civilization VI, serie 4X che domina il genere da ormai più di 20 anni nonostante numerosi titoli abbiano tentato più volte di sottrargli la corona (chissà se questo nuovo titolo riuscirà nell’intento).

All’interno del gioco sarà possibile assistere all’evoluzione della nostra civiltà (all’interno del trailer d’annuncio contiamo fino a 26 fasi di evoluzione e scoperte), un’idea che, se ben sfruttata, riuscirebbe ad aumentare la varietà di gameplay con un gran numero di strategie, tecnologie e costruzioni. Inoltre, sembra che alcune fasi non portino soltanto allo sviluppo della nostra civiltà, ma anche ad eventi che potrebbero avere dei risvolti particolari e non per forza positivi per il nostro impero (l’età della peste non fa presagire nulla di buono).

Sarà possibile esplorare e costruire per rendere l’impero ancora più splendente, ma è possibile espandere il proprio dominio anche con forza e diplomazia. Tutto dipende dallo stile che vuole adottare il giocatore, un aspetto che potrebbe portare a un’alta rigiocabilità, e quindi a una più alta longevità.

Tutte le scelte che il giocatore effettuerà durante la partita andrebbero pensate con attenzione in quanto la direzione intrapresa dal giocatore avrà un forte impatto sull’intero universo del gioco, ciò potrebbe significare che bisogna avere una certa dimestichezza con il genere in quanto alcuni errori potrebbero rivelarsi catastrofici per il nostro popolo.

Insomma, sembra proprio che gli sviluppatori vogliano dar vita a un titolo capace di stregare tutti gli appassionati del genere attraverso una campagna offline e a modalità PvP che potrebbero rivelarsi parecchio interessanti, non ci resta che attendere delle informazioni ufficiali riguardanti la data d’uscita, prevista per un 2024 sempre più vicino.

Articoli correlati: 

Record per SEA OF THIEVES: l’ultima patch è di più di 100 GB

Record per SEA OF THIEVES: l’ultima patch è di più di 100 GB

Profilo di Stak
19/02/2024 20:31 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Da pochi minuti è disponibile un nuovo “gigantesco” aggiornamento di Sea of Thieves che rischia di battere tutti i precedenti record registrati dal titolo…

Pensate che il nuovo update per alcune piattaforme supera finanche i 100 GB di spazio di memoria, delle dimensioni assolutamente “gargantuesche” che hanno lasciato spiazzato molti giocatori del titolo sviluppato da Rare e pubblicato da Xbox Game Studios.

Il nuovo aggiornamento è pieno di miglioramenti e modifiche, ma anche di una transizione all’ultimo Xbox Game Development Kit (GDK) che consente il supporto DX11 e DX12 su PC.

Nelle note sulla patch rilasciate insieme all’aggiornamento, Rare ha notato che i futuri aggiornamenti saranno “considerevolmente più piccoli”, ma siamo onesti: non avrebbero potuto diventare molto più grandi.

La nuova patch di Sea of Thieves è enorme: 

Ecco le dimensioni di installazione dell’ultimo aggiornamento di Sea of Thieves su tutte le piattaforme:

  • Xbox Serie X: 88,36 GB
  • Xbox Serie S: 90,15 GB
  • Xbox One X: 88,36 GB
  • Xbox One: 90,15 GB
  • Microsoft Store: 102 GB
  • Steam: 10,49 GB

Recentemente, Sea of Thieves è apparso nelle notizie in seguito alla rivelazione secondo cui Microsoft ha in programma di trasferire i suoi giochi esclusivi su altre piattaforme, in particolare PlayStation.

Ci sono state discussioni diffuse su quali potrebbero essere i giochi, ma i rapporti più affidabili suggeriscono che Sea of Thieves sarà uno dei titolo di punta inviato al Blue Team in futuro.

Articoli correlati: 

Respawn sta sviluppando un gioco in 1° persona su Star Wars Mandalorian

Respawn sta sviluppando un gioco in 1° persona su Star Wars Mandalorian

Profilo di Stak
19/02/2024 20:24 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Secondo quanto riferito dai leaker di Insider Gaming, Respawn Entertainment starebbe sviluppando un gioco totalmente nuovo su Star Wars Mandalorian.

Stando a quanto riferito dalle fonti, il titolo vedrà il giocatore prendere il controllo di un cacciatore di taglie mandaloriano (non sappiamo ancora chi), durante il periodo in cui l’Impero Galattico dominava la galassia. Il tuo compito, come cacciatore di taglie, sarà quello di catturare taglie vive o morte in cambio di ricompense in denaro.

Come riportato per la prima volta da Jeff Grubb di VentureBeat, il gioco era guidato dal direttore creativo di Respawn Mohammad Alavi, che ha lasciato lo studio per intraprendere una nuova avventura.

Secondo Grubb, che all’epoca non aveva rivelato che si trattava di un gioco su Star Wars, questo nuovo titolo sarà incentrato sulla “mobilità” e sullo “stile” come principi cardine di tutto il progetto.

Star Wars Mandalorian sarà estremamente frenetico secondo quanto riferito dalle fonti

L’elevata mobilità del gioco è stata resa possibile dal punto di vista narrativo grazie al jetpack del Mandalorian, che consente al giocatore di eseguire scatti orizzontali, salti verticali, potenziare lo scivolamento (in qualche modo simile allo scivolare giù per le colline in Apex Legends) e altro ancora.

Le fonti hanno descritto il gioco come “estremamente frenetico” e come tale premierà i player che gestiranno meglio questo tipo di stile.

Solo per fare un esempio, sembra che la salute del giocatore si rigenererà principalmente in base alle uccisioni successive. Come prevedibile, giocare nei panni di un cacciatore di taglie mandaloriano offrirà un’ampia varietà di armi e gadget tra cui un un rampino, una visiera per individuare i nemici e altro ancora.

Il gioco non sarà un “open world”, ed avrà dei livelli “classici” e lineari che si svolgeranno su una varietà di pianeti diversi nell’universo di Star Wars. Anche se non è chiaro quando verrà rilasciato il gioco, si dice che manchino ancora almeno uno o due anni. Al momento non è chiaro se il gioco avrà o meno un’esperienza multiplayer.

Che ne pensate? Come al solito la discussione è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Dragon Ball Super Card Fusion World la recensione

Dragon Ball Super Card Fusion World la recensione

Profilo di maretta72
29/01/2024 17:01 di  "maretta72"
 WhatsApp

Recensione Ball Super Card Fusion World – Di seguito la recensione ufficiale di Powned della beta digitale del nuovo gioco di carte di casa Bandai,  Dragon Ball Super Card Fusion World.

Dragon Ball Super Card Fusion World la recensione

Client

Il client (molto simile a quello Riot) offre la possibilità di giocare a Dragon Ball Super Card Fusion World, ma sembra essere impostato affinché in futuro venga condiviso con altri titoli…Parlando del client del gioco, è un po’ scarno e semplice, gli sviluppatori hanno già annunciato che verrà aggiornato con l’uscita ufficiale, del resto non è quello il focus principale di questa beta.

Gameplay

Il gioco appena aperto presenta la funzionalità del tutorial per avere un’idea su come giocare. È un gioco dove bisogna pensare bene ad ogni mossa e come utilizzare le proprie carte al meglio, sicuramente la meccanica che spicca è quella del leader.

Il leader è la carta che determina il numero delle nostre vite e sulla quale si basa il resto del mazzo, sia a livello di archetipo, sia per la tipologia di tag allegati. In questo nuovo gioco di carte ogni personaggio avrà il proprio tag, ad esempio: i Goku avranno il tag Saiyan, i C17 avranno il tag Android e così via.

Disponibile anche la meccanica dell’awaken che si attiverà raggiungendo un tot numero di vite, potenziandosi e prendendo un’effetto aggiuntivo che varia da personaggio a personaggio.

Se volte approfondire meglio il gameplay vi lascio una piccola guida

Grafica

Sulla grafica hanno fatto un ottimo lavoro. I modelli dei leader ricordano quelli di Dragon Ball Xenoverse 2 ma leggermente migliorati, con degli effetti e animazioni d’attacco/difesa fatte davvero bene e curate.

La plancia di gioco è interattiva e alcune di esse potranno cambiare nel corso della battaglia, alcune mosse potranno distruggere il terreno o anche modificare l’intera arena, potreste partire con lo stage di Namek normale per poi passare a quella di Namek distrutta che sta per esplodere.

Economia di gioco

L’economia di gioco ricorda molto quella di Yu-Gi-Oh Master Duel, con un sistema di gemme per comprare i vari pacchetti o starter deck. Nella beta non è stato troppo approfondito il come ottenere le suddette gemme, per ora l’unico modo per averle è tramite daily login e missioni. È già stato dichiarato che quando ci sarà l’uscita fisica, nei pacchetti sarà presente un codice, che se inserito online farà ottenere contenuti in game, un po’ come succede in Pokemon TCG.

Altra cosa che verrà implementata all’uscita sarà il poter creare e distruggere le carte in collezione.

Spero che questa piccola recensione vi possa essere stata utile destato la vostra curiosità nel provare questo card game quando verrà rilasciato ufficialmente, uscita prevista per fine febbraio (per ora conosciamo solo la data del rilascio per pc). Restate sintonizzati con noi per non perdere neanche un aggiornamento su questo nuovo titolo.

Articoli correlati: