Cina: riconosciuto il ruolo di giocatore esport professionista

Cina: riconosciuto il ruolo di giocatore esport professionista

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai negli ultimi tempi, e soprattutto nell’ultimo anno, l’esport ha ottenuto una rilevanza che mai aveva acquistato negli anni precedenti, anche se siamo ancora lontani dalla meta. E proprio in questa direzione, ciò che è avvenuto in Cina è importantissimo per tutto il panorama esport.

Il 19 Febbraio, il ruolo di giocatore esport professionista è stato ufficialmente riconosciuto come professione dallo Stato cinese. Grazie al Ministero delle Risorse Umane e della Sicurezza Sociale cinese altre dodici professioni legate all’ambiente della tecnologia sono state riconosciute.

Questo è un grande passo per tutto l’impianto esport, che acquista così rilevanza legislativa, cosa che purtroppo manca in Italia. Tutti i giocatori esportivi, e non solo (basti pensare a streamer e youtuber), nel nostro Paese non sono supportati dallo Stato, sia per quanto riguarda la legislazione sia per quanto riguarda la situazione tributaria e contributiva. Non c’è chiarezza per queste professioni nel nostro sistema legislativo.

Però, un piccolo passo avanti è stato fatto, in Italia, proprio nei giorni scorsi: infatti la nuova Ministra per le Politiche Giovanili, Fabiana Dadone, ha strizzato l’occhio a questo settore, sperando che questo possa smuovere il Governo in direzione dell’esport e dell’ambiente videoludico in generale. Non ci resta che sperare che la situazione possa migliorare nei prossimi anni e che l’Italia raggiunga gli altri Stati in questo settore, entrando finalmente nel futuro.

Che ne pensate di questa notizia sull’esport in Cina? Pensate che ciò possa accadere anche in Italia, prima o poi? Fateci sapere, come al solito, la vostra…

Articoli correlati: 

Apertura dell’ADM sulla questione Sale Lan! Cicolari: “molto soddisfatti, segnale incoraggiante”

Apertura dell’ADM sulla questione Sale Lan! Cicolari: “molto soddisfatti, segnale incoraggiante”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Proseguono gli “spiragli” di luce riguardo la questione delle Sale Lan, con la recente apertura dell’ADM nei riguardi dei professionisti del settore.

Durante la scorsa giornata si è infatti tenuto a Milano un incontro molto importante tra alcuni rappresentanti dell’ADM ed Alessio Cicolari, proprietario dell’Esport Palace ed imprenditore da tempo impegnato nel settore degli esports italiani ed europei.

La delegazione dell’ADM era composta da Stefano Saracchi (direttore Giochi), Luca Turchi (dirigente ufficio controllo giochi) e Antonio Giuliani (dirigente apparecchi da intrattenimento). Secondo quanto riferito da Cicolari il clima dell’incontro fin da subito è stato estremamente incoraggiante e propositivo.

Intervistato da Agimeg, Cicolari a prima desiderato ringraziare personalmente i Monopoli di Stato per la grande disponibilità e competenza dimostrata nell’affrontare la questione.

Un netto passo in avanti, specialmente se si pensa in che tipo di condizioni di sono svolti i primi controlli circa due settimane fa.

Le dichiarazioni di Alessio Cicolari ad Agimeg sulla questione Sale Lan

Sempre ad Agimeg Cicolari ha poi affermato: “E’ stato un incontro molto proficuo, durato molte ore perché era tanta la carne al fuoco.

Abbiamo cominciato ad analizzare il contesto ed ho spiegato nel dettaglio qual è la nostra attività. Il direttore giochi di ADM ha spiegato nel dettaglio qual era la posizione dell’Agenzia in merito alla situazione che si era venuta a creare. Ho molto apprezzato l’apertura dell’ADM nell’ascoltarci e nel proporci i prossimi passi per arrivare ad una soluzione della questione.

Quello che è successo finora dovrà comunque seguire un iter, ma siamo molto soddisfatti che ADM abbia ben recepito che per noi imprenditori del settore l’attuale normativa non è affatto semplice. Siamo quindi arrivati alla stessa valutazione che l’attuale normativa può essere aggiornata e modificata e ci siamo resi disponibili a dare loro il massimo supporto in tal senso”.

Sinceramente è la prima volta che mi capita di avere un confronto così chiaro, aperto e proficuo con un ente pubblico e per questo ci tengo a ribadire i miei complimenti ad ADM” ha infine concluso Cicolari.

Ora, il settore dovrà impegnarsi (con ADM) per cercare una strada “temporanea” che possa permettere a tutte le Sale Lan di essere in regola immediatamente.

In tal senso, sembra che tra le ipotesi più accreditate ci sia quella di equiparare il settore degli esports ad attività culturali, di fatto assoggettandolo a normative che permetterebbero alle attività di proseguire con i loro lavori.

SALE LAN di tutta Italia a rischio chiusura: una vergogna, ora serve la CLASS ACTION degli esports!

Non appena saranno disponibili nuovi e più dettagliati aggiornamenti, non esiteremo a riportarli qui su Powned.

La spiegazione di Alessio Cicolari, dall’Esport Palace

Articoli correlati sull’argomento: 

FIDE, AL VIA LE QUALIFICHE DI eFOOTBALL PER BALI 2022

FIDE, AL VIA LE QUALIFICHE DI eFOOTBALL PER BALI 2022

Profilo di Stak
 WhatsApp

FIDE Federazione Italiana Discipline Elettroniche, in qualità di rappresentante per l’Italia, ha definito la partecipazione al “World Esports Championship Bali 2022” per eFootball (Konami).

Poiché il processo di partecipazione segue la naturale evoluzione dei buoni risultati ottenuti dalle scorse edizioni, FIDE comunica di aver aperto ufficialmente il percorso che porterà alla selezione del rappresentante italiano
per eFootball.

Il processo di selezione del rappresentante italiano alla manifestazione internazionale in Indonesia è stato affidato alla eSports Academy.

L’organizzazione attiva attualmente su tutto il territorio internazionale dove intrattiene collaborazioni con partner sportivi di altissimo profilo, a breve darà il via al torneo di selezione valevole come qualifiche riconosciute ufficialmente dal circuito IESF.

Il vincitore sarà il rappresentante ufficiale. Il torneo si svolgerà su piattaforma PS4. Tutte le informazioni potranno essere visualizzate sul portale www.esportsacademy.it. Per partecipare è richiesta la tessera FIDE.

L’International Esports Federation (IESF) ha rivelato nelle scorse settimane i sei titoli di gioco che saranno presenti nei prossimi Campionati mondiali di esports 2022. Si prevede che oltre 120 nazioni parteciperanno all’evento di punta di IESF in Indonesia.

Bali infatti sarà la sede che ospiterà le finali dei campionati WE 2022 dal 27 novembre al 9 dicembre 2022. L’Italia, reduce dall’ottima prestazione di Eilat 2021, parteciperà ancora una volta nel tentativo di conquistare il titolo di Campione del Mondo di eFootball.

FIDE, AL VIA LE QUALIFICHE DI TEKKEN 7 PER BALI 2022

FIDE, AL VIA LE QUALIFICHE DI TEKKEN 7 PER BALI 2022

Profilo di Stak
 WhatsApp

FIDE Federazione Italiana Discipline Elettroniche, in qualità di rappresentante per l’Italia, ha definito la partecipazione al “World Esports Championship Bali 2022” per Tekken 7 (Bandai Namco Entertainment).

Poiché il processo di partecipazione segue la naturale evoluzione dei buoni risultati ottenuti dalle scorse edizioni, FIDE comunica di aver aperto ufficialmente il percorso che porterà alla selezione del rappresentante italiano per Tekken 7.

Il processo di selezione del rappresentante italiano alla manifestazione internazionale in Indonesia è stato affidato alla ASD Only The Best.

L’organizzazione curata da Fabrizio Tavassi (Bode) e da Simone Balbi (Magistrix), a breve darà il via all’omonimo torneo di selezione dei primi 8, valevole come qualifiche riconosciute ufficialmente dal circuito IESF.

I migliori 8 poi affronteranno una nuova selezione che porterà a decretare il rappresentante ufficiale. Il torneo si svolgerà su piattaforma PS4. Tutte le informazioni potranno essere visualizzate sul portale Smash.gg all’indirizzo https://smash.gg/tournament/only-the-best-iv/details o richieste tramite la ASD “Only The Best.

Per partecipare è richiesta la tessera FIDE.

L’International Esports Federation (IESF) ha rivelato nelle scorse settimane i sei titoli di gioco che saranno presenti nei prossimi Campionati mondiali di esports 2022. Si prevede che oltre 120 nazioni parteciperanno all’evento di punta di IESF in Indonesia.

Bali infatti sarà la sede che ospiterà le finali dei campionati WE 2022 dal 27 novembre al 9 dicembre 2022. L’Italia, reduce dall’argento di Eilat 2021 conquistato da Carlo “Mitrust-Storm” Vinci, parteciperà ancora una volta nel tentativo di ottenere il titolo di Campione del Mondo di Tekken 7.