La Senatrice Pergreffi sui sequestri nelle Sale Lan: “A rischio migliaia di posti di lavoro. Chiediamo immediato incontro con Adm”

La Senatrice Pergreffi sui sequestri nelle Sale Lan: “A rischio migliaia di posti di lavoro. Chiediamo immediato incontro con Adm”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Pergreffi Sale Lan – Attraverso un post pubblicato su Facebook, la Senatrice della Lega Simona Pergreffi ha voluto esprimere tutta la sua solidarietà ai lavoratori delle sale lan colpite lo scorso weekend dall’operazione dell’ADM.

La Senatrice ha definito “sconcertante” il sequestro messo in atto dall’ADM, ha evidenziato che è a rischio il posto di lavoro di molti operatori del settore, ed ha per questo richiesto un incontro con la direzione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Nella nota si legge: “Riteniamo sconcertante e grave il blitz messo in atto ieri sera dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli nelle sale italiane di eSport dove sono stati messi sotto sequestro le apparecchiature e i computer. Gli eSport non sono sale Slot, non prevedono premi in denaro, ma semplicemente delle competizioni.

Secondo l’ADM non verrebbero rispettate le procedure e le norme di legge, ma di fatto tutto il comparto degli eSport non ha ancora una legislazione“.

Sulla cosa la Senatrice ha poi aggiunto: “Nonostante questo, con un autentico blitz in stile poliziesco, la Direzione delle Dogane sta criminalizzando un intero settore che in Italia garantisce migliaia di posti di lavoro, milioni di utenti, campioni a livello internazionale, come ad esempio la squadra Ferrari, campione mondiale di Formula 1 eSport, testimonial del calibro di Valentino Rossi, Charles Leclerc, Paulo Dybala, oltre che eventi da migliaia di partecipanti come Milan Games Week o Lucca Comics & Games.

Inoltre sono a rischio anche le possibilità di provare, presso un qualunque centro commerciale, un gioco su un dispositivo o una console in esposizione e persino i simulatori a disposizione dei visitatori nei musei delle più importanti case automobilistiche italiane. 

Mentre in tutta Europa le sale eSport si stanno diffondendo ovunque, in Italia vengono chiuse con i sigilli, con un provvedimento che all’estero viene definito addirittura ridicolo.

In merito a questo sconcertante provvedimento da parte dei Monopoli, presenteremo un’interrogazione urgente al Governo e chiederemo un incontro immediato con la direzione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli“, ha concluso la Pergreffi.

Streaming sulla questione lan: questa sera alle 21 sul canale Twitch di GamerTide si discuterà della vicenda sale lan, e di quelli che potrebbero essere i risvolti futuri.

ADM pubblica un Comunicato su LAN e Fiere: addetti ai lavori molto preoccupati

Oltre alle parole della Senatrice, giungono oggi in redazione anche quelle relative al comunicato di EGAMES365MSP ITALIA sul medesimo argomento.

SALE LAN di tutta Italia a rischio chiusura: una vergogna, ora serve la CLASS ACTION degli esports!

Nel comunicato stampa si legge:

Il sequestro delle Sale LAN disposto in queste ore su iniziativa dell’Agenzia Dogane e Monopoli, ha riacceso il dibattito sull’inquadramento fiscale e giuridico dell’attività videoludica in Italia e sull’ambiguo rapporto tra esports, intrattenimento e gambling.

Pietro Picardi, responsabile di Egames365 – MSP Italia, Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI tra i più attivi in ambito esports, è intervenuto sulla vicenda al fine di chiarire la posizione ufficiale del settore sport virtuali dell’ente in relazione all’attività delle Sale LAN.

“Occorre inquadrare giuridicamente gli Sport Virtuali e le Sale LAN definendone il perimetro normativo per evitare ulteriori sanzioni e sequestri. Lo Sport Virtuale non è in alcun modo assimilabile al gambling – sostiene Picardi – l’attività esportiva non può essere svilita a gioco d’azzardo e le Sale LAN non possono essere considerate le bische clandestine del nuovo millennio.

Gli Sport Virtuali non devono essere assimilati neppure alle attività meramente commerciali di entertainment e amusement. E’ evidente, infatti, che soggetti di natura commerciale, in assenza di specifici accordi con publisher e produttori, non possano pretendere di noleggiare al pubblico console e videogiochi con licenza d’uso privata e, meno che mai, di promuovere tornei videoludici con premi in palio in deroga degli adempimenti previsti dal D.P.R. 430/2001 in materia di concorso a premi”.

Come si può, dunque, tirarsi fuori dall’empasse normativo garantendo alle Sale LAN la possibilità di svolgere serenamente la propria attività?

“Gli Sport Virtuali sono sport a tutti gli effetti – sostiene Picardi – noi Enti di Promozione Sportiva li consideriamo tali già da diversi anni nonostante, purtroppo, l’inserimento della disciplina nell’apposito registro CONI tardi ad arrivare, almeno per alcune categorie di essi.

Non esiste altra soluzione concretamente percorribile per assicurare un degno futuro all’esport italiano, che non sia la strada del terzo settore e del riconoscimento ufficiale in ambito sportivo”.

Per Egames365 – MSP Italia, dunque, gli Sport Virtuali sono attività sportive da considerare alla stregua delle altre già iscritte al registro CONI, da supportare ed incoraggiare, in virtù dell’elevato ruolo sociale di educazione e di catalizzatore dei valori universali di aggregazione e integrazione.

“Gli Sport Virtuali, se opportunamente inquadrati, regolamentati e vigilati nell’ambito specifico delle attività del terzo settore promosse dalle Federazioni o dagli Enti riconosciuti dal CONI, sono un veicolo di inclusione e partecipazione, nonché un irrinunciabile strumento di benessere psico-fisico e di prevenzione, soprattutto tra i giovani, rispetto ai fenomeni di auto-isolamento e utilizzo compulsivo dei videogiochi connessi alle dipendenze e alle ludopatie.

Le Sale LAN – prosegue Picardi – vanno considerate, alla stregua delle palestre, come luoghi di utilità sociale idonei all’esercizio della pratica culturale – esportiva, promossa da ASD e SSD regolarmente affiliate alle Federazioni e agli Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal CONI”.

Con riferimento alle specifiche contestazioni descritte nell’esposto che ha indotto ADM a sanzionare alcuni operatori, Picardi sostiene che le ASD e le SSD che esercitano regolarmente la propria attività presso le Sale LAN, non violino le normative attualmente in vigore:

“Ove la pratica dell’attività esportiva e culturale all’interno delle Sale LAN sia inquadrata nell’ambito del terzo settore, per definizione scevro da qualsiasi finalità lucrativa e commerciale, non ha alcun senso contestare al soggetto promotore, sia esso un’ASD o una SSD, le violazioni di cui si è discusso in questi giorni.

Le Associazioni hanno, infatti, tutto il diritto di riscuotere dai soci e dai tesserati dell’ente una quota d’iscrizione intesa come corrispettivo specifico per la partecipazione alle attività istituzionali.
Gli eventuali premi in palio, elargiti in favore dei tesserati che prendono parte all’attività videoludica, sono semplicemente compensi sportivi dilettantistici funzionali all’ampliamento della base partecipativa e al perseguimento delle finalità di aggregazione e di inclusione sociale specifiche del terzo settore.

I tornei esports con premi in palio, promossi e organizzati dalle ASD e SSD presso qualsiasi location, incluse le Sale LAN, sono civilisticamente esenti dagli obblighi previsti dal D.P.R. 430/2001 in materia di concorso a premi, in quanto trattasi di manifestazioni esportive/culturali ufficiali svolte sotto l’egida di un Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI.

La fruizione delle console di gioco e di videogiochi, la cui licenza d’uso prevede esclusivamente l’home entertainment, è del tutto lecita se l’utilizzo non è consentito indistintamente al pubblico ma riservato ai soci e ai tesserati che praticano l’attività esportiva allenandosi o gareggiando all’interno delle Sale LAN.

L’errore di fondo commesso da molti titolari di Sale LAN risiede nell’essersi ostinati a voler operare nel settore degli Sport Virtuali attraverso la creazione di soggetti giuridici di natura commerciale non idonei allo scopo, destinati ad essere inevitabilmente bersaglio di provvedimenti sanzionatori purtroppo legittimi, alla luce dell’attuale quadro normativo. L’attività esportiva, e la relativa promozione in senso stretto, non deve e non può essere animata da finalità lucrative, a differenza del gambling, dell’entertainment e dell’ amusement ma deve limitarsi a fungere, eventualmente, da volano per lo sviluppo di un ecosistema commerciale a latere (ristorazione, merchandising, sponsorizzazioni, servizi ecc..), così come avviene nell’ambito di qualsiasi altra disciplina sportiva.

In questa ottica, Egames365 – MSP continuerà a favorire e promuovere la diffusione della Sale LAN in Italia considerandole infrastrutture essenziali per le attività del terzo settore, nonché imprescindibilmente funzionali all’esercizio della sana pratica esportiva – conclude Picardi – fermo restando la necessità di creare al più presto un tavolo tecnico di confronto tra enti sportivi, soggetti istituzionali e publisher al fine di restituire serenità e fiducia a tutti gli operatori del settore”

Tutti i consigli per guadagnare gil in Final Fantasy 14 che potrebbero essere utili ai giocatori

Tutti i consigli per guadagnare gil in Final Fantasy 14 che potrebbero essere utili ai giocatori

Profilo di Stak
07/05/2024 10:00 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Quando inizi la tua esperienza in qualsiasi gioco di ruolo MMO, dovresti capire subito che è importante non solo essere in grado di coltivare e sviluppare adeguatamente l’eroe, ma anche avere una grande scorta di oro, per la quale puoi regolarmente rafforzare l’eroe e progredire in qualsiasi parte del gioco.

La valuta di Final Fantasy si chiama gil, un equivalente locale dell’oro utilizzato per le transazioni e le interazioni tra giocatori e NPC.

La valuta principale può essere ottenuta come ricompensa per le missioni, per l’eliminazione dei mostri, o ottenuti lavorando con il sistema delle professioni o acquistando ffxiv gil dal servizio professionale Skycoach.

Il ruolo del Gil

Se disponi di una quantità sufficiente di valuta di gioco, puoi migliorare costantemente il tuo eroe e non solo acquistare ed eliminare i tipi di armi migliori. Se cambi la tua arma principale più spesso, il completamento delle missioni ed il farming andranno molto più veloci.

Dovrai infatti acquistare un’arma aggiornata che ti permetterà di uccidere i mostri più velocemente e un’armatura che avrà un aumento delle caratteristiche principali e un effetto di potenziamento simile nelle battaglie contro mostri e boss.

Guadagnare Gil in Final Fantasy 14

Se vuoi molti gil in FF 14, devi prestare attenzione ai meccanismi di base stabiliti dagli sviluppatori del gioco per aiutare i giocatori a esplorare il mondo di gioco e conquistare contenuti dagli aggiornamenti attuali per poter risolvere i loro problemi e dedicarsi alle parti del gameplay che amano veramente.

Missioni

Nonostante il compito principale di tutti i tipi di missioni sia consentire ai giocatori di acquisire esperienza di gioco ed esplorare la trama, che dovrebbe richiedere almeno 100 ore di tempo reale. Oltre a dare ulteriore significato e motivazione al tuo gameplay, le missioni sono un’eccellente opportunità per guadagnare gil in Final Fantasy 14.

Le missioni della storia saranno più lunghe e continueranno l’una con l’altra, ma allo stesso tempo ti permetteranno di ricevere più gil ed esperienza per completarle.

Lo sviluppo e il successo saranno integrati da compiti secondari che possono e devono essere cercati nelle grandi città, luoghi e fattorie e con il loro aiuto completeranno la tua trama, in modo che in una sessione di gioco potrai ottenere il massimo gil completando un gran numero di compiti e consegnandoli prima di lasciare l’account.

Ricorda che il vantaggio principale della missione è una ricompensa fissa per qualsiasi classe, indipendentemente dalla sua specializzazione, e allo stesso tempo ci sono sempre ulteriori possibilità di mettere fuori combattimento qualcosa di prezioso dai mostri che devono essere distrutti.

I FF 14 Gils arrivano come ricompense e bonus, sempre come aggiunta all’esperienza di gioco.

A caccia

Distruggere mostri e interagire con gilde di cacciatori e altri NPC che possono assegnarti compiti e offrire la loro lealtà e bonus unici per aumentare il tuo livello di fiducia come ricompensa. Per guadagnare gil, devi solo distruggere i mostri adatti al tuo livello.

Per una caccia efficace, hai bisogno di un personaggio efficace con danni singoli o massicci o della presenza di un gruppo di combattimento che risolva questi problemi.

Il gruppo sarà efficace perché una squadra completa a tutti gli effetti con un tank, un healer e altri eroi attaccanti sarà in grado di distruggere un numero enorme di nemici.  In questo modo, molte missioni vengono chiuse e il gruppo stesso può andare a caccia di nuove sfide o spostarsi in nuove posizioni.

Durante il farming potrai ricevere e raccogliere risorse, che potrai poi vendere ai giocatori artigiani e guadagnare gil in FF 14.

Altrimenti troverai l’oro stesso e, raccogliendolo, accumulerai riserve che, sebbene saranno divise tra tutti i partecipanti, rappresenteranno comunque un affare redditizio a causa della velocità di distruzione dei mostri.

Sistema delle professioni

Se ti piace il gameplay per giocatore singolo accumulando risorse e vendendole attraverso un sistema di professioni per creare oggetti, rafforzare l’eroe, vendere risorse e prodotti finiti ad altri giocatori (che è anche quello che una fetta importante di giocatori di MMO cerca) Final Fantasy 14 è un gioco adatto allo scopo.

Final Fantasy ha un interessante sistema di professioni, in cui la raccolta delle risorse avviene attraverso un semplice minigioco, che rimuove l’effetto della routine dal processo di raccolta e salva i giocatori dalla possibilità di utilizzare bot e altre automazioni del processo di raccolta.

Puoi raccogliere solo risorse per una professione o padroneggiare la connessione tra la ricerca di materiali per la creazione e il processo di creazione di oggetti.

Qualsiasi metodo scelto riempirà il tuo portafogli di gil, ma comporterà un gameplay diverso.

Ad esempio, puoi semplicemente mettere all’asta tutte le risorse che ricevi, alzando leggermente i prezzi, perché i giocatori che ne hanno bisogno in grandi quantità sono spesso disposti a pagare più del loro valore di mercato.

Puoi intraprendere la professione di minatore e fabbro e vendere ai giocatori prodotti in acciaio già pronti e altri strumenti prodotti esclusivamente nella fucina e ricevere gil FF economici per questo.

Raid

Anche se i raid non forniscono gil puro da ottenere, sono comunque un’ottima fonte di oggetti che possono essere venduti ai giocatori meno fortunati.

I raid di difficoltà normale aiuteranno i giocatori a guadagnare denaro sull’equipaggiamento attuale, eroico – su oggetti a cui anche altri giocatori hanno bisogno per accedere e anche esattamente con il sistema di raid mitico.

Gli oggetti e le armi leggendari sono particolarmente richiesti, che possono essere venduti per ricchezza personale o dopo aver ricevuto in questa fase tutto l’equipaggiamento necessario per il tuo eroe.

Comprare Gil

Puoi semplicemente acquistare 14 gil FF nella quantità di cui hai bisogno dal servizio di assistenza professionale per i giocatori di Skycoach.

Tutto quello che devi fare è indicare l’importo richiesto e pagare l’ordine. I dipendenti ti forniranno oro in modo sicuro con garanzie finanziarie e assistenza in caso di controversie con l’amministrazione del gioco. Al momento giusto, conferma lo scambio e ricevi i tuoi gil su Final Fantasy 14.

Esports World Cup 2024: Calendario, Giochi, Montepremi e altro

Esports World Cup 2024: Calendario, Giochi, Montepremi e altro

Profilo di Gosoap
02/05/2024 14:04 di Amin "Gosoap" Bey El Hadj
 WhatsApp

La Esports World Cup è il successore del noto festival Gamers8 che la Federazione Esports nazionale saudita ha organizzato nel 2022 e nel 2023. Con il governo saudita che ha consolidato l’industria degli esports sotto il Savvy Games Group, acquisendo sia ESL che FACEIT, il conglomerato sta riunendo quasi tutti i principali esports nel suo torneo estivo a Riyadh.

Oltre ai singoli eventi esports, ci sarà anche una competizione interdisciplinare tra le organizzazioni partecipanti all’evento, con una di esse che sarà incoronata la prima campionessa della Esports World Cup. L’evento dell’anno scorso, il Gamers8, ha offerto un montepremi combinato di circa 45 milioni di Euro, e quest’anno è destinato ad essere ancora più grande e costoso.

Programma della Esports World Cup 2024

La serie di tornei di otto settimane si svolgerà dal 3 luglio al 25 agosto. Le qualificazioni per alcuni dei tornei sono già in corso, e alcune squadre hanno si sono già assicurate il loro posto all’evento.

Ogni settimana ci saranno tre o quattro eventi che si svolgeranno simultaneamente, con alcuni che richiederanno una sola settimana per completarsi e altri più di una. Il programma è così suddiviso:

Settimana 1 – League of Legends, Mobile Legends Bang Bang, TBA, Dota 2
Settimana 2 – Dota 2, Mobile Legends Bang Bang, Garena Free Fire
Settimana 3 – Dota 2, Counter-Strike 2, PUBG Mobile
Settimana 4 – Overwatch 2, Mobile Legends Bang Bang, PUBG Mobile
Settimana 5 – Rainbow Six: Siege, Honor of Kings, Apex Legends
Settimana 6 – Street Fighter 5, Fortnite, Teamfight Tactics
Settimana 7 – EAFC24, TBA, StarCraft II
Settimana 8 – Rocket League, TEKKEN 8, PUBG, RENNSPORT

Giochi e Location della Esports World Cup 2024

L’evento si svolgerà nella capitale del paese, Riyadh. Finora sono previsti 19 titoli per l’Esports World Cup:

  • Counter-Strike 2
  • DOTA 2
  • EAFC
  • Apex Legends
  • Fortnite
  • Garena Free Fire
  • Honor of Kings
  • League of Legends
  • Mobile Legends Bang Bang
  • Overwatch 2
  • PUBG
  • PUBG Mobile
  • Rainbow Six
  • RENNSPORT
  • Rocket League
  • StrarCraft II
  • Street Fighter 6
  • TEKKEN 8

Nel programma dell’EWC è previsto un posto per un gioco ancora da annunciare.

Esports World Cup: Montepremi

La Esports World Cup ha un montepremi combinato di circa 60 milioni di Euro, che batterà ufficialmente il record per il montepremi più grande di tutti i tempi del precedente Gamers8.

La suddivisione del montepremi per ciascun torneo non è stata ufficialmente rilasciata, tuttavia, alcuni leak ci hanno offerto una probabile panoramica.

Che ne pensate community? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli correlati:

Il connubio tra tecnologia e intrattenimento

Il connubio tra tecnologia e intrattenimento

Profilo di Stak
29/04/2024 15:00 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Tecnologia e intrattenimento hanno dato vita a una rivoluzione nel mondo degli eSport. Da fenomeno di nicchia a gigante globale, gli sport elettronici sono ormai un fenomeno culturale che appassiona milioni di persone in tutto il mondo. Lo sviluppo hardware e software ha giocato un ruolo fondamentale in questa evoluzione, offrendo nuove opportunità e strumenti per creare esperienze di gioco sempre più immersive e coinvolgenti.

Dalle sue origini ad oggi, l’industria del gaming competitivo si è evoluta fino a diventare un complesso ecosistema. Gli eSport sono ormai un fenomeno di massa che coinvolge milioni di appassionati in tutto il mondo, con arene, tornei e campionati professionali sponsorizzati da brand di altissima fascia.

Crescita e successo degli eSport

Da movimento di nicchia, il gioco competitivo si è evoluto fino ad affermarsi in maniera solida ed efficace. L’Osservatorio Italiano Esports ha recentemente pubblicato un whitepaper che fotografa un mercato di settore decisamente roseo. Si stima infatti che in Italia gli eSport siano seguiti da oltre 2 milioni di fan. Ma a fare davvero impressione sono i dati su scala globale, dove il numero di appassionati sfiora addirittura il mezzo miliardo.

Il gaming professionistico esercita un grande fascino su diverse community imponendosi come fenomeno culturale capace di travalicare i confini tradizionali. Gamer e fan sono sempre più connessi tra loro, indipendentemente dal Paese o dal continente in cui si trovano. Va rivelato che la nascita e lo sviluppo di una community di gioco così dinamica e coesa è stata agevolata da un progresso tecnologico che non accenna a fermarsi, e che ha gettato le fondamenta per il successo straordinario degli eSport.

L’impatto delle innovazioni tecnologiche sugli eSport

Così come già avvenuto nel campo dell’intrattenimento tradizionale, lo sviluppo della tecnologia ha abbracciato anche il settore del gaming competitivo, fornendo nuove possibilità e strumenti altamente coinvolgenti. L’integrazione di strumenti come la realtà virtuale (VR) e la realtà aumentata (AR) ha generato esperienze di gioco talmente immersive da affascinare il pubblico come mai prima d’ora.

Quanto a innovazione, del resto, l’universo del gioco competitivo è senza dubbio uno dei più avanzati, capace perfino di ridefinire l’intrattenimento sportivo creando nuove tipologie di interazione e nuove modalità di consumo dei contenuti. Il tutto senza tralasciare comunque la componente umana di pensiero strategico e di abilità che accomuna i classici sport agli eSport professionistici, come il poker online.

Le tecnologie alla base degli eSport

L’industria dell’intrattenimento e del gaming continuano a evolversi grazie al progresso di tecnologie decisamente intelligenti e stimolanti. 

Nuovi sistemi hardware: per garantire prestazioni di alto livello, gli sviluppatori di dispositivi hardware si sono concentrati sulla produzione di tastiere, mouse, controller e altri strumenti ultra-responsivi. I nuovi dispositivi di gioco sono diventati una sorta di estensione diretta dei gamer, garantendo reazioni pressoché istantanee che riproducono la rapidità di pensiero-azione.

VR e AR: la realtà virtuale e la realtà aumentata rendono il gameplay più realistico e coinvolgente. I giocatori competono in ambienti tridimensionali e interattivi, mentre gli spettatori hanno la sensazione di trovarsi a ridosso dell’arena di gioco. Questo perché l’AR sta rivoluzionando l’intrattenimento dal vivo, creando un’esperienza visiva unica per il pubblico e permettendogli di interagire con vari elementi digitali attraverso i dispositivi mobili.

Streaming dal vivo: le piattaforme di live streaming come Twitch stanno rivoluzionando il modo in cui i contenuti di gioco vengono consumati e condivisi dagli spettatori. Le opportunità di engagement sono sempre maggiori, perché questi ultimi hanno la possibilità, tramite strumenti come le chat dal vivo, di partecipare in maniera attiva e di vivere un’esperienza più partecipativa e coinvolgente.

Infrastrutture di rete avanzate: tecnologie di nuova generazione come il 5G stanno gettando le basi per esperienze innovative del settore degli eSport e dell’intrattenimento. La qualità visiva superiore, una minore latenza del segnale e un sistema di streaming fluido permettono di fruire di contenuti in tempo reale e di accedere a esperienze sempre più immersive e interattive.

Grafica ad alto rendimento: in combinazione con i sistemi di rete progrediti quali il 5G, la grafica ad alto frame rate sta spianando la strada esperienze di gioco e visive di qualità superiore. La distribuzione e la fruizione dei contenuti con tecnologia avanzata vantano una maggiore chiarezza e una migliore performance, rendendo il tutto più realistico anche quando si tratta di visualizzare scene con azioni intense e movimenti rapidi.

Conclusioni

L’integrazione di nuove tecnologie avanzate ha creato un panorama di gaming competitivo e un sistema di intrattenimento sempre più immersivo e coinvolgente. Grazie a queste innovazioni, gli eSport sono diventati un fenomeno culturale in grado di andare oltre i confini tradizionali e di ridefinire il panorama dell’intrattenimento sportivo moderno.