CS:GO, la parola al “nostro” Coach fisic0!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Pochi giorni fa il nostro Tical ha avuto il piacere di scambiare qualche parola con il coach del nostro team di Counter Strike: Global Offensive con il quale ha spaziato dalla scena italiana a quella internazionale, dai futuri obiettivi di un team con tante potenzialità fino alla gestione degli allenamenti.
L’intervista al coach del nostro team RED nasce dall’esigenza di voler parlare di un gruppo di straordinari ragazzi che hanno dimostrato e stanno dimostrando tuttora il loro reale valore nelle varie competizioni continentali alle quali stanno partecipando (come le recenti performance all’ESL Oper Winter di Ottobre/Novembre o l’ESEA Intermediate dell’ultimo trimestre del 2017.

Senza aspettare ulteriormente, vi lasciamo ora alle parole del caro fisic0, coach del main roster del nostro Team Powned!

Fisic0 benvenuto su Powned, è un piacere intervistarti per la community!

Ciao a voi e grazie!

Fisic0 vogliamo partire subito veloci: avete fatto molto bene nei mesi passati…ma ora quali sono i vostri obiettivi per il futuro?

L’obiettivo che ho in mente e quello di continuare a lavorare duro sugli allenamenti…sicuro che con il giusto approccio verso di questi, i risultati arriveranno di conseguenza. Dalla scorsa season sono molto soddisfatto ma sono convinto che in questo 2018 potremo fare ancora meglio.

Cosa pensi del lavoro che la struttura di Powned dedica alla vostra avventura?

Sono molto soddisfatto, e sono anche contento che il supporto della struttura è sempre arrivato rapidamente…supporto che ha permesso a jonyzera e kresh di andare ad un’importante lan 2vs2 a Padova dandogli una grande  visibilità oltre alle volte in cui la società ci ha garantito l’accesso ad ESEA e FACEIT

Come vedi la scena competitive italiana di csgo? pensi che la scena esport italiana possa crescere come in tanti altri paesi come Germania o Stati Uniti?

Rispetto ad altre nazioni del continente forse siamo in lieve ritardo ma negli ultimi tempi ho visto sicuramente una piccola crescita del competitivo di CSGO. Si, la scena italiana sta pian piano crescendo. E’ questione di tempo, e di quante persone ci lavorano. Noi siamo disponibili a dare il nostro contributo per far crescere il settore.

Pensi che il vostro team possa riconfermarsi tra i top team italiani?

Assolutamente si, ovviamente dobbiamo lavorare con costanza e dedizione , nella scorsa season abbiamo avuto un periodo dove abbiamo lavorato con minore intensità per vari problemi ma in questo 2018 vogliamo superare i traguardi che abbiamo raggiunto con POWNED lo scorso anno.

Come gestite gli allenamenti del roster?

Gli allenamenti si svolgono in questo modo: 

Generalmente si imposta l’allenamento quotidiano nella mappa che sarà protagonista nella prossima sfida della league.
Poi discuto con i miei players per quanto riguarda l’approcio con il quale devono giocare e come vorrei io che fosse interpretata la mappa (dipende anche in base all’avversario).
Fatto questo discutiamo e proponiamo varie strats e setups. Il fatto che io comprenda affondo quelle che sono le varie idee del team è molto importante perché la discussione ed il confronto è fondamentale per capire anche in che modo il team avrebbe piacere di giocare.  Poi segue la “pratica”: si organizzano delle pracc contro dei team del nostro livello o superiore per cercare di imparare e migliorarci . Il giorno dopo infine mi riguardo il replay della partita e comunico ai giocatori gli errori che abbiamo fatto o cosa non mi è piaciuto, con la speranza che determinati fail non si ripresentino nuovamente.

E’ da ormai 6 mesi che occupi il ruolo di main coach, preferisci questo ruolo o quello del player?

l ruolo di coach lo preferisco di gran lunga. Non sono mai stato un ottimo player dal punto di vista dell’aim. Ho deciso di cambiare e diventare coach nonostante sapessi che la strada sarebbe stata più tortuosa del previsto, anche perchè non avevo moltissima esperienza da player. Ma Suplenc (attuale igl del team) mi ha dato una chance e mi ha aiutato tantissimo a crescere. Non amo definirmi un “buon coach” anche perchè ho ancora molto da imparare, ma mi piace pensare che se la mia figura è apprezzata da qualcuno è sopratutto per merito suo (Suplenc).

Che rapporto c’e tra te e il resto del team?

Il rapporto tra me e il resto del team è ottimo. Ormai siamo come fratelli, che però litigano anche spesso per delle stupidaggini. Sopratutto con jonyzera ho un buonissimo rapporto perchè lo conosco e ci gioco insieme da circa due anni. Anche il rapporto con il nostro manager Voodo è ottimo, trovo che sia una persona squisita oltre ad essere un ottimo manager.

In italia voi siete visti come una grande promessa per la scena esport di CSGO, pensi che questo possa essere un peso per voi o, al contrario, una fonte con cui motivarsi?

Assolutamente questa cosa ci motiva. Ma dico sempre ai miei player di restare umili e pensare di non essere superiori a nessuno perché c’è sempre un team migliore da cui si può imparare.

Cosa ne pensi di questo meccanismo dei player e sportivi nel ricevere stipendi salati da parte delle strutture multigaming?

Ricevere dei compensi o agevolazioni di qualche tipo è un aspetto fondamentale per i players, perchè permette all’atleta di continuare a giocare e di vivere la sua attività negli esport come un lavoro.
Ovviamente per far questo però devi portare grandi risultati, come in tutte le cose. La pretesa di molti team, anche italiani, di ricevere dalle multigaming stipendi e salari vari come se fossero dei giocatori di seria A è stupida, l’esport è ancora in fase di sviluppo in Italia e ci sono sicuramente ancora pochi investitori che possano scegliere di intraprendere questa strada.

Hai qualche consiglio da dare ai nuovi player che vogliono entrare nel mondo competitive?

Il consiglio che posso dare è quello di cercare di prendere CS come un lavoro oltre che una passione, ovviamente se si ha il tempo per farlo. Un altro consiglio che posso dare è quello di credere sempre in se stessi e cercare sempre il modo di migliorare, e sopratutto ignorare i cattivi pensieri altrui senza rispondere alle provocazioni.

Grazie mille per questa intervista Fisic0! Sei stato chiarissimo. Speriamo di poter presto nuovamente parlare di qualche importante vittoria del team: i nostri migliori auguri! 

Grazie a voi, ce la metteremo tutta! 


CS:GO, la parola al “nostro” Coach fisic0!
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701