Lo streamer di Warzone Rallied accusato di razzismo; in rete spunta un suo video vergognoso

Lo streamer di Warzone Rallied accusato di razzismo; in rete spunta un suo video vergognoso

Profilo di Stak
 WhatsApp

Razzismo Rallied – Una vera e propria tempesta mediatica quella che si è recentemente abbattuta su Patryk ‘Rallied’ Salata, ex professionista di Call of Duty e noto streamer di Warzone fino all’anno scorso in forze agli Optic Gaming.

Statunitense classe 1996, Rallied è un giocatore noto per aver partecipato al massimo livello competitivo per almeno un paio di anni negli Stati Uniti, ovvero nel 2017 e nel 2018, salvo poi interrompere bruscamente la sua carriera da PRO per lanciarsi nel mondo dello streaming.

Dal 2019 in avanti per Rallied è molto aumentata la popolarità ed il seguito, per una carriera che è arrivata al suo culmine quando nel corso del Dicembre 2018 veniva messo sotto contratto dai giganteschi Optic Gaming in qualità di content creator ufficiale (da cui uscirà poi nel Dicembre del 2020, ndr).

Oggi Rallied si trova al centro di pesantissime accuse per le quali sarebbe una persona pessima, con un pessimo approccio nei confronti degli altri e con evidenti problemi di razzismo nei confronti di tutte le persone con la pelle di colore diverso dal suo.

A seguito di un messaggio pubblicato sui social da ISLA, la ex fidanzata di Rallied, in cui la stessa accusa il noto content creator di avere un atteggiamento minaccioso e vergognoso nei confronti suoi e di suo padre, è infatti giunta la pubblicazione di un video assolutamente inquietante, che mostra Rallied in un normalissimo pomeriggio in compagnia dei suoi amici.

Dal video registrato in una macchina in movimento, non si può vedere Rallied in faccia, ma si può chiaramente distinguere la sua voce. L’ex membro degli Optic, guardando una signora che attraversava la strada mano per la mano con il figlio, commenta “uccidi questi fottuti neri, little monkeys” e poi prosegue “this f**king big orangutan with her cub” (questo fottuto orango con il suo cucciolo, ndr).

La reazione della community non si è fatta attendere, con centinaia e centinaia di commenti asprissimi rivolti contro Rallied. Ma non è tutto, purtroppo. Perchè se non bastassero le già terribili schifezze pronunciate con tanta strafottenza contro due esseri umani, si sono anche aggiunte decine di testimonianze di persone che hanno conosciuto direttamente lo streamer.

Il video con gli insulti

Ex amici, cosi come anche alcune ragazze che Rallied ha frequentato in passato hanno presentato tutti la medesima situazione: Rallied ha un pessimo carattere, abusa mentalmente le persone che gli stanno intorno, insulta e denigra con arroganza, e dalle accuse sembra che tutti questi atteggiamenti siano una vera e propria costante nella vita di questo ragazzo.

Rallied al momento non si è limitato in alcun modo con le risposte, ed ha affermato che si tratta solo di falsità. Sul video ha affermato di essere probabilmente vittima di un video montato ad arte per distruggerlo, ma che comunque “non ricorda bene l’accaduto”. Anche sulla questione razzismo, ha risposto a Swagg con un “no bro, non è vero che sono razzista, amo tutte le razze nello stesso modo” che sinceramente lascia più dubbi che certezze.

La risposta a Swagg 

Una persona sinceramente anti razzista, che davvero non soffre di alcun pensiero disagiato riguardo al suprematismo bianco, difficilmente direbbe qualcosa del tipo “mi piacciono tutte le razze”…

Vedremo in ogni caso come si evolverà questa storia nei prossimi giorni, con la speranza che venga fatta luce su una questione che al momento getta tantissime ombre e vergogna su un noto streamer statunitense. Come sempre, la discussione è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 


Scoperto un trick pazzesco per i palloni di rischieramento: in alcune situazioni “zero danni da caduta”

Scoperto un trick pazzesco per i palloni di rischieramento: in alcune situazioni “zero danni da caduta”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Su Reddit un nuovo post ha portato all’attenzione dei giocatori di Warzone un glitch spaventoso, che speriamo possa essere presto risolto dai devs con un fix apposito.

In particolare sembra che grazie ad un malfunzionamento, in alcune situazioni ci si possa rischierare con i palloni portatili senza prendere il minimo danno da caduta.

Si avete letto bene: lanciarsi a capofitto sopra la testa di un nemico senza preoccuparsi minimamente di quelli che saranno i danni da caduta.

Ovviamente (e per fortuna), questo bug non si attiva sempre e comunque, ma solo in alcune specifiche situazioni. Secondo quanto riferito su Reddit, questo problema si manifesterebbe solamente quando il luogo dell’atterraggio si trova più “in alto” rispetto alla piattaforma del pallone.

Capite bene quanto una situazione del genere sia facilmente “sfruttabile” in zone di Caldera come Peak, con vere e proprie incursioni aeree simili a quelle viste sottoforma zombie.

Andiamo a vedere come si presenta il glitch al momento su Warzone: 

How did he skydive with no fall damage?!?!?! (titanium trials) from CODWarzone

Cosa ne pensate community? Sapevate già di questo evidente problema? Non appena disponibili nuovi aggiornamenti, non esiteremo a riportarli qui su Powned.

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 


Torneo Warzone Terzetti REBIRTH By ReadyCheck/PatLegio 28/08: ISCRIZIONI ANCORA APERTE!

Torneo Warzone Terzetti REBIRTH By ReadyCheck/PatLegio 28/08: ISCRIZIONI ANCORA APERTE!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Attraverso questo speciale, vogliamo ricordare a tutte le nostre lettrici ed ai nostri lettori interessati a Warzone di un nuovo torneo a cui siete tutti invitati!

Stiamo parlando del nuovo Rebirth’s King organizzato da ReadyCheck in collaborazione con Pat Legio. Per chi non lo sapesse, Ready Check è una nuova piattaforma tornei che ospita tanti eventi dedicati alla scena esports. Il torneo Rebirth’s King andrà in scena Domenica 28 Agosto alle ore 21, e vedrà i partecipanti fronteggiarsi a coppie sulla meravigliosa isola della Rinascita.

In palio ben 2000 RCP (del valore di 200 Euro, ndr), che verranno dati ai giocatori del team vincitore.

Entrare nella lista dei partecipanti è semplicissimo, vi basterà cliccare sul seguente link (CLICCA QUI), loggare su ReadyCheck, ed iscrivervi per il torneo di Warzone. Dovrete aggiungere anche i nomi dei vostri compagni di squadra in fase di iscrizione a questo torneo visto che la struttura del Rebirth’s King è a team.

L’iscrizione, sia alla piattaforma che al torneo, sarà totalmente gratuita! Vi ricordiamo inoltre che la fase di check-in dovrà essere completata SOLAMENTE dal capitano che avrà iscritto la squadra, e non da tutti i suoi membri.

Cosa farete community? Vi iscriverete e vi metterete alla prova? Per info e altro, ecco il link ufficiale alla pagina del torneo: clicca qui!

Sapete che sui profili social di ReadyCheck si sta tenendo un giveaway? In palio due controller NACON: clicca qui per scoprire maggiori informazioni, la partecipazione è gratuita!


Le Pistole akimbo 1911 tornano a seminare il panico su Warzone!

Le Pistole akimbo 1911 tornano a seminare il panico su Warzone!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Il noto Metaphor ha celebrato su You Tube una versione Akimbo delle 1911 come una delle migliori classi attualmente a disposizione su Warzone! Metaphor non è il solo esperto ad essere rimasto letteralmente senza parole davanti alla folle competitività di questo singolare loadout.

Anche il noto Jgod è ad esempio rimasto esterrefatto davanti all’impressionante capacità di kill delle 1911, e siamo sicuri che non ci vorrà molto prima che le armi in questione vengano largamente utilizzate nel meta.

Il perchè è presto detto… La versione akimbo delle 1911 assicura un gameplay velocissimo ed estremamente letale, che probabilmente non teme rivali negli scontri a fuoco entro i 15 metri.

Inutile dire che in mappe come Rebirth o Fortune’s un’accoppiata del genere può garantire delle partite ad altissimo numero di kill.

Metaphor si è anche prodigato nel rendere noti tutti i dettagli relativi a queste armi, pubblicando l’esatto loadout da lui scelto per Caldera. Al momento non sappiamo se le 1911 Akimbo riceveranno un nerf o un qualche altro tipo di bilanciamento. Siamo però abbastanza sicuri che il radar degli sviluppatori è ora puntato proprio in direzione di questa classe.

Anche Jgod molto sorpreso  dalla forza delle 1911 Akimbo di Warzone

Prima di andare a vedere la classe in questione, vogliamo segnalarvi anche un loadout per il FFAR, altra arma in particolare ascesa in queste ultime ore nel meta. A rendere nota la versione è WhosImmortal, che dopo aver provato questo straordinario FFAR ha immediatamente provveduto a pubblicare la lista degli accessori.

Andiamo a vedere entrambe queste versioni:

Cosa ne pensate community? Quale userete alla vostra prossima sessione di gioco su Warzone? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: