task force one

COD Vanguard: dalla Task Force One ed i suoi soldati, fino al villain nazista Hermann Wenzel Freisinger

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Grazie ad un nuovo trailer pubblicato sui principali social legati a Call of Duty abbiamo potuto scoprire i primi dettagli che riguardano la modalità Campagna del prossimo Vanguard, ovvero una delle 3 “macro sezioni” che insieme al multiplayer ed al battle royale caratterizzeranno i prossimi mesi di gioco.

Nel trailer facciamo quindi la conoscenza dei membri del team “Task Force One“, squadra diretta dal Sergente Arthur Kingsley ed in cui troviamo anche il tenete Polina Petrova, il sergente Richard Webb, Lucas Riggs ed il tenente di prima classe Wade Jackson.

Il principale protagonista è come detto Arthur Kingsley, soldato dotato di grandi doti di leadership e che ha seguito un percorso di studi nell’importante Università di Oxford. Kingsley è certamente la figura più importante della Task Force One, ma ognuno degli altri personaggi è caratterizzato da doti/abilità che li rendono tutti assolutamente unici.

Polina Petrova, appartenente alle forze dell’Armata Rossa, è un cecchino estremamente letale, mentre l’australiano Lucas Riggs è il soldato addetto agli esplosivi; il Sergente Richard Webb è invece il braccio destro (ed amico) di Arthur Kingsley, con Wade Jackson che conclude la formazione in qualità di pilota della Task Force One.

Il principale villain della modalità campagna, quindi il “cattivo” che dovremo combattere e sconfiggere, sarà invece il nazista delle SS l’Oberst-Gruppenführer Hermann Wenzel Freisinger, uomo spietato e carismatico il cui unico e solo fine è quello di contribuire a far partire il progetto Phoenix.

La distruzione del progetto Phoenix, di cui ancora non conosciamo in modo dettagliato fini ed obiettivi, sarà il principale target della Task Force One, che si troverà coinvolta su svariati fronti (alcuni esperti ipotizzano anche una missione sullo Sbarco in Normandia – D-Day) e numerose mappe.

In merito proprio alla potenziale missione sul D-Day, il noto insider di Call of Duty Tom Henderson (lo stesso che qualche giorno fa ha avvisato tutti dell’uscita di Modern Warfare 2 nel 2022troverete qui altri dettagli) ha fornito ulteriori conferme rispetto al fatto che lo Sbarco in Normandia sarà presente nel percorso che dovrà affrontare Arthur Kingsley nella sua campagna.

Riguardo invece la storia, l’Associate Narrative Designer di Sledgehammer Games Belinda Garcia ha cosi spiegato il lavoro di scrittura fatto per l’evoluzione di tutto l’arco narrativo: “La Seconda guerra mondiale nell’immaginario collettivo si è svolta interamente sulla prima linea e penso che la nostra storia riesca a mostrare come invece la guerra era combattuta praticamente ovunque. Poteva riguardare le persone normali ed essere combattuta in mezzo ai civili, cambiando le vite di queste stesse persone comuni. Lo scontro tra nazioni ha colpito le persone a loro care, e tutte quelle che non pur non volendo avere nulla a che fare con la guerra, non avevano altra scelta che farne parte“.

Ricordiamo che il lancio di Call of Duty Vanguard è previsto per il prossimo 5 Novembre, giorno in cui sarà disponibile sia per PC che per console.

Cosa ne pensate community? Siete pronti per lanciarvi in questa nuova emozionante battaglia? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 


COD Vanguard: dalla Task Force One ed i suoi soldati, fino al villain nazista Hermann Wenzel Freisinger
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701