Anche PlayStation alza i muri contro i cheater di Warzone/Apex: “stop immediato al supporto per Cronus ZEN”

Anche PlayStation alza i muri contro i cheater di Warzone/Apex: “stop immediato al supporto per Cronus ZEN”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Cheater, Cronus Zen & PS5 – Dopo anni ed anni di discussioni, di idee e di dibattiti, anche in casa PlayStation 5 viene tirata una netta linea di demarcazione tra “ciò che è consentito” e ciò che, al contrario, è “fortemente vietato”…

Con una nota pubblicata sui social una manciata di ore fa, gli sviluppatori di Sony hanno infatti reso noto un importante aggiornamento che riguarda sicuramente tantissimi giocatori di Call of Duty Warzone, ma anche di Apex e di altri noti sparatutto.

Da oggi viene infatti stoppato qualsiasi tipo di supporto per il Cronus Zen, ovvero un dispositivo esterno usato per rendere la mira del proprio controller più precisa e ferma. C’è da dire che il Cronus Zen non “nasce” come cheat legalizzato per cheater, quanto più come strumento per rendere “migliore” l’esperienza di gioco, dotato di funzioni utili per migliorare l’accessibilità.

Purtroppo però la stragrande maggioranza dei giocatori “abusa” delle potenzialità del Cronus Zen, e lo utilizza nel peggior modo possibile.

Il messaggio dei devs di Cronus Zen: “non c’è una soluzione al momento”

Il Cronus Zen è come usare cheat: vediamo il perchè

Nella nota ufficiale, gli sviluppatori di Cronus Zen hanno annunciato: “Siamo a conoscenza di un problema con Zen e PS5… A partire da questa mattina, la console richiede a tutti un aggiornamento e, in tal caso, Zen non si connetterà più alla PS5“.

Sempre i mod di Cronus hanno spiegato che “non esiste una soluzione per PlayStation per il prossimo futuro.“… E che quindi tutti gli utilizzatori dello Zen saranno costretti a “rottamare” la loro “scatola magica” senza possibilità di appello. Tra questi ovviamente sono compresi anche i cheater di Warzone, Fortnite o Apex che hanno approfittato fino ad oggi della situazione.

Articoli correlati: 

La star di Apex ImperialHAL preoccupato: “beta di MW3 DANNATAMENTE buona”

La star di Apex ImperialHAL preoccupato: “beta di MW3 DANNATAMENTE buona”

Profilo di Stak
09/10/2023 15:40 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Anche la star della scena di Apex Legends ImperialHal ha voluto dire la sua riguardo l’ormai prossimo MW3, proponendo il suo “punto di vista” e le prime impressioni sulla beta.

Secondo ImperialHal infatti, il BR di Respawn non dovrebbe più solamente preoccuparsi dei “pochi contenuti stagionali”, ma dovrebbe iniziare a considerare anche l’imminente lancio del nuovo COD, perché dal suo punto di vista il gioco di Activision sarebbe “dannatamente bello“.

Due volte MVP dell’ALGS nonché punta di diamante del team TSM, ImperialHal ha dichiarato “la beta di MW3 mi sembra fottutamente buona“…

Sull’argomento ha poi proseguito: “MW3 sembra molto bello. In realtà mi ricorda moltissimo il vecchio CoD. Quando uscirà Warzone 3, o qualunque sia il suo nome, sono sicuro che andrà a colpire duramente il numero di giocatori al momento attivi su Apex“.

ImperialHal: “La beta di MW3 è dannatamente bella” 

La nuova stagione di Apex non uscirà prima del 31 ottobre. Pensavamo che il numero relativo al pubblico attuale fosse pessimo… Ma aspetta solo che esca il nuovo Warzone e vedrete…” ha quindi concluso.

Parole sicuramente “dure”, che dovrebbero giungere come un fortissimo campanello d’allarme per i devs di Respawn.

Voi cosa ne pensate community? Avete visto le prime immagini della beta di MW3? Fatecelo sapere nei commenti: la discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Queste 3 Leggende stanno dominando le ALGS di Apex Legends

Queste 3 Leggende stanno dominando le ALGS di Apex Legends

Profilo di Gosoap
08/09/2023 13:37 di Amin "Gosoap" Bey El Hadj
 WhatsApp

Con due giornate complete del Campionato ALGS 2023 alle spalle, il meta del gioco professionistico e la composizione delle squadre si stanno man mano delineando sempre di più, e ci sono alcune leggende che, combinate insieme, risultano essere di gran lunga il trio più dominante dell’evento.

Ai livelli più elevati, esiste da sempre una lista di leggende utilizzate dai giocatori professionisti in Apex, con personaggi come Gibraltar, Seer e Horizon storicamente tra le scelte più popolari.

Ma con il meta che sta cambiando in modo abbastanza drastico in vista del più grande evento dell’anno, le squadre si sono chiaramente orientate verso una singola composizione che sta spingendo tutte le altre leggende fuori dall’equazione.

Il meta di Bangalore, Catalyst e Horizon alle ALGS rompe gli equilibri tra le Leggende su Apex

Grazie alle statistiche raccolte da Apex Legends Status, possiamo vedere esattamente quali sono i personaggi più preferiti dai migliori giocatori del mondo.

TEAM COMPOSITION PICK RATE
Bangalore, Catalyst, Horizon 42.06%
Bangalore, Horizon, Bloodhound 8.82%
Catalsyt, Horizon, Fuse 7.21%
Bangalore, Catalyst, Bloodhound 6.47%
Bangalore, Catalyst, Gibraltar 4.41%

Nientemeno che il 42% delle scelte dei professionisti comprendono Bangalore, Catalyst e Horizon nella formazione. E anche quando c’è un’altra Leggenda nel gruppo, due su tre di questi personaggi sono quasi sempre presenti nella squadra.

Il cambiamento più significativo rispetto ai primi mesi dell’anno, ad esempio ai Playoff della Split 1, è la totale assenza di Seer, che finora è stato scelto solo in un totale di sette partite, mentre in passato era presente in molte composizioni. Anche Valkyrie ha visto la sua utilità diminuire, grazie all’aggiunta dei beacon di respawn mobili e alla rimozione della sua scansione durante il lancio.

Che ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli correlati

Scandalo Apex Legends: il TOP #1 Predator è un Cheater, ancora una volta

Scandalo Apex Legends: il TOP #1 Predator è un Cheater, ancora una volta

Profilo di Gosoap
23/08/2023 10:56 di Amin "Gosoap" Bey El Hadj
 WhatsApp

Nel mondo di Apex Legends, il giocatore TOP #1 Predator è ora al centro di forti controversie. HisWattson, una delle voci più autorevoli all’interno della community di Apex, ha sollevato dubbi sulla correttezza delle performance dello streamer, affermando che vi è una storia problematica di controversie e collusioni con altri individui già dimostratisi chater in passato.

Questa controversia trova radici nel passato di un giocatore noto come Facilitatur, che si è fatto notare nella scena di Apex Legends raggiungendo già agli albori del gioco la Top #5 tra i Predator su Xbox. Tuttavia, Facilitatur e il suo partner di gioco, Invulnerable, sono stati successivamente scoperti utilizzare cheat per ottenere vantaggi immeritati. Dopo il ban, il duo ha cercato di evitare ulteriori sanzioni passando alla piattaforma PC.

Nonostante questo marchio, il duo è riuscito a scalare rapidamente le classifiche su PC, suscitando ovvi sospetti in community. Si è successivamente scoperto che Invulnerable ha continuato a utilizzare diversi software considerati cheat per migliorare la sua posizione nella classifica.

Apex Legends, TOP #1 Predator accusato di cheating, già sospeso diverse volte, ma ancora può giocare

Oggi, a distanza di tre anni dal ban di Facilitatur, il giocatore è saltato nuovamente in cima alla classifica. La questione è stata sollevata da HisWattson, uno dei nomi più noti nel panorama di Apex, che ha espresso pubblicamente dubbi sulla buona fede del collega.

HisWattson ha pubblicamente affermato: “Il Predator #1 è stato sorpreso a cheattare tre volte. Non sarà mica pronto a farlo per la quarta volta, vero ragazzi?” Questo commento, benché sarcastico, riflette le preoccupazioni crescenti all’interno della comunità. “Ho giocato molte volte contro questo giocatore e non l’ho mai colpito alle spalle o colto di sorpresa. Sembrano sempre sapere quando qualcuno sta arrivando.”

La polemica è alimentata dal fatto che essere il TOP #1 Predator ha un valore monetario per gli streamer, conferendo prestigio ed ovviamente una certa notorietà. Tuttavia, le accuse di comportamenti scorretti minano l’integrità competitiva e mettono a rischio la reputazione di chi si dedica seriamente al gioco.

Nel momento in cui scriviamo, Facilitatur ha perso temporaneamente la sua posizione al primo posto, scivolando al quarto posto nella classifica. La delicata sfida di mantenere un ambiente di gioco equo e privo di comportamenti scorretti è più che mai viva anche su Apex Legends.

Che ne pensate? Come al solito la discussione è assolutamente aperta!

Articoli correlati