Hotfixes, pubblicato un nerf per Fetid Devourer in mitico

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Grazie ad una serie di nuovi interventi, pubblicati poche ore fa da Blizzard sul sito ufficiale, è stato reso noto che uno degli encounter di Uldir ha subito un nerf.
Nello specifico parliamo di Fetid Devourer, un boss che è stato sconfitto da sole due gilde al mondo (le prime due del ranking, Limit e Wildcard ma vedremo in un altro approfondimento l’aspetto del progress), che ha ricevuto un significativo bilanciamento sia per quanto riguarda la vita dei Corruption Corpuscle e dei Mutated Mass (questi Elite hanno vista diminuita la loro vita del 10%) sia per quanto rigarda il danno melee e quello dello Shockwave Stomp che sono stati ridotti anche questi del 10%.

Andiamo a vedere di seguito la lista con tutti gli interventi pubblicati.

Classi

  • Sacerdote
    • Disciplina
      • Il tempo di recupero di Barriera Luminosa si azzera come previsto alla fine di uno scontro d’incursione.

Spedizioni e incursioni

  • Uldir
    • Divoratore Fetido
      • Danni inflitti in mischia e da Schianto dell’Onda d’Urto ridotti del 10% in modalità Mitica.
      • Salute del Corpuscolo della Corruzione e della Massa Mutata ridotte del 10% in modalità Mitica.

Personaggio vs Personaggio

  • I giocatori che, a causa di un problema, hanno erroneamente compiuto le imprese della Stagione 1 il primo giorno della stagione nei reami della regione Americhe possono ora sbloccare nuovamente le trasmogrificazioni Élite completando un’arena o un campo di battaglia, se hanno raggiunto nuovamente il grado PvP appropriato.

Missioni mondiali

  • Lanciare Dardo di Veleno contro un Anchilodonte non lo fa più addormentare tanto profondamente da non fornire il credito per “Potenziale limitato”.
  • Risolto un problema che talvolta impediva il completamento di “Carnefice Pozzonero”.
  • Segato via un problema che impediva di interagire con il Segatronchi Prototipo V-03 durante “Riordinare i giocattoli”.
  • Sono ora disponibili più Grizzly Pungiartiglio per “Carne di Pungiartiglio”.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.