Altri nerf in arrivo per la Queen Azshara: ecco i dettagli!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Gli sviluppatori di Blizzard pubblicheranno su World of Warcraft una nuova serie di nerf interamente dedicati all’encounter della Regina Azshara, nel raid “Palazzo Eterno“.

Il boss, almeno per il momento, è stato abbattuto solo da una manciata di gilde (meno di cinquanta in tutto il mondo) anche se con la pubblicazione di questi bilanciamenti il numero di organizzazioni ad 8/8 in mitico subirà sicuramente una decisa crescita.
Tra le varie modifiche si segnala il fatto che l’Azshara’s Indomitable, nella versione mitica, verrà summonato 10 secondi dopo rispetto all’attuale timing del boss, o che le Tidemistresses ora hanno il 5% in meno di vita in modalità mitica.

Cosa ne pensate di queste modifiche?
Di seguito andiamo a riportare tutti i nuovi bilanciamenti scelti dai devs, vi auguriamo una buona consultazione ed un buon divertimento a tutti!

We’re working on the following hotfixes today. We intend to apply to these changes to the Queen Azshara encounter with weekly maintenance in each region:

  • When either Aethenel or Cyranus is slain on Normal, Heroic, or Mythic difficulty, there is now a 3-second delay before the other one gains the Torment buff.
  • Azshara’s Indomitable is now summoned 10 seconds later than previously observed on Mythic difficulty.
  • Tidemistresses have 5% less health on Mythic difficulty.
  • Ancient Wards now energize slightly slower for smaller raid sizes on Normal and Heroic difficulties.
  • Fixed an issue that allowed Arcane Vulnerability to apply when the victim wasn’t in line of sight of Queen Azshara.

We’ll update this post if there are any further changes, and when the hotfixes go live.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.