Teamfight Tacticts: intervista esclusiva al Product Manager Dax Andrus

Teamfight Tacticts: intervista esclusiva al Product Manager Dax Andrus

Profilo di Black&White
 WhatsApp

Teamfight Tacticts – Abbiamo avuto il piacere e l’onore di poter scambiare due chiacchiere con Dax Andrus, sviluppatore di Riot games e team captain per la celebre modalità di League of Legends conosciuta come TFT.

Nello specifico, abbiamo chiesto a Dax le informazioni riguardo al futuro del gioco, alle aggiunte o migliori che potrebbero presto riguardare la versione mobile fino ovviamente all’attesissima modalità torneo che speriamo possa presto entrare a far parte del mondo di Teamfight Tacticts.

Di seguito andiamo quindi a rileggere le risposte, lasciando anche la versione in inglese dell’intervista ed augurandovi una buona lettura ed un buon divertimento.
Per la stesura di questo articolo si ringrazia anche il nostro redattore Francesco Morningstar Melara (autore della guida che abbiamo pubblicato ieri sulle migliori comp da usare).

Non pensate che le partite siano un po’ troppo lunghe per un gioco mobile? Avete intenzione di accelerare il gioco in futuro?

To be honest, it’s tough to say, but we’re excited to continue to see how our players feel. Longer session length is becoming increasingly common as gamers, devices, and the games themselves continue to evolve. Having said that, we’re always evaluating the experience our players are having and looking out for problems. Session length is included in this—if games are going too long, we’ll investigate and make appropriate changes.

Ad essere onesti e senza sbilanciarci troppo possiamo dire di essere entusiasti nel continuare a vedere come si sentono i nostri giocatori. L’aumento della lunghezza delle partite sta diventando sempre più comune man mano che i giocatori, i dispositivi e gli stessi giochi continuano a evolversi. Detto questo, valutiamo sempre l’esperienza dei nostri giocatori e stiamo cercando di trovare i problemi e risolverli qualora si presentino. E la durata della partite è inclusa in questo nostro modo di pensare: se quest’ultime durano troppo a lungo, esamineremo e apporteremo delle modifiche appropriate.

Com’è stata la reazione dello staff per quanto riguarda il successo di quella che doveva essere semplicemente una modalità addizionale di League of Legends?

We never knew exactly what to expect from Teamfight Tacticts when it was in its early stages of development, but it became pretty clear we had something special once we started running internal betas. We saw Rioters from around the world coordinating to get games in together and they kept doing that for weeks–there were TFT games running 24/7 internally. Even seeing those internal reactions, no one on the team expected to see the massive reaction from players when we launched the game. To be honest, we were super excited because it meant the game had years of life ahead of it and we could really double down and make it into something great.

Non abbiamo mai saputo esattamente cosa aspettarci da Teamfight Tacticts quando era nelle sue prime fasi di sviluppo, ma è diventato abbastanza chiaro che avevamo qualcosa di speciale una volta che abbiamo iniziato a eseguire beta interne. Abbiamo visto Rioters da tutto il mondo coordinarsi per mettere a posto il gioco e hanno continuato a farlo per settimane – c’erano partite di TFT in esecuzione 24/7. Anche vedendo quelle reazioni interne, nessuno nella squadra si aspettava di vedere la grande reazione dei giocatori quando abbiamo lanciato il gioco. Ad essere onesti, eravamo molto eccitati perché significava che il gioco aveva anni di vita davanti e che potevamo davvero raddoppiare e trasformarlo in qualcosa di eccezionale.

Cercherete di appianare le divergenze fra chi gioca su Mobile e chi usa il computer?

One of our core goals on Teamfight Tacticts is to make the gameplay experience across PC and mobile as close to parity as possible. What that means is that we want players to never feel like they have to choose one platform over the other because of gameplay advantages. We aren’t quite there yet, but we’re going to be making updates to the experience on mobile to try and get to that point over time. Things like making things more legible and tightening up the controls on mobile are high priorities.

Uno dei nostri obiettivi principali su Teamfight Tacticts è rendere l’esperienza di gioco su PC e dispositivi mobili il più simile possibile. Ciò significa che vogliamo che i giocatori non abbiano mai la sensazione di dover scegliere una piattaforma rispetto all’altra a causa di vantaggi nel gameplay. Non ci siamo ancora arrivati, ma aggiorneremo l’esperienza sui dispositivi mobili per cercare di raggiungere quest’ obiettivo col tempo. Cose come rendere le cose più leggibili e ridimensionare l’interfaccia sui dispositivi mobili sono priorità elevate.

Aggiungerete una modalità torneo al client in futuro?

 We’ve been discussing some more experimental possibilities for the future, like discussing whether some form of Clash (LoL’s in game tournament mode) for TFT might make sense or creating temporary TFT game modes with other alternative rules, but nothing is set in stone yet or ready to be discussed at this time.

Abbiamo discusso di alcune altre possibilità sperimentali per il futuro, come discutere se una qualche forma di Clash (la modalità torneo di LoL) per Teamfight Tacticts potrebbe avere un senso o creare modalità di gioco TFT temporanee con altre regole alternative, ma nulla è ancora deciso o pronto per essere discusso in questo momento.

Il set 3 presenta una serie di abilità e skill a target molto più precise e quasi in contrasto con quelle del set 2 (Zefiro/Shroud of Stillness/Chalice Of Favor) e, anzi, più similmente a com’era il set 1. Questa è stata una scelta precisa perchè qualcosa nel set 2 non ha funzionato o volevate soltanto un po’ di varietà per questo set in particolare?

The amount of randomness and variance that exists in an auto battler is something we’re still working through as a team to figure out the ideal state. There is some amount that is just inherent to the genre, things like the shop and who you face are always going to be random. The question is, how much should exist within the core combat, and how much should exist on the external systems affecting that core combat? In the Launch set we had a large amount of in combat variance, from obvious things like Hextech and Phantom, to less obvious things like order of movement and target selection. This is done so that battles aren’t predictable and sometimes you edge out a win you might not expect. Over time though, we’re starting to see that randomness in the external systems leads to a lot of positive moments, while randomness within the combat system feels pretty bad. So in Galaxies we focused on just that. What Galaxy you play on, what items you get, what carousels you experience are all random, but random that all players experience equally and are testing the players adaptability. In combat though there are now almost no random target abilities, instead focusing on things that you can predict and play around. Zoe for example always targets the highest health, so if you want your carry to not be targeted, put some Giant’s Belts elsewhere. We’ll see how this goes and continue improving the experience of TFT.

La quantità di casualità e varianza che esiste in un autochess è qualcosa su cui stiamo ancora lavorando e per cui dobbiamo ancora capire cosa bilanciare. Alcuni aspetti sono, obbligatoriamente, inerenti al genere, cose come il negozio e chi sarà il tuo avversario saranno sempre casuali. La domanda è: quanto dovrebbe esistere nel combattimento e quanto dovrebbe esistere nei sistemi esterni che influenzano quel combattimento di base?

Nel set di lancio avevamo una grande varietà di varianze di combattimento, da cose ovvie come Hextech e Phantom, a cose meno ovvie come l’ordine di movimento e la selezione del bersaglio. Questo viene fatto in modo che le battaglie non siano prevedibili e, a volte, perdi un round che invece ti saresti aspettato di vincere.

Con il passare del tempo, però, stiamo iniziando a vedere che la casualità nei sistemi esterni porta a molti momenti positivi, mentre la casualità all’interno del sistema di combattimento è piuttosto negativa. Quindi nelle Galassie ci siamo concentrati proprio su questo. Le Galassie su cui giochi, quali oggetti ottieni, quali caroselli ti vengono proposti sono tutti casuali, ma in modo tale che tutti i giocatori li sperimentino nello stesso modo e stiamo testando l’adattabilità dei giocatori in questo modo.

In combattimento, tuttavia, ora non ci sono quasi abilità di bersaglio casuali, concentrandosi invece su cose che puoi prevedere e giocare. Zoe, ad esempio, punta sempre alla massima salute, quindi se vuoi che la tua unità principale non venga presa di mira, metti alcune cinture del gigante altrove. Vedremo come andrà e continueremo a migliorare l’esperienza di Teamfight Tacticts.

Quanti campioni state pianificando di aggiungere prima della fine del set 3?

You’ll have to wait and see! We’re going to do things differently from past sets, so don’t expect there to be that many champions dripped patch to patch. Beyond that, can’t say anything yet!

Dovrete aspettare e vedere! Faremo le cose in modo diverso dai set precedenti, quindi non aspettatevi che ci siano molti campioni che usciranno patch dopo patch. Oltre a ciò, non posso ancora dire niente!

Visto che il concept delle Galassie sta piacendo così tanto, intendete mantenere questa meccanica anche nel set 4?

We’re definitely exploring the possibility of keeping the core design of the Galaxies mechanic in future sets, but we also have a whole backlog of interesting set mechanic ideas that we want to explore in the future. It may be that we use Galaxies in a future set, or if we feel great about an alternate mechanic we may switch to use that. It’s hard to say yet because we’re still so early into the Galaxies set’s life cycle.

Stiamo sicuramente esplorando la possibilità di mantenere il design di base della meccanica delle Galassie nei set futuri, ma abbiamo anche un molte altre idee sulle meccaniche dei set che vogliamo esplorare in futuro. Può darsi che useremo le galassie in un set futuro, o se una meccanica alternativa ci piacerà di più passeremo a quella. È difficile da dire ancora perché siamo ancora all’inizio del ciclo e nel testing delle Galassie.

Riot: “Xbox rappresentava per noi una fonte di ispirazione”

Riot: “Xbox rappresentava per noi una fonte di ispirazione”

Profilo di Rios
 WhatsApp

Nelle scorse ore vi avevamo già parlato dell’ufficializzazione della collaborazione tra XboxRiot, che di fatto unirà due delle community più grandi del mondo. Ma nonostante questo, oggi andiamo ad approfondire questo discorso tramite un comunicato diffuso dagli auto di League Of Legends.

Le due aziende si sono sempre sfiorate nel corso della loro storia, e Microsoft è anche arrivata ad un passo dal comprare la softwarehouse di Los Angeles prima di rinunciare. Questa collaborazione potrebbe essere solo un primo passo, che ci porterà verso un futuro radioso.

Andiamo a leggere le dichiarazioni del team, per capire come e perché due colossi del mondo videoludico hanno voluto unire le loro forze.

La collaborazione tra Riot ed Xbox

Il comunicato

“Già prima che Riot Games fosse anche solo un’idea, Xbox rappresentava per noi una fonte di ispirazione, con la sua costante spinta per innovare il mondo dei videogiochi e il suo impegno a creare community inclusive. In Xbox vediamo un team come il nostro, sempre impegnato a sfidare le convenzioni di questo settore per trovare nuovi modi con cui sviluppatori e publisher possono essere al servizio dei giocatori.

Oggi, Riot Games e Xbox annunciano che tutti i principali titoli di Riot arriveranno su Game Pass. Questa collaborazione unisce due delle più grandi community di gaming al mondo grazie alla nostra passione comune per i giochi competitivi incentrati sui giocatori. Game Pass è la più recente di una lunga lista di innovazioni introdotte da Xbox e non vediamo l’ora di aggiungere i nostri titoli al suo catalogo. Siamo entusiasti di poter invitare i giocatori di Xbox a unirsi alla nostra community di 180 milioni di aspiranti professionisti, noob incalliti, creatori di contenuti, fan delle K/DA e tanto altro ancora.

Per la prima volta nella storia di Game Pass, questa collaborazione si estenderà oltre i giochi per PC e includerà anche i titoli di Riot esclusivi per dispositivi mobili e quelli accessibili su entrambe le piattaforme. Tutti i membri di Game Pass avranno accesso a:

  • League of Legends (PC): Tutti i campioni sbloccati
  • League of Legends: Wild Rift (dispositivi mobili): Tutti i campioni sbloccati
  • Legends of Runeterra (PC e dispositivi mobili): Set Fondamenta sbloccato
  • Teamfight Tactics (PC e dispositivi mobili): Varie Mini Leggende sbloccate
  • VALORANT (PC): Tutti gli agenti sbloccati

I giocatori riceveranno anche esperienza bonus in alcuni giochi.

Nei prossimi mesi, vi daremo maggiori informazioni su questa collaborazione e su come i membri di Game Pass possono accedere ai contenuti. Nella maggior parte dei paesi, i giocatori avranno accesso completo ai contenuti di Game Pass, ma in qualche caso, potrebbero essere limitati in base al titolo. Per ulteriori informazioni, seguiteci su riotgames.com e news.xbox.com.”

Riot ed Xbox uniscono le forze: vantaggi esclusivi per gli abbonati al Game Pass

Riot ed Xbox uniscono le forze: vantaggi esclusivi per gli abbonati al Game Pass

Profilo di Rios
 WhatsApp

Durante l’evento di Xbox e Bethesda (ancora in corso mentre vi scriviamo) ha svelato delle soprese interessanti per gli amanti dei titoli di Riot. Infatti l’azienda ha ufficialmente unito le forze con Microsoft, annunciando vantaggi esclusivi per gli abbonati al servizio del Game Pass.

La collaborazione inizierà ufficialmente durante l’inverno di quest’anno, e coinvolgerà le console, i PC e persino i dispositivi mobile. Al momento non ci sono molti dettagli in merito a questo accordo, ma alcune delle cose che sono trapelate risultano molto interessanti.

Sicuramente ne sapremo di più tra qualche mese, ma per ora possiamo essere contenti per tutto quello che è stato svelato.

Riot ed Xbox uniscono le forze

I vantaggi per gli abbonati al Game Pass

Tutti i giocatori che si abboneranno o sono già abbonati al Game Pass riceveranno diversi vantaggi, che garantiranno una partenza facilitata nei titoli di Riot. Infatti tutti i campioni di League Of LegendsWild Rift saranno immediatamente sbloccati per gli utenti del Game Pass, cosa importantissima specialmente per chi si avvicina a questi giochi per la prima volta.

La stessa cosa accadrà per VALORANT, dove tutti gli agenti disponibili saranno sbloccati immediatamente e senza costi aggiuntivi. Discorso un po’ diverso per Legends Of Runeterra, titoli all’interno del quale sarà sbloccato gratuitamente il “Foundation Set“. Infine per i giocatori di TFT sarà disponibile una selezione di mini leggende tra cui scegliere, ma i dettagli non sono stati specificati.

Come detto in precedenza, la collaborazione a cui assisteremo nei prossimi mesi non si limiterà a questo. Infatti vedremo i giochi di Riot presto sulle console di Xbox, ma ancora non si sa quali titoli saranno disponili. Al momento noi puntiamo su VALORANT (quasi sicuramente) e su League Of Legends, in una versione rivista ed ottimizzata per essere giocata con i pad (anche se c’è la possibilità di giocare con mouse e tastiera anche su console).

Mese del Pride: al via i festeggiamenti in tutti i giochi di Riot

Mese del Pride: al via i festeggiamenti in tutti i giochi di Riot

Profilo di Rios
 WhatsApp

Da oggi parte ufficialmente il Pride Month, il mese dedicato alla comunità LGBTQIA+ e che celebra tutti i passi avanti fatti nel riconoscimento delle minoranze. Per questo motivo Riot è pronta a festeggiare nel migliore dei modi, coinvolgendo tutti i giocatori suddivisi su più titoli.

Gli eventi e le ricompense ottenibili in questo lasso di tempo non riguarderanno solo League Of Legends, ma anche VALORANTTFTLegends Of Runeterra. Questa è un’occasione per unire tutti sotto un’unica bandiera, per sensibilizzare ancora di più su certe tematiche importanti.

Tutti i giocatori riceveranno dei premi esclusivi, che andranno ad aggiungersi a quelli già messi a disposizione negli anni precedenti.

Il Mese del Pride di Riot Games

Celebrare la comunità LGBTQIA+

“Il mese del Pride è arrivato! Il Pride è un momento per stare insieme, celebrare le comunità LGBTQIA+, riconoscere i passi avanti che abbiamo fatto e continuare a impegnarsi per creare un ambiente inclusivo per tutti. 

Rioter e giocatori provengono da un ampio spettro di contesti diversi e da moltissime comunità, e siamo entusiasti di festeggiare il Pride insieme, nel gioco e fuori. 

Nel 2018, abbiamo introdotto il Soffice arcobaleno, che dà ai giocatori queer una rappresentazione permanente delle loro identità nel gioco. Nel corso degli anni, la nostra collezione del Pride è aumentata, con nuove icone, emote e illustrazioni che rappresentano sempre più identità uniche. Ci siamo impegnati per rendere i nostri giochi, e il mondo dei videogiochi in generale, un ambiente più inclusivo per tutte le comunità LGBTQIA+.

Siamo felici di festeggiare il Pride nei nostri uffici di tutto il mondo e non vediamo l’ora di vedere come tutti voi lo celebrerete nel gioco. Ora vi daremo un’anteprima di quello che troverete nel corso del mese del Pride, ma ricordatevi di visitare leagueoflegends.com per scoprire i dettagli di tutto ciò che arriverà su League of Legends, Teamfight Tactics, Legends of Runeterra e Wild Rift. I giocatori di VALORANT devono invece andare su playvalorant.com per trovare tutte le informazioni sulle novità in arrivo e su come ottenerle nel gioco.”

Contenuti esclusivi

“Tutti i giochi di Riot festeggeranno il Pride con dei contenuti unici. La maggiori parte di questi contenuti arriverà domani, 1° giugno. Troverete nuove icone, scie, carte giocatori e molto altro nei nostri vari titoli. Inoltre, tenete gli occhi aperti per i festeggiamenti che si terranno in molte leghe di eSport con trasmissioni locali ed eventi durante tutto il mese del Pride. 

Vogliamo che tutti i giocatori sentano la propria identità rappresentata nei nostri giochi. Non importa chi siete, dove vivete o chi amate, vogliamo fare in modo che possiate essere voi stessi mentre giocate. I nostri campioni e i nostri agenti hanno tutti le proprie identità, che sono rappresentative del nostro pubblico eterogeneo in tutto il mondo. 

Con l’avanzare del mese, tenete d’occhio l’orizzonte e forse potreste notare due dei più famosi eroi di Bilgewater che si dirigono verso il porto con tante storie da raccontare. “

I festeggiamenti dei Rioter

“I Rioter provengono da un ampio spettro di contesti diversi. Il nostro impegno è di fare in modo che Riot sia un ambiente accogliente e inclusivo per i Rioter che fanno parte delle comunità LGBTQIA+. Benché dovremo sempre lavorare attivamente per continuare a migliorare, siamo onorati di essere stati riconosciuti dalla Human Rights Campaign come uno dei Migliori luoghi di lavoro per l’uguaglianza LGBTQ+ nel 2022.

Quest’anno, i nostri uffici di tutto il mondo festeggeranno il Pride a modo loro. I Rioter nel nostro campus principale a Los Angeles parteciperanno alla parata West Hollywood Pride Parade. Los Angeles, insieme a varie altre città, ha organizzato la sua prima parata del Pride nel 1970 per commemorare il primo anniversario della rivolta di Stonewall a New York. Nel corso degli anni, le parate del Pride sono cresciute di dimensioni e si sono diffuse in tutto il mondo. A Los Angeles, la parata del Pride è diventata una tradizione annuale per i Rioter e siamo felici di poter tornare sulle strade con altri Rainbow Rioter anche quest’anno.

I Rioter in Brasile festeggeranno con degli importanti eventi di eSport e organizzeranno una serie di eventi con giocatori provenienti da comunità LGBTQIA+. Il primo torneo verrà trasmesso a giugno con League of Legends, mentre VALORANT e Wild Rift si terranno nel corso dell’anno.”

Una marcia per il Mese del Pride

“In tutto il mondo, il Pride viene celebrato in periodi diversi dell’anno, quindi i Rioter nei nostri uffici in Europa, Medio Oriente e Nord Africa terranno una marcia virtuale per il Pride dalla fine di giugno fino ad agosto. Questo è il secondo anno in cui organizziamo questo evento, che costituisce un modo per incoraggiare i Rioter a partecipare ad attività incentrate sulla salute mentale, fisica e sociale. Prendendo parte a questi momenti, otterranno punti che potranno convertire direttamente in donazioni di beneficenza o riscattare per merchandise del Pride.

Consultate i nostri canali sui social per scoprire in che modo tutti i nostri uffici festeggeranno il Pride quest’anno. Troverete fan art, nuove storie e molto altro nel corso del mese.

Ricordatevi di tenere d’occhio tutte le nostre piattaforme per avere maggiori dettagli su tutti i nuovi contenuti cosmetici e su come poterli sfoggiare in gioco. Non vediamo l’ora di festeggiare con voi!”