Regna l’equilibrio nella Overwatch League: ecco le pagelle della settimana!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

A differenza di ciò a cui ci eravamo ormai abituati, vale a dire un dominio netto delle solite 2/3 squadre, questa nuova fase sta letteralmente rimescolando le carte in tavola lasciando tutti un po’ confusi ma piacevolmente sorpresi.
Questa settimana è stata una delle più belle e combattute di cui si abbia memoria, e dire che si è aperta con un 4 a 0 secco.
Si perchè, sebbene vi sia stato un livellamento generale verso l’alto, alcuni sembrano aver saltato questo step evolutivo e continuano a brancolare nel buio del fondo classifica.
Mi riferisco ovviamente agli immancabili Dragons che stanno sempre la a 0 punti (sconfitti da Gladiators e Shock) nonostante abbiano cambiato quasi tutto il loro team e ancora sembra non esistere un avversario in grado di regalargli la prima gioia di questa competizione.

Soli soletti la in fondo non sono, Florida ha evidentemente deciso che abbandonare i ragazzi di Shangai era scortese e si sta applicando molto per restare laggiù (battuti da London e Boston), dove la notte è buia e triste se dopo 4 partite hai all’attivo 3 sole mappe vinte.
Per contro ci sono i Boston e i Valiant che svettano su tutto questo equilibrio stando in cima a punteggio pieno, ottenuto però con la giusta quantità di sudore ed attraverso mille difficoltà.
Qualcuna meno per i Los Angeles, in difficoltà contro i Fuel che danno battaglia e si arrendono per 2 a 1 sul finire di una partita incandescente e vincitori 4 a 0 sugli Shock. I giocatori di San Francisco sembrano troppo schiavi di questo meta che sulla carta gli calza a pennello ma che poi in pratica non è così nettamente superiore; inoltre, il relegare in panchina Babybay per tenere costantemente Sombra in campo non sta pagando quanto loro si sarebbero aspettati, e sta al contrario costando loro diverse mappe per la totale impossibilità di contrastare eventuali Phara o Widowmaker.
Gli stessi  Fuel sconfitti anche dai Dynasty con un 3 a 2 (uno dei tantissimi di questa settimana) che dice molto su quanto siano più solidi i ragazzi di Dallas e sul loro nuovo acquisto Oge, ottimo Winston e altrettanto ottimo per gli equilibri interni a quanto pare perchè i giorni delle sconfitte imbarazzanti sembrano finiti.
Seoul vince la prima e perde la seconda con il medesimo risultato a favore dei Gladiators, tra i pochi a realizzare una doppia vittoria aiutati dal fatto che la prima partita fosse con i Dragons.

Se si guardasse al mero punteggio ci sarebbe da essere molto critici con le tigri d’oriente ma con uno sguardo più generale agli altri punteggi si capisce che nessun 3 a 2 si può realmente condannare visto quanto equilibrio aleggi nel’aria.
Già perchè i London sono terzultimi, con una sola vittoria nemmeno ottenuta a punteggio pieno. Costretti a rivivere un incubo chiamato Fusion che li rispedisce a casa con le ossa rotte per l’ennesima volta alla quinta mappa.

Proprio Philadelphia è uno dei pochi a distinguersi segnando sul tabellino 2 vittorie, entrambe 3 a 2, entrambe che rievocano brutti ricordi nei perdenti, proprio quegli Houston che ogni volta concludono questo incontro arrivando a un passo dal traguardo ma puntualmente ricacciati indietro all’ultimo momento, roba da crollo psicologico con conseguenti serate sul divano a mangiare gelato, guardare serie tv e piangere disperati.
Ultimi, ma non per importanza, gli Excelsior che cadono finalmente per mano degli Uprising e dimostrano di non essere imbattibili.
Oasi gli è fatale (come lo è stata per molti in questi giorni) per cedere quel primo posto conteso proprio dai loro sfidanti.
Nulla di grave… ma poteva esserlo se proprio su oasi no fossero riusciti a piegare la resistenza di Houston, una sconfitta si perdona ma due in 3 giorni sarebbero state un brutto colpo per chi ,ad essa, non è certo abituato

Pagelle

  • 10 a questa settimana: fioccano le emozioni e nulla sembra mai scontato, finalmente tutti (o quasi) sembrano aver raggiunto un livello tale da poter competere per traguardi importanti.
  • 9 a Mistakes: non doveva far rimpiangere Dreamkazper e sembra che il risultato sia stato centrato appieno.
  • 8 ai Fusion: 2 grandi vittorie di carattere e quel posto tra le grandi che ormai non fa più notizia, sempre un piacere vederli giocare.
  • 7 ai Valiant: è vero, sono primi e hanno sempre offerto prestazioni solide ma manca la controprova di un avversario davvero sugli scudi prima di poterli incoronare come primi della classe.
  • 6 a Oge:  due sconfitte ma arrivate con prestazioni assolutamente degne di nota che, con altri risultati, gli avrebbero valso un voto ben più alto. Da vedere cosa accadrà una volta affinati i meccanismi di squadra.
  • 5 a New York: una prima sconfitta e una vittoria risicata, un po’ pochino per quello a cui siamo abituati, l’impressione è che ne possano arrivare delle altre a breve.
  • 4 a Gambler: sembra che l’affinità con i compagni (Jhong in particolare) sia ancora lontana dall’essere trovata, forse serve solo tempo ma Tobi resta comunque un’ altra cosa sotto questo aspetto.
  • 3 a London: urgeva un riscatto che arriva solo in minima parte contro chi, a conti fatti, non può essere considerato come test attendibile. Cadono ancora contro i Fusion, sembra ormai diventata una triste abitudine per loro.
  • 2 al coach degli Shock: vedere un team distrutto da una Phara o una Widowmaker perchè Babybay sta in panchina sembra davvero stupido, ancora di più quando l’accanimento terapeutico su Sombra porta a risultati risibili.
  • 1 ai Mayhem: qualche raggio di luce sembra filtrare attraverso il cielo tetro ma è davvero troppo poco, specialmente quando tutti gli altri sembrano stare 1 o 2 gradini sopra.
  • 0 alla mascherina di Rawkus: per vincere le hanno provate tutte anche ad adottare uno stile estetico tipicamente coreano ma la cosa non ha pagato, apprezzabile comunque il tentativo di mimetismo.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701