Overwatch League: la fase finale di Stage e le pagelle della settimana!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Una volta arrivata fino alle finali di stage una qualsiasi squadra prima in classifica avrebbe semplicemente deciso di sfidare i Fuel che, seppur in grande spolvero, apparivano forse l’avversario più abbordabile.
Se invece il tuo stemma è una testa di Leone e ti chiami Gladiators può essere che ti sia balzata in mente l’idea di scegliere i tuoi cari cugini come sfidanti per accedere alla finale.
A questo punto tutti coloro che stanno a casa si saranno armati di pop-corn e birra pronti a seguire l’ennesima battaglia epica tra quelle squadre che tutti amano.
La grandissima sfida inizia con i Valiant che conquistano il primo round senza nemmeno lasciare il tempo agli spettatori di stappare la Birra precedentemente presa. I viola non ci stanno e ribattono su Orizon conquistando con una foga inaudita 4 punti che lasciano tutti basiti.

Nemmeno a Lijiang c’è storia, Fissure e c. conducono autorevolmente 2 a 1 ma nella mappa di King’s row, dove SoOn la fa da padrone, arriva un nuovo pareggio e la serie si stalla sul 2 a 2.
Lo spareggio si disputa a El Dorado ma qui i verde-oro non lasciano scampo, vincono e chiudono con un 3 a 2 semplicemente spettacolare.
Dall’altra parte Fuel sfida gli Excelsior che vanno subito avanti 2 a 0 e sembrano in grado di poter sbrigare la pratica in fretta non fosse che i ragazzi di Dallas tornano a splendere a Lijiang e King’s row portando anche qui la disputa su Dorado. Purtroppo per tutti i loro fan la benzina finisce ed escono sconfitti ma con la testa altissima, lontani dalle polemiche che troppo a lungo li avevano accompagnati.
La finale, pur essendo la partita dalle premesse infuocate, risulta la meno bella.
New York rimette in campo tutti i problemi visti fino ad ora mentre i Valiant sono semplicemente perfetti. Concedono un solo punto agli avversari su Hanamura più per caso che per mancanze e interrompono l’egemonia dei coreani perdurata fino a qui.

Le Pagelle

  • 10 agli Spitfire: il solo combattere fino allo stremo su quell’ultimo punto a Gibilterra (di nessun valore per loro ma vitale per i Dallas Fuel) vale gli onori che nemmeno la vittoria può concedere.
  • 9 ai Valiant: stage quasi perfetto, una sola sconfitta e la consapevolezza di essere maturati. Finalmente completi e pronti per le finali.
  • 8 ai Fuel: una semifinale persa di un soffio dopo una stagione di polemiche, finalmente ai livelli ai quali tutti vorrebbero vederli.
  • 7 ai Fusion: alla fine sono loro a staccare l’ultimo biglietto per le finali, menzione d’onore obbligatoria.
  • 6 agli Excelsior: anche quando tutto gira male arrivano comunque in finale. Da qui in avanti però non si può più bluffare, se questo è il loro massimo potenziale allo stato attuale potrebbero presto arrivare lacrime amare.
  • 5 ai Gladiators: ma come? Vi scegliete l’avversario con perizia solo per prendere schiaffi?! Scusate ma non avete fatto la figura di quelli svegli.
  • 4 agli Outlaws: una stagione a corrente alternata corredata dalla doppia eliminazione nel finale. Ogni tanto qualcuno dovrebbe dare qualche sberla morale e correttiva per ricordare ai ragazzi del roster che in classe bisogna stare attenti e non “cazzeggiare” troppo.
  • 3 a Surefour: la sconfitta su King’s row porta la tua triste firma. In calce spiccano i sentiti ringraziamenti di SoOn.
  • 2 a Mayhem e Dynasty: una stagione che merita una solenne ubriacatura di quelle che fanno dimenticare tutto. Se passa il doposbornia ci si vede alla prossima.
  • 1 ai Dragons: 40 alla voce sconfitte 0 a quella delle vittorie. #maiunagioia #solocosebrutte
  • 0 a questo sostenitore dei Gladiators: fare la mossa di dare il 5 a Fate per poi tirare indietro la mano, roba che spacca fino a che non finisci le scuole elementari… dopo sono solo sorrisi di compassione. Ti prego insegnaci la tua ironia o maestro. La faccia sconcertata di SoOn vale più di mille parole. Vai Magico!

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701