Overwatch: Difesa!

Overwatch: Difesa!

Profilo di Stak
 WhatsApp

In questa quarta puntata della rubrica dedicata agli eroi di OverWatch, vogliamo presentarvi i personaggi che avranno il ruolo di difesa all’interno del party.
Saranno quindi personaggi dotati di poteri che aiuteranno il raid mediante le loro preziose abilità, costruiranno torrette da difesa nei punti più nevralgici della mappa, useranno mine e bombe guidate per indebolire il nemico e proteggere i propri compagni durante l’attacco o la ritirata.

WIDOWMAKER

[embedvideo id=”S9FKin844y8″ website=”youtube”]

Biografia

“OGNI COLPO, UN MORTO.”

Widowmaker è l’assassina perfetta: una killer paziente, abile e spietata, senza emozioni o rimorsi.

Si ritiene che in passato Widowmaker fosse sposata con Gérard Lacroix, un agente di Overwatch responsabile delle operazioni contro l’organizzazione terroristica Talon. Dopo il fallimento di numerosi tentativi di assassinio contro Gérard, Talon decise di cambiare approccio e colpire sua moglie, Amélie. I terroristi la rapirono e la sottoposero a un intenso programma di ricondizionamento neurale, alterandone la personalità e riprogrammandola come agente dormiente. Venne infine portata in salvo dagli agenti di Overwatch, apparentemente incolume, e tornò alla sua vita di tutti i giorni.

Due settimane dopo, uccise Gérard nel sonno.

Avendo compiuto la sua missione, Amélie tornò alla sede di Talon, dove terminò il processo per diventare una letale arma vivente. Ricevette un addestramento intensivo per le azioni furtive, inclusa l’alterazione della sua fisiologia: il suo cuore cominciò a battere più lentamente, rendendo la sua pelle fredda e bluastra e causando un totale distacco dalle emozioni umane. Amélie non esisteva più.

Ora Widowmaker è l’assassina più letale a disposizione di Talon, e l’unica emozione che prova è la soddisfazione per un lavoro ben fatto.

 

Abilità

BACIO DELLA VEDOVA
Il versatile fucile di precisione di Widowmaker è ideale per i colpi mirati da lunga distanza, ma se i nemici si avvicinano può essere impiegato in modalità automatica.

RAMPINO
I rampini di Widowmaker si agganciano alle superfici scalabili e le permettono di raggiungerle rapidamente, fornendole una visuale più ampia del campo di battaglia e permettendole di evitare o aggirare i bersagli.

MINA VENEFICA
Questa mina ad attivazione rapida aderisce praticamente a qualunque superficie. Quando un bersaglio si avvicina all’ordigno la mina esplode, liberando un gas che avvelena i nemici circostanti.

VISORE TERMICO ABILITÀ DEFINITIVA
Il visore da ricognizione di Widowmaker le permette di vedere per un po’ il calore generato dai nemici attraverso pareti e oggetti. Questa visione potenziata viene condivisa con gli alleati.

 

TORBJORN

[embedvideo id=”KpplEr-qJ7w” website=”youtube”]

Biografia

“MONTARE E SMONTARE: DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA.”

Nel momento di massimo splendore, Overwatch possedeva gli armamenti più avanzati del pianeta, tutti prodotti nell’officina diretta dal brillante ingegnere Torbjörn Lindholm.

Prima della Crisi degli Omnic, Torbjörn era diventato famoso per aver progettato numerosi sistemi d’armamento utilizzati da diverse nazioni su tutta la Terra. La sua convinzione che la tecnologia dovesse rimanere sotto la stretta supervisione dell’umanità lo mise però in contrasto con i suoi datori di lavoro, orientati ad affidare il controllo degli armamenti a un’intelligenza artificiale gestita da una rete di computer.

Torbjörn aveva sempre provato una forte diffidenza nei confronti dei robot senzienti: benché molti suoi colleghi lo considerassero semplicemente paranoico, le sue peggiori paure si concretizzarono quando i robot di tutto il mondo si rivoltarono contro i loro creatori umani durante la Crisi degli Omnic. Grazie alle sue geniali capacità ingegneristiche, venne reclutato nella squadra d’assalto originale di Overwatch, e molte delle sue invenzioni si rivelarono fondamentali per porre fine alla crisi. Negli anni successivi, Overwatch divenne una forza di pace internazionale e Torbjörn continuò a essere una preziosa risorsa per l’organizzazione, fornendole costantemente nuove tecnologie e sistemi d’armamento.

In seguito alla caduta di Overwatch, molti degli armamenti di Torbjörn sono stati trafugati o nascosti in giro per il mondo. Sentendosi responsabile per le sue creazioni, Torbjörn è deciso a impedire che cadano nelle mani sbagliate e possano essere usate contro degli innocenti.

Abilità

SPARACHIODI
La pistola di Torbjörn spara chiodi incandescenti a lunga gittata o espelle una scarica di metallo fuso a corto raggio.

MARTELLO DA FORGIA
Torbjörn usa il suo martello multiuso per costruire, potenziare e riparare le torrette. In caso di necessità, può servirsene anche come arma.

TORRETTA
Torbjörn costruisce un cannone che attacca automaticamente i nemici. Può usare i rottami che raccoglie dai corpi dei nemici o degli amici uccisi per ripararlo o potenziarlo, aumentandone la resistenza e dotandolo di una seconda canna e di un lanciarazzi.

MODULO D’ARMATURA
Torbjörn piazza per terra un potenziatore d’armatura che lui o i suoi alleati possono raccogliere per assorbire parte dei danni subiti.

NUCLEO ARDENTE ABILITÀ DEFINITIVA
Dopo aver sovralimentato la sua forgia personale, Torbjörn ottiene una grande quantità d’armatura e di rottami. Può anche attaccare, oltre a costruire e riparare le torrette, molto più rapidamente del normale.

 

BASTION

[embedvideo id=”c4d_7x259wU” website=”youtube”]

Biografia

Questa particolare unità Bastion, impiegata in prima linea al tempo della devastante Crisi degli Omnic, ora è dedita all’esplorazione del mondo, affascinata dalla natura ma anche turbata dalla diffidenza degli umani.

Create inizialmente per mantenere l’ordine pubblico, le unità robotiche Bastion potevano cambiare rapidamente assetto per adattarsi a differenti esigenze tattiche. Tuttavia, durante la Crisi degli Omnic vennero schierate contro i propri creatori umani, arrivando a formare il grosso dell’esercito ribelle. In seguito alla risoluzione della crisi, la quasi totalità delle unità fu distrutta o smantellata. Tutt’oggi, le unità Bastion continuano a essere il simbolo degli orrori del conflitto.

Una particolare unità Bastion, gravemente danneggiata negli scontri finali della guerra, venne abbandonata per oltre un decennio. Rimase in stato dormiente, esposta agli elementi mentre la natura ne prendeva lentamente possesso. Il robot, ricoperto di radici e viticci e ridotto a tana per piccoli animali, rimase inerte, apparentemente ignaro del passare del tempo, finché all’improvviso un giorno si riattivò. Con il protocollo di combattimento disattivato, sviluppò uno spiccato interesse per la natura e le sue creature. L’unità Bastion, incuriosita, decise di esplorare il mondo alla ricerca di un nuovo scopo in un pianeta devastato dalla guerra.

Benché “Bastion” sembri gentile, talvolta persino innocuo, quando percepisce un pericolo il suo protocollo di combattimento si riattiva, sfruttando appieno l’arsenale dell’unità per eliminare qualsiasi cosa consideri una minaccia. Ciò ha portato il robot a sporadici conflitti con i pochi umani che ha incontrato, spingendolo a evitare le zone abitate e a restare nelle regioni più selvagge della Terra.

 

Abilità

ASSETTO DA BATTAGLIA
In assetto da battaglia Bastion può muoversi liberamente ed è equipaggiato con un mitragliatore che spara raffiche a medio raggio.

ASSETTO DA ASSEDIO
In assetto da assedio Bastion è un baluardo immobile protetto da uno scudo frontale ed equipaggiato con una mitragliatrice gatling dalla notevole cadenza di fuoco. Con essa può prendere di mira più bersagli, infliggendo danni devastanti a corta e media distanza.

RICONFIGURAZIONE
Bastion può cambiare assetto a piacimento per adattare la propria configurazione alle mutevoli condizioni del campo di battaglia.

AUTORIPARAZIONE
Bastion è in grado di ripararsi, ma non può muoversi né usare armi fino al termine del processo.

MINA TELEGUIDATA ABILITÀ DEFINITIVA
Bastion guida a distanza una mina che detona in presenza di un nemico, infliggendo considerevoli danni nell’area interessata dall’esplosione.

I bilanciamenti di Overwatch2: l’importanza della COMMUNITY!

I bilanciamenti di Overwatch2: l’importanza della COMMUNITY!

Profilo di Tommaso AKY Rappazzo
 WhatsApp

I bilanciamenti di Overwatch2 – Gli sviluppatori di Overwatch2 fin da subito hanno voluto sottolineare l’importanza che svolgono i giocatori e, più in generale, la Community. Uno degli obiettivi principali di Blizzard era ed è tutt’ora quello di dare maggiore peso ed importanza ai feedback che puntualmente ricevono dai giocatori, così da non cadere nuovamente negli errori del passato. Tale “modus operandi” permette al team di sviluppo di avere a disposizione dei riscontri puntuali sull’andamento del gioco ed il suo sviluppo ed i giocatori in cambio possono sentirsi maggiormente parte di questo progetto.

Da uno degli ultimi comunicati di Blizzard emergono svariati dati analitici, tali dati vengono da loro utilizzati per rendere il gioco sempre più bilanciato, offrire loro una visione generale sull’andamento del gioco e portare alla luce le scelte ed i comportamenti dei giocatori.

In questo articolo presentiamo un sunto di quello che il team di sviluppo ha analizzato e potuto apprendere dalla prima fase di BETA test e dai numerosi riscontri emersi grazie a tutta la Community.

Lo studio dei dati e la performance degli eroi

I bilanciamenti di Overwatch2 – Il team di sviluppo in questa fase di BETA test ha concentrato la sua attenzione sugli eroi su cui sono state introdotte modifiche e bilanciamenti. Gli sviluppatori hanno potuto notare che i giocatori hanno fin da subito voluto testare Sojourn ed i cambiamenti delle abilità introdotte su Sombra, Doomfist, Orisa e Bastion. Tra i dati più importanti da analizzare in queste fasi troviamo sicuramente la performance di un eroe, tale dato è servito per capire se gli eroi impattati da queste modifiche fossero troppo forti oppure troppo deboli, così da poter regolare maggiormente il risultato finale del bilanciamento. I developer vogliono precisare che i dati raccolti sono stati presi da giocatori di tutti i rank, così da avere un quadro più preciso ed accurato.

L’interesse di un eroe e la sua popolarità

Gli sviluppatori ci sottolineano che uno dei parametri fondamentali da analizzare per avere un quadro completo ed esaustivo sulla performance di un eroe è il suo “tasso di utilizzo”. Il team si è concentrato ad osservare quali eroi fossero più giocati ed in quali circostanze così da comprendere meglio in che modo ed in che termini hanno impattato le modifiche apportate. Tale dato è la risultate tra il numero di volte che un eroe viene giocato ed il suo tempo di utilizzo nelle partite.

Di seguito forniamo un grafico molto preciso ed accurato fornito dagli sviluppatori così da poter vedere quali eroi sono stati più giocati in percentuale durante tutto il periodo del BETA test. (Nel presente grafico sono evidenziati gli eroi sui quali i developer hanno apportato modifiche)

(Fonte Blizzard: Link)

Come si può facilmente intuire dal grafico gli eroi impattati da vari bilanciamenti e modifiche alle abilità sono stati quelli giù giocati nel periodo di BETA test.

Un altro importante dato da tenere in esame è il valore riferito al “tasso di utilizzo ponderato”, il quale indica quanto soventemente venga utilizzato un eroe in funzione del numero di eroi presenti con lo stesso ruolo. (Nel presente grafico sono evidenziati gli eroi sui quali i developer hanno apportato modifiche)

(Fonte Blizzard: Link)

Come ci sottolinea Blizzard nel suo articolo questo dato serve loro per comprendere l’interesse che i giocatori mostrano per un determinato eroe, in questo particolare caso possiamo notare che i nuovi eroi e gli eroi che hanno avuto modifiche delle abilità sono maggiormente utilizzati rispetto ad altri.

Quanto i bilanciamenti incidono sulle vittorie

I developer sono costantemente attenti a monitorare il così detto “tasso di vittoria” di ogni eroe. Tale dato fornisce importanti informazioni sull’impatto che le loro modifiche hanno avuto sugli eroi impattati da esse, il loro interesse è quello di non sbilanciare troppo un eroe piuttosto che un altro, non renderli troppo difficili da utilizzare e soprattutto che siano divertenti da giocare. Tali informazioni reperite sono state fondamentali per meglio direzionare il “tiro” sulle modifiche apportare agli eroi di supporto in questa BETA. (Nel presente grafico sono evidenziati gli eroi di supporto sui quali i developer hanno apportato modifiche)

(Fonte Blizzard: Link)

L’importanza dei feedback della community

I bilanciamenti di Overwatch2 – Gli sviluppatori, anche in questo articolo, marcano nuovamente l’importanza che la Community ricopre per poter meglio direzionare le decisioni del team di sviluppo e per meglio scoprire quali sono i trend in particolari momenti o situazioni. Affermano che “Il bilanciamento del gioco è una maratona” e che “il processo di cambio, scoperta, analisi e modifiche è un ciclo infinito di bilanciamenti”. I feedback dei giocatori sono un importante spunto su cui lavorare per poter meglio comprendere su quali eroi si rende necessario un bilanciamento o una modifica.

Cosa pensate sui dati e gli studi effettuati dal team di sviluppo in questa prima fase di BETA test? Attendiamo numerosi riscontri!

Articoli correlati:

Overwatch, la community piange la scomparsa di Joomla: ”fratello, amico e grande ispirazione”

Overwatch League WEEK3: Pick rate e l’aggiornamento della classifica

Ancora Italia alle Grand Finals delle FNCS di Fortnite: Zara e DarkiiZz qualificati

Overwatch, la community piange la scomparsa di Joomla: ”fratello, amico e grande ispirazione”

Overwatch, la community piange la scomparsa di Joomla: ”fratello, amico e grande ispirazione”

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Una pagina nera per il gaming ed in particolare per la community di Overwatch, che oggi si trova in lutto per uno dei content creator e professionisti del gioco più conosciuti ed amati della storia del gaming Blizzard, perché nella giornata di ieri è venuto a mancare Joomla.

La notizia è stata diffusa sul server Discord dello streamer da un suo collaboratore ed amico, che con parole di rammarico ha informato gli oltre 50.000 membri della sua community della dipartita del loro idolo.

Poco più in basso vediamo insieme le parole dell’annuncio ed alcuni dei numerosissimi messaggio di condoglianze e ringraziamenti da parte di alcuni tra i principali esponenti del gioco, che ci ricordano ancora una volta quanto anche attraverso uno schermo si possano trasmettere un fiume di emozioni.

Overwatch saluta Joomla, le ultime lacrime dagli amici dello streamer

“Sono così terribilmente dispiaciuto di doverlo dire a tutti. Non ho mai dovuto fornire notizie come questa. Risparmio di dettagli a tutti perché è una questione delicata, e non mi sembra giusto che io, tra tutte le persone, debba essere il primo a comunicarlo.”

“Purtroppo Joom non è più con noi. Man mano che riceverò notizie o aggiornamenti, li comunicherò anche a voi, ma al momento penso che dobbiamo lasciare che passi un po’ di tempo. Lasciamo che la sua famiglia e i suoi cari elaborino il lutto, e che tutti noi piangiamo come comunità”.

In seguito alla diffusione della notizia sono iniziati ad arrivare i primi messaggi di vicinanza: “Non sarei quello che sono senza di lui“, ha detto Eveea una collega, “Si sentiva come un fratello maggiore, mi ha dato così tanti consigli sulla vita ai quali penso quasi ogni giorno e che hanno plasmato chi sono diventata come persona”.

Questo, invece, il messaggio dedicato a Joomla dall’amico di Overwatch Noonie: “Joomla, sei il più grande amico che chiunque avrebbe potuto desiderare. Sono onorato e felice di aver avuto il privilegio di chiamarti uno dei miei amici più cari. Ricorderò ed amerò tutti i momenti che abbiamo trascorso giocando e parlando insieme”.

Pagina nera community, oggi si piange, nessuna discussione.

Articoli Correlati:

 

Overwatch League WEEK3: Pick rate e l’aggiornamento della classifica

Overwatch League WEEK3: Pick rate e l’aggiornamento della classifica

Profilo di Tommaso AKY Rappazzo
 WhatsApp

Overwatch League WEEK3 – Si è appena conclusa la terza settimana dei Kickoff Clash della stagione 2022 della Overwatch League. La WEEK3 non ha tradito le aspettative, anche questa terza settimana ha lasciato il segno ed ha fatto palpitare i nostri cuori. Questa è stata la settimana di esordio per la Eastern Conference che, nonostante i ritardi legati alla pandemia, si è subito dimostrata agguerrita e con la voglia di fare la differenza in questa stagione.

Osservando le partite giocate dalle squadre della Eastern Division si sono potute notare a colpo d’occhio alcune differenze di composition e playstyle, dettagli che potranno sembrare di poco conto ma che nel complesso ne delineano uno stile dio gioco differente ed un META leggermente diverso rispetto alla West region.

Questo fine settimana si apriranno le danze per la quarta settimana dei Kickoff, le squadre della Eastern Division ci terranno compagnia per quattro giorni consecutivi, così da recuperare la loro assenza nelle prime due settimane.

Overwatch League WEEK3 – Le differenti scelte degli eroi tra le due regioni

Come sopra anticipato si sono riscontrate alcune piccole differenze sulle preferenze di scelta di alcuni eroi tra la regioni.

Con dati analitici alla mano forniti da Blizzard si evidenziano le seguenti differenze sul “pick rate” (eroi con tempo di gioco maggiore del 2%):

  • Zarya: 11,8% Est – 3,4% Ovest
  • Brigitte: 6,7% Est – 2,7% Ovest
  • Ashe: 3,3 % Est – % non disponibile Ovest
  • Tracer: 2,9% Est – 7,6% Ovest
  • Winston: 7,1% Est – 11,8% Ovest
  • Doomfist: % non disponibile Est – 3,6% Ovest

La più evidente e singolare è l’utilizzo massiccio di Zarya nella Eastern Division rispetto ad altri tank, percentuale di utilizzo identica a quella di Winston nella Western Divison. Tali piccole differenze fanno si che tra le due regioni si delineino dei META leggermente differenti, arricchendo maggiormente lo spettacolo che queste squadre ci offrono ad ogni partita.

Overwatch League WEEK3 – La classifica aggiornata

Rispetto alla scorsa settimana ci sono stati notevoli colpi di scena che hanno impattato in modo significativo sulla classifica della West Region, nonostante questo però si denota una situazione di apparente equilibrio al vertice della classifica dove troviamo; Atlanta Reign, Florida Mayhem, Houston Outlaws, Washington Justice e Toronto Defiant tutte a tre punti e con la possibilità di stravolgere le sorti di questi Kickoff. Restano imbattuti e comodamente seduti sul trono della classifica i San Francisco Shock con cinque punti, seguono a quattro punti i Dallas Fuel.

Per quanto concerne le squadre della Eastern Conference abbiamo al vertice: Philadelphia Fusion, Hangzhou Spark e Seoul Dynasty, tutte a due punti, in coda alla classifica i Los Angeles Valiant con zero punti.

Per l’Eastern Division è ancora tutto da decidere, le sorti della classifica si decideranno questo Week End, dove avremo modo di ammirare il talento di queste squadre per quattro giorni consecutivi. Non resta quindi che attendere trepidanti l’inizio di questa WEEK 4 e godersi lo spettacolo!

Cosa ne pensate Community? La discussione è aperta!

Articoli correlati:

Overwatch 2, cosa verrà dopo la Beta? Gli sviluppatori rivelano un nuovo evento

Overwatch competitive: la strada per diventare dei CAMPIONI

Note sulla patch 3.8.0. di Legends of Runeterra ed evento Pulsefire rilasciati