La Triple Damage in Overwatch è un ritorno al passato?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

L’inserimento della 2-2-2 in Overwatch ha in parte migliorato la qualità del gioco, ma d’altro canto ha allungato il tempo di ricerca delle partite per poter giocare, in particolare la classe dei DPS.

Di recente il Team 4 ha aggiunto una nuova modalità Experimental con 1 tank – 3 dps – 2 support… Ma è la prima volta che si parla di questo tipo di composizione? Già in passato, precedentemente alla Role Lock, Overwatch a livello competitivo è stato interessante per delle composizioni aggressive caratterizzate dal triplo DPS, generalmente suddivise in 2 spam e 1 flank.

Ecco a voi 4 esempi di build, derivanti da ogni periodo storico di Overwatch:

High Dive Comp (Dreamhack Winter Tournament 2016):
Nella Season 4 nasce questa comp basata su Winston, Tracer, Genji, Pharah, Mercy e Lucio. Il punto di forza di questa build è il poter isolare un bersaglio dalle cure nemiche attraverso lo scudo di Winston, per poi finirlo con tutto il danno possibile proveniente da ogni angolo. Fu un ottimo counter alla Triple Tank, una composizione da 3 tank davvero formidabile. Un ottimo match che mostra le potenzialità di questa comp è Misfist vs. Fnatic nelle finali del Dreamhack Winter Tournament 2016.

Rushdown (OWL Playoffs Stage 1)
I London Spitfire nei Playoffs decidono di giocare questo jolly contro gli LA Valiant nei playoffs della prima OWL: il pick più curioso tra tutti era Reaper, personaggio che non trovò mai spazio nel meta per la sua scarsa mobilità. Birdring, il Reaper degli LS, accompagnato da Tracer, Soldier, Brigitte, Lucio e Winston, sconfigge quindi i Valiant su Oasis con una performance davvero eccellente. La Rushdown nacque proprio basandosi sulla incredibile quantità di danno che poteva infliggere in un attimo, ancor prima che i nemici potessero reagire.

Triple Dps (OWL S2 Stage 3)
Gli Shanghai Dragons contro la squadra capolista dei SF Shock sorprendono i fan con delle composizioni dal triplo DPS che spesso alternavano pick come Sombra, Pharah, Doomfist, Widowmaker e Reaper, accompagnati da Ana e Mercy come support e da Orisa o Hammond come tank. E’ stato interessante vedere un team considerato inferiore da tutti a causa della precedente stagione OWL battere 4-3 i campioni indiscussi di Overwatch.

Triple DPS italiana (Season 17 – Unieuro Esport Cup)
La Triple DPS italiana è una novità nostrana derivata dai Rogoredoz, il team vincitore della Coppa Italia contro i favoriti Clockgoats. La composizione si divideva in Aleeh con Pharah, Luke con l’inaspettata Ashe, e Lilyung con Doomfist. Con Lazlo (Mercy), Lolle (Ana) e Kev (Wrecking Ball) al fianco, hanno dimostrato alla community la differenza tra chi parla e chi fa i fatti, tornando a casa con l’ambita coppa.

Questi sono solo 4 esempi su come la Triple DPS sia già realtà da molto tempo; era spesso presente prima della Role Lock a seconda del bilanciamento e della mappa da giocare (in particolare nelle mappe Controllo – Assalto).
Fateci sapere se avete giocato in passato queste composizioni aggressive, e se vi piace anche la nuova formula della 1-3-2 con tutti i tank modificati.


La Triple Damage in Overwatch è un ritorno al passato?
Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701