I Vancouver Titans si laureano campioni del primo stage di Overwatch League

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La vittoria arriva contro gli Shock, che non smettono mai di lottare in un match accesissimo

Ieri sera si è ufficialmente concluso il primo stage di questa edizione della Overwatch League, con una sfida surreale che ha visto i San Francisco Shock scontrarsi contro i Vancouver Titans per il titolo di campioni di questo Stage 1. La vittoria, come molti si aspettavano, è andata alla formazione canadese, che con la sua rosa di supercampioni coreani arrivati dal team dei RunAway, si è subito posizionata nei massimi livelli della Overwatch League.

Ciò che non molti si aspettavano, invece, era un prestazione come quella che gli Shock hanno fornito ieri sera: il team di San Francisco ha dato del filo da torcere alla formazione dei Titans, che con loro ha subito le uniche sconfitte di mappa dell’intero playoff.

Sette mappe giocate tra Shock e Titans, l’ultima ha deciso l’esito dello scontro

Gli Shock, entrati nei playoff al settimo posto, hanno dato fondo ad ogni energia a loro disposizione per far fronte alla potenza del team di Vancouver, ma senza riuscirci: la disparità di forza tra queste due formazioni è tanta, ma la rosa di SF ha dimostrato di crederci veramente e di poter lottare ai massimi livelli. Al termine dello scontro, però, sono i Titans ad essere comunque ancora convincenti: nonostante il risultato sia stato deciso all’ultimissima mappa, è facile notare come i canadesi abbiano vinto ogni mappa da loro scelta con un margine ampissimo di tempo, mentre gli Shock hanno sempre dovuto lottare fino all’ultimo secondo per aggiudicarsi ogni punto ed ogni vittoria.

Gli Shock, però, hanno quasi completato una perfetta storia da Cenerentola: nonostante la sconfitta finale molti fan si sono dovuti ricredere su questo team considerato di medio livello, che in questi Playoff ha sconfitto un grande nome come quello dei Fusion ed è arrivato ad un passo da strappare il primo posto dalle mani di uno dei team più forti del mondo.

Nonostante l’MVP del match sia andato a SeoMinSoo, la grande sfida di questa lunghissima partita è stata quella tra i due main tank Bumper e Super. Park Sang-beom, della formazione dei Titans, e Matthew De Lisi, giocatore per gli Shock, hanno dato grande spettacolo durante tutta la serata a colpi di Earthshatter sfidandosi in una danza strategica volta a decretare chi fosse il migliore Reinhardt della League. Il risultato sembra favorire il coreano Bumper, ma ormai tutti i seguaci del torneo sanno quali siano le capacità di gioco di Super. Anche Soe si è ricreduta: non esiste più il meme “Super-bad”.

Il match è stato incredibilmente bello da vedere, e mi sento di consigliare a tutti quanti di andare a riguardare i VOD nel caso vi foste persi la partita in diretta. Tra le eccezionali bombe di ChoiHyoBin e le giocate di  SeoMinSoo, le prodezze di Slime e i salvataggi in extremis di Moth vale assolutamente la pena riguardare questa finale dei playoff nello Stage 1.

Guarda 2019 Season | Stage 1 | Playoffs | Finals di OverwatchLeague su www.twitch.tv


Ovviamente non sono mancate le controversie che hanno circondato l’apparizione della finalissima sul canale americano ABC. Molte persone si sono sfogate sui social per esprimere la loro frustrazione, scrivendo come “il mondo che conosciamo è ufficialmente in declino” e rispondendo alla trasmissione con emoticon di vomito.

Ma anche in questo caso, per qualcuno, c’e una storia di redenzione. L’utente di Twitter MarcosPena54 è come molti scandalizzato dalla presenza di Overwatch in televisione. Secondo lui, chi gioca ha “i testicoli piccoli” e le donne “hanno più testosterone di loro”.

Piano piano, però, anche Marcos inizia ad apprezzare la battaglia in onda sulla tv. Pochi minuti dopo questa persona inizia ad utilizzare su Twitter dei termini di gioco, ed infine, in seguito al commento di un altro utente, Marcos lo ammette: “più la guardo più mi piace. Mi ha convinto, questa roba è come gli sport. Mi avete corretto, questo è eccezionale”.

Per Marcos è solamente l’inizio della sua nuova vita da fan degli esport. Pian piano i termini tecnici inizieranno ad entrare nel suo parlato comune, dimostrando una volta per tutte che gli esport possono diventare una passione per tutti. In uno dei suoi tweet seguenti, infatti, Marcos utilizza il termine “Graviton” in un contesto comune.

Una vera storia di redenzione che fa ben sperare nel futuro per tutti gli appassionati di esport. Per ora dovremo aspettare la ripresa della Overwatch League venerdì 5 aprile all’1, si inizierà lo Stage 2 con un match di altissimo livello: Philadelphia Fusion contro New York Excelsior.


I Vancouver Titans si laureano campioni del primo stage di Overwatch League
Gabriele "theGabro" Colombi

Nerd. Amante di giochi e videogiochi, Gabriele spende la sua infanzia tra un monitor e una console, e all'università scopre il fantastico mondo degli eSport. @theGabro_ su Twitter.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701