I giocatori degli Eagle Gaming potranno essere acquistati senza pagare il buyout

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Fonte copertina: Eagle Gaming TV

E’ di pochi minuti fa la notizia per la quale gli Eagle Gaming avrebbero annunciato la totale rinuncia a qualsiasi commissione di buyout nel caso in cui uno dei loro giocatori dovesse firmare per un team della Overwatch League.
A dare l’annuncio è stato direttamente il fondatore degli Eagle, Xavier Calvi, che ha affermato: “Anche se abbiamo una squadra di successo, che ha dimostrato il suo grande potenziale durante le finali di Overwatch Contenders, preferiamo accompagnare i nostri giocatori attraverso le loro carriere per raggiungere il massimo livello di competizione. Ecco perché rompiamo la clausola di buyout presente nel loro contratto per offrire loro la migliore possibilità di ottenere un posto in una  squadra di Overwatch League”.

In sostanza, se una delle tante squadre della Overwatch League dovesse essere interessata a KnOxXx o NiCO (solo per citare due dei grandi nomi che compongono il roster Eagle), potrebbero prendere questi giocatori senza dare neanche un centesimo agli Eagle Gaming rendendo certamente più vantaggioso l’acquisto degli stessi da parte delle squadre “di serie A”.
Il tutto, ha spiegato Eagle Gaming, serve per incentivare la crescita dei “suoi” giocatori che cosi avrebbero maggiori possibilità di entrare nella Lega di Overwatch proseguendo nella loro carriera.
Andrebbe però chiarito, magari da Blizzard, se tutto questo è corretto e giusto.
Noi sappiamo che una squadra che partecipa al Contenders può spesso essere una comunque piccola realtà per la quale è fondamentale avere un introito di qualche tipo. Non è questo il caso dato che si tratta degli Eagle Gaming ma qui, forse, nasce un precedente che potrebbe creare dei problemi.

Il primo problema che si potrebbe andare a creare è relativo al mercato di Overwatch: con una big che “regala” i suoi giocatori l’intero mercato della lega potrebbe sentire un contraccolpo con altre società che magari prendono la stessa decisione causando una generale diminuzione del “valore” di ogni giocatore dal punto di vista di chi quei cartellini li detiene.
Se alcuni giocatori del Contenders vengono ceduti a costo zero a parità di abilità con altri giocatori che invece non hanno la “fortuna” di giocare per una squadra disposta a cederli a costo zero, questo crea un pericoloso scompenso al regolare svolgersi delle fasi di mercato.

Ovviamente il tutto è assolutamente regolare ed ogni squadra può e deve continuare a decidere in libertà cosa fare dei propri giocatori. Nessuno vuole inoltre mettere in dubbio la buona fede di Xavier Calvi che anzi si è dimostrato essere molto interessato al futuro dei suoi giocatori.
Essendo però il Path To Pro di Overwatch un qualcosa di ancora molto giovane e variegato (ci sono infatti protagoniste sia piccole e giovani squadre sia importanti ed avviate società) annunciare che i propri giocatori potranno essere presi senza che il nuovo team paghi un corrispettivo alla società di appartenenza potrebbe creare non pochi problemi all’equilibrio interno delle due leghe maggiori di Overwatch.
Voi cosa ne pensate?


I giocatori degli Eagle Gaming potranno essere acquistati senza pagare il buyout
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701