Piccoli Aggiornamenti del Meta di Magic Arena a tre Settimane da Fedeltà di Ravnica pt 1

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Come da titolo andiamo a vedere, con una breve analisi, come il Meta di Magic Arena(e non) si stia evolvendo in una nuova forma a tre settimane, e qualche torneo ufficiale, da Fedeltà di Ravnica.

Molte le carte nuove che hanno avuto un forte impatto sul Constructed in questi primi periodi. Risultano, come vedremo, rafforzati alcuni archetipi già esistenti nella passata espansione e non solo. Tanti i nuovi deck che, per via delle nuove Multicolored Cards di Gilda ovviamente, hanno trovato una nuova stabilità.

Il Lato Aggro di Fedeltà di Ravnica

Il MonoRosso continua a mietere vittime. Archetipo Aggro presente sin dal principio e catalizzatore di molte critiche e altrettanti risultati nel settore. Particolarmente forte durante il periodo di Kaladesh/Amonketh continua a raggiungere ottimi risultati anche per via delle nuove aggiunte. La meccanica Spectacle di Rakdos risulta forse la più performante tra quelle giocate nella nuova espansione e carte come Skewer the Critics e Light up the Stage sono ormai da considerarsi una aggiunta obbligatoria.
Anche la versione Aggro di Azorious risulta presente nelle prime posizioni di alcuni dei tornei indetti da Star City Games. Anche in questo caso la base del deck ricorda molto il famoso MonoWhite o MonoWhite Weenie, com l’aggiunta della nuova Deputy of Detention e Tithe Taker.
Come ricordato dalla nostra Redazione, ci sono state timide apparizioni di altri “esperimenti” o deck semplicemente “fuori posto” al momento. Tra tutti Boros Aggro, assolutamente tra i protagonisti della passata espansione.

50 Sfumature di Golgari: La parte Midrange di Fedeltà di Ravnica

Tra gli assoluti protagonisti di questa prima e “beta” parte della nostra analisi troviamo, ovviamente, il Sultai Midrange. Il deck in questione mantiene tutto il power core del fù Golgari Midrange e quindi, di conseguenza, il pacchetto Explore formato da carte come Wildgrowth Walker\Jadelight Ranger\Merfolk Branchwalker. Risulta invariata anche la parte relativa ai Planeswalker e ai remouval che rimangono, con meritevoli eccezioni, gli stessi. Quale il guadagno nello splasharlo con il Blue allora??!

” Krasis contro Krasis “

Sicuramente l’Hydroid Krasis rappresenta una aggiunta anch’essa obbligata quando si pensa ad una creatura Verde\Blue che cresce in base al mana speso(e in questo caso le ultime Shock Lands lo hanno permesso meglio di tante altre) e che ci permette non solo si recuperare importanti punti vita ma anche di pescare carte.
NON SOLO KRASIS però. Tantissime le possibilità del deck in questione. E i vari deckbuilder ne hanno approfittato. Hostage Taker per la maggiore, ma anche la nuova Frilled Mistyc oltre che all’Incubation Druid tanto caro ai Ramp Deck.
In ultimo appello, l’abbinamento di questi tre colori è al momento così valido da aggiungere anche un’altra versione al tutto, che mantiene il core sopra indicato ma inserisce un’altra carta del pacchetto Ixalan\Rivali di Ixalan: Hadana’s Climb.
Altre eccezioni meritevoli per la parte Midrange li troviamo anche nelle primordiali versioni di Bant e Esper. Che in un primo momento hanno valutato queste opzioni per il deckbuilding forti della parte “White Oriented” che comprende carte come History of Benalia, Seal Away e Shalay per il blocco di Dominaria ed aggiunge Growth-Chamber Guardian, Angel of Grace e Frilled Mystic. Discorso simile anche per L’Esper Midrange che, ricordando le nuove espansioni, aggiunge: Basilica Bell-Haunt, Seraph of the Scales, Mortify e Hero of Precint One. Da segnalare anche alcune decklist “Tempo Oriented” con il nuovo Planeswalker Dovin, Grand Arbiter.

Conclusioni!(per il momento)

Finisce qui, con il gran finale, questa breve analisi riguardante il meta al momento di Fedeltà di Ravnica. Abbiamo dato una occhiata generale alla parte inerente Aggro e Midrange e le modifiche ricevute da questa ultima espansione. Nell’appuntamento di domani andremo a trattare i Control i Fog’s Deck e qualche lista “Tempo”

Ringraziamo inoltre Luca Battaiotto per l’idea dell’articolo e per la divisione.

Davide "Tyrann" Giungato

Affascinato sin dalla tenera età di videogiochi dei più svariati generi e soprattutto dai Giochi di Carte Collezionabili. Approdo al lato "competitivo" del gaming per pc con Hearthstone nel 2015 per poi decidere di provarli TUTTI; da Faeria a Duelyst e da TES: Legend a MTG: Arena. Giungo poi su Gwent e trovo Powned.it nel novembre del 2017 dove comincio a scrivere di Gwent e di tanto altro. Da sempre appassionato di discussioni sui CCG, trovo interessante parlare per ore e ore di come un buon drop a 2 possa cambiare le sorti di una intera partita.. e anche del mio tempo!