Marvel SNAP: chi è il Barone Zemo? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è il Barone Zemo? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
 WhatsApp

Storia Barone Zemo – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata alla nuova carta in uscita, Barone Zemo.

Creato nel luglio 1964 da Stan Lee e Jack Kirby, appare par la prima volta in The Avengers volume 1 numero 6.

BARONE ZEMO: la storia dietro alla carta di Marvel Snap

Il Dr. Heinrich Zemo è nato nel 1900 a Zeulniz, Germania. Una volta ereditato il titolo di barone, riesce a restituire prestigio al casato, quasi decaduto durante la baronia paterna e, dopo aver combattuto come soldato di fanteria la prima guerra mondiale, diviene uno dei migliori scienziati del Partito Nazista.

In questo periodo ed in generale durante la Seconda Guerra Mondiale affronta in più occasioni Capitan America. Il suo sadismo e l’utilizzare puntualmente i suoi stessi concittadini come cavie per i suoi esperimenti portano ben presto Zemo a guadagnare il titolo di “Uomo più odiato d’Europa”, spingendolo a indossare sempre una maschera-cappuccio color porpora per non farsi riconoscere da suoi nemici.

Durante una battaglia con Capitan America, una dose della poderosa colla di sua creazione nota come “Adesivo-X” (Adhesive X) cade sulla sua maschera attaccandogliela permanentemente al volto.

Nonostante potesse ancora vedere attraverso i buchi nel tessuto ed il cappuccio fosse sufficientemente sottile da permettergli di respirare, sentire e parlare, Zemo perde la capacità di nutrirsi normalmente venendo costretto ad alimentarsi per via endovenosa, inoltre l’idea di non poter più togliere la maschera lo porta ad impazzire dedicandosi, da allora, non solo alla scienza ma anche a dirigere azioni militari e di spionaggio.

Terminata la guerra Zemo abbandona la Germania e la sua famiglia trasferendosi in Sud America, facendo perdere le proprie tracce ed allungando artificialmente la propria vita grazie a un composto chimico di sua creazione.

In seguito a vari altri piani falliti, Zemo rapisce Rick Jones così da farne un’esca per il suo odiato nemico che, ovviamente, corre in soccorso del giovane. Durante la battaglia finale, lo scudo di Capitan America respinge il raggio della morte del criminale, provocando una frana nella quale Zemo rimane ucciso.

Poteri e abilità

Heinrich Zemo è un genio scientifico specializzato nello sviluppo di armi e tra le cui creazioni principali figurano: raggi della morte, androidi rudimentali, una pistola disintegrante (anche miniaturizzata) e la soluzione chimica nota come “Composto X” che gli ha consentito di rallentare il proprio processo d’invecchiamento.

Durante la seconda guerra mondiale, ha inoltre preso parte a varie operazioni militari e di spionaggio, dimostrandosi secondo solo al Teschio Rosso, mentre durante i decenni passati in Sud America è divenuto un grande esperto di combattimento corpo a corpo.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini del Barone Zemo vi sia piaciuto, ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie su tutti gli altri principali protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Jessica Jones? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Jessica Jones? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
19/04/2024 17:53 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Jessica Jones – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Jessica Jones.

Creata nel novembre 2001  da Brian Michael Bendis e Michael Gaydos, appare per la prima volta in Alias volume 1 numero 1.

JESSICA JONES: la storia dietro alla carta di Marvel Snap

Nata nel quartiere di Forest Hills nel Queens, New York, dall’impiegato delle Stark Industries Dave Campbell e da sua moglie, Jessica Campbell, cresce idolatrando i supereroi come delle star.

Iscritta alla Midtown High School nella stessa classe di Peter Parker, Jessica si prende una cotta per lui ma non riesce a trovare il coraggio di confessargli i suoi sentimenti o di rivolgergli la parola finché, durante una gita scolastica per assistere a un esperimento sulla radioattività, tenta di approcciarlo senza successo in quanto il ragazzo, appena morso dal ragno, fugge dall’edificio in preda al panico.


Il giorno successivo, la famiglia Campbell si reca a Disney World per un viaggio premio dato a suo padre da Tony Stark, durante il tragitto tuttavia Jessica inizia a litigare col fratellino Phillip… Per dire alla figlia di moderare il linguaggio, il padre Dave si distrae e finisce in un frontale con un camion dell’esercito trasportante materiale radioattivo. Mentre genitori e fratello muoiono nell’incidente, Jessica entra in coma risvegliandosi dopo sei mesi grazie alle radiazioni cosmiche diffuse dall’arrivo sulla Terra di Galactus.

Affidata in seguito a un orfanotrofio poiché non ancora maggiorenne, Jessica viene adottata dalla famiglia Jones, che la cresce tanto amorevolmente da far sì che lei li consideri come una seconda famiglia biologica. Tornata a scuola tuttavia viene presa in giro dai compagni, in particolare Flash Thompson, e, quando Peter la avvicina dicendo di capirla poiché a sua volta orfano, essa si infuria scambiando la sua sincera offerta di amicizia per pietà.

In seguito scopre che l’incidente l’ha dotata di forza e resistenza sovrumana nonché della capacità di volare motivo per il quale, ispirata dall’aver assistito al primo scontro tra l’Uomo Ragno e l’Uomo Sabbia, decide di diventare anch’essa un supereroe.

Poteri ed abilità

Jessica Jones è un’investigatrice eccezionale dotata di una fine mente analitica nonché delle nozioni basilari del combattimento corpo a corpo. In seguito all’esposizione a materiale radioattivo e alle radiazioni cosmiche di Galactus,  Jessica ha sviluppato una forza sovrumana tale da poter alzare senza sforzo apparente un’auto da 2 tonnellate. Anche la sua resistenza è decisamente maggiore di quella di un comune essere umano, sebbene non proporzionale alla sua forza. Inoltre è in grado di volare, tuttavia non essendo particolarmente abile nel farlo, si serve raramente di tale abilità.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Jessica Jones vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Sandman? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Sandman? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
18/04/2024 16:12 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Sandman – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Sandman.

Creato nel settembre 1963 da Stan Lee e Steve Ditko, appare per la prima volta in Amazing Spider-Man volume 1 numero 4.

SANDMAN: la storia dietro alla carta di Marvel Snap

William Baker nacque nel borough di Queens a New York. Quando Baker aveva solo tre anni, suo padre lo abbandonò, lasciandolo alle cure di sua madre. Il ragazzo cresce senza il padre e viene continuamente tormentato dai bulli della scuola, che spesso lo picchiano e distruggono le sue “opere di sabbia”. Infatti, William aveva un lato molto creativo e utilizzava la sabbia per creare delle sculture. Il suo talento venne notato dalla sua insegnante, Miss Flint, per la quale si prese una cotta.

William cambiò dopo aver appreso che la sua insegnante stava per sposarsi e diventò un ragazzo violento e forte, che divenne il capo dei bulli che lo avevano tormentato in precedenza, adottando il soprannome di Flint, in riferimento alla sua insegnante. Divenne rapidamente un ottimo giocatore di football americano alle superiori, dimostrandosi però troppo aggressivo e rabbioso.

Pur di salvare un’amico tormentato dagli strozzini, Flint finì per far perdere intenzionalmente un’importante partita, ma ciò causò la sua espulsione della squadra. Per la rabbia, arrivò anche a picchiare duramente l’allenatore e intraprese, da quel giorno, la strada del crimine.

Compì diverse rapine, finendo per essere catturato molte volte. Durante il periodo in carcere, Flint conosce suo padre, ma non gli rivela di essere suo figlio, per paura di non essere accettato, assumendo l’alias di Flint Marko. Dopo il rilascio di suo padre, Flint, per stare accanto al genitore, fugge dalla prigione. Inseguito dalla polizia, arrivò in un’area di sperimentazione, dove venne investito da un’esplosione nucleare che mischiò le sue molecole con la sabbia, donandogli la possibilità di trasformare il suo corpo in sabbia e mutando parti del suo corpo in armi.

Poteri e abilità

Come suggerisce il suo nome di battaglia, Baker ha la capacità di trasformarsi in sabbia, mantenendo il controllo su ogni minuscola particella del suo corpo: è in grado di assumere qualsiasi forma, tanto da avere una malleabilità pari a quella di Mister Fantastic, ma può volere che il suo corpo sia indurito, compattato, disperso o modellato, o una combinazione di queste qualità. Inoltre è in grado di aumentare o diminuire entro un certo limite le dimensioni del suo corpo. Il più delle volte in combattimento, questa capacità gli consente di assorbire la maggior parte dei colpi con pochi o nessun effetto negativo oltre a riformarsi, un’azione relativamente veloce.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Sandman vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Red Guardian? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Red Guardian? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
16/04/2024 18:48 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Red Guardian – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata alla nuova carta in arrivo oggi, ossia Red Guardian.

Creato nel gennaio 1967 da Roy Thomas e John Buscema, appare per la prima volta in  Avengers numero 43.

RED GUARDIAN: la storia dietro alla carta di Marvel Snap

Durante la seconda guerra mondiale Aleksey Lebedev, incurante del pericolo, si precipitò all’interno di un palazzo in fiamme e riuscì a salvare una donna e un bambino. Poiché i suoi abiti erano stati distrutti dal fuoco, l’uomo si coprì con una bandiera sovietica e con quella uscì dall’edificio. Ispirandosi a questa immagine, fu Stalin, come riconoscimento ufficiale per il gesto eroico, a nominare quell’uomo Red Guardian, protettore della patria russa.

Nel 1945, Red Guardian ebbe modo di collaborare con Patriota, Spirito del ’76 e Capitan America, nonostante il forte sentimento anticomunista degli americani, per recuperare una cassaforte affidata da Hitler al Teschio Rosso. L’eroe sovietico approfittò anche dell’occasione per vendicarsi delle truppe SS, che durante la guerra gli avevano sterminato la famiglia. Lo scontro nel bunker del Teschio Rosso fu molto cruento e, prima che gli alleati potessero impossessarsi della cassaforte, il bunker saltò in aria. Partiti gli americani, Red Guardian tornò sul luogo dell’esplosione ma, nonostante lunghe ricerche, non fu in grado di ritrovare la cassaforte.

Sebbene fosse stato pesantemente criticato da Stalin per questo insuccesso, durante la Conferenza di Potsdam fu nominato sua guardia del corpo. Nella stessa occasione erano presenti anche Namor e William Naslund, nei panni del nuovo Capitan America II.

I tre supereroi riuscirono a sventare un piano criminale per uccidere Stalin, Churchill, e Truman. Avendo scoperto, grazie alla confessione ottenuta da uno dei sicari che erano stati inviati per assassinare i politici, che il piano prevedeva anche di far saltare in aria la sede della conferenza. Namor, Capitan America e Guardiano Rosso attaccarono cosi la base del leader dei congiurati, il generale Brinkhaus, e poterono limitare almeno in parte i danni dell’esplosione.

Poteri e abilità

Guardiano Rosso non possiede poteri o abilità sovrumane, è un formidabile atleta altamente qualificato. Possiede un’ottima tecnica nel combattimento corpo a corpo, ed è stato addestrato in tecniche di spionaggio dal KGB.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Red Guardian vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: