Marvel SNAP: chi è Elektra? La vera storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Elektra? La vera storia del personaggio

Profilo di maretta72
 WhatsApp

Storia Elektra – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata ad Elektra.

Creata nel luglio 1986 da Frank Miller, appare per la prima volta in ‘Daredevil’ volume 1 numero 168.

ELEKTRA: la storia dietro alla carta di Marvel Snap

Nata in Grecia, è figlia del politico Hugo Kostas Natchios e da sua moglie Christina. Elektra è stata nata prematuramente in seguito all’omicidio della madre durante la guerra civile greca.

Crescendo senza un genitore, sviluppa un profondo affetto per il padre, tuttavia per tutta l’infanzia viene perseguitata da strane e oscure visioni nonché dal vago ricordo di uno stupro da parte del genitore all’età di cinque anni. I ricordi dolorosi la portano all’autolesionismo e a frequentare varie sedute di psicoterapia, ma non è mai emerso se fossero reali o fittizie.

A nove anni un gruppo di criminali la rapisce per chiedere un riscatto al padre, ma il fratello maggiore Orestez, esperto artista marziale allontanatosi dalla famiglia in giovane età, la rintraccia uccidendo i rapitori la riporta al padre e, persuadendo la sorella ad imparare una qualche forma d’autodifesa. Da allora Elektra inizia ad allenarsi, diventando presto un prodigio delle arti marziali.

Il trauma e la nuova vita

storia elektra marvel
Tempo dopo Hugo diviene l’ambasciatore greco negli Stati Uniti dove anche Elektra si trasferisce, frequentando la Columbia University di New York, dove conosce il giovane studente di legge non vedente Matt Murdock (Daredevil) con cui nasce un amore passionale e travolgente.

Un anno dopo, suo padre viene assassinato da dei terroristi a causa della sua importante posizione, evento che priva Elektra di tutta la sua speranza e fiducia nell’umanità. La ragazza decide così di lasciare la Columbia e trasferirsi prima in Giappone e in seguito sull’Himalaya, nella speranza di sfuggire ai propri demoni personali, unendosi al benevolo ordine ninja dei Casti, dal quale venne tuttavia cacciata dopo un’anno perché ancora “non abbastanza pura”.

Il desiderio di vendetta e le visioni che la tormentano fin da bambina la spingono a seguire il lato oscuro della sua personalità facendo ritorno in Giappone per unirsi alla Mano, setta di ninja con poteri occulti che la addestra per diventare una spietata assassina.

Elektra così, diventa un temibile sicario a pagamento.

Poteri e abilità di Elektra

Considerata una delle donne più pericolose del Pianeta, Elektra è un’esperta di combattimento corpo a corpo, riuscendo a mettere più volte in difficoltà anche eroi esperti.

Addestrata come una vera e propria arma vivente, riesce a padroneggiare alla perfezione le arti marziali quali il karate, il judo, l’aikidō, e vari tipi di kung fu. È capace anche di servirsi anche di armi da fuoco, ma predilige armi bianche orientali come katane, pugnali, shuriken ed una coppia di sai che diventeranno le sue armi iconiche.

È dotata di un’elevata resistenza a dolore e temperature, i suoi riflessi sono al limite dell’umano, consentendole di schivare i proiettili grazie ad un’agilità fuori dal comune.

Elektra possiede anche poteri psichici latenti che, per quanto lievi, le consentono di comunicare con la mente ed insinuarsi nella mente altrui controllando, anche solo parzialmente, le azioni della propria vittima.

Detto questo, spero che il racconto sulla storia di Elektra vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie su tutti gli altri principali protagonisti di Marvel Snap.

Articoli correlati:

Marvel SNAP: chi è Rhino? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Rhino? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
15/04/2024 19:37 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Rhino – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Rhino.

Creato nell’ ottobre 1966 da Stan Lee e John Romita Sr. , appare per la prima volta in  The Amazing Spider-Man numero 41.

RHINO: la storia dietro la carta di Marvel Snap

Aleksei Sytsevich era un membro della mafia russa che si sottopose volentieri ad una serie di trattamenti chimici e radioattivi affinché ottenesse una pelle artificiale che gli avrebbe conferito una forza sovrumana. Aleksei aveva bisogno di denaro per far espatriare la sua famiglia dalla Russia.

Ad un certo punto, venne avvicinato da due spie di un paese straniero, che gli proposero di sottoporsi ad un trattamento che lo avrebbe reso un agente inarrestabile e questi accettò. Venne quindi dotato di super forza ed inserito in un’armatura costruita con un materiale virtualmente indistruttibile. Divenne quindi “Rhino” e riuscì ad accumulare abbastanza soldi da portare la sua famiglia in America.


Ben presto, comunque, abbandonò i suoi vecchi capi, convinto di poter continuare l’attività di supercriminale da solo scontrandosi  più volte con l’Uomo Ragno. Dopo anni di carriera criminale, Aleksei decide di cambiare vita e smette quindi di essere Rhino. Si sposa con una donna di nome Oksana, che gli fa riscoprire la sua umanità.

IL SECONDO RHINO

L’identità di Rhino viene però reclamata da un altro criminale, assoldato da Sasha Kravinoff, che indossa una nuova versione dell’armatura di Rhino, creata appositamente dalla dottoressa Trauma.

Il nuovo Rhino attacca Aleksei Sytsevich per reclamare il suo diritto ad essere Rhino, ma viene fronteggiato prima da Spider-Man e poi da Aleksei stesso, il quale è inizialmente riluttante alla battaglia. Tuttavia Aleksei lo sfida ad affrontarlo a mezzanotte. Questo si rivelerà poi solo un trucco dell’originale Rhino per evitare che altri innocenti ci vadano di mezzo. Lui e Oksana finiscono nel programma di protezione testimoni e tentano di fuggire sotto scorta. Tutto questo però non ferma il nuovo Rhino, che attacca il furgone sul quale viaggiano.

Durante questo attacco Oksana Sytsevich rimane uccisa, e Aleksei, ormai giunto al limite, decide di indossare nuovamente i panni di Rhino e affrontare una volta per tutte il nemico. Lo scontro che segue, vede il Rhino originale indiscusso vincitore e nemmeno l’Uomo Ragno riesce ad impedire che Aleksei uccida il nuovo Rhino, causando una tremenda esplosione nella quale sembro perire entrambi.

Poteri e abilità

Una serie di trattamenti chimici mutageni e radiazioni forniscono a Rhino forza, velocità, resistenza e durata sovrumane, tutte ulteriormente migliorate da un trattamento con radiazioni gamma.

La sua forza sovrumana gli consente di tener testa a forzuti del calibro di Luke Cage e della Cosa. La muscolatura potenziata di Rhino è molto più efficiente di quella di un essere umano normodotato e genera molte meno tossine della fatica durante l’attività fisica. La velocità sovrumana di Rhino gli consente di correre fino a 140 chilometri all’ora, specialmente su brevi distanze.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Rhino vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Killmonger? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Killmonger? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
15/04/2024 18:14 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Killmonger – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Killmonger.

Creato nel settembre 1973 da Don McGregor e Rich Buckler , appare per la prima volta in Jungle Action volume 1 numero 6.

KILLMONGER: la storia dietro alla carta di Marvel Snap

Nativo del Wakanda, è nato sotto il nome di N’Jadaka. Quando Ulysses Klaue e i suoi mercenari attaccarono il Wakanda, fecero pressione sul padre di N’Jadaka. Ma nello scontro che sconfisse Klaue, suo padre morì e tutta la sua famiglia venne esiliata.

N’Jadaka finì quindi ad Harlem, New York, dove iniziò a nutrire un odio profondo contro T’Challa, il re che lo aveva esiliato. Decise cosi di cambiare il suo nome in Erik Stevens ed intraprese gli studi al Massachusetts Institute of Technology.

Alla fine contattò il re T’Challa e fu rimpatriato nuovamente in Wakanda, in un villaggio che in seguito avrebbe cambiato il suo nome in N’Jadaka Village (in suo onore). Divenne un sovversivo, con il sogno di liberare il Wakanda da ciò che definiva un dominio “culturale colonialista bianco” e riportarlo interamente alle sue antiche tradizioni. Ha poi approfittato delle frequenti assenze della Pantera Nera in America con gli Avengers per inscenare un colpo di Stato, insieme al Barone Macabre. Fu infine sconfitto e ucciso, finché il Mandarino non reclamò il suo corpo.

Poteri e abilità

Killmonger è un esperto in arti marziali con una forza di livello elevato ed un intelletto di livello geniale. È anche un esperto tattico ed un abile cacciatore e inseguitore. Ha una capacità precognitiva alchemica e una protezione contro attacchi mistici. Quando deve combattere utilizza equipaggiamenti e armi ad alta tecnologia, compresa una leggera corazza in vibranio.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Killmonger vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Luke Cage? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Luke Cage? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
11/04/2024 18:00 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Luke Cage – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Luke Cage.

Creato nel giugno 1972 da Roy Thomas, George Tuska, Archie Goodwin e John Romita Sr. , appare per la prima volta in Luke Cage, Hero for Hire volume 1 numero 1.

LUKE CAGE: la storia dietro alla carta di Marvel Snap

Nato ad Harlem, New York, dal detective di polizia James Leonard Lucas Sr. e da sua moglie Esther, Carl, come il fratello maggiore James Jr., viene cresciuto dal padre sotto una ferrea e rigida disciplina. Tuttavia, a causa della sua natura testarda e ribelle, finisce spesso in attrito con la figura del padre.

Desideroso di riscatto per la condizione di estrema povertà in cui vive, da bambino Carl fa amicizia con Willis Stryker e si unisce a una gang: i Rivals.  Questa cosa che lo allontana sempre di più dalla famiglia e quando sua madre viene uccisa per errore da un membro della gang perde definitivamente ogni contatto con loro. Segnato da tale esperienza, Carl decide di trovare un lavoro onesto e abbandona il crimine, pur rimanendo molto amico di Stryker.

Tempo dopo i due amici si innamorano della stessa donna, che finisce per scegliere Carl in quanto spaventata dai legami malavitosi di Stryker. Questo però, per invidia, nasconde dell’eroina nell’appartamento dell’ex-amico e fa una soffiata alla polizia portando alla sua incarcerazione.

L’ARRIVO IN CARCERE 


Poco dopo, in prigione, Carl viene a sapere della morte di Reva a causa di un proiettile destinato a Stryker in un regolamento tra bande e, in preda alla rabbia, si fa coinvolgere in numerose risse e tenta più volte l’evasione venendo infine trasferito per cattiva condotta al carcere di Seagate.

Il giovane detenuto viene avvicinato dal dottor Noah Burstein, che gli propone di partecipare a un esperimento per potenziare il corpo e rallentare l’invecchiamento promettendo in cambio di rendergli la libertà. Carl accetta l’accordo ma, durante l’esperimento, le macchine vengono manomesse per cercare di ucciderlo, cosa che gli fa invece ottenere una forza sovrumana e una pelle impenetrabile; poteri grazie a cui evade divenendo un fuggitivo.

Poteri e abilità

Luke Cage è dotato di una pelle impenetrabile, in grado di resistere a proiettili, alte temperature, impatti o colpi di forza sovrumana, esplosioni e perfino ai raggi repulsori di Iron Man. Tuttavia, le radiazioni possono fonderla mentre l’adamantio è in grado di lacerarla.

Cage dispone inoltre di una forza sovrumana che rimane tra le più rilevanti dell’Universo Marvel: inizialmente in grado di sollevare senza il minimo sforzo fino a 25 t, poi incrementata a 75 t. Cage è in grado di lanciare in aria automobili con una mano sola, far tremare il terreno colpendolo ripetutamente e abbattere pareti senza sforzo.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Luke Cage vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: