Marvel SNAP: chi è The Hood? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è The Hood? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
 WhatsApp

Storia The Hood – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a The Hood.

Creata nel luglio 2002 da Brian K. Vaughan, Kyle Hotz e Eric Powell, appare per la prima volta in The Hood numero 1.

THE HOOD: la storia dietro alla carta di Marvel Snap

Parker Robbins, giovane e misterioso criminale da quattro soldi, ottenne la cappa e gli stivali magici quando con il migliore amico John King si recò in un capannone abbandonato, dove i due trovarono solamente dei preparativi per un rito magico. Mentre stavano andando via, vennero attaccati da un demone, al quale Parker spara, e per rifarsi del non aver trovato niente prende cappa e stivali.

In seguito si divide dall’amico, e mentre torna a casa dalla sua ragazza (all’epoca incinta), viene aggredito da una gang, riuscendo fortunatamente a scappare. Per facilitarsi la fuga si mette gli stivali, da lui definiti frankenstivali per la loro bruttezza, e si accorge che grazie a questi può volare … A quel punto decide di provare anche la cappa scoprendo che questa gli dona l’invisibilità quando trattiene il respiro.

Inizia quindi a compiere furti e rapine ai danni del Maggia sotto il nome di ‘The Hood’, specialmente al Golem, che gli mette contro Shocker, Jack Lanterna, Costrittore e Madame Rapier. Diventa quindi ricercato per i suoi furti e l’omicidio semi-involontario di un poliziotto, riesce quindi a sconfiggere il Golem e i suoi sgherri, facendo uccidere Madame Rapier alla polizia con un ingegnoso trucco.

In seguito Hood stringe un’alleanza con alcuni famosi supercriminali, come ad esempio Mosaico o la Squadra Distruttrice, dando vita ad un’organizzazione criminale di stampo mafioso che ha sfruttato l’atto di registrazione al termine di Civil War.

Poteri e abilità

In quanto semplice essere umano, Hood non ha poteri innati. Le sue capacità derivano dagli strumenti magici che indossa: i suoi stivali gli permettono di volare mentre la sua cappa gli dona la capacità di diventare invisibile fintanto che trattiene il fiato.

Ben presto però scopre che queste abilità sono connesse a Dormammu, Signore della Dimensione Oscura e considerato uno delle più forti creature di tutto il mondo Marvel. Più Parker attinge a questo potere e più forte diventa il legame con il demone che, in alcuni casi, prende letteralmente possesso del suo corpo. Il suo potenziale è comunque ancora tutto da mostrare: nel campo delle arti mistiche viene già considerato un’autorità al pari di Strange, Victor von Doom e Loki.

Ciò che rende però Parker Robbins un personaggio di rilievo e da temere è il suo carisma, il suo non volersi mai arrendere, il suo genio criminale che gli permette di inquadrare sempre la situazione.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di The Hood vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Yondu? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Yondu? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
20/05/2024 18:00 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Yondu –  Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Yondu.

Creato nel gennaio 1969 da Arnold Drake e Gene Colan, appare per la prima volta in ‘Marvel Super-Heroes’ volume 1 numero 18.

YONDU: la storia dietro la carta di Marvel Snap

Yondu Udonta è un membro della tribù Zatoan, esseri primitivi nativi di Centauri IV, che lavorava come cacciatore. Il suo pianeta di origine era il primo pianeta colonizzato da esseri umani che erano fuori dal sistema solare della Terra.

Nel 3006, Vance Astro, sbarca sul pianeta di Yondu con una nave a propulsione antiquata. Vance incontra Yondu quando era un adolescente. Il giovane collaborò con Vance quando i Badoon, una razza aliena, attaccarono il pianeta in quel periodo. Si ritiene che tutti gli altri centauriani siano stati uccisi, rendendo Yondu l’unico rimasto del suo popolo.

Il duo provò a scappare, ma venne portato sulla Terra una volta che questa venne conquistata nel 3007. Successivamente riescono a scappare, incontrando altri due sopravvissuti dalle colonie di Giove e di Plutone, con i quali andranno a formare i Guardiani della Galassia per combattere i Badoon.

Negli anni successivi, i Guardiani attaccarono gli avamposti dei Badoon nel sistema solare. Nel 3014 A.D., la squadra dei Guardiani ha combattuto al fianco di La Cosa e Captain America per difendere New York dalle forze dei Badoon.

Yondu insieme ai suoi colleghi Guardiani aiuta anche i Vendicatori contro Korvac. Durante questo scontro, la mano destra di Yondu viene  distrutta e sostituita da Martinex con un’appendice bionica. Yondu in seguito lascia la squadra quando si scopre che una piccola enclave del suo popolo è sopravvissuta su Centauri IV. Questi Kikaahe (“abitanti delle grotte”) sfuggirono alla morte per mano dei Badoon perché le pareti della caverna dove vivevano contenevano il minerale trillite (“yaka”) che bloccava le onde radio, proteggendoli quindi dai sensori. Dal momento che la sua nuova gente non accetterà la sua mano bionica, Yondu acconsentirà ai Guardiani di utilizzare la loro tecnologia medica avanzata per ripristinare la mano originale, potendosi così riconciliare con ciò che rimase del suo popolo.

Poteri e capacità

Yondu possiede una forza leggermente sovrumana (può sollevare circa 400 kg). Ha anche velocità, resistenza, agilità e riflessi uguali a quelli di un atleta umano. I suoi sensi fisici sono più acuti di quelli di un essere umano, in particolare il suo senso dell’olfatto e dell’udito. Quest’ultimo gli consente di rilevare suoni molto più alti di quelli che possono rilevare gli umani.

Utilizza come arma un arco a curva singola lungo 1,5 metri e una faretra di frecce composta da yaka, uno speciale metallo sensibile al suono che si trova solo su Centauri IV. Una freccia yaka può effettivamente cambiare direzione (ma non velocità) in risposta a certi fischi che alcuni Centauriani possono produrre. Yondu è così abile nel controllare le sue frecce che può farle ritornare nella sua mano o farsi strada tra una folla di persone senza toccarle.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Yondu vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Mobius M.Mobius? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Mobius M.Mobius? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
18/05/2024 17:46 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Mobius –  Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Mobius M.Mobius.

Creato nel giugno 1991 da Walter Simonson, appare per la prima volta in ‘Fantastic Four’ numero 353.

MOBIUS M.MOBIUS: la storia dietro la carta di Marvel Snap

L’onorevole Mr. Mobius M. Mobius era un membro della direzione junior della Time Variance Authority.

Incontrò ben presto per la prima volta i Fantastici Quattro perseguendoli per “uso illegale del tempo”, “furto di continuità” e altre varie accuse, ma questi riuscirono a sfuggirgli.

A causa della perdita di alcuni file durante questo scontro, Mobius rischiò di essere retrocesso, dunque si ostinò nel perseguire la catturare del gruppo di eroi. Una volta raggiunti però, questi invece di combatterlo lo aiutarono a dimostrare il suo valore alla TVA, riuscendo perfino a trovargli un lavoro presso la Dinastia Kang a Chronopolis. Questo, unito alla meticolosa attenzione per i dettagli, contribuì a dare grande lustro a Mobius che venne pertanto promosso dalla TVA fino alla posizione di “burocrate senior“.

Mobius fu anche uno dei giudici (e l’unico a sopravvivere) presente al processo a She-Hulk, colpevole di aver alterato il flusso temporale avvertendo Occhio di Falco della sua imminente morte.

Attualmente si occupa del controllo sulle violazioni delle leggi della TVA.

Poteri e abilità

Mobius non ha super poteri ma è un grande leader, dotato di forte carisma e di un’autorità di livello molto alto all’interno della TVA dove viene rispettato e stimato da tutti.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Mobius M.Mobius vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Ravonna? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Ravonna? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
16/05/2024 20:21 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Ravonna-  Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Ravonna.

Creata nel Dicembre 1965 da Stan Lee e Don Heck, appare per la prima volta in ‘Avengers’ numero 23. 

RAVONNA: la storia dietro la carta di Marvel Snap

Ravonna è figlia del re Carelius, sovrano di un regno non identificato del 40º secolo supervisionato da Kang il Conquistatore. Incontrò per la prima volta Kang quando quest’ultimo cercò di inglobare la sua era nel suo impero, ma il criminale si innamorò di lei. Kang lasciò correre il rischio di una ribellione nella speranza di ottenere la mano della principessa ma, quando il popolo insorse, decise di rispondere e sottometterlo in definitiva.

Essendo sul punto di vincere, condusse i Vendicatori in una linea temporale per far assistere loro al suo trionfo, pensando di sconfiggerli e poi di sposare Ravonna. Durante l’attacco finale, Kang si rifiutò di giustiziare la principessa, portando quindi uno dei suoi generali, Baltag, a rivoltarsi contro di lui.

Kang fu quindi costretto a chiedere l’aiuto degli eroi e della popolazione per sottomettere i suoi stessi uomini, salvando Ravonna dalla sua prigionia e rivelando il sincero amore che provava per lei. In seguito, mentre Kang stava rimandando i Vendicatori al loro tempo, Baltag tentò di sparare al criminale a tradimento, venendo salvato da Ravonna che si rese conto di amare a sua volta Kang, quindi lo protesse facendogli da scudo e cadde in un coma simile alla morte, mentre il generale fu giustiziato.

LA RAVONNA DI UN’ALTRA LINEA TEMPORALE

Successivamente viene rivelato che una Ravonna proveniente da un’altra linea temporale era effettivamente divenuta la consorte di Kang, con questa che venne quindi usata da Immortus nel suo piano per distruggere Kang e tutte le sue controparti.

Kang salvò questa Ravonna quando venne gettata nel Limbo e questo creò una realtà alternativa in cui proprio Kang era morto.Kang cominciò così a distruggere le varie controparti di se stesso, senza mai rendersi conto che faceva tutto parte del piano di Immortus e Ravonna.

Si scoprirà in seguito che la Ravonna originale venne rianimata dal Gran Maestro, e venuta a sapere della verità, giurò vendetta su Kang per non averla salvata pur avendone la possibilità.

Poteri e abilità

Ravonna non ha particolari poteri sovrumani, a parte l’incredibile resistenza fisica. È dotata di un grande intelletto, è una formidabile combattente corpo a corpo e padroneggia varie armi esotiche. Sa anche maneggiare varie tecnologie futuristiche e ha ricevuto un’avanzata educazione relativa ad arti e scienze del 41º secolo.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Ravonna vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: