Meliador spiega come funzionano doping e stream sniping negli esport

Meliador spiega come funzionano doping e stream sniping negli esport

Profilo di Victor
 WhatsApp

Introduzione: Meliador spiega come funzionano doping e stream sniping negli esport

Benvenuti gentili lettori,  il mio nome è Victor, e oggi volevo portare 2 argomenti un po’ sottovalutati nel mondo degli esport: Doping e stream sniping. A dispetto di ciò che molte persone possano pensare questi non solo esistono (in particolare il primo) ma rovinano l’esperienza e la competitività. Questi due problemi non solo vanno portati alla luce, ma, a mio parere, vanno trattati con cura e competenza.

Per questo motivo ho voluto fare un’intervista con un atleta che mi ha dato l’impressione di essere molto preparato su questi argomenti. Sto parlando di Meliador, professionista di Legends of Runeterra e spesso in cima alle classifiche del rank master.

Avevamo già fatto un’intervista con lui nella quale abbiamo spiegato il motivo per cui gli italiani fanno tanta difficoltà a qualificarsi per la fase a eliminazione diretta del torneo stagionale. Se ve lo siete perso potete recuperarlo cliccando qui.

Prima di proseguire voglio ricordarvi che, se volete essere sempre aggiornati sui miei articoli potete seguirmi su facebook o instagram. Se volete pubblicare fare qualche partita troverete sicuramente qualcuno sul server discord, mentre, se volete pubblicare dei post, c’è il gruppo facebook.

Meliador spiega come funzionano doping e stream sniping negli esport

Qui sotto vi lascio l’intervista, le mie domande saranno evidenziate in grassetto così che alcuno di voi possa avere difficoltà.

Il doping è indubbiamente un problema sia negli sport che negli esport, eppure, nel secondo campo, se ne parla veramente poco. Come mai secondo te, nonostante ormai gli esport siano un settore sviluppato, l’argomento è poco discusso?

In Italia credo che sia un discorso tanto banale quanto triste. La gente pensa ancora che noi stiamo giocando ai videogiochi e basta. Quindi nel momento in cui tu non la reputi una cosa seria, dai per scontato che non ci siano i problemi tipici delle cose serie.

Quindi io immagino sia una mancanza di interesse, ma poi ci sono ancora tanti altri aspetti che non vengono ancora trattati. Questo perché non viene ancora reputato un lavoro fare il gamer, l’esport player, lo streamer, lo youtuber. Banalmente, se tu provi a pagare le tasse non c’è una categoria. Di fatto, lo stato, non ha ancora ammesso, che, quello che facciamo, è considerabile un lavoro.

Poi, se tu ci pensi, è mai stato organizzato un evento esportivo valido, da parte di enti statali? Cioè che non siano privati che tentano di portare in auge la cosa? No. Mentre se tu vai in altri posti, senza andare in Asia, ma in Germania, in Inghilterra, in Svezia, ci sono gli stadi e loro fanno i tornei, come se fosse un qualsiasi sport.

In Italia poi, alla fine, tolto il calcio, non è che neppure gli altri sport abbiano questo investimento dietro. Però hanno determinate regolamentazioni date dal fatto che, comunque sia, gli sport vanno alle olimpiadi, e hai tutta una struttura che deve qualificare gli sportivi alle olimpiadi, di conseguenza devi rispettare dei canoni come l’antidoping.

Bisogna fare capire alla gente che, inserire un anti doping serve perché non stiamo più a trent’anni fa. Cioè, adesso, se tu vinci il torneo di un gioco online puoi essere sistemato per molto tempo, e quindi la gente, se per farlo deve pigliarsi qualcosa, può essere che lo fa.

Quindi secondo te, è molto presente il fatto che gli esport non siano considerati veri sport, e, di conseguenza, sono sottovalutati. Questo ci porta al nostro secondo problema, forse più ignorato del primo: lo stream sniping, ovvero quel momento in cui un giocatore va a vedere se, colui contro cui sta giocando, è in diretta su twitch, ottenendone un notevole vantaggio. Ma perché rovina così tanto lo sport e perché se ne parla poco?

Ci sono 2 motivi per cui lo stream sniping è un problema. Il primo è più difficilmente arginabile, ovvero che nei videogiochi molte qualificazione sono fatte online. Quindi se tu sei uno streamer e convivi col gioco devi trasmettere eventi importanti. Cioè, il pubblico non vuole vedere te che giochi con l’amico tuo, il tuo pubblico vuole vedere te che ti stai giocando qualcosa di importante, vuole far parte di qualcosa di importante.

Questo fa si che se tu giochi online l’avversario può cercarti su twitch. Nel caso dei giochi di carte è proprio drammatico. Cioè, non ci può essere un danno maggiore dell’avversario che vede la tua mano. In particolare nei giochi di carte il ritmo è poco serrato e tu vedi le carte dell’avversario. Non so se qualcuno ha mai giocato a carte coperte contro carte scoperte, ma è quello sostanzialmente.

Però questa cosa è difficilmente arginabile, anche perché, soprattutto con la situazione del covid, è difficile pensare a tutte le qualificazione e i tornei dal vivo: è un’utopia. Magari in futuro si riuscirà a fare sta cosa, anche perché risolve un sacco di problemi. Oltre allo stream sniping il problema di fare le cose online è che ti puoi mettere in call con gli amici e giocare tutti insieme.

Poi le case produttrici potrebbero trovare delle piccole soluzioni, come per esempio nascondere il nome del tuo avversario, che rende molto più difficile trovare il tuo avversario perché non sai come si chiama. Quindi ogni volta devi fare il giro degli streaming a cercare il tuo di nome, capendo che la partita è quella, però diventa complicato.

L’altra cosa, che dicevi te, perché non se ne parla, è perché internet sa essere molto tossico e c’è questa visione comune che il coglione sei te. Se non vuoi che non ti sniperino non streammare. Se streammi lo sai e quindi son problemi tuoi.

E sta gente non si rende conto che chi streamma fa pubblicità al gioco. Cioè, se il gioco va bene è anche grazie a chi streamma, se nessuno streammasse il gioco andrebbe male. E quando la gente vede che ci sono poche persone che stanno guardando LOR arrivano e fanno “Ma come mai è crollato LOR?”. Perché guardano i numeri di twitch.

Quindi, a maggior ragione, nella percezione delle persone è importante che su twitch ci siano numeri alti, perché la gente percepisce di star giocando a un gioco popolare. Quindi ci gioca più volentieri.

Lo stream sniping va poi a minare la meritocrazia: lo stagionale io non lo posso streammare. Quindi o viene meno il mio guadagno e la celebrità che ha il torneo. Perché il seasonal, la Riot, la prima fase, non la streamma. Basta che prendi 10-20 vip che selezioni tu e li metti nelle stanze di discord in cui riprendi la partita. E la regia sceglie la partita da riprendere e salta da una partita all’altra.

Se potessi io lo streammerei sempre, ma chiunque lo farebbe perché è una cosa che ti porta pubblico. Solo che se non mi dai la possibilità di streammarlo io non lo streammo. Cioè, non è che sacrifico il seasonal per una giornata di streaming, per i miei numeri. Poi magari, se uno facesse 2000 persone non gliene fregherebbe nulla del seasonal. Però, anche lì vuol dire che, le persone famose della tua community, poi non vanno mai a fare le finali dei tornei. Ed è peggio per te.

Perché, se uno streamer da 2000 persone è presente alla finale del torneo che tu poi casti sul tuo canale lo guarderanno un numero molto alto di persone. Se non c’è il numero scende. Cambia la cosa. Su Heathstone, se a un torneo c’era Colento, c’era molta più gente che lo guardava.

Quindi è anche importante che la gente famosa partecipi ai tornei, non dico che devi avvantaggiarli, perché poi la meritocrazia viene meno al contrario. Però nemmeno svantaggiarli.

Tutto ciò è un peccato, anche perché il tuo ragionamento ha perfettamente senso, ed è veramente triste pensare che si faccia ben poco. Qui arrivo quindi alla terza domanda, ovvero: come risolveresti questi problemi?

C’è un problema di conflitto di interessi, perché le ranked sono ovviamente quello che porta la gente a giocare tutti i giorni, e che quindi tiene vivo il tuo gioco. I tornei sono cose saltuarie. Quindi se tu ignori completamente le ranked e non gli dai nessun tipo di valore, c’è il rischio che la gente poi non te le giochi più.

Partiamo da un presupposto: un gioco cazzuto e fatto bene va oltre questo problema, e la dimostrazione e League of Legends. In League of Legends la ladder non serve a niente. Su LOL tu giochi in ladder perché ti va di giocare in ladder, perché vuoi fare il tuo record personale. Non vai agli LCS se arrivi primo in ladder.

Agli LCS ci va la gente che viene selezionata da un team che valuta in base ai suoi parametri arbitrali. Che possono essere anche i giocatori più forti in ladder. Prendi i giocatori e gli fai fare qualche torneo di prova per vedere se sono ok.

Di conseguenza sono gli stessi team che creano meritocrazia, perché è loro interesse vincere i tornei. E di conseguenza il giocatore viene messo nella condizione di dire “devo fare qualsiasi cosa in mio potere per farmi vedere”. Tra cui può esserci anche la ladder. Però non è automatico che se sei forte in ladder vai al torneo. Perché se sniperi, ti faccio fare il provino per il team e poi fai schifo, io non ti prendo.

Quindi quella è una struttura fantastica, e ce ne sono poche oltre a LOL. Per molti altri giochi c’è questa cosa per cui alla ladder diamogli un valore o non ci gioca la gente. Si arriva così ad ammettere al torneo i primi 700 in ladder. Ciò è eccessivo, perché vuoi dare a chiunque la possibilità di fare il torneo figo. Ma facendo così perde di elitarietà la cosa e, a lungo andare, non viene visto come un circuito professionistico. Però questa è una mia idea, magari loro hanno altri dati e interessi che scavalcano queste cose.

Io lo guardo poi dal mio punto di vista. Ma quali sono i competitive che funzionano? E quali giochi durano da anni? Quelli col competitive che funziona come CS Go che è di 10 anni fa. Ma la gente ci gioca ancora per il competitive serio. Tanti altri giochi nascono e muoiono nell’arco di 3 o 4 anni.

Poi lo abbiamo già detto, il miglior modo per rendere un gioco serio è far capire al mondo che è una cosa seria, poi arrivano tutte le altre cose: arrivano i controlli, arrivano le attenzioni su determinati dettagli e tutto il resto. Tu per primo devi approcciarti come se fosse una cosa seria.

Quindi, io sono contrario alla ladder, però, diciamo che, un metodo ci sarebbe. Per esempio 2 tornei a settimana, che tu devi fare, e i cui punti dei tuoi risultati si sommano e questi vanno a decidere chi deve fare il seasonal. Tu il tempo di fare quei tornei ce li devi avere. Non bisogna nemmeno eccedere dall’altra parte. Perché poi nei giochi online si da così tanta libertà di abusare del gioco che poi arriva gente che ci gioca 18 ore al giorno.

Perché Non so come uno riesca a giocare 18 ore al giorno … io non ce la faccio. Ad un certo punto, il dubbio che tu ti aiuti in qualche modo c’è. Anche perché un conto è farlo una volta, un’altra e farlo tutti i giorni. Su Twitch fanno delle gare, per esempio il primo che arriva a master nella nuova season o il primo che riesce a fare tot volte 7 vittorie in spedizione, le facevano anche per Hearthstone con le Arene. E lì sono usciti fuori i problemi perché dovevi fare tutto in live.

C’era un tizio che non si è staccato per 2 giorni e che continuava a giocare. E twitch, ad un certo punto, gli ha chiuso il canale, perché erano più di 24 ore che continuava a giocare. Però, poi glielo andavi a spiegare al tizio che si stava giocando 20 mila euro che lo hai staccato perché lui si stava facendo del male. La devi pensare prima la cosa, devi dire “ognuno può giocare al massimo 8 ore in live e quelle sono prese come considerazione”.

Poi io ti dico, la soluzione migliore è spronare alla creazione di team all’interno del gioco. Perché i team si occupano di tutte queste cose. Se il team deve portare la sua squadra a giocare, il team si occupa della salute dei giocatori, perché gli interessa, si occupa del fatto che loro acquisiscano fama, e di conseguenza la acquisisce anche il gioco. Il team crea unione nella tifoseria.

Che, se tu tifi il team, dopo 3 anni Melia non gioca più tu continui a tifare il team. Se tu tifi Melia e dopo 3 anni Melia non gioca più tu magari non segui più il competitivo. Su LOL quando il giocatore se ne va, tu continui a tifare il team con giocatori nuovi. Però per fare questo bisogna entrare nell’idea che questi giochi non sono single player, tu puoi creare dei team, anche in dei giochi che si giocano 1 contro 1. Di modi ne puoi trovare milioni, devi essere interessato a farlo, e ci devi investire soldi, perché i team sono interessati ai premi.

In Europa come torneo c’è L’EU Master, che però non spinge i team ad investire sul gioco. Che poi l’EU Master è la vetrina migliore. Stai lì un mese, giochi, ti si vede con la maglietta. E quindi il team può essere interessato a quello. Ma il seasonal non viene streammato nella prima fase, devi quindi sperare che il tuo giocatore arrivi nella top 32 e quindi poi allora forse si vede nella fase finale … un giorno ogni 2 mesi.

Se tu invece riesci a fare un circuito competitivo ma elitario non decidi tu chi è dentro e chi è fuori, lo decidono i team. I team scelgono i giocatori e loro scelgono i migliori. Diventa auto meritocratico.

Poi per me è facile, perché io sono qua seduto, ma chissà quanti problemi, quante cose devono fare. Perché poi ovviamente devi pagare i caster per l’evento, se li vuoi far live organizzare una struttura live. Dall’altra parte però ci sono i guadagni dallo streaming di Twitch e gli sponsor, si entra quindi in un ambito economico che non è roba mia, però, secondo me, si potrebbe provare. Se c’è la volontà di provare.

Ti ringrazio Meliador, è stato un piacere parlare con te e fare questa intervista. Spero di rivederci presto e buon fortuna. 

Uno sguardo ad Annie Twisted Fate. Attualmente sta dominando il meta

Uno sguardo ad Annie Twisted Fate. Attualmente sta dominando il meta

Profilo di Victor
 WhatsApp

Per vedere la nostra lista di Annie Twisted Fate e prenderne il codice clicca qui. 

Annie Twisted Fate è il primo mazzo nella nostra meta tier list odierna e, assieme a Aphelios Vi Zoe, nel TierS, il più alto raggiungibile. Con questo articolo voglio quindi introdurvi questo mazzo e spiegarvi velocemente le sue carte e il suo funzionamento.

Quello di cui andremo a parlare è un mazzo tempo, ovvero un deck che mira a prendere il controllo di board tramite le sue magie e a chiudere attraverso i suoi alleati.

Prima di proseguire voglio ricordarvi che, se volete essere sempre aggiornati sui miei articoli, potete seguirmi su facebook o instagram.

Se volete fare qualche partita troverete sicuramente qualcuno sul server discord, mentre, se volete pubblicare dei post, c’è il gruppo facebook.

Uno sguardo ad Annie Twisted Fate. Attualmente sta dominando il meta

Annie è una delle ultime arrivate su Legends of Runeterra, eppure sta riuscendo a entrare in svariati tipi di deck, a prescindere dal loro archetipo. Il suo scopo qui è mettere pressione fin da subito e, visto l’alto numero di magie che lanceremo, si livellerà abbastanza in fretta, iniziando a mettere una gran pressione all’avversario.

Twisted Fate è un altro campione che è riuscito a rientrare in diversi mazzi. Qui la sua utilità sta sia nella carta che genera appena viene giocato, ma anche nel suo level up, molto più semplice di quello che sembra grazie ai vari peschini di cui il deck dispone.

Il conservatorio di Ravenbloom è il nostro unico monumento, ma arriverà a zero molto in fretta. Giocare Tybaluk ci darà poi un grosso vantaggio, visto che il nostro mazzo si basa, principalmente, sugli spari. Gli alleati invece servono a reggere gli assalti durante i primi turni, mentre Zap ci aiuterà a cercare incantesimi e Rex Frantumante distruggerà, con grande facilità, la board avversaria.

Le magie di costo 3 o meno, hanno lo scopo di uccidere o danneggiare le unità nemiche, così da farci guadagnare tempo. Parole Sussurrate e Occhio di Nagakaburos sono degli ottimi motori di pesca che aiuteranno anche Twisted Fate nel suo level up.

5 mazzi da provare in questo inizio di stagione

5 mazzi da provare in questo inizio di stagione

Profilo di Victor
 WhatsApp

La stagione è appena iniziata e il meta è molto instabile. Ciononostante, oggi sono spuntati 5 mazzi da provare nella nostra meta tier list. Questi sono tutti rientrati nel tier S, alcuni sono totalmente nuovi, mentre altri erano presenti già nelle stagioni precedenti, ma sembrano aver trovato il loro spazio. Certo, per ora è impossibile dire se lunedì saranno ancora TierS, ma, a prima vista, sembrano ottimi deck.

Vi lascio quindi qua sotto le liste assieme a una piccola descrizioni, così che possiate farvi un’idea e scegliere quale usare. Fateci poi sapere nei commenti come vi siete trovate ad usarli o se li avete modificati. Non mi resta quindi che agurarvi buona lettura.

Prima di proseguire voglio ricordarvi che, se volete essere sempre aggiornati sui miei articoli, potete seguirmi su facebook o instagram.

Se volete fare qualche partita troverete sicuramente qualcuno sul server discord, mentre, se volete pubblicare dei post, c’è il gruppo facebook.

5 mazzi da provare in questo inizio di stagione

Annie Twisted Fate

Annie TF è il mazzo più forte in questo momento, un tempo che mira a ottenere il controllo di board per poi chiudere tramite Rex o con Twisted Fate. Anche Tybaluk o Tibbers sono utilissimi per ottenere un grande vantaggio e distruggere il proprio avversario.

Ahri Bard (CUDQCAYCAUAQIAQPAEDAUGQBAYER2AIGBQAQEBICAQNAIAICBMGCYOIDAEAQEMIBAMBBIAIGAISACAICAICQ)

In questo inizio di stagione Bard sembra trovarsi molto meglio con Ahri rispetto che con Zed. Infatti gli alleati si potenziano con le campanelle solo mentre sono in mano. Inoltre il pacchetto di Ionia supporta molto bene i propri alleati, bloccando, allo stesso tempo, le giocate avversarie.

Aphelios Vi Zoe

Mazzo molto aggressivo che punta a ridurre il più possibile i pun ti vita avversario per poi assestare il colpo di grazia tramite Luce Avvolgente e vari spari.

Azir Irelia

Un anno fa questo deck era l’incubo dei giocatori. Oggi sembra tornato, ma non domina sicuramente il meta. Stiamo parlando di un mazzo aggressivo che punta a vincere sfinendo l’avversario generando continue pedine attaccanti.

Heimerdinger Jayce

L’unico mazzo che, al momento, sembra sopravvissuto indenne alla patch. Si tratta di un tempo che punta a vincere tramite le torrette di Heimerdinger o il level up di Jayce. Se questo non dovessec bastare ci sarà anche Albus Ferros ad aiutarti.

Quali mazzi sono stati potenziati dalla patch? E quali invece sono stati indeboliti?

Quali mazzi sono stati potenziati dalla patch? E quali invece sono stati indeboliti?

Profilo di Victor
 WhatsApp

Ieri abbiamo avuto la nuova patch di bilanciamento e, viste le modifiche apportate mi sono chiesto Quali mazzi sono stati potenziati? E quali invece sono stati indeboliti? Inoltre: quali saranno i deck che verranno sbattuti fuori dal meta? Con questo articolo analizzerò le liste toccate dalla patch di ieri e cercherò di rispondere a queste domande.

Qua sotto troverete le mie opinioni su vari deck. Se vi foste persi la patch note rilasciata ieri, potete leggerla cliccando qui. Non mi resta quindi che augurare a tutti voi buona lettura.

Prima di proseguire voglio ricordarvi che, se volete essere sempre aggiornati sui miei articoli, potete seguirmi su facebook o instagram.

Se volete fare qualche partita troverete sicuramente qualcuno sul server discord, mentre, se volete pubblicare dei post, c’è il gruppo facebook.

Quali mazzi sono stati potenziati dalla patch? E quali invece sono stati indeboliti?

Aphelios Fizz

Questo è sicuramente uno dei mazzi indeboliti dalla patch. Il nerf a Lanterna Splendente farà, probabilmente, sparire del tutto il deck visto che aveva un forte impatto sulla partita.

Ashe LeBlanc

Qua, il vero buff al mazzo, è quello a Esperta Trifariana, che permette di pescare a un costo relativamente ridotto e con un turno di anticipo. La modifica a Avanguardia Avarosana invece, a mio parere, cambierà veramente poco.

Azir Irelia

Uno dei deck che esce meglio da questa patch. Ora che Irelia ha armonia giocare Duetto impeccabile sarà più semplice, inoltre il buff al Maresciallo aiuterà ulteriormente il deck. Aggiungiamo il fatto che la maggior parte dei buff della patch cerca di aiutare archetipi midrange o control. Se il meta dovesse rallentare Azir Irelia potrebbe avere un grande vantaggio.

Bard Zed (CUCQCBQKDIAQMAQEAEDASHIBAYGACBQBAIEQYDQ2GQ4QGAICAICQCBICA4BACAQCGEBACAYCAMAQMCRM)

Demacia ha subito 2 nerf che, presi singolarmente, non sono distruttivi, ma, sommati, posso rivelarsi piuttosto pesanti. Non mi sorprenderei quindi di vedere Bard Zed avere più spazio nelle prossime settimane a discapito della sua versione con Demacia.

Caitlyn Ezreal

Questo mazzo esce abbastanza male dalla patch a causa del nerf ad Ezreal, che ora richiede che i nemici siano bersagliati 8 volte prima di salire di livello. Inoltre il nerf a Finanziere dei Ferros non aiuta. Certo, alcune carte che potrebbero essere utili all’archetipo hanno ricevuto dei buff, come Scossa d’Assestamento, ma, purtropo, non credo basteranno.

Elise Katarina Viego

Il nerf a disertore della Legione è molto pesante per l’archetipo, che puntava molto su di esso. Probabilmente questo deck scomparirà. Detto ciò Viego rimarrà comunque in meta, magari assieme a Shurima.

Heimerdinger Jayce

Nonostante questo deck non abbia ricevuto buff diretti l’aggiunta della regola “gli incantesimi copiati conteranno come giocati” potrebbe potenziarlo.

Jarvan IV Illaoi 

I deck Demacia Illaoi vengono toccati poco dalle modifiche a Demacia. Inoltre il nerf a Pantheon Yuumi potrebbe indebolire uno dei principali nemici di questo mazzo.

Lissandra Taliyah

Il nerf a Sabbie Fatali e a Sabbie del Tempo non sono così devastanti, ma quello a Futuro Promettente potrebbe avere un grosso impatto sul deck.

Maokai Nautilus

Deep è un mazzo che non ha ricevuto buff, ma, secondo me, questa patch rallenterà il meta, e Maokai e Nautilus sono sempre felici di vedere un metà più lento.

Pantheon Yuumi

Fated è il mazzo più nerfato assieme a Lissandra Taliyah. Non solo Lama dello Zenith ha subito un grosso nerf, ma Pantheon non può più ottenere esploratore. Queste due cose, messe insieme, potrebbero assestare un bel colpo al mazzo.