Rissa di Hearthstone, è il momento di “Brawliseum – Miniature Warfare”

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Questa volta la Rissa settimanale protagonista su Hearthstone sarà la celebre e tanto “amata” Miniature Warfare una sfida nella quale tutti i servitori che avrete scelto per il vostro mazzo (rigorosamente Selvaggio) saranno trasformati in creature 1/1 da un mana.
La peculiarità di questa settimana è che la sfida sarà in modalità Brawliseum, quindi una volta fatto il mazzo giocherete fino ad arrivare alle 12 vittorie o alle 3 sconfitte.
Molto probabilmente assisteremo ad un utilizzo massiccio dell’Hobgoblin dato che i servitori saranno si degli 1/1 ma avranno assolutamente inalterati i loro poteri, Grido di battaglia e rantolo di morte!

Voi che mazzo sceglierete per affrontare questa sfida? Invitiamo voi tutti a condividere con noi i vostri mazzi vincenti (anche se sono decisamente bizzarri).
Fateci sapere cosa ne pensate di questa rissa e, come sempre, vi auguriamo un buon divertimento ed una buona vecchia e sana Rissa nella Locanda!

Le liste

Attenzione, queste liste sono state proposte molti mesi fa quando la rissa non era in formato Brawliseum. Consigliamo quindi di analizzarle ed utilizzarle con molta attenzione.

ClasseNome Mazzo  Costo  
Tempo Rogue Miniature Warfare  8540   
Ladro Miniature Warfare  12200   
Marin Priest Miniature Warfare  5140   
Sciamano Miniature Warfare  5300   
Taunt Warrior Miniature Warfare  7100   
Malygos Rogue Miniature Warfare  9960   
Warlock C’Thun Combo Miniature Warfare  3480   
Sacerdote Rissa Miniature Warfare  5160   
Paladino Miniature Warfare – RISSA DI HEARTHSTONE  10820   
Hunter Miniature Warfare – RISSA DI HEARTHSTONE  6460   
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.