ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Il Raptor Rogue di Kibler: ritorna un archetipo scomparso

Il Raptor Rogue di Kibler: ritorna un archetipo scomparso

Profilo di GVC
 WhatsApp

E’ uno di quei deck che al rilascio della Lega degli Esploratori si presentava pronto per la competizione e che invece ha subito un rapido declino fino alla quasi completa scomparsa e che ora tenta nuovamente di affermarsi pilotato da un pro americano dalla grandissima esperienza nei giochi di carte. E’ il Raptor Rogue di Kibler.

Il Grido di Battaglia del Raptor Riesumato è il perno del deck permettendoci di sfruttare maggiormente i Rantoli di Morte per stabilire così una solida presenza sulla board. Uovo di Nerubiano, Segatronchi Pilotato e Supergolem Pilotato saranno i principali bersagli della nostra lucertola fossilizzata permettendoci trade sempre vantaggiosi ed una incredibile resistenza contro le rimozioni ad area.  Per contrastare maggiormente i deck aggro Kibler inserisce anche un Ferroscuro Furtivocome rimozione ad area di media intensità. Il deck punta a vincere per attrito obbligando spessissimo l’opponent a usare due carte per rimuovercene una restando così sprovvisto di risposte molto preocemente, non solo ma una partenza ben in curva potrebbe permetterci di vincere anche senza l’ausilio del Raptor.

Non possiamo ancora esprimerci sulla competitività massima di questo archetipo dato l’uso sporadico dal quale è caratterizzato, ma dato che la maggiorparte delle carte usate è utile in altri e vari deck provarlo non dovrebbe costarci molte risorse.

Clicca qui per visualizzare la lista Raptor Rogue di Kibler!

Patch 24.0.3: confermati i nerf, ma svelata una nuova marea di buff

Patch 24.0.3: confermati i nerf, ma svelata una nuova marea di buff

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Patch 24.0.3 – La rivoluzione é arrivata: Assassinio al Castello di Nathria riceve la prima ondata di bilanciamenti, ricca di nerf e buff.

Già in questi giorni erano stati svelati molti dei bersagli di questi bilanciamenti, soprattutto i nerf, tutti confermati. Per i buff, però, erano stati dati solo alcuni assaggi.

Sono proprio questi ultimi che sorprenderanno la community, poiché gli sviluppatori hanno deciso di buffare decine di carte delle peggiori classi in questo momento.

Rogue, Paladin, Demon Hunter e Warrior hanno ricevuto decine di potenziamenti e, insieme a piccoli spostamenti dei nerf, si punta davvero ad equilibrare il meta.

Non solo Standard e Wild, però, anche Battlegrounds ha ricevuto la sua buona dose di bilanciamenti.

Arriva poi, finalmente la nuova avventura all’insegna del Dio Antico C’thun, nuovo mercenario del gioco. Un evento tutto da giocare!

Questo é solo per stuzzicarvi, ora vi lasciamo alla Patch Note completa, in cui potrete leggere tutte le modifiche nel dettaglio. QUI le Patch Note.

Che ne pensate di questi nuovi bilanciamenti di Hearthstone della Patch 24.0.3?

Articoli Correlati:
Quali sono i migliori deck di Hearthstone pre-bilanciamenti? Ecco le Liste

Quali sono i migliori deck di Hearthstone pre-bilanciamenti? Ecco le Liste

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Deck Hearthstone – Dalle informazioni che in questi giorni sono arrivate tramite sviluppatori del gioco, manca davvero pochissimo ai prossimi bilanciamenti di Hearthtsone. Tra oggi e domani dovremmo conoscere, e molto probabilmente accogliere, nuovi nerf e buff per il meta.

Ma quali sono i migliori mazzi in questi giorni prima dello sconvolgimento della Ladder? Molti sono deck che abbiamo imparato a conoscere in queste prime settimane di espansione, che di volta in volta si sono confermati in community.

Come al solito vengono in nostro aiuto i colleghi di HS REPLAY che hanno preparato una nuova statistica proprio per questo fine settimana appena passato. Vedremo i 5 deck migliori dell’ultima settimana circa (dal 7 al 13 Agosto), tra il rank Diamante e il Legend.

Tra queste liste c’è in ballo poco meno del 3% di winrate di differenza e ciò indica la grande compattezza e costanza di questi archetipi.

Nella Top 5 abbiamo ben due liste di Hunter, un Warlock, uno Shaman e un Druid. E c’è da sottolineare che in 4 liste su 5 c’è il Principe Renathal, ormai presenza dominante.

Top 5 deck

  • Control Shaman 59,1% WR
  • Imp Warlock 58,6% WR
  • Quest Hunter 58,0% WR
  • Ramp Druid 56,8% WR
  • Beast Hunter 56,7% WR

 

Le liste

Che ne pensate di questi deck di Hearthstone? Li giocherete in queste ore pre-bilanciamenti?

Articoli Correlati:
Solo 16 giocatori hanno ottenuto la qualificazione a tutti i Masters Tour. E c’é anche un italiano

Solo 16 giocatori hanno ottenuto la qualificazione a tutti i Masters Tour. E c’é anche un italiano

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Tralasciamo per un attimo carte, deck, meta e bilanciamenti vari, e guardiamo un po’ le statistiche di Hearthstone: ci sono solamente 16 giocatori in tutto il mondo ad aver ottenuto una qualificazione a tutti i Masters Tour giocati fino ad ora (tra cui un italiano).

La statistica é curiosa quanto interessante ed é stato Languagehacker ad evidenziarne i numeri. Ma chi sono effettivamente questi 16 giocatori d’élite?

Partiamo dal sottolineare quanto un’impresa del genere sia incredibilmente difficile.

Qualificarsi a 20 Masters Tour di fila (e in questo caso praticamente tutti quelli mai realizzati), vuol dire avere una costanza invidiabile che si protrae da anni.

Due sono i maggiori metodi di qualificazione: tramite Qualifiers o tramite Ladder.

Nel primo caso bisogna quindi vincere (o andarci molto vicino per piú volte) ben 20 tornei di qualificazione; nel secondo caso vuol dire trovarsi nella Top piú alta possibile del gioco per anni. Ed entrambe le cose richiedono skill e sacrificio incrollabili.

Ma torniamo a noi, ben 16 sono i giocatori di questa invidiabile lista e si suddividono in questo modo: 3 dalle Americhe, 6 dall’Asia Pacifica e 7 dall’Europa. E sí, abbiamo anche un italiano in questa speciale lista, che sicuramente indovinerete.

I 16 giocatori qualificati ad ogni Masters Tour

  • Monsanto (AM)
  • Lnguagehackr (AM)
  • Nalguidan (AM)
  • Leta (EU)
  • Swidz (EU)
  • xBlyzes (EU)
  • Furyhunter (EU)
  • Seiko (EU)
  • Jarla (EU)
  • Dizdemon (EU)
  • Hi3 (APAC)
  • Alutemu (APAC)
  • GivePLZ (APAC)
  • che0nsu (APAC)
  • MegaGliscor (APAC)
  • LFYueying (APAC)

Già, Leta é l’unico italiano ad aver ottenuto una qualificazione a tutti i Masters Tour. E troviamo anche lo stesso Languagehacker.

Sottolineiamo che tra tutti questi nomi altisonanti il giocatore ad avere la winrate piú alta é Furyhunter con ben il 66% circa. Un risultato incredibile!

Riusciranno questi giocatori a mantenere questo record? Chi sarà l’ultimo a “sopravvivere” in questa lista?

Articoli Correlati: