ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

Il retroscena dell’operazione Standard: Gnomo Contaminato e Lanciatore a rischio nerf!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Da un interessantissimo articolo di Philip Kollar emergono molti spunti di riflessione e dettagli su come è stato progettato e studiato il cosiddetto anno del Kraken e l’introduzione del formato Standard. Prima di lasciarvi ad un corposo riassunto è bene inquadrare la situazione temporale che fa da cornice a quanto seguirà: siamo nel settembre 2015, il Gran Torneo è stato rilasciato circa un mese prima e ha lasciato tutti abbastanza delusi con la nascita di un solo vero grande deck: il Secret.

Quello che l’articolo racconta è un incontro tenutosi presso la sede Blizzard nella Contea di Orange che ha visto partecipare alcuni grandi nomi della community Hearthstone con i più importanti nomi dello staff di sviluppo della Blizzard.

nuova espansione

L’argomento? Lo stato del gioco ed un primo sguardo a ciò che avremmo saputo solo a Gennaio 2016.
Mike Morhaime, uno dei fondatori, ha tenuto ad esserci personalmente e spiega come sia nel DNA della sua società avere un costante dialogo con la community ed i suoi membri più prestigiosi e, dopo aver nuovamente ringraziato gli ospiti, decide di entrare nel vivo della discussione in questo modo: “Prendendo esempio da Magic il gioco più forte che ci sia, ci siamo resi conto della necessità di smuovere le acque e creare un formato che preveda l’uso solo dei Set più recenti per mantenere il gioco sempre nuovo: il formato Standard“. In quel momento l’idea è quella di far uscire dalla validità solo Naxxramas, ma se la notizia non coglie completamente di sorpresa Kibler, StrifeCro e Savjz questi da semplici ‘spettatori’ diventano parte attiva e, più o meno d’accordo, parteggiano per una più incisiva azione da parte dei producer: inserire nella rotazione anche le Classiche rendendole perciò non utilizzabili già dal 2016.

Se questo è il punto di vista di chi gioca e vive con Hearthstone, diverso è quello di chi lo sviluppa. Nuovamente Morhaime interviene parlando dei cosiddetti “Exit Points”. Ci sono momenti in cui un giocatore ha l’opportunità di lasciare il gioco per non tornare più indietro e come publisher dobbiamo ridurli il più possibile, Ben Brode successivamente aggiungerà che la forza di hearthstone sta nell’aumento continuo della base dei giocatori e che “se questo trend dovesse fermarsi il gioco sarebbe morto”. Ecco perché secondo la Blizzard sarebbe controproducende privare un giocatore che ritorni dopo 1\2 anni di tutto ciò che possiede, e che invece lasciando un quantitativo di carte sempre valido si renderà più semplice il ritorno in game. Non solo, se Standard non fosse introdotto subito i nuovi giocatori sarebbero scoraggiati dal dover creare un quantitativo sempre maggiore di carte/deck per poter essere competitivi.

gnomo contaminato

Da principio l’annuncio di questi cambiamenti  era stato fissato per il periodo della BlizzCon, sarebbe dovuto essere il GRANDE ANNUNCIO, ma la volontà di creare i migliori presupposti ha fatto slittare il tutto a solo un mese fa facendo così diventare la Lega degli Esploratori la principale news della convention. Come sappiamo questa non è la sola differenza rispetto alle idee di Settembre: infatti anche GvG, oltre a Naxx, ruoterà fuori dallo Standard.

Oltre a questo, importanti notizie sono state rilasciate circa il futuro delle carte e dei contenuti:

  • 2 Espansioni + 1 Avventura ogni anno.
    Questo è il primo punto importante circa i contenuti: ogni anno assisteremo al rilascio di due espansioni (una ad inizio anno ed una alla fine) e di una nuova avventura (che, presumibilmente, verrà rilasciata a metà anno). Questa formula conferma quindi quei “4 mesi” che hanno fino a questo momento caratterizzato il tempo impiegato da Blizzard per promuovere un contenuto nuovo della Locanda rispetto a quello successivo.
  • Carte che subiranno bilanciamenti.
    Come molti giocatori di Hearthstone sapevano (era stato Ben Brode a comunicarlo alla community qualche settimana fa) saranno diverse le carte che subiranno dei “bilanciamenti” in vista della grande riforma del Kraken in arrivo (il formato Standard, ndr).
    I primi “sorvegliati speciali” sembrano essere Gnomo ContaminatoLanciatore di Coltelli (mentre, per quanto riguarda le carte del Druido, Custode del Bosco ed Antico del Sapere sono, almeno al momento, in zona assolutamente “safe”) che quindi, quasi certamente, si presenteranno tra qualche mese profondamente cambiati rispetto a come li vediamo ora. Kibler ha anche voluto citare la celebre combo del Druido ma, per ora, nulla è stato approfondito in merito.
    Cosa ne pensate di questo fatto? Come immaginate le “nuove versioni” di questi servitori?

lanciatore di coltelli

Questo spaccato offertoci dall’interno è davvero unico non capita spesso che una casa produttrice riveli così in anticipo le proprie mosse ma di certo è un esempio che andrebbe sempre seguito per migliorare un gioco che, per stessa ammissione di Brode e Mohraime “Non è solo della Blizzard, ma anche della community che attorno ad esso gravita”.

Fonte: Philip Kollar, su Polygon


Il retroscena dell’operazione Standard: Gnomo Contaminato e Lanciatore a rischio nerf!
Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701