ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

FaceHunter, il deck più amato ed odiato!

Profilo di LilBusta
 WhatsApp

Stanchi di vedere le proprie aspettative di vittorie distrutte dal classico FaceHunter? Curiosi di capire come giocare al meglio questo deck? Allora siete nel posto giusto, oggi analizzeremo il FaceHunter!

NB: Questa guida non è solo per chi cerca di scoprire il miglior modo di affrontare questo deck. Abbiamo voluto fornire anche degli utili spunti di gameplay per chi ama il Cacciatore e la sua versione più aggressiva mai concepita.

Step 1: Come sconfiggere il FaceHunter

La chiave del successo in queste partite è capire subito che non si tratta del classico Cacciatore MidRange. Vi sono, infatti, delle creature quasi esclusive di questa tipologia di mazzo come lo Gnomo Contaminato o il Sergente Violento. Alcune versione utilizzano anche il Tessitela per tentare di avere la possibilità di tirar fuori da questo servitore una creatura interessante, in questa guida però abbiamo preferito fornire solo le carte più efficienti e sicure in modo da esser pronti ad affrontare (o a giocare) la versione più aggressiva possibile. In generale però, per riconoscere un FaceHunter, basti notare la prima creatura evocata da un mana: sarà quasi sicuramente un servitore 2/1.

Ma ciò non basta, bisognerà sempre tenere sott’occhio la vita residua del proprio eroe fino al raggiungimento della “sicurezza” con l’evocazione di uno Sputafango o di un Difensore di Argus. Inoltre, se si gioca con eroe che prevede l’utilizzo di armi (come Valeera o Garrosh), prima di procedere al trade sarà bene fare il conto dei possibili danni dell’avversario, in modo da non restare scoperti per un eventuale attacco di Leeroy Jenkins.

Giocando il Ladro, si disporranno di svariate cure come il Curabot Antico o il Veggente della Terra. Non siate quindi avidi di rimozioni, ma cercate di sfruttarle al meglio e di utilizzarle, ove possibile, seguite da delle cure in modo da compensare al danno auto-inflitto dalla rimozione diretta. Un’ottima giocata per rimuovere le creature fastidiose è utilizzare Pugnalata alle Spalle / Moneta + Agente dell’IR:7. Attenzione sempre all’aggressività in late game del FaceHunter che è sempre capace di burstare da un momento all’altro. Con il Paladino, un’ottima creatura di primo turno è il Masticatore Zombi o, disponendo della Moneta, il Minibot Scudato. Lo Sciamano risulta essere un pò più semplice da giocare, grazie alla Folgore della Terra, si riescono a parare anche i due danni dello Gnomo Contaminato. Inoltre, grazie ai totem evocati e al Totem del Fuoco, si dispone spesso di un board corposo con mana cost basso.

cantalwayswait

Step 2: Come vincere con il FaceHunter

Tutti odiano perdere contro il FaceHunter, incluse le persone che amano giocarlo!

Non è una questione di rank, è semplicemente un deck con troppi danni. Eppure giocandolo non risulterà mai così forte come quando lo si affronta. Il problema principale, infatti, sta nella corretta suddivisione dei danni tra un turno e l’altro. Va bene cercare di fare più danni possibili, ma vi sono delle situazioni in cui è meglio preservare le carte per sfruttarne le sinergie e burstare al meglio. Ad esempio, di turno quarto sarà poco fruttuoso utilizzare un drop a 3 mana (come l’Arco del Falco o il Famiglio Animale), sarebbe meglio sfruttare a pieno il mana e schierare un  accompagnato dai 2 danni del potere eroe. Infatti, quest’ultimo è una fonte costante di danni all’avversario che permette, grazie alla sua utilità costante, di ottimizzare la curva di mana. Nell’esempio, il turno successivo si schiererà il drop da 3 e si riutilizzerà il potere eroe, mantenendo così la pressione costante. Proviamo a fornire un’altro scenario: primo turno, Moneta in mano, cosa sarà meglio giocare tra lo Gnomo Contaminato, l’Infiltrato Worgen e il Ragno Infestato? Molti giocherebbero la terza scelta, ma in realtà è meglio preservare la Moneta in modo da non andare mai fuori curva di mana e poter sfruttare l’hero power in un turno con 1 solo cristallo rimasto.

Il secondo genere di problemi nasce dal Mulligan. Cosa tenere e cosa cambiare? Dipende dai Matchup! In termini generici, bisognerà sempre avere una creatura da schierare subito per esprimere a pieno la propria aggressività. Ovviamente, questi matchup forniscono anche un utile fonte di consigli per chi voglia affrontare al meglio il FaceHunter!

vs Druido – Ecco il primo avversario di Rexxar. Malfurion ha a disposizione tutto per affrontare il FaceHunter: la Spazzata annullerà completamente Sguinzaglia i Segugi e il Druido dell’Unghia fornirà un target forzato per il Gufo Beccoforte o per l’Ordine di Morte. L’unica speranza di vittoria sta nel turno successivo al quinto quando, una volta annullate le difese del Druido, si dovrà scaricare sul board il massimo danno possibile cercando di chiudere il game prima della classica combo Forza della Natura + Ruggito Selvaggio.

vs Cacciatore – Nel caso di un MidRange sicuramente il FaceHunter si troverà in netto vantaggio. Ad ogni modo a vincere la partita sarà chi riuscirà ad ottenere il massimo valore dalla magia Sguinzaglia i Segugi. Attenzione nell’utilizzo della Trappola Esplosiva, può sempre essere rimossa dal semplice Arco del Falco. Un ottimo modo per avere la meglio in questi matchup è utilizzare la Mistica di Kezan.

vs Mago – La maggior parte di questi mazzi saranno MechMage, l’unica via di successo è sfruttare la combo Lanciatore di Coltelli + Sguinzaglia i Segugi nel momento migliore. Inoltre, lo Gnomo Contaminato e i drop a 2 possono fornire un’utile distrazione per l’avversario, l’utilizzo del potere eroe su di essi ridurrà di molto l’aggressività di questi mazzi.

vs Paladino – Uno dei martchup con alto tasso di winrate. Le spell di Uther sono fortemente counterate da quelle di Rexxar, l’esempio classico è Adunata Militare contro il solito Sguinzaglia i Segugi. Bisogna però fare attenzione alle molteplici cure del Paladino, non conviene quindi giocare tutta la propria offensiva se non si è certi della vittoria.

vs Sacerdote – Anche questo dovrebbe rappresentare una semplice matchup per il FaceHunter. Anche se le statistiche riportano un 50-50, a causa delle ingenti cure e delle rimozioni AOE, il Sacerdote non riesce ad esprimere a pieno la pieno la propria esplosività prima del turno 7/8. Inoltre, molte versioni di questo eroe prevedono la doppia presenza dell’Esplosione Sacra proprio per annullare l’offensiva dei mazzi particolarmente Aggro. Bisognerà ricercare nella mano iniziale il Lanciatore di Coltelli e l’Arco del Falco.

vs Ladro – Matchup estremamente favorito vista la necessità del board clear da parte dell’opponent. Ovviamente però, se Valeera riesce ad esprimere a pieno il suo vantaggio carte, potrà scaricare a pieno la sua combo per un totale minimo di 15 danni. Per assicurare la vittoria basterà mantenere sempre una notevole pressione sull’avversario schierando ogni turno piccole creature che non potranno essere rimbalzate in mano.

vs Sciamano – Thrall sarà molto svantaggiato in queste partite, tramite la combo Lanciatore di ColtelliSguinzaglia i Segugi il Cacciatore può sempre riprendere il controllo del board con un costo mana molto basso. Al tempo stesso però, bisogna prestare attenzione al Curabot Antico. Cercate di avere nella mano di apertura lo Gnomo Contaminato e i drop a 2 per annullare i totem avversari.

vs Stregone – Impossibile fare un discorso unico in questo caso, Gul’dan ha, in questo momento, ben 3 diverse versioni giocabili. In ladder si trovano prevalentemente Demonlock e Handlock. In linea generica sarà importantissimo preservare il silence del Gufo Beccoforte e l’Ordine di Morte. Con la Moneta in mano si potrà tentare di spingere al massimo il board giocando da subito i drop a 2. Il matchup sarà favorito a causa del potere eroe dello Stregone che risulta essere deleterio contro il FaceHunter. Nello specifico, contro l’Handlock si dovrà cercare di non permettere all’avversario di schierare i due Gigante di Magma con la provocazione, cercate di preservare la chiusura per un unico turno senza permettere la ripresa dell’avversario. Nel caso di DemonLock, invece, ricordate della presenza del Curabot Antico che può ribaltare la situzione, inoltre, è bene silenziare il Invocatore del Vuoto per non ritrovarsi un Mal’Ganis durante il turno quinto.

vs Guerriero – Non molto da dire per questo matchup, Garrosh è di gran lunga il favorito contro il FaceHunter. L’Ascia Ardente annullerà completamente l’aggressività iniziale del Cacciatore e l’armatura risulta essere anche più efficiente delle cure del Sacerdote visto che può essere sfruttata per eliminare le creature più fastidiose. Non resta che sfruttare a pieno il potere eroe e provare nella tanto rischiosa quanto remunerativa giocata Moneta + Lanciatore di Coltelli.

Clicca qui per visualizzare il FaceHunter

guida

Come ottimizzare il mulligan e il vostro turno di gioco? Il pro-player Meati ci ripropone la sua guida

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Guida HS – Hearthstone, ormai nei suoi quasi 8 anni di vita, ha visto un quantitativo di player inimmaginabile, moltissimi sono i giocatori che almeno una volta hanno provato a fare una partita al gioco di carte Blizzard. Ovviamente, però, ci sono tipologie di player diversi.

Infatti, come in ogni gioco di carte soprattutto online, esistono giocatori casual e giocatori professionisti/competitivi. Non sono in pochi però che vorrebbero passare dalla prima alla seconda categoria di player.

Ed è in questo caso che alcuni piccoli consigli e spunti sono utili per poter alzare la propria winrate o in generale migliorare il proprio gameplay. Per questo arriva in nostro aiuto il pro-player internazionale Meati che, sul suo profilo Twitter, ha riproposto una sua vecchia guida grafica al gioco.

Nella sua guida vengono trattati alcuni dei più importanti temi per un giocatori di Hearthstone: mulligan, strategia di gioco, ottimizzazione del turno ed infine riflessioni sulle partite appena svolte. Punti che se affrontati per bene rendono un giocatore a tutti gli effetti competitivo.

Mulligan

Per il mulligan Meati consiglia l’utilizzo di HS Replay che riporta tutte le statistiche per i vari archetipi. Il sito ha anche una versione premium, ma per il necessario basta la versione gratuita. Poi, ovviamente, ai numeri dobbiamo far combaciare la nostra esperienza che andrà via via aumentando giocando il mazzo in questione (anche per decidere il mulligan nei vari matchup).

Struttura del turno

Una veloce quanto precisa disamina è poi fatta nella strutturazione del turno. Cosa fare nelle varie situazioni, come ribaltare gli esiti e soprattutto in quanto tempo e come farlo, questi sono gli spunti per avere un mindset da campione.

Riflessioni post-partita

La guida si chiude, poi, con un consiglio importantissimo, ma poco seguito dai casual player: dedicare il tempo alle riflessioni. Il perché si è usciti vincitori o vinti dalla partita appena conclusa, tutto ciò è utile per vincere partite simili se ripetute in futuro.

Questa è per Meati la guida più veloce e completa possibile per poter aumentare la propria winrate. Voi cosa ne pensate? Siete d’accordo? Fateci sapere la vostra…

Il Control Warrior si aggiudica la Top #1 Legend. È tornato l’incubo degli aggro?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Dopo qualche giorno dall’arrivo della patch di Hearthstone, il meta sta cercando di ristabilirsi, magari nelle mani di nuovi padroni. Ed infatti molti mazzi “nuovi” stanno invadendo con effetto la Classificata del gioco.

Tra di questi compare, finalmente per tutti gli amanti dei deck lenti, un nuovo Control Warrior che sembrerebbe poter comandare il meta di diritto, insieme ad alcuni altri mazzi scampati alla tornata di nerf di questi giorni.

Questo Control Warrior è ricco di Armatura, con il nuovo core di carte improntate proprio su questo aspetto. Ovviamente gli aggro hanno difficoltà contro questo archetipo, mentre mazzi più value based, come altri Control, o gli OTK hanno vita più facile. Nonostante ciò questo deck sembra potersela giocare con tutti ed è per questo che in Asia ha guadagnato la Top 1 nelle mani di Ostinato.

Anche altri deck, però, stanno rubando la scena, soprattutto i mazzi del Druido, che vuole immediatamente prendere il posto del Rogue come classe migliore. Oggi vediamo un ottimo Ramp Druid anche lui nelle altissime vette del Legend.

Chiudiamo l’aggiornamento con una nuova lista di OTK Shaman techata proprio contro i grossi minion del Druid.

Le liste

Ramp Druid di CaelesLuna (Legend#4)  13080
Control Warrior di Ostinato (Legend#1)  18300
OTK Shaman di Wirer  12000

Che ne pensate di queste nuove liste? Le proverete? Fateci sapere la vostra…

La nuova patch cambia il funzionamento di Scambio in fase di pescata. Occhio ad usare il Garrota Rogue

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

La patch ha esordito due giorni fa ed ha portato con sé tanti nuovi contenuti per le varie modalità, ma ha portato anche dettagli aggiuntivi o nuovi anche difficili da notare. Questo é il caso della meccanica Scambio.

Scambio é la meccanica introdotta dall’espansione Uniti a Roccavento e prevede che una carta con questa keyword possa essere rimessa nel deck (al costo di 1 Mana) pescando un’altra carta al suo posto. Ció puó essere infinitamente possibile fino all’esaurirsi del Mana.

Nella nuova patch, peró, il funzionamento di fondo delle carte Scambio, quando rimesse nel mazzo, é leggermente cambiato. La maggior parte dei giocatori non se ne sarà accorto, ma alcuni (soprattutto i giocatori di Garrota Rogue) si saranno interrogati sulla vicenda.

Come appare adesso nelle patch notes e dalle parole di DeckTech, prima dell’aggiornamento il funzionamento della meccanica era il seguente: quando la carta veniva scambiata, prima veniva messa in fondo al mazzo, poi veniva pescata una carta al suo posto e poi il mazzo veniva mischiato.

Ora il suo funzionamento é il seguente: la carta con Scambio prima viene inserita in una posizione casuale del mazzo e poi viene pescata UN’ALTRA carta al suo posto. Come potrete leggere, per quanto il meccanismo sia diverso, a conti fatti cambia poco, ma per mazzi come il Garrota é importante.

Funzionamento con Garrota e carte simili

Con il vecchio funzionamento quando si scambiava una carta Scambio per pescare i Sanguinamenti, questi ultimi venivano prima pescati tutti insieme e poi il giocatore ripescava la carta Scambio che si trovava in fondo (dato che questa combo viene spesso fatta quando ci sono solo Sanguinamenti nel mazzo). Ora la carta Scambio potrebbe anche intrufolarsi tra un Sanguinamento e l’altro, andando di fatto a distruggere la combo.

Il cambio nelle Patch Notes

Non sappiamo se Blizzard ha fatto questo cambio per nerfare questo genere di deck, ma sicuramente mette a dura prova tutte le combo con le carte “Lancia quando Pescata“.

Che ne pensate di questo cambio? Fateci sapere la vostra…