Apxvoid svela la sua novità: uno Zoo Mage da #100 Legend!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Il celebre Apxvoid ha recentemente proposto sul suo canale Twitter una nuova e particolare versione Aggro del Mago di Hearthstone.

Questo giocatore è ritenuto da tutti essere un grande esperto della classe Mage, di cui ha in più occasioni “firmato” alcune tra le migliori versioni in assoluto come il Tempo Mage da lui proposto che conquistò una lunghissima serie di Top 100 in Legend.

In questo caso Apxvoid ha proposto una versione non troppo comune dell’archetipo Zoo Mage con cui nonostante tutto è riuscito a concludere una buona sessione in legend.
Le sconfitte non sono mancate, ma trattandosi della prima versione di un archetipo assolutamente originale le performance dello Zoo Mage potrebbero migliorare ulteriormente nelle prossime ore.


Non è solo la lista di Apxvoid la protagonista di questo aggiornamento dato che nelle scorse ore hanno attirato la nostra attenzione anche una particolarissima versione del Giant Rogue giocata fino ai bordi della Top20 da Holmstrom, o una versione Tempo della medesima classe giocata da Ulza fino al rank #8 del Legend.

Chiudono questo update un Mech Hunter giocato fino al rank #26 da Pizza ed una versione divertentissima, oltre che assolutamente competitiva, del Sacerdote Chef, mazzo ovviamente caratterizzato dalla presenza della carta leggendaria Nomi.
Vi auguriamo una buona consultazione ed un buon divertimento.

Le liste

ClasseNome mazzoCosto
Zoo Mage da #100 Legend di Apxvoid 8520
Giant Rogue da #21 Legend di Holmstrom 12000
Tempo Rogue da #8 Legend di Ulza 10340
Mech Hunter da #26 Legend di Pizza 6440
Nomi Priest da #1 Legend di Deaddraw 3760
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.