Studio e analisi sulle spie che forniscono vantaggio carte

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Ogni fazione presenta una spia che permette di pescare una carta. Per differenziare le carte tra loro, ogni spia presenta un’abilità “secondaria”, che caratterizza loro a seconda della fazione nelle quali sono presenti.
Per questo studio partiremo dall’analisi delle abilità secondarie delle spie, passeremo alla valutazione delle combo con le quali queste carte possono venir giocate e così trarremo le nostre conclusioni, miscelando il tutto.

Spie e analisi delle singole carte:

  • Mostri:

Terrorizzatore: Muove un nemico sulla fila di questa unità.

 

  • Nilfgaard:

Cantarella: Pesca 2 carte, tienine una sposta l’altra in fondo al mazzo.

  • Regni Settentrionali:

Thaler: Pesca 2 carte, tienine una e fa ritornare l’altra nel tuo mazzo.

  • Scoia’tael:

Yaevinn: Pesca una carta speciale eun’unità, tienine una e fa ritornare l’altra nel tuo mazzo.

  • Skellige:

Udalryk: Guarda 2 carte dal tuo deck, pescane una e scarta l’altra.

La più povera tra tutte è sicuramente Terrorizzatore, della fazione Mostri, visto che è l’unica che permette di pescare solo una carta, senza offrire una scelta.
Subito dopo, al 4° posto troviamo Udalryk, visto che non sempre potremo permetterci di scartare facilmente una carta a cuor leggero.
Il 3° posto va a Yaevinn, visto che le due carte possono risultare, entrambe, valide opzioni con un corretto deckbuilding.
Primo posto a pari merito guadagnato dalla neo-buffata Cantarella (in precedenza si guardava 1 sola carta carta e si poteva deciodere se tenerla oppure pescarne un’altra, riponendo la prima in fondo al proprio mazzo) e Thaler. Le due spie presentano un effetto molto simile con la differenza della “destinazione” della carta non scelta.

Combo e analisi delle combo:

  • Mostri
  • Ge’els + Terrorizzatore = -10 Punti, pesca 1 carta e sposta un’unità (sempre Oro, visto l’effetto di Ge’els):
    La combo che fornisce più punti all’avversario, con la minore scelta di carte (nessuna in effetti, anche se sempre Oro), con un’ottima utility se giocata in un mazzo Hazards. Combo che però non trova la massima efficacia in mazzi diversi, per questo non la si vede spesso (né le combo, né ,a volte, la spia) nei mazzi Consume.
  • Nilfgaard
  • Rainfarn + Cantarella = -6 Punti, pesca 1 carta tra una scelta di 2:

Una combo che offre la maggior scelta con solo 6 punti dati all’avversario. Giocata in moltissimi mazzi, esclusi i Reveal, nel quale si opta per la seconda combo della fazione dell’impero.

  • Venedal Elite + Cantarella = -1 Punto, pesca 1 carta tra una scelta di 2:

La combo che consegna solo 1 Punto all’avversario per pescare una carta. Ovviamente si necessita una combo Reveal precedente alla giocata, non sempre facile da attuare. Combo che copre più “mani” di gioco, non obbligatoriamente consecutive.

  • Regni Settentrionali
  • Natalis + A.D.C. + Thaler = -9 Punti, pesca 1 carta tra 2:

Una combo non semplice e raramente giocata, perchè non è Alzur Double Cross la carta che vuole essere giocata da Natalis, in più i 9 Punti concessi all’avversario sono molti per una combo composta da 1 Oro e 2 Argento.

  • Scoia’tael
  • Brouver + Yaevinn = -9 Punti, pesca 1 carta tra 1 unità e 1 speciale:

La combo più affidabile, potendo giocarla in qualsiasi momento della partita. Una combo molto versatile e giocata in ogni mazzo con il Comandante Nano di Scoia’tael. Anche se è il deckbuilding che fa la differenza su cosa prendere tra le due carte proposte dalla spia.

  • Skellige
  • Hym + Udalryk = -9 Punti, pesca 1 carta tra 2, l’altra viene scartata:

Combo da 9 punti all’avversario, che non sono proprio pochi soprattutto se oltre a pescare una carta se ne scarta una. Situazione ovviabile con un corretto deckbuilding, basti pensare a carte come il Raider An Craite o al Clan Skirmisher.

  • Skjall + Udalryk = -8 Punti, pesca 1 carta tra 2, l’altra viene scartata:

Questa combo risulta la difficile, visto che comporta un deckbuilding curato al minimo dettaglio, per il resto risultà essere la più forte visto l’utilizzo di sole due carte Argento.

Valutazione globale delle spie

Una volta compreso il valore delle singole carte sspia Argento e delle loro combo, possiamo tirare le somme e “generare” una classifica:

  1. Cantarella (Nilfgaard)
  2. Yaevinn (Scoia’tael)
  3. Udalryk (Skellige)
  4. Thaler (Regni Settentrionali)
  5. Terrorizzatore (Mostri)

Ricordiamo che questa classifica non va intesa né come meta tier list, né come forza delle fazioni generale, ma solo per quel che è: una valutazione delle carte spia, che forniscono vantaggio carte, basata sulle carte singole, sulle combo e sulla sinergia con in vari mazzi. Vediamo in che modo la sinergia è stato considerata, influendo sulla classifica:

La prima posizione di Nilfgaard è semplice da valutare, oltre alla minore quantità di punti e la facilità di gioco, la carta compenetra benissimo i due storici archetipi della fazione: Reveal e Spy. Per quanto riguardo i mazzi soldati e alchimie, usciti con la nuova patch, questa carta non fornisce alcuna fonte di danno, anzi è facile per questi ultimi due archetipi trovare il doppio dei punti dalla singola carta pescata.

Yaevinn in seconda posizione, scelto per utilità che la spia offre, difatti la possibilità di giocare una carta speciale è singolare della carta. Sempre utilizzata nel famoso Movement di Scoia’tael, ma anche nel recentissimo mazzo Nani, che spopola Ladder e Pro Ladder.

La terza posizione di Udalryk, obbligata, vista la forza e al tempo stesso debolezza della spia, data dalla carta che deve essere scartata. Difatti, può risultare molto forte e utile, ma anche dannosa, basti pensare ad una pescata di doppia Oro.

Thaler in quarta posizione, può risultare dubbiosa come scelta, ma basti pensare che spesso viene giocata anche senza la combo di Natalis, soltanto con Alzur Double Cross. In più questa carta può essere inserita in ogni mazzo, vista la grande capacità dei Regni Settentrionali di generare molti Punti, con poche carte, forse l’unica fazione che riuscirà a giocare solo in fuzione dei Punti, in ogni meta.

L’ultimo posto a malinquore va al Terrorizzatore, anche considerando la necessità che ha un mazzo Hazard. La meccanica Consume predomina (nella fazione Mostri) e la non necessità di una spia la dice lunga sulla forza complessiva della carta.

Con questo possiamo concludere la nostra analisi, mentre io vi auguro un buon divertimento e buona fortuna per la prossima stagione che sarà soltanto di un mese.
Paesano

 

Eugenio "Paesano" Fofi

Appassionato di giochi e videogiochi fin da bambino. Passione trasformata in informazione, studio e competizione. Giocatore di giochi di carte on-line e non, di sparatutto e Moba. Obiettivo: far conoscere e valorizzare gli e-sports, spesso sottovalutati o addirittura sconosciuti