Annunciate le qualifiche per il Gwent Challenger #3

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Come per ogni torneo ufficiale di Gwent alcuni posti vengono assegnati tramite una piccolo torneo di qualifica.
Nello specifico, per questo Gwent Challenger #3 oltre a Freddybabes, vincitore del precedente Gwent Challenger, sono occupati altri 4 posti: 2 sono occupati dai finalisti del Gwent Open #3 (ossia SuperJJ e Adzikov), mentre gli altri due saranno occupati dai finilasti del Gwent Open #4 che si deve ancora disputare.
I rimanenti 3 posti (degli 8 che andranno a comporre il torneo) 1 sarà assegnato al giocatore con più Crown Points accumulati durante le ultime due stagioni della Pro Ladder, e gli ultimi due (che solitamente sono Wild Card, invitati da CDProjektRed) saranno i vincitorio di una serie di qualifiche. I partecipanti di questa serie saranno i migliori 200 giocatori della Pro Ladder.

La scelta di questo cambiamento, è stata voluta dalla community, ma non sarà permanente, varrà solamente per questo Gwent Challenger #3. Per quanto riguarda i prossimi tornei le regole dovrebbero riprendere il regolamento standard, in cui è la stessa CDProjektRed ha invitare determinati giocatori.

Funzionamento delle qualifiche

Queste qualifiche seguiranno un regolamento leggermente diverso dal solito formato. Ci saranno difatti due eventi online separati:

  • Il primo si terrà il 24 e il 25 febbraio. Per partecipare i giocatori dovranno essere tra i migliori 200 giocatori della Pro Ladder il 21 febbraio, alle ore 23:59 CET.
  • Il secondo si terrà il 24 e il 25 marzo. Per partecipare i giocatori dovranno essere tra i migliori 200 giocatori della Pro Ladder il 21 marzo, sempre alle ore 23:59 CET.

Solamente i non qualificati per il GwentChallenger#3 possono partecipare alle qualifiche. Ricordiamo che la classifica riguarda sia gli account su PC, su PS4, sia su Xbox One. Se dei giocatori dovessero rientrare nei 200 selezionati, potranno comunque partecipare al torneo, mediante un account GOG.com opportunamente fornitogli.

Regolamento e formati

Nel primo giorno di qualifica i partecipanti competeranno in una svizzera di 8 round, finchè non ne rimarranno 16 dei 200, con questo regolamento:

  • Ogni partecipante dovrà costruire 2 mazzi di fazione diversa;
  • Le partite verranno giocate nel formato “best of 3” senza ban;
  • I mazzi con cui risulterà una vittoria, in un match, non potranno essere riutilizzati, per quel match;
  • I mazzi potranno essere modificati tra i match, non durante i match;
  • Per i giocatori che termineranno con lo stesso punteggio (nella classifica del primo giorno), verrà applicato lo spareggio (Median-Buchholz, utilizzato negli scacchi): il punteggio dei giocatori verrà considerato basandosi sui round vinti sommati contro i loro avversari.

Nel secondo giorno della qualifica i 16 giocatori rimanenti competeranno in un formato a doppia eliminazione:

  • I giocatori dovranno costruire 4 mazzi di 4 fazioni diverse;
  • Le partite verrano giocate nel formato “best of 5“, con ban segreto;
  • L’accoppiamento verrà deciso dai risultati della giornata precedente;
  • I mazzi vincenti in un match, non possono essere riutilizzari per lo stesso match;
  • I mazzi non possono essere modificati e verranno registrati da un admin del torneo, un’ora prima dell’inizio della giornata.

Per tutti e due i giorni della qualifiche i giocatori potranno utilizzare un tracker.
I vincitori delle due qualifiche verranno invitati a partecipare al Gwent Challenger #3 (di aprile), così da avere l’opportunità di vincere il titolo, Crown Points , l’anello e un posto al Gwent World Masters del prossimo anno.

 

Con questo è tutto come sempre un buon divertimento.
Paesano.

Eugenio "Paesano" Fofi

Studente di ingegneria elettronica all'università La Sapienza, di Roma. Appassionato di giochi e videogiochi fin da bambino. Passione trasformata in informazione, studio e competizione. Giocatore di giochi di carte on-line e non, di sparatutto e Moba, con discreti risultati nei tornei raggiungibili. Obiettivo: far conoscere e valorizzare gli e-sports, spesso sottovalutati o addirittura sconosciuti