Videogames: un successo senza fine

Videogames: un successo senza fine

Profilo di Stak
 WhatsApp

Secondo quanto riportato dall’Osservatorio permanente sul settore del videogioco di Ildea, negli ultimi anni l’industria del gaming sta confermando di essere una delle più redditizie del Bel Paese. Nel 2018, il suo giro d’affari valeva 1,8 miliardi di euro, aumentando dell’1,7% nel 2019 e del 21,9% nel 2020, prima di rallentare leggermente nel 2021.

Solo l’anno scorso, si è calcolato che i residenti che si sono dedicati a questa attività sono stati 15,5 milioni, dei quali 2,7 tramite mobile e console, 3,6 da mobile e PC e 9 da tablet e smartphone. In Europa e in Asia, invece, si sono raggiunte le cifre record di 715,8 milioni e 1,48 miliardi di persone, che contribuiscono a far superare i 3,2 miliardi di giocatori a livello mondiale.

Questi risultati non sono casuali, visti i costanti sforzi delle grandi aziende del settore non solo nel miglioramento continuo di console, PC e dispositivi mobili in commercio, ma anche nel lancio di titoli sempre più realistici e in grado di garantire un’esperienza di gioco ogni giorno più avvincente.

A seguire, ci addentreremo nell’intrigante mondo dei videogiochi parlando brevemente delle sue origini, il suo stato attuale e le sue prospettive future. Prima di farlo, però, si dedicherà qualche istante a fornire alcuni dettagli su quelli che vengono considerati i suoi antesignani.

I videogiochi tra passato, presente e futuro

Prima dei videogames: i giochi da tavolo

I board games sono di diritto gli antenati dei più moderni videogames. Come suggerisce il loro stesso nome, in entrambi i casi sempre di giochi si tratta; la loro differenza principale, però, è il tipo di spazio di cui chi vi fa una partita deve disporre.

Mentre i primi necessitano nella maggior parte dei casi di un tavolo fisico, i secondi vengono giocati su un dispositivo collegato a uno schermo. Un altro requisito basico che distingue i due riguarda poi l’aspetto sociale: mentre i board games richiedono la presenza di almeno due persone per essere portati a termine, i videogames possono anche essere apprezzati in sfide singole contro il computer.

Naturalmente questa è una presentazione che, per motivi di spazio, non può che essere estremamente semplificativa, anche considerando che questi due mondi apparentemente separati in realtà si influenzano e sono in costante evoluzione. Basti pensare, per esempio, al gioco degli scacchi – nati probabilmente nel 600 d.C. in India e oggi comodamente accessibili su Smartphone, PC e console – o, in senso opposto, a giochi da tavolo ispirati ai videogiochi come This War of Mine e Dark Souls.

L’origine e la storia dei videogames in breve

Quest’anno si celebra il 70esimo compleanno di OXO, reputato il primo videogioco della storia dato che per visualizzarlo era necessario disporre di uno schermo catodico. L’inventore di questo prototipo del Tris è Alexander Sandy Douglas, uno studente dell’Università di Cambridge che elaborò la sua tesi di laurea basandosi proprio su questo progetto.

Per una democratizzazione e popolarizzazione dei videogames si dovette attendere il 1962, anno in cui Spacewar venne pubblicato per computer DEC. Si può dire però che il loro successo divenne inarrestabile a partire dagli anni ’70, con il lancio da parte di Atari di Home Pong, la prima console casalinga a cui fecero brevemente seguito quelle di colossi come Nintendo, Namco, Sony e Sega.

Alcuni dei titoli più famosi e ormai considerati classici di questo periodo sono Asteroids di Atari (1978), Pac-Man di Namco (1980) e Super Mario Bros di Nintendo (1985). Questo dominio iniziale delle console venne scalfito dal mondo portatile introdotto dal Game Boy di Nintendo nel 1989 e dal Game Gear di SEGA nel 1990, prima che il lancio di internet nel 1991 cominciasse a dare sempre più spazio all’uso del PC come piattaforma di gioco.

Cosa accade nel mondo dei videogames oggi

Dato che all’inizio di questo articolo sono stati presentati alcuni dettagli statistici relativi al mondo dei videogames negli ultimi anni, ci si concentrerà qui sulle piattaforme e le modalità di gioco al momento più diffuse. Oltre a personal computer sempre più sofisticati e all’avanguardia, oggi molti gamers si affidano principalmente a Nintendo, Microsoft e Sony per le loro partite.

Con rispettivamente oltre 106, 50, 18 e 14 milioni di copie vendute, Switch, Xbox One, Playstation 5 e Xbox Series X/S sono attualmente le console più acquistate a livello mondiale. Nel 2021, il gioco più popolare in assoluto della prima è stato Mario Kart 8 Deluxe e della seconda NBA 2K22 nella Regione nord americana e FIFA 22 in Europa; Call of Duty: Vanguard ha invece dominato il ranking dei titoli più venduti per piattaforma Xbox.

Sebbene tutte queste console si distinguano dalle avversarie per caratteristiche tecniche, sono tutte accomunate dal fatto di permettere ai loro utenti di sfidarsi non più solo in maniera presenziale ma anche online in modalità multiplayer.

Inoltre, nel mondo dei videogiochi si sta facendo sempre più strada il cloud gaming. Anche nota come gaming on demand, questa tipologia di fruizione dei giochi consiste nella possibilità di fare una partita al titolo che più si preferisce senza la necessità di comprarne una copia fisica o scaricarlo sull’hard disk del proprio dispositivo.

Ogni produttore si affida a un server diverso, sul quale è disponibile un’ampia gamma di giochi tra cui scegliere dietro il pagamento di un abbonamento. In parole povere, si tratta dell’equivalente di Netflix, solo per i videogiochi.

Divertirsi al casinò con un click

A questo punto, non si potrebbe fare a meno di citare il fatto che, oltre a PC e console, negli ultimi anni sempre più persone si sono avvicinate al mondo del gioco grazie agli Smartphone. Oltre a titoli come Pokémon Unite e League of Legends: Wild Rift, ci si dedica anche largamente ai giochi da casinò.

Differentemente dal passato, oggi è possibile fare una partita dal luogo e nel momento che più si preferisce, anche grazie alla presenza di numerosi siti web dedicati. Quello ci sentiamo di consigliarvi di più è un popolare operatore, regolamentato con licenza AAMS, che si distingue per essere estremamente sicuro e per offrire una vasta gamma di bonus e benefici ai suoi clienti,  mettendo a disposizione tante varinati  uniche del gioco originale, come il poker blast, o tornei per le quelle classiche, come il Texas Hold’em.

Videogames: alcune previsioni per il futuro

Per gli analisti, fino al 2025 il mercato dei videogiochi italiano e internazionale confermerà l’andamento positivo mostrato negli ultimi anni sia in quanto a introiti che a numero di giocatori. Questa rosea previsione non è un azzardo, visto che i Mondiali di calcio di Qatar 2022 e le Olimpiadi di Parigi del 2024 daranno un enorme impulso alla vendita degli eSports.

Una recente analisi di mercato realizzata da Newzoo stima che alla fine dell’anno in corso l’industria dei videogiochi supererà per la prima volta i 200 miliardi di dollari di fatturato, con una crescita del 7,6% rispetto al 2021. Di questi, 56,9 miliardi saranno generati dalle console (+8,4%) e 38,7 miliardi dal settore PC (+3,2%).

Secondo le previsioni, la modalità di gioco mobile – già oggi la più diffusa – si espanderà ulteriormente, raggiungendo ricavi equivalenti a 103,5 miliardi (+5,7%). Di questi, appena più della metà (per l’esattezza il 51%) deriveranno dal gioco su Smartphone e tablet.

Dai giochi da tavolo ai videogames online, in conclusione

Come si è visto, come ogni altro ambito delle nostre vite, negli ultimi decenni anche le nostre abitudini sono state soggette a enormi cambiamenti. Questo ha riguardato anche il nostro modo di socializzare e di trascorrere il tempo libero.

Se fino a non molto tempo fa ci si trovava con gli amici per fare una partita a un gioco da tavolo, col passare degli anni si è iniziato a concedere sempre più spazio ai videogiochi, ogni giorno più attraenti grazie ai passi da gigante realizzati in ambito tecnologico. Il presente e il futuro del gioco sono online e il successo senza precedenti della modalità multiplayer, del gaming on demand e dei casinò virtuali sono una dimostrazione chiara di questo trend.

Gaming online: i titoli più belli del momento da non perdere assolutamente

Gaming online: i titoli più belli del momento da non perdere assolutamente

Profilo di Stak
 WhatsApp

Da Dota 2 passando per League of Legends fino a…

Avere del tempo libero a disposizione da dedicare a sé stessi oggi come oggi è un lusso, visto che tra impegni di lavoro e impegni extra lavorativi c’è sempre da correre. Per quei fortunati che hanno la possibilità almeno nel weekend di isolarsi da tutto e da tutti, non c’è niente di più rilassante che darsi al gaming online, approfittando dei titoli più belli del momento messi in commercio dall’industria ludica.

Se stilare un elenco esaustivo è impossibile, considerando che ce ne sono talmente tanti che meriterebbero di essere provati almeno una volta, cercheremo comunque di fornirvi qualche utile indicazione. A nostro parere un videogioco che regala soddisfazioni, grazie a un gameplay studiato nel dettaglio e a un motore grafico all’avanguardia, Source Engine, è Dota 2.

Questo MOBA free to play sviluppato da Valve vede il player di turno impersonare un eroe che farà parte di una delle fazioni in lotta e avrà come obiettivo quello di aiutare i compagni a impossessarsi della fortezza avversaria. Le battaglie, senza esclusioni di colpi, avverranno prevalentemente all’interno di una serie di sentieri.

Dota 2 ovviamente ha anche altre feature che vi invitiamo a scoprire. Molto interessante è Fortnite, un capolavoro dove a sfidarsi ci sono nazioni di tutto il mondo. In questo caso si sta parlando di uno sparatutto in terza persona del 2017 che si caratterizza per tre modalità distinte: Salva il mondo, Modalità creativa e Battaglia reale.

League of Legends, invece, è il classico RPG esplorativo dove si controlla un personaggio che possiede delle abilità speciali che può e deve “expare”, ossia salire di livello, diversamente non potrà mai sopravvivere all’interno di un universo pieno di pericoli.

Un passatempo meno avventuroso ma dalle dinamiche di gioco più semplici

Oltre a Dota 2, a Fortnite e a League of Legends, titoli longevi che ancora oggi vanno per la maggiore, c’è Crazy Time, che riprende, innovandoli, alcuni dei meccanismi più famosi del popolare quiz che ha per protagonista la ruota della fortuna.

Chi in questi anni ha provato a giocare a Crazy Time sa bene come tale passatempo sia più che una semplice ruota verticale composta da 54 segmenti azionata dal presentatore del gioco rigorosamente in real time; in aggiunta ci sono 4 tipologie di bonus che una volta attivate propongono mini giochi in grado di moltiplicare la puntata effettuata.

Carte collezionabili fin dal 2014

Decisamente diverso rispetto a Crazy Time è Hearthstone, videogioco di carte collezionabili, del 2014, sviluppato e pubblicato dalla Blizzard Entertainment.

Ogni giocatore ha a disposizione un proprio mazzo, che può essere migliorato ottenendo carte più o meno rare che si dividono in 4 categorie: servitore, magia, arma ed eroe, con cui affrontare l’avversario. Portando a termine missioni di varia natura, alcune a tempo, altre “fisse”, altre ancora create ad hoc dagli sviluppatori, se ne possono acquisire di interessanti.

Non solo: ottenendo monete d’oro come ricompensa per i progressi fatti c’è la possibilità di acquistare bustine all’interno delle quali potrebbe celarsi un eroe leggendario che vanta abilità speciali.

In arrivo una nuova competizione su Yu-Gi-Oh! Master Duel

In arrivo una nuova competizione su Yu-Gi-Oh! Master Duel

Profilo di Stak
 WhatsApp

Riceviamo e pubblichiamo – La PSC Gaming eSports ASD, in collaborazione con il team Proteus e Rambo543, annunciano la competizione italiana più grande sul titolo Yu-Gi-Oh! Master Duel.

Tanti i nomi importanti del titolo tcg che partecipano. Il campionato prevede un 3vs3 con regole competitive come la side deck, non inclusa all’interno del gioco. Ogni settimana i team si sfideranno per cercare di aggiudicarsi il montepremi da 1000€!

Player di livello nazionale, europeo e mondiale si ritroveranno online dopo essersi sfidati meno di un mese fa agli europei di Yu-Gi-Oh! TCG.

Molte partite del campionato saranno trasmesse live su Twitch, sui canali di YGOProteus e Rambo543_ con molte iniziative, ospiti, e con la garanzia di un commento tecnico e preparato. Ricordate, il vero competitive di Master Duel, potete trovarlo unicamente qui.

La PSC Gaming eSports si dimostra ancora una volta una realtà che lavora per creare esports in Italia, affiancando e appoggiando sempre le migliori community su ogni titolo.

La mission è quella di portare competizioni durature nel tempo, cimentandosi nell’organizzazione di veri e propri campionati. Potrete seguire tutte le notizie oltre che sul nostro sito sui social della competizione. Per trovarla su instagram vi basterà cercare mditalianleague e potrete rimanere aggiornati su tutte le iniziative.

Anche DrDisRespect protagonista su NBA 2K23!

Anche DrDisRespect protagonista su NBA 2K23!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Oggi è il giorno del rilascio ufficiale di NBA 2K23, nuovissimo titolo di 2K che vuole portare su nuove vette l’esperienza di gioco sul simulatore di basket numero uno al mondo.

Tra i tanti protagonisti e volti celebri coinvolti nella fase di promozione del gioco, oggi scopriamo anche quello del Two Times, il celebre “DrDisRespect“!

Tra gli streamer di FPS più seguiti al mondo ed imprenditore di successo, lo statunitense si è sempre contraddistinto per uno stile unico ed assolutamente impossibile da copiare.

Grandissimo appassionato della NBA, il DOC si prepara quindi a scendere in campo anche sul nuovo 2K23, dove sarà disponibile sotto forma di accessori per personalizzare il proprio account. La cosa è stata prima “teaserata” dallo stesso DrDisRespect, che su Twitter ha scritto “ci vediamo in gioco domani…letteralmente”, e poi finalmente ufficializzata dai primi screen dei giocatori.

Per le informazioni disponibili al momento, sappiamo che gli oggetti dedicati al Two Times saranno il “Dr Disrespect Black Steel Mullet + Headphones” nella modalità carriera. Per sbloccarli, basterà raggiungere il livello 8 del profilo.

Anteprima Black Steel Mullet + Headphones

Questi non saranno gli unici item, visto che sia al livello 20 che al livello 32 i giocatori potranno ottenere altri due oggetti esclusivi.

Proprio al livello 32, riusciremo a sbloccare il celebre giubbottino tattico rosso del DOC, sicuramente l’oggetto più iconico legato a questo streamer.

Articoli correlati: