Metroid Dread: torna la storica saga sci-fi di Nintendo

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Da oggi è disponibile Metroid Dread, nuovo capitolo della celebre sci-fi di Nintendo, che chiude un arco narrativo lungo ben 35 anni. Tante persone sono nate e cresciute nel mondo videoludico grazie a Samus ed alle sue avventure.

Questo nuovo Metroid è un sequel diretto di Metroid Fusion, uscito nel 2002, e conclude definitivamente la saga della nostra cacciatrice di taglie preferita. Il gioco sarà disponibile su tutta la famiglie di console Nintendo Switch, ed avrà un’edizione speciale molto interessante.

Date il benvenuto a Metroid Dread

L’anno dello sci-fi

Il 2021 è senza dubbio un anno in cui il genere sci-fi ha trovato un terreno particolarmente fertile all’interno dei media di intrattenimento. A dimostrarlo è il successo di opere come Dune, l’ultima pellicola del regista Denis Villeneuve tratta dal romanzo di fantascienza per antonomasia, o, ancora, l’arrivo di Fondazione, la serie TV basata sull’omonima serie di libri di Isaac Asimov, altro colosso della letteratura sci-fi.

Anche il fiorente settore dei videogiochi ha abbracciato questa tendenza con diversi titoli, ma tra i più attesi c’è sicuramente il nuovo capitolo dell’iconica saga fantascientifica targata Nintendo, Metroid. Nata nel 1986, ha dato il via alla nascita di un genere a cui ha donato parte del nome, quello dei Metroidvania, ovvero quei videogame caratterizzati da una forte componente di esplorazione alla ricerca di potenziamenti che consentano di accedere ad aree inizialmente inaccessibili, tornando spesso sui propri passi. 

Un cult senza tempo

Metroid è stato da sempre caratterizzato da tutti gli elementi tipici dell’immaginario sci-fi e ha strizzato spesso l’occhio a diversi esponenti cinematografici del genere. In particolare, la saga ha un rapporto speciale con Alien. Che è stato un’enorme fonte di ispirazione sul fronte delle ambientazioni e delle atmosfere a detta dello stesso Game Director di Metroid, Yoshio Sakamoto.

C’è poi l’acerrimo nemico della protagonista Samus Aran, una creatura spaziale dal nome Ridley: un chiaro omaggio al regista britannico. Metroid Dread, nuovo capitolo in 2D della serie dopo 19 anni, approda sulla famiglia di console Nintendo Switch con lo stesso spirito e i temi sci-fi di sempre, ma anche con un’importante novità a livello concettuale: la paura.

Questo il significato della parola “dread” nel titolo, ma anche il leitmotiv di tutta l’avventura, che vedrà la protagonista passare dai panni della predatrice a quelli di preda, costantemente braccata da degli spaventosi robot spaziali.

La chiusura di una saga

Metroid Dread è un seguito diretto di Metroid Fusion. Conclude la saga in cinque parti dedicata al misterioso destino interconnesso della cacciatrice di taglie Samus Aran e dei Metroid, che ha avuto inizio con il primo Metroid per NES.

In questo gioco, Samus atterra da sola su un misterioso pianeta alieno. Viene braccata da una pericolosa nuova minaccia meccanica, i robot E.M.M.I. Man mano che sbloccano nuove abilità, i giocatori potranno tornare nelle aree che hanno già visitato e scoprire nuovi luoghi e potenziamenti nascosti, in classico stile Metroid

Disponibilità

Metroid Dread arriva oggi su Nintendo Switch. In concomitanza con l’uscita di Nintendo Switch modello OLED. Sempre da oggi è disponibile anche un’edizione speciale. Questa include il gioco su scheda, una custodia SteelBook, un artbook di 190 pagine della serie Metroid 2D e cinque carte con le illustrazioni delle copertine dei cinque giochi della saga. A partire dal 5 novembre, sarà inoltre possibile trovare un set composto da due statuette amiibo: Samus con la sua tuta di Metroid Dread e l’E.M.M.I.


Metroid Dread: torna la storica saga sci-fi di Nintendo
Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701