Laboratorio di videogiochi: gli studi italiani si mettono al lavoro

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Laboratorio di videogiochi è la nuova esperienza di gioco per la famiglia di console Nintendo Switch che permette a chiunque di creare e condividere i propri videogiochi in maniera facile e divertente.  Per mettere alla prova le potenzialità di questo esclusivo software, quattro tra i più talentuosi e importanti studi di sviluppo in Italia.

Questi studi si sono sfidati nella creazione da zero di altrettanti videogiochi per la console Nintendo. Il risultato sono quattro titoli tutti diversi tra loro, con un solo fattore comune: tutti sono stati sviluppati grazie alla versatilità di Laboratorio di videogiochi. Il video del racconto dell’esperienza di sviluppo è disponibile a questo link.

Insomma una gara senza esclusione di colpi, che ha dato vita a dei giochi molto interessanti. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa è uscito fuori.

Gli studi italiani mettono alla prova Laboratorio di Videogiochi

Tre titoli

Uno sparatutto a scorrimento orizzontale, un racing game con elementi platform, un’avventura spaziale con una forte componente narrativa e un platform cooperativo: questi i videogiochi creati rispettivamente da Cordens Interactive, MixedBag, Tiny Bull Studios e Untold Games.

L’importanza della community

Anche l’attivissima community di fan Nintendo è scesa in campo per aiutare i giocatori nella realizzazione del proprio videogame con Laboratorio di videogiochi. Con il supporto di Sara Valdameri e Alex De Nittis, Game Designer e QA & Game Tester dello studio italiano 3DClouds, NintendOn, uno dei portali di appassionati della grande N più attivi in Italia, ha preparato tre lezioni guidate alla programmazione di un videogame attraverso Laboratorio di videogiochi. La prima, dedicata al genere platform, è già disponibile su NintendOn.it, mentre le prossime dedicate a sparatutto e racing game arriveranno nel corso delle prossime settimane.

Le parole di Matteo Lana

“Laboratorio di videogiochi è uno strumento tanto potente quanto divertente, e speriamo che faccia nascere in qualche giocatore la scintilla del game designer!” ha commentato Matteo Lana, CEO di Tiny Bull Studios.

Il commento di Mauro Fanelli

Per Mauro Fanelli, CEO & Creative Director di MixedBag, “Mettere le mani su Laboratorio di videogiochi è stata, da sviluppatori, un’esperienza molto interessante. Avevamo alcune idee per giochi Switch sperimentali che avrebbero richiesto molto tempo per la prototipazione, mentre con Laboratorio di videogiochi siamo stati in grado di implementare e testare alcune idee molto velocemente, applicando trucchi che usiamo normalmente durante lo sviluppo. È stato molto divertente!”.

L’entusiasmo di Tommaso Loiacono

Anche Tommaso Loiacono, Co-founder & Game Director di Cordens Interactive, si è espresso sull’incredibile usabilità del videogioco: “L’utilizzo dei controlli touch per insegnare le basi della programmazione di videogiochi è a suo modo rivoluzionario. È la prima volta che si può veramente ‘toccare con mano’ tutto il retroscena dello sviluppo di videogiochi”. Egon Cavalli, Game Designer di Untold Games, ha aggiunto: “’Fantasia’ e ‘condivisione’ sono gli ingredienti necessari per vivere appieno l’esperienza di Laboratorio di videogiochi”.

Uno strumento adatto a tutti

Laboratorio di videogiochi permette a chiunque di concretizzare le proprie idee di game design in maniera facile e accessibile grazie a divertenti lezioni guidate che insegnano le basi della programmazione visuale usando stravaganti creature chiamate Nodon. Il tutto senza che sia necessario avere già esperienza in materia!

Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701