F1 Esport Series: Ben 5 gli italiani qualificati al Pro Draft

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Alla Formula 1 reale, travagliata da numerose critiche e discussioni soprattutto dopo il Gran Premio di Canada, si contrappone il suo campionato esportivo, F1 Esport Series, che si conferma essere l’evento simracing più seguito a livello mondiale.

Siamo giunti alla terza stagione e Liberty Media,
un’azienda di mass-media statunitense proprietaria della competizione reale e virtuale, ha deciso quindi di continuare a puntare mettendo sul piatto ben 500.000$!

LE FASI

L’evento è diviso in tre fasi:

  • Fase di qualificazione – La prima fase dell’evento consiste in una massiccia scrematura di tutti i piloti. Aperta a tutti, solo i primi 36 riusciranno ad accedere al Pro Draft, a cui si aggiungeranno poi 4 Wildcard;
F1 Esport Series
Le 4 trappe della prima fase
  • Pro Draft – I migliori 40 talenti si sfideranno nella seconda fase. Il 16 luglio, alla Gfinity Arena, solo 24 piloti resteranno ancora in corsa, ed ogni team potrà scegliere almeno uno di essi per team che competerà nella Pro Series.
  • Pro Series – L’ultima fase dell’evento, composta da 4 live event che si disputeranno tra Settembre e Dicembre. Il campione in carica della competizione Brandon Leigh, l’inglese sotto contratto della Mercedes che l’anno scorso ha permesso di ottennere il titolo Costruttori virtuale del 2018 alle Frecce d’Argento.
F1 Esports Series
Le prime fasi si svolgeranno su F1 2018, mentre le Pro Series su F1 2019

5 ITALIANI AL PRO DRAFT

Ci saranno anche degli italiani a rappresentare i nostri colori nella seconda fase:

  • Amos Laurito (Samsung MorningStars);
  • Gianfranco Giglioli (Thrustmaster);
  • Pino Macrì (Jean Alesi Esport Academy);
  • Manuel Biancolilla;
  • David Tonizza (Jean Alesi Esport Academy);

Laurito, Macrì e Giglioli si sono infatti qualificati per la terza volta di fila, senza però essere scelti dai team. Ad eccezione dell’ultimo del terzetto che, nella prima edizione del 2017, ha svolto l’intera competizione. Biancolilla è, invece, un pre qualificato in seguito ai risultati della scorsa stagione, dove non aveva però trovato alcun team ad accoglierlo nel 2018.

A TUTTI I COSTI

Tra i piloti che abbiamo citato, all’ultimo secondo è arrivata la lieta notizia per Giglioli, con il sorpasso decisivo all’ultima curva dell’ultima gara, che potete vedere al seguente link:

Un vero e proprio miracolo, invece, per Pino Macrì, qualificatosi il 6 giugno con la caviglia sinistra fratturata a causa di un infortunio accusato nelle precedenti settimane. Ovviamente, adesso il pilota sta effettuando tutte le cure del caso, al fine di salire al massimo della forma sull’aereo che lo porterà a Londra per la seconda fase. Divertente è stata una sua dichiarazione a riguardo, dove ha ammesso che persino in barella avrebbe gareggiato!

Ci sarebbe stato spazio anche per un sesto pilota connazionale, Fabio di Rocco, che si era qualificato ma che non sarà in grado di partecipare alla seconda fase.

IL PRO DRAFT

A Londra, i cinque ragazzi italiani incontreranno Enzo Bonito, pilota titolare McLaren. Sarà una vera BR, quella che interesserà i 40 piloti che accorreranno nella capitale inglese. Molti team hanno già confermato i piloti della precedente stagione, limitando al minimo le selezioni possibili.

Potrete seguire l’evento dal canale ufficiale Twitch, sperando di vedere qualche nuovo italiano venire scelto da un team!

https://www.twitch.tv/formula1

Grazie per la lettura

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.