In arrivo delle modifiche alle Torrette Montate

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

E’ ormai da qualche settimana che non sentiamo più parlare gli sviluppatori delle Torrette Montate, croce e delizia dei precedenti mesi su Fortnite che tanto hanno fatto discutere a causa della loro eccessiva potenza e della loro sconfinata forza.
Durante la giornata di ieri però, un utente ha nuovamente portato al centro delle attenzioni della community queste particolari armi, segnalando il fatto che gli hitmarker presenti sulla torretta fossero dello stesso colore, a differenza di quanto invece accade con gli altri oggetti sui quali si può salire.
Per spiegare al meglio il problema, puntando la nostra arma verso un nemico su un mezzo potremo notare come l’hitmarker cambierà il suo colore in base a cosa colpiremo facendo fuoco, quindi o il nemico in persona o il mezzo su cui viaggia.

Quando invece puntiamo un nemico seduto sopra di una Torretta Montata, l’hitmarker resta sempre uguale, non cambiando colore e non permettendoci di capire quando effettivamente colpiamo il nemico e quando la Torretta.
L’utente in questione si chiedeva quindi se era possibile implementare gli hitmarkers di colore diverso anche per la Torretta ed a rispondere è stato lo sviluppatore EpicDustyDevo che ha prima ringraziato l’utente ed ha poi affermato che la modifica sarebbe stata sicuramente aggiunta nella prossima patch 7.20.

Dopo poco però EpicDustyDevo è nuovamente intervenuto sulla questione, affermando che si tratta in realtà di un bug e che non era al corrente di questo nel momento in cui ha pubblicato la prima risposta.
Il Bug sarà comunque risolto con la medesima patch 7.20 che dovrebbe essere pubblicata entro e non oltre le prossime 1/2 settimane.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.