Warzone competitive: WarsZ firma per il team di Aymeric Laporte

Warzone competitive: WarsZ firma per il team di Aymeric Laporte

Profilo di Stak
06/09/2022 19:29 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

E’ di pochi minuti fa una notizia molto importante per la scena internazionale di Warzone… A pochi istanti dall’inizio della fase europea dei mondiali di Warzone (le Warzone World Series 2022, ndr), il team Aym Esports ha reso noto l’acquisto del professionista WarsZ.

Il pro player entra cosi a far parte del team di proprietà del celebre calciatore spagnolo Aymeric Laporte, fondatore oltre che owner di questa org esportiva. Per chi non lo conoscesse, Aymeric Laporte è un professionista in forze al Manchester City, vincitore di ben 4 Premier League.

Nel 2021 Aymeric ha deciso di intraprendere questa strada nel mondo degli esports, fondando un team che è oggi impegnato su League of Legends, Call of Duty, Apex Legends e Fortnite… Ma non è tutto, perché stando a quanto riportato da Aym Esports saranno molti altri i titoli in cui si andranno ad impegnare.

L’ultimo acquisto di Aym Esports è stato quindi Kacey ‘WarsZ’ Channer, giocatore inglese di soli 22 anni che ha già vinto più di 200 mila Dollari in più di 50 tornei giocati su Warzone.

Tra le tante vittorie di WarsZ, lo ricordiamo, vi è proprio l’edizione 2021 degli europei World Series of Warzone, quando insieme a Fifakill e Jukeyz riuscirono ad imporsi su tutti gli altri giocatori in gara.

Il tweet dell’annuncio

Vedremo sin dove riuscirà a spingersi WarsZ in questa seconda edizione degli europei, evento di debutto per il campione in carica con indosso le vesti dell’AymSquad!

Articoli correlati: 

Botta e risposta tra Santana e Censor: “sei imbarazzante” “e tu un figlio di p*******”!

Botta e risposta tra Santana e Censor: “sei imbarazzante” “e tu un figlio di p*******”!

Profilo di Stak
05/10/2022 20:12 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Uno scambio assolutamente velenoso quello tra il celebre Santana e Censor, sempre in merito alla questione “Nadia” che tanto sta tenendo banco nella community di Warzone.

Il primo a “colpire” tra i due è stato il noto membro dei FaZe (e caro amico di Swagg) Santana, che è intervenuto a gamba tesissima sul professionista della COD League Censor. Secondo Santana infatti, Censor è stato semplicemente “imbarazzante” con il suo ultimo video su Nadia, e lo stesso statunitense si è anche detto “imbarazzato” per i fan della star dei Boston Breach.

Come certamente ricorderete, il video in cui Censor avrebbe dovuto “smascherareNadia (cosi aveva affermato lo stesso Censor nei giorni precedenti) si è rivelato essere solo un video per generare un po’ di click virali. In questo infatti, Censor ha chiesto la mano di Nadia come sua sposa, senza al contempo portare alcuna prova rispetto alla malafede della statunitense.

La cosa ha chiaramente generato molte polemiche, con alcuni content creator che hanno addirittura dato a  Censor del clown.

Questa volta però, sembra che la star dei Boston Breach non abbia proprio gradito le esternazioni di Santana, anche perché Censor è stato per quasi 4 anni un membro della famiglia FaZe ed un giocatore del loro main team.

Censor risponde agli attacchi di Santana: “figlio di p*******”

In questo senso Censor si sente ancora “parte della famiglia FaZe”, e si è quindi sentito doppiamente “tradito” dalle considerazioni di Santana. Pensate che Censor ha replicato cosi al giocatore dei FaZe: “È preoccupato che possa rovinare in qualche modo la carriera di Nadia. Io invece ne parlo e la faccio tornare virale, e questo (Santana, ndr) ancora parla con odio. Hey ragazzo (sempre riferito a Santana, ndr), cosa stai facendo?“…

Il noto pro ha quindi proseguito: “Santana chi?? Ti conosco solo per via di Swagg” per poi concludere, amaramente, “ho un problema con quel figlio di p****** (sempre riferito a Santana, ndr)”.

Siamo ancora in attesa di una risposta di Santana (ammesso che arrivi), anche se ci pare abbastanza evidente che, in un modo o nell’altro, la bomba mediatica chiamata Nadia continua a generare interesse (e flame) sui social…

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Per JGOD è ancora l’UMG8 una delle armi meta di Warzone: ecco la sua classifica con tutte le “migliori”

Per JGOD è ancora l’UMG8 una delle armi meta di Warzone: ecco la sua classifica con tutte le “migliori”

Profilo di Stak
05/10/2022 15:09 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Armi Migliori Warzone – Attraverso la pubblicazione di un nuovo video sul suo canale ufficiale, il celebre Jgod ha svelato quello che dal suo punto di vista è l’attuale meta delle armi di COD Warzone.

A dispetto di quanto in molti si aspettavano, per l’esperto analyst del BR Activision l’UMG8 è ancora l’arma di vertice di Warzone. Questo anche nonostante i nerf che i devs hanno diretto nei confronti dell’arma la scorsa settimana.

Jgod è assolutamente convinto che in questo momento la UMG8 insieme all’Armaguerra rappresentano una delle classi “meta chaser” , insieme ad altre due classi anche queste composte da un’arma long range ed una close range.

Insieme all’UMG8 ed all’Armaguerra, per Jgod infatti svettano anche la Whitley e la Marco 5, e la coppia composta da EM2 e Blixen. Ovviamente potete sentirvi liberi di “mischiare” queste armi a vostro piacimento, tenendo a mente che per JGOD sono queste 6 le “armi TOP” del meta di Warzone.

Vargo, Xm4, CX9, ma anche FFAR e Gorenko tra le “altre” armi che al momento meritano comunque molta attenzione da parte dei giocatori. Andiamo a vedere tutte queste versioni, con la speranza che possano esservi utili per le vostre sessioni di gioco su Warzone.

Loadout consigliati da Jgod per le migliori armi di Warzone: i dettagli

Cosa ne pensate di queste versioni? Quale andrete ad utilizzare nella vostra prossima sessione di gioco? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di WZ d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Shroud sminuisce Nadia: “gioca con il controller, chi se ne frega se è cheater…”

Shroud sminuisce Nadia: “gioca con il controller, chi se ne frega se è cheater…”

Profilo di Stak
05/10/2022 11:49 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Shroud VS Controller – Anche al celebre streamer e giocatore professionista di Valorant Shroud è stato chiesto un parere rispetto alla situazione che sta riguardando in questi giorni Nadia, content creator e streamer in forte ascesa su Warzone.

Come sicuramente saprete, la streamer Nadia è ormai da due mesi costantemente accusata da una parte dei giocatori di Warzone di essere una cheater. Tutto questo interesse nei confronti di Nadia si è però rapidamente tramutato in una crescita esplosiva dei suoi numeri sui social e su Twitch, di fatto lanciandola al vertice di tutte le classifiche legate alle visualizzazioni.

Secondo una fetta ben più grande di giocatori ed esperti infatti, Nadia non sarebbe affatto una cheater (e infatti non c’è mai stata la minima prova di questi suoi imbrogli), ma una straordinaria professionista dell’intrattenimento che ha saputo “costruire” e “cavalcare” una vera e propria campagna di marketing virale.

Sulla questione sono intervenuti molti dei principali protagonisti della scena, fino ad oggi tutti schierati al 101% dalla parte di Nadia.

Tra questi si è però da poco aggiunto Shroud,  che per quanto non abbia accusato direttamente Nadia di qualcosa, ha certamente affrontato tutta la questione da una prospettiva molto diversa.

Shroud: “Nadia una cheater? Ma chi se ne frega, tanto gioca con il controller!”

Alla domanda “Hai qualche considerazione da fare sulla streamer di COD Nadia“, Shroud ha infatti spiegato che secondo lui il “problema non sussiste“… Dal punto di vista di Shroud infatti, le accuse di cheating nei confronti di Nadia perdono di valore nel momento in cui si considera che la stessa gioca con il controller.

Se è sul controller, e penso che lei giochi da controller, non potremo mai capire se bara o meno” ha tuonato Shroud, che ha poi proseguito: “L’assistenza alla mira che c’è su COD da controller è più o meno la stessa cosa di usare i cheat, quindi chi cazzo se ne frega se imbroglia davvero o meno? A chi importa?” (Fonte).

Shroud non è quindi troppo “preoccupato” per la questione, proprio perchè dal suo punto di vista chi gioca con il controller (per colpa dell’Aim Assist) è “già” un cheater, anche se assolutamente “legit” e conforme alle regole. Parole sicuramente molto nette, che  potrebbero presto ricevere una risposta diretta da personaggi come Swagg (da sempre sostenitore dell’Aim e del controller).

Voi cosa ne pensate community? Dal vostro punto di vista le considerazioni di Shroud sono condivisibili? La discussione, come sempre, è aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: