cheater

Activision chiede risarcimento milionario a EngineOwning! I cheater su Twitter “delusi” dal servizio: “siamo stati tutti bannati”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Activision aveva promesso una guerra senza quartiere contro cheater e sviluppatori di software illegali, e cosi è stato: negli ultimi mesi il publisher di Call of Duty ha attaccato al cuore del mondo del cheating colpendo svariate (e note) realtà che rifornivano i giocatori di cheat, ed ha al contempo anche attivato il driver kernel di Ricochet per azzerare la popolazione di imbroglioni su Caldera e Rebirth Island.

Recentemente Activision ha ulteriormente alzato il livello dello scontro, scegliendo di portare in tribunale il provider tedesco di cheat EngineOwning, che ora rischia di pagare una multa salatissima, di svariati milioni di Dollari.

Nella causa intentata da Activision in California, il publisher pretende che EngineOwning (ed i suoi diretti proprietari, con tanto di nomi e cognomi) paghi, per i danni all’immagine ed i danni procurati all’esperienza di gioco su Call of Duty (ma anche Overwatch, altro titolo di Activision Blizzard rifornito di cheat da EngineOwning, ndr), fino ad un massimo di 2500 Dollari per ogni account rifornito con dei cheat…

Nella nota si legge: “Il software fraudolento ha causato ad Activision un danno enorme ed irreparabile alla sua reputazione, ed una perdita di entrate sostanziali“, e prosegue “tale danno ha causato almeno decine di migliaia di imbrogli, e potrebbe ammontare a milioni di dollari”.

Non solo, perché Activision pretende che EngineOwning trasferisca ad Activision stessa l’intero ammontare di tutti i soldi ricevuti per la vendita di questi cheat, e secondo alcuni rumors anche in questo caso si parla di cifre spaventose e con 6 zeri, oltre ovviamente al risarcimento di tutte le spese legali sostenute per la causa.

La terza ed ultima richiesta del publisher è poi relativa alla chiusura istantanea di EngineOwning, con Activision che non è più evidentemente intenzionata solo al risarcimento dei danni, ma che punta più in alto, a creare un vero e proprio clima di terrore tra gli hacker che possa disincentivarne l’interesse nei confronti di COD.

Viste le premesse, e visto che i tedeschi di EngineOwning potrebbero presto essere obbligati a sborsare 10 o 20 milioni di Dollari di danni, speriamo che l’attacco di Activision vada a buon fine.

Ora sono i cheater che si lamentano…

A rendere questa meravigliosa situazione ancor più soddisfacente (per tutti noi giocatori onesti), vi sono poi anche le recenti polemiche nate su Twitter tra i cheater ed i venditori di cheat, con i primi che stanno accusando i secondi di avergli prestato un “pessimo servizio”.

Activision ha scoperto i vostri cheat, ci hanno bannato a tutti quanti l’hardware e siamo impossibilitati a giocare” o “I vostri cheat non servono a nulla, Ricochet mi ha estromesso dal gioco” sono solamente alcune delle frasi che i “poveri cheater scontenti” stanno indirizzando ai market di cheat…una sorta di situazione al limite del paradosso in cui i “clienti”, in questo caso i cheater, si lamentano per il “pessimo” servizio svolto dagli hacker.

Questa situazione infernale per gli imbroglioni è stata invece accolta con immensa gioia dai giocatori onesti di Warzone, estremamente divertiti (e molto soddisfatti) mentre assistevano al flame tra cheater e cheat seller.

Voi cosa ne pensate community? Siete soddisfatti dell’inasprimento da parte di Activision alla guerra ai cheater? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

gas warzone

In arrivo su Warzone: Palloni anti-aerei, GAS e bombardieri!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Gas Warzone – Grazie a dei nuovi leak pubblicati in rete abbiamo potuto farci una minima idea di quello che potrebbe presto sbarcare su Warzone.

Come molti di voi sapranno il prossimo 14 Febbraio verrà ufficialmente rilasciata la Season 2 di Vanguard e Warzone, e con questa sbarcheranno su COD innumerevoli novità. Oltre ai già “teaserati” cambiamenti in arrivo per Caldera, sembra infatti che il pacchetto “contenuti originali” sarà veramente imponente.

I devs hanno deciso di schierare le armi pesanti, e secondo quanto riferito dai leakers ci sarà veramente da divertirsi…

Partiamo sempre da un fondamentale presupposto: tutto quello che leggerete di seguito non è ancora “ufficiale”. Si tratta di “fughe di notizie”, certamente importanti vista l’affidabilità delle fonti che le hanno “scovate”, ma pur sempre ufficiose e non confermate.

Come dicevamo sembra che Raven voglia stupire i giocatori, schierando in campo tante novità tra modalità e contenuti in game. Iniziamo proprio dai contenuti, da sempre argomento “caldo” per gli appassionati. Con la nuova stagione dovremmo assistere all’aggiunta di un nuovo tipo di equipaggiamento “anti-aereo” chiamato “Redeploy Balloons“.

Questi “palloni da rischieramento” dovrebbero e potrebbero funzionare in modo simile ai “Palloni di sbarramento“, agendo come veri e propri “ostacoli” nel cielo per gli aerei. Sbattendoci contro con un aereo potrebbe avere esiti devastanti sull’integrità del nostro velivolo.

Warzone, in arrivo anche i bombardieri e tantissimo gas

Proprio gli aerei saranno i grandi protagonisti della nuova season 2, e questo non solo per i palloni sopra menzionati. Sembra infatti che la prossima stagione verranno aggiunti dei nuovi aerei, dei bombardieri veri e propri, in grado quindi di “bombardare” a tappeto intere zone di Caldera.

L’altro grande protagonista sarà poi il GAS. Vi sarà infatti una modalità a tempo limitato in cui le squadre saranno in grado, attraverso specifici equipaggiamenti, di sprigionare gas per far crepare gli avversari.

Ai giocatori verrà però data la possibilità di utilizzare, nei casi più disperati, la “Personal Decontamination Station“. Questo oggetto dovrebbe mettere “al sicuro” il nostro team dal gas.

Non sappiamo ancora in cosa concretamente consisterà questa Personal Decontamination Station, ma sarà sicuramente un equipaggiamento “fisso”, che potrà quindi darci protezione dal gas, ma ci obbligherà a stare fermi in un punto magari anche per molti secondi.

Un vago esempio di come POTREBBE essere la Personal Decontamination Station su Warzone

Sempre riguardo le modalità a tempo limitato, sembra che i mezzi corazzati saranno grandi protagonisti a Febbraio. Probabilmente, saranno utili per “spargere” il gas attorno ad una determinata zona.

Ecco tutti i post che servono come fonti per queste informazioni:

Cosa ne pensate community? Siete pronti per questa imponente carica di novità in arrivo? Come sempre, la discussione è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

modern warfare

Modern Warfare 2022: per gli esperti lancio anticipato visti i numeri di Vanguard

Profilo di Stak
 WhatsApp

Modern Warfare – Da diversi mesi si parla intensamente del nuovo titolo in arrivo per il franchise di Call of Duty nel 2022, già “spoilerato” dai leaker nel titolo e nella sua ambientazione.

Activision ha infatti deciso di puntare nuovamente sull’epoca moderna, e di lanciare quest’anno il diretto successore di quel Modern Warfare che nel 2019 svelò a tutto il mondo il BR Warzone. Nel 2022 avremo quindi un nuovo Modern Warfare, certamente il titolo più amato dai giocatori di Call of Duty, e probabilmente assisteremo ad un vero e proprio “nuovo inizio” per il battle royale.

Stando a quanto riferito dal noto insider Tom Henderson, subito dopo il rilascio del nuovo titolo di COD gli sviluppatori introdurranno un gigantesco update per Warzone, che dovrebbe completamente rivoluzionare il nostro amato BR.

I rumor suggeriscono infatti un cambio veramente drastico (forse l’engine grafico? o forse il famoso “tabula rasa” di cui parlavamo ieri), anche se al momento non è purtroppo chiaro in cosa consisterà questo update.

Proprio riguardo al rilascio di Modern Warfare, a differenza dei due titoli usciti di recente, questo dovrebbe avvenire con forte anticipo rispetto al previsto. Secondo la quasi totalità dei leakers e degli esperti che hanno commentato questa faccenda, sembra praticamente scontato che il gioco venga rilasciato già ad Ottobre, con più di un mese di anticipo rispetto alle “solite” tempistiche di Activision.

Dietro questa “fretta” vi sarebbero i risultati poco incoraggianti raggiunti da Vanguard. Pur essendo dei rumor, ne sapremo certamente qualcosa in più questa estate, quando verrà ufficialmente svelato il nome e l’anteprima dell’ormai già celebre “progetto Cortez”.

Modern Warfare, quali novità?

Con il nuovo titolo, sembra che i giocatori dovranno unirsi alle forze speciali statunitensi per combattere una “guerra segreta contro i cartelli della droga colombiani”, secondo le fonti di VGC.

Questa nuova modalità campagna dovrebbe quindi ricordare lo stile di Red Dead Redemption 2, caratterizzata da un realismo brutale, da sangue che scorre in quantità e da animazioni di morte uniche. Anche i nemici saranno “migliori”, con Tom Henderson che ha confermato che la loro intelligenza artificiale sarà più amplia e sofisticata di sempre.

“Sparando ai nemici alle braccia o alle gambe, questi perderanno gli arti. Sparando al petto, potrebbero non morire immediatamente” ha inoltre aggiunto Henderson, riguardo al funzionamento dei combattimenti.

Per quel che riguarda il multiplayer, sappiamo che sono in lavorazione per la versione 2022 le storiche mappe di Favela, Terminal, Highrise, Shipment e Quarry, ma vi sono novità anche lato “nuove mode”.

Nel nuovo Modern Warfare 2 del 2022 anche tutte le mappe dell’omonimo titolo del 2009!

Da quest’anno dovrebbe infatti sbarcare su Call of Duty una modalità simile a quella di Escape From Tarkov, in cui quindi i giocatori avranno come obiettivo quello di “accumulare bottino e sopravvivere all’interno di diverse mappe separate, fino al momento dell’estrazione“.

Questa nuova mode in stile Tarkov si chiama DMZ (zona smilitarizzata), e dovrebbe vedere protagonisti 25/30 giocatori a partita. Sempre secondo quanto riferito da Tom Henderson, questa sarebbe stata in fase di sviluppo dal Modern Warfare del 2019.

Su quali dispositivi sarà presente Modern Warfare? 

Al momento non vi è alcuna ragione di pensare che il nuovo titolo non sarà su tutte le console e tutti i dispositivi disponibili (PlayStation compresa ovviamente). I problemi legati alle esclusive che potrà vantare Microsoft, ora proprietaria di Activision, su COD, non si presenteranno comunque prima di fine 2023.

Articoli correlati: 

warzone season 2

Vanguard/Warzone: con la season 2 anche l’italiano Gustavo e l’Armaguerra; in arrivo anche una mappa a tema ALPI

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone /Vanguard Season 2 – Grazie al certosino lavoro di analisi fatto da alcuni noti leakers di Call of Duty, sono state diffuse delle interessantissime informazioni che riguardano molti dei contenuti in arrivo con la prossima stagione.

Come noto infatti, nel corso del prossimo 14 Febbraio verrà ufficialmente rilasciata la season numero 2 della storia di Call of Duty Vanguard, contenuto attesissimo che speriamo inondi sia la versione multiplayer che il BR Warzone di tante divertenti novità e contenuti originali.

Due tra i più noti dataminer della scena, ovvero gli autorevoli ZestyLeaks e Hydra, hanno quindi trovato delle immagini ufficiali che quasi al 100% fanno parte del pacchetto di asset e grafiche promozionali legate alla stagione in arrivo, svelandone parte dei contenuti.

Osservando i file si può quindi notare che con lo sbarco della nuova season assisteremo all’aggiunta dei due nuovi operatori Anna e Gustavo, con il secondo che dovrebbe essere un personaggio legato alla storia italiana.

Pur non sapendo ancora se si tratta di un soldato dell’esercito italiano, della Resistenza partigiana o dell’RSI (la nazista Repubblica di Salò, ndr), sappiamo che Gustavo imbraccia una particolarissima arma degli anni 40…

Con l’inizio della season 2 dovremmo infatti disporre anche della Armaguerra OG-43, pistola mitragliatrice ideata da Giovanni Oliani per la Repubblica Sociale Italiana, stato totalitario di fatto comandato dai nazisti tedeschi che durò meno di 24 mesi dalla sua fondazione.

Le altre armi della Season 2 di Warzone

Oltre all’Armaguerra, con la season 2 dovremmo anche disporre del fucile francese Chauchat, e della mitragliatrice leggera svedese KG M/40 LMG. Sappiamo anche che verrà aggiunto uno shotgun, ma non è ancora chiaro quale questo potrebbe essere.

Nel grande screen di caricamento della Season 2 (o almeno di quello che sembra essere il presunto screen, ricordiamo che stiamo parlando pur sempre di leak e non di informazioni “ufficiali”) si possono poi vedere dei chiari richiami alle Alpi, un segno per molti assolutamente evidente del fatto che con la nuova stagione riceveremo una nuova mappa a tema alpi, legata quindi all’Europa centrale.

Stando ai rumors sul web, sembra che vi siano delle concrete possibilità che questa sia una ground map in arrivo per il multiplayer, ma potrebbe anche essere legata ad un evento che verrà trasmesso anche su Warzone o, chissà, magari anche una nuova mappa di dimensioni ridotte che possa seguire i passi già fatti da Rebirth Island.

I leak svelati da Hydra e ZestyCODLeaks (fonte)

 

Cosa ne pensate di queste informazioni community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

“DiazBiffle è innocente”: Jackfrags pubblica un video che scagiona il Baka Bros