Hot dropping su Apex Legends: per Shroud è una pessima idea

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Lo streamer ha dichiarato che “tutti hot droppano, ma non si accorgono di quanto sia stupido

I giocatori di Apex Legends, come in ogni altro Battle Royale, spesso adottano una tecnica di lancio chiamata hot dropping. Questa strategia consiste nel lanciarsi su punti “caldi” della mappa che sono sempre pieni di giocatori e di loot, per trovare più facilmente armi migliori ed emozioni di combattimento.

Se su Fortnite ci sono le Tilted Towers e su PUBG ci sono diverse aree predilette, anche Apex ha le sue zone affollate. Le basi con loot di alto livello, certamente, ma anche la Hot Zone generata automaticamente in ogni partita.

Secondo l’ex pro di CS:GO Shroud, però, attuare questa strategia è pienamente errato. Se su PUBG o Fortnite i match sono molto lunghi, infatti, le cose non sono le stesse per quanto riguarda Apex, nel quale le partite durano solamente 15 o 20 minuti. Non c’è quindi bisogni di lanciarsi nelle zone calde per trovare azione, visto che questo BR ha un rito di gioco molto veloce.

Le hot zones vengono marchiate da un cerchio sulla mappa all’inizio di ogni match di apex

È anche poco saggio cercare loot nelle zone migliori, secondo Shroud: di spawn points per le armi ce ne sono moltissimi, e rischiare la pelle per la remota possibilità di aggiudicarsi un oggetto raro è molto non è molto furbo.

Se molti giocatori praticano l’hot dropping, inoltre, anche chi non lo utilizza vede un peggioramento nel gioco. Se molti team vengono eliminati nei primi minuti, infatti, ci saranno meno azione e meno adrenalina anche per gli altri player.

Secondo il popolare streamer l’hot dropping è una tattica infruttuosa che non dona risultati nei match, anzi: giocare in questo modo potrebbe portarvi alla morte prematura nei vostri match.


Hot dropping su Apex Legends: per Shroud è una pessima idea
Gabriele "theGabro" Colombi

Nerd. Amante di giochi e videogiochi, Gabriele spende la sua infanzia tra un monitor e una console, e all'università scopre il fantastico mondo degli eSport. @theGabro_ su Twitter.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701