Ecco “The Hidden”, la nuova modalità “Horror” del Workshop!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Camminare in giro per la mappa sapendo di avere una perenne “spada di Damocle” sopra la testa, pronta a metterci fuori gioco senza neanche darci la possibilità di capire quello che sta succedendo.

Si chiama infatti “The Hidden” la nuova modalità creata dall’utente Chehtan, una versione al cardiopalma di Overwatch nella quale dovremo fare molta attenzione agli attacchi provenienti dall’oscurità, quasi impossibili da intercettare.

In The Hidden un giocatore avrà infatti la capacità di diventare invisibile anche se i suoi passi interagiranno con l’ambiente circostante, come pozze d’acqua o altro, cosi da darci almeno una chance di individuare il nostro “celato” nemico prima che questo ci colpisca fatalmente.

Tutte le informazioni e le descrizioni relative a questa modalità sono state mostrate su Reddit dall’autore della mode stessa, che ha inoltre provveduto a pubblicare una versione 1.1 grazie alla quale sono stati risolti alcuni piccoli problemi che la stavano riguardando.

Per provare questo nuovo contenuto che si ispira all’omonima mod presente nel gioco Half Life 2, il codice è N66RE. Una volta entrati nel gioco, se il vostro ruolo sarà quello del giocatore invisibile vi verrà assegnato un Genji con capacità di arrampicarsi e di attaccarsi sui muri, pronto per i più letali ed imprevedibili assalti possibili. Inoltre, in questa modalità sarà anche presente il fuoco amico, fattore al quale i giocatori di Overwatch non saranno affatto abituati, per il quale se un giocatore uccide un compagno di squadra per 3 volte verrà contrassegnato come un “traditore” ed eliminato.

Cosa ne pensate di questa modalità? Per scoprire tutte le informazioni e per restare aggiornati con lo sviluppo della stessa vi invitiamo a consultare la pagina apposita su Reddit – clicca qui.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.