Torna alla lista mazzi

Shadow Priest By Serfa

Mazzo creato 7 anni fa - Ultima modifica 7 anni fa

1

0

Introduzione

Sin dai tempi di WoW, la classe del prete oscuro è sempre stata la mia preferita, tant’è vero che quando uscì HS in open beta, la prima cosa che feci fu di accumulare dust per la creazione del mazzo dei miei sogni erotici. Ancora non sapevo che il prete in questione su Hearthstone era (ed è) puramente for fun e particolarmente poco performante, nonostante i mille tentativi da parte di pro e non di rendere una delle classi più evocative di Warcraft un ottimo mazzo per Hearthstone, ci si è sempre dovuti accontentare di listati sbilanciati ed inefficienti, questo è colpa fondamentalmente della classe del prete in se, che non trova spesso momenti buoni per esprimersi anche con i listati migliori in circolazione.
Partendo da questa prefazione, si sà, i veri nostalgici non gettano mai la spugna, tant’è vero che i tentativi di rendere questo listato quantomeno “decente” sono stati da parte mia svariati e continui; Quello con cui ci troviamo di fronte è uno Shadow Priest molto controlloso, che fondamentalmente riesce a portare buoni risultati solo in caso di ottime mani iniziali, è stato utilizzato durante l’Hearthstone Poison Tournament 4 (ancora in corso) riuscendo a fatica a portarsi qualche match win, sormontato com’era da listati estremamente più validi ed efficaci.

Gameplay

Ci troviamo di fronte ad un Prete Combo, che basa la sua chiusura nella maggior parte dei casi in Velen e 2 Detonazioni Mentali (20 danni) questa combo è stata possibile dopo l’uscita di Thaurissan in Brm, grazie ad esso infatti basterà che anche una sola di queste 3 carte venga ridotta di costo da Thau, per riuscire a fare la combo da 20 danni al costo massimo di 10 mana.
Alex per ovvi motivi ci aiuterà a portare gli hp avversari al di sotto dei 20, in modo da facilitarci la chiusura.
Detto questo va considerato che al momento della chiusura bisogna pure arrivarci, carte come la punizione sacra, i piromanti, la shadow form, la parola d’ombra dolore, il masticatore zombi, il cultista ed altro possono aiutarci a sopravvivere ai primi turni, mentre la follia d’ombra, le esplosioni sacre, la bomba fotonica ed altro cercheranno di arginare il midgame avversario.
Per le fasi finali invece la doppia Parola d’ombra morte, la già citata lightbomb e vol jin riusciranno a buttare giù le creature più grosse e fastidiose.
In questo mazzo sono presenti molte tech, vista la scelta opinabile di non inserire le chieriche, gli accoliti del dolore saranno il motore pescante del mazzo, sinergizzando facilmente con piromanti, con la lightbomb ed in casi disperati col ping della shadowform, inoltre sempre per loro sono presenti i cultisti oscuri, ottimi nel loro rapporto body/costo permettono di “gasare” gli accoliti al fine di pescare ulteriormente. Vol’ Jin in questo listato è un pezzo fondamentale, sarà difatti molto facile usufruire del suo straordinario potere sinergizzando con la shadowform, con una delle doppie punizioni sacre, o di decimo se accompagnata da un’esplosione sacra.

Altro

Personalmente non reputo questo listato una scelta valida da portare ad un torneo, ma resta un’interessante alternativa al prete comune, che potrà darvi grandi emozioni qualora riusciste a vincere con un avversario molto più grosso di voi.

Ecco un video di gameplay particolarmente efficace.