Analisi del meta. Magiche Disavventure settimana 4

Analisi del meta. Magiche Disavventure settimana 4

Profilo di Victor
 WhatsApp

Benvenuti gentili lettori, il mio nome è Victor e oggi analizzeremmo il meta antecedente alla patch 3.0.0. Vedremo quindi quanto questi era equilibrato e vario. Valuteremo poi la prossima settimana l’impatto del bilanciamento. Qui andremo a vedere 2 cose. La prima è analizzare i mazzi da platinum in su per capire lo stato del meta. La seconda è osservare nel dettaglio il rank master per comprendere il play rate di regioni, campioni e mazzi.

I dati sono presi da Mobalytics e da LORmeta. Per determinare la distribuzione del play rate dei mazzi all’interno del meta useremo il Herfindahl-Hirschman Index (HHI), potete capire come funziona tramite questo articolo.

Ho aperto il mio profilo Instagram in cui pubblicherò tutti gli articoli che scrivo (potrete andarci cliccando qui). In questo modo anche coloro che sono più a loro agio con questo social potranno vedere le notizie direttamente da là. Vi ricordo inoltre che le news vengono pubblicate anche sul nostro gruppo Facebook (potrete andarci cliccando qui). Se invece volete farvi un paio di partite il nostro server Discord è quello che fa per voi (potete andarci cliccando qui).

Analisi del meta. Magiche Disavventure settimana 4: Plat+

Nel Plat Plus abbiamo trovato un meta estremamente vario e senza alcun mazzo con un win rate superiore al 57%. Questo ci dà l’idea di come fosse possibile giocare ogni lista. L’unica abilità richiesta era la conoscenza del deck in questione. Nonostante ciò era indubbio che i migliori fossero Fizz Lulu, Ahri Kennen Recall e Yordle Burn.

Nonostante il loro WR Fizz Lulu e Yordle Burn avevano un tasso di gioco veramente basso rispetto alle loro reali capacità. Lo stesso si può dire per Zoe (Bandle City). Questo mazzo aveva un win rate del 54,7% ma solo l’1,2% di play rate.

Mono Pantheon invece era nella situazione opposta: tasso di gioco del 3% con un win rate del 51%. Ci trovavamo quindi davanti a un mazzo sovragiocato rispetto a ciò che poteva offrire in termini di successo. Anche Ekko Zilean e Caitlyn Teemo avevano play rate troppo alti rispetto al win rate.

Il HHI aveva subito un calo drastico. In una sola settimana era passato da 211 (comunque un numero molto basso) a 163. Il meta era quindi estremamente diversificato e c’era la possibilità di incontrare qualsiasi mazzo durante le classificate.

Analisi del meta. Magiche Disavventure settimana 4: Master

Qui voglio scendere un po’ più nello specifico trattando sempre la diversità, ma non solo di mazzi. Esaminerò anche campioni e regioni per capire se alcuni sono troppo giocati rispetto ad altri oppure se il meta è bilanciato anche nei loro confronti.

Iniziamo dalle regioni, per le quali useremo i dati di Lor meta. Dobbiamo ricordarci che le percentuali ottenute per inclusione di campioni e regioni sono raddoppiati e, se sommati, danno il 200%. Quindi dimezzeremo i dati ottenuti e li compareremo con quelli della precedente settimana.

Bandle City era ancorata al primo posto staccando tutte le altre regioni in maniera nettissima. Anche Surima e Piltover&Zaun detenevano tassi di inclusione estremamente alti. Tutto ciò ha portato a un netto aumento del del HHI che, in una settimana, è passato da 995 a 1089. Un salto tutt’altro che piccolo, speriamo che la nuova patch possa riequilibrare la situazione.

A differenza delle regioni, i campioni hanno visto una diminuzione del HHI. Questo è dato dall’altissimo numero di mazzi con un play rate superiore all’1%. Tutto ciò ha portato a una maggiore meta diversità per quanto riguarda i champ. Infatti il loro indice è passato da 199 a 187, un numero davvero basso.

Come scritto sopra l’aumento della meta diversità riguardante i campioni è sicuramente da attribuire ai mazzi. La meta tier list del 5 gennaio aveva ben 28 mazzi al suo interno. Quindi 28 liste avevano almeno l’1% di play rate. Una roba mai vista. Infatti il HHI dei mazzi, nella scorsa settimana era di 158, dove l’indice della settimana precedente arrivava a 281.

Conclusione

Sono veramente stupito. Un HHI sui mazzi nelle settimane centrali del meta, dove questo dovrebbe invece assestarsi, mi ha positivamente colpito. Alla Riot stanno facendo un fantastico lavoro, e si stanno impegnando per diversificare il meta.

Gentili lettori, noi ci vediamo più tardi con un nuovo articolo

Qual è il mazzo migliore per salire nelle classificate?

Qual è il mazzo migliore per salire nelle classificate?

Profilo di Victor
 WhatsApp

Benvenuti gentili lettori, il mio nome è Victor e oggi voglio rispondere a una domanda: Qual è il mazzo migliore per salire nelle classificate? La risposta potrebbe essere un semplicissimo “non esiste il mazzo migliore, devi usare ciò con cui ti trovi a tuo agio e modificarlo fino a che non ti soddisfa”. Ma voglio che questo articolo spieghi maggiormente ai lettori come fare deckbuilding e trovare un mazzo che funzioni.

Vi faccio un esempio pratico: nella nostra meta tier list Azir Xerath è un mazzo meme, con un meta score negativo. Eppure sono riuscito a modificarlo e a vincere più volte contro deck anche competitivi. Certo, i match up sfavoriti ci sono sempre, ma sta a noi modificare la lista per renderla più adatta a reggere il meta e trovare le giocate giuste nelle partite.

Ho aperto il mio profilo Instagram in cui pubblicherò tutti gli articoli che scrivo (potrete andarci cliccando qui). In questo modo anche coloro che sono più a loro agio con questo social potranno vedere le notizie direttamente da là. Vi ricordo inoltre che le news vengono pubblicate anche sul nostro gruppo Facebook (potrete andarci cliccando qui). Se invece volete farvi un paio di partite il nostro server Discord è quello che fa per voi (potete andarci cliccando qui).

Qual è il mazzo migliore per salire nelle classificate?

Ora che abbiamo capito che non esiste un mazzo adatto a salire nelle classificate possiamo parlare un po’ di come funziona il deckbuilding, la meta tier list e, soprattutto, perché un mazzo che funzionava nella scorsa stagione ora non da buoni risultati. Tutte e tre cose fondamentali per giocare correttamente a Legends of Runeterra.

Partiamo dal deckbuilding. Anzitutto è necessario ideare il mazzo: come deve funzionare? Deve ruotare attorno a una o più carte? Quale archetipo deve avere?

Facciamo un esempio pratico col Darius Leona, un mazzo che ho condiviso nell’articolo di ieri. Allora, a prima vista i 2 campioni non ci azzeccano nulla, ma meno di zero. Eppure, qui, funzionano bene. Questo perché il deck è abbastanza aggressivo e punta a infliggere danni al nexus approfittando dei vari stun. Ovviamente Leona è perfetta allo scopo. Inoltre, con i nemici storditi manderemo facilmente l’avversario e 10 punti vita e lì Darius sarà un vero problema.

Ora: come devo usare la meta tier list? Prendere il mazzo migliore, incollarlo su LOR e farci le classificate difficilmente vi porterà a qualcosa. Infatti bisogna fare vari tentativi con vari deck, modificarli e vedere con quale ci si trova meglio a giocare.

Un esempio perfetto è quello che è successo qualche sera fa con Marcomnd. Inizialmente l’ho aiutato a fare qualche classificata su Discord. Ha usato fin da subito Pantheon Shyvana, ma ci siamo resi conto che ha ottenuto risultati molto migliori con Kennen Ahri, motivo per cui è meglio che provi ad usare il deck con Ionia e Shurima, inserendo in esso le carte con cui si trova più a suo agio

Un’ultima cosa a riguardo della meta tier list è che va usata per capire come gira il meta. Il fatto che metta tutti i dati possibili nella tabella a fine pagina non è un caso: voglio che voi valutiate cosa vi conviene giocare in base a che mazzi usano gli altri.

E qui arriviamo al terzo punto: come mai un mazzo che, nella scorsa stagione andava bene, ora fa pena? Perché, evidentemente, in meta, girano molti deck con cui ha scarse possibilità di vittoria. Per quello è fondamentale guardare la meta tier list: capirete cosa viene maggiormente giocato, e quindi selezionerete una lista che, se non è favorita, almeno non perde a priori.

Conclusione

In realtà i 3 concetti sopra esaminati andrebbero trattati più nello specifico tramite un articolo apposito, ma per ora voglio soltanto darvi un’infarinatura generale. Se avete dei dubbi potete usare Instagram, Facebook o Discord per parlarne con me o con altre persone presenti.

Noi ci vediamo lunedì con un nuovo articolo.

Uno sguardo ad Akshan Sivir

Uno sguardo ad Akshan Sivir: la signora delle battaglie continua a lottare

Profilo di Victor
 WhatsApp

Per dare Uno sguardo ad Akshan Sivir clicca qui.

Benvenuti gentili lettori, il mio nome è Victor e sembra che i mazzi del passato continuino a tornare in questo meta. La lista che voglio portarvi oggi è Akshan Sivir, un deck che, in questi giorni, sta scalando la meta tier list con statistiche impressionanti. Infatti negli ultimi 2 giorni è passata dalla trentaduesima posizione alla sesta, uno scatto estremamente notevole.

Il mazzo che andremo a vedere è un midrange che punta ad ottenere il vantaggio di board per poi chiudere tramite Sivir livellata. Il deck quindi punta molto sui propri alleati e sulle magie che servono a difenderli. Grazie agli incantesimi non sarà facile portare a zero il monumento di Akshan e livellare il campione.

Ho aperto il mio profilo Instagram in cui pubblicherò tutti gli articoli che scrivo (potrete andarci cliccando qui). In questo modo anche coloro che sono più a loro agio con questo social potranno vedere le notizie direttamente da là. Vi ricordo inoltre che le news vengono pubblicate anche sul nostro gruppo Facebook (potrete andarci cliccando qui). Se invece volete farvi un paio di partite il nostro server Discord è quello che fa per voi (potete andarci cliccando qui).

Uno sguardo ad Akshan Sivir

Dopo il buff di quest’estate, Sivir è diventato un campione veramente forte. Non è difficile livellarla e, una volta che avviene, tutta la nostra board otterrà Scudo Magico, Attacco Rapido e qualsiasi altra parola chiave saremo riusciti a darle tramite i Ritrovamenti Fortunati. Il campione va anche in combo con l’Assolutore, il quale ci permetterà di dare Sopraffare a tutta la board.

Akshan è un eroe estremamente forte, visti i monumenti che può darci. Mentre contro i mazzi più aggressivi potremo anche farlo bloccare e morire, contro altre liste e fondamentale proteggerlo quanto più possibile. Far arrivare a zero il Palazzo del Condottiero e far livellare Akshan da un vantaggio enorme, soprattutto se poi riusciamo a portare a zero anche il secondo monumento che il champ ci concede.

I seguaci servono a fornirci una curva di mana costante per mettere pressione all’avversario. Cacciatrice di Tesori e Segugio Piumalesta sono ottimi drop a 1. Il secondo poi entra in sinergia con la Protettrice Brillacciaio che gli darà Barriera mentre ottiene sfidante. Cacciatrice Spietata ci farà rimuovere un nemico dalla board mentre Nobile di Vekaura ci darà il Palazzo del Condottiero o, se è già in campo, lo farà avanzare di 2 turni.

Picchiatore di Vekaura è una carta estremamente utile. Ci darà continuamente Ritrovamento Fortunato, il quale farà avanzare il monumento di Akshan e darà parole chiave a Sivir. Inoltre, grazie a Singolar Tenzone, Colpo Coordinato e Cataclisma potrà facilmente colpire più volte in un singolo turno.

Fra gli incantesimi Pietra Plasmata e Vista Acuta sono dei buoni trucchi da combattimento. Singolar Tenzone, Cataclisma e Colpo Coordinato sono delle ottime rimozioni, perfette per togliere dal campo i nemici più scomodi. Egida Dorata e Determinazione sono i rally, i quali ci aiuteranno a mettere pressione all’avversario e a chiudere la partita. L’assolutore invece darà Sopraffare a un alleato (di solito lo useremo su Sivir) aumentando i danni diretti al nexus.

Conclusione

Dopo il nerf Akshan Sivir sente molto di più la pressione dei mazzi in meta. Se questi gli è favorevole allora può entrare, altrimenti, se ha troppi match up avversi, è destinato a rimanerne fuori. A mio parere, però, è un mazzo ottimo per i tornei.

Gentili lettori, noi ci vediamo più tardi con un nuovo articolo.

5 mazzi interessanti non in meta

5 mazzi interessanti non in meta

Profilo di Victor
 WhatsApp

Benvenuti gentili lettori, il mio nome è Victor e oggi vi porterò a vedere 5 mazzi interessanti non in meta, con i quali potreste divertirvi durante il weekend. Infatti normalmente prendiamo mazzi dai siti guardando il loro win rate o le loro statistiche in generale. Usare invece mazzi sconosciuti può essere interessante, anche per sorprendere gli avversari nelle classificate.

Ho aperto il mio profilo Instagram in cui pubblicherò tutti gli articoli che scrivo (potrete andarci cliccando qui). In questo modo anche coloro che sono più a loro agio con questo social potranno vedere le notizie direttamente da là. Vi ricordo inoltre che le news vengono pubblicate anche sul nostro gruppo Facebook (potrete andarci cliccando qui). Se invece volete farvi un paio di partite il nostro server Discord è quello che fa per voi (potete andarci cliccando qui).

5 mazzi interessanti non in meta

Darius Leona

Ammetto che questo mazzo mi ha incuriosito fin da subito. Infatti gioca 2 campioni che, a mio parere, hanno ben poca possibilità di entrare nel meta. Eppure entrambi funzionano bene. Non solo: le varie sinergie fra Targon e Noxus danno buoni risultati: infatti il deck è molto aggressivo e i vari stun rendono ininfluente la board avversaria.

L’obbiettivo del mazzo è quindi quello di costruire una buona bord, nel mentre stunnare i nemici e infliggere danni al Nexus. Così facendo Darius livellerà abbastanza in fretta, mentre Leona è uno stun continuo. Ho visto pochi mazzi aggressivi così su Legends of Runeterra e, ammetto, di esserne molto colpito.

Caitlyn Ezreal

Quello che abbiamo qui è una versione alternativa di Draven Ezreal, un tempo un mazzo molto potente, ma che in pochi conoscono. A mio parere Caitlyn funziona molto meglio di Draven, in quanto crea problemi alla board avversaria. Il nostro obbiettivo qui non è di livellarla, ma se succedesse sarebbe un’ottima cosa.

Il mazzo è un tempo che punta a prendere il controllo della board tramite gli spari per poi chiudere o tramite Ezreal livellato o Capitan Farron. Quest’ultimo sarà in grado di uccidere l’avversario in pochi turni grazie all’abilità Sopraffare e ai Decimare.

Kindred Twisted Fate

Era da un sacco che non vedevo un mazzo con il Registro dei Rimpianti, quindi perché non inserirne uno? Quello che abbiamo davanti è un control con Bilgwater che mira a prendere il controllo del campo per poi chiudere utilizzando i suoi campioni.

L’idea migliore è quella di non giocare mai più di una magia al turno, così da riottenerla in quello successivo tramite Registro dei Rimpianti. Inoltre, se riusciamo a giocare solo Dacci Dentro, col monumento in campo, otterremo più facilmente la carta Fai le Valigie.

Ashe Thresh

Ashe è un campione utilissimo quando si vuole demolire la board avversaria. Ciononostante non sta avendo un grande successo assieme a Leblanc poiché il mazzo non gira completamente attorno a lei. Riuscire a fare una lista freeze permetterà di distruggere molti mazzi midragne come Miss Fortune Quinn.

L’obbiettivo del mazzo è quindi congelare i nemici, livellare Ashe e uccidere l’avversario, in quanto, i suoi bloccanti, non potranno fare nulla. Thresh può essere utile per togliere i nemici più fastidiosi. Livellarlo non è fondamentale, ma se ci riusciamo, potremmo avere anche più Ashe in campo.

Ezreal Teemo

Per chi ama i funghi come me questo mazzo è perfetto. Rispetto alla versione con Caitlyn questo mazzo è molto più orientato al controllo e cerca di prendere il controllo della board approfittando della grande quantità di magie da controllo.

Stiamo quindi parlando di un deck tempo, il quale mira a tenere in controllo della board per poi chiudere tramite Ezreal e gli scoppiettini. Il primo, uno volta livellato, sparerà danni continui all’avversario. Intanto, una volta riempito il mazzo avversario di funghi, la Fonderia dei Nuclei Hex farà si che gli scoppiettini facciano il loro lavoro.

Conclusioni

Questi sono alcuni mazzi interessanti da utilizzare in questi giorni. Voi utilizzate mazzi fuori meta? Se si quali? Fatecelo sapere nei commenti.

Noi ci vediamo domani con un nuovo articolo