Patch 11.9: grossi cambiamenti in arrivo per il meta

Patch 11.9: grossi cambiamenti in arrivo per il meta

Profilo di Rios
 WhatsApp

Nella giornata di ieri vi avevamo dato una piccola anteprima sulla patch 11.9, mostrandovi i pochi dati a disposizione. Oggi, invece, andiamo a vedere tutto ciò che arriverà con il nuovo aggiornamento, attingendo direttamente dalla lista diffusa da Mark Yetter su Twitter.

Tutti i numeri della patch 11.9

Campioni buffati

Kindred

Danza delle frecce (Q)

  • Tempo di ricarica diminuito da 9 a 8s
  • Danno aumentato da 60-140 a 60-160

Shen

Uniti nelle difficoltà (R)

  • Forza dello scudo cambiata da 175/130/525 (+135% AP) a 120/310/500 (+17.5% bHP)(+135%AP)

Xerath

Impulso arcano (Q)

  • Danno aumentato da 80/120/160/200/240 (+75% AP) a 70/110/150/190/230 (+90% AP)

Occhio della distruzione (W)

  • Danno aumentato da 60/90/120/150/180 (+60% AP) a 60/95/130/165/200 (+65% AP)

Kog’Maw

Sputo corrosivo (Q)

  • Riduzione resistenze aumentata da 20-28% a 25-33%

Melma del vuoto (E)

  • Costo in mana diminuito da 80-120 a 60-100

Taric

Tocco delle stelle (Q)

  • Costo in mana diminuito da 70-110 a 70-90

Lulu

Metamorfosi (W)

  • Tempo di ricarica diminuito da 16-12s a 15-11s
  • Velocità d’attacco aumentata dal 20-35% a 25-35%

Trundle

Pilastro di ghiaccio (E)

  • Rallentamento aumentato dal 20/30/40/50/60% al 32/39/46/53/60%

Kayn (forma rossa)

Mietitura (Q)

  • Danno della Q di Rhaast aumentato da 55% AD (+5% (+4% per 100 bAD) sulla salute massima del bersaglio a 65% AD (+5% (+4% per 100 bAD) sulla salute massima del bersaglio

Sett

Pugni nelle mani (W)

  • Percentuale di grinta “spesa” come danno aumentata da 25+10 per 100 bAD a 25+20 per 100 bAD

Il pezzo forte (R)

  • Ratio dell’AD bonus aumentato dal 100% al 120%

Campioni nerfati

Hecarim

Statistiche base

  • Armatura base ridotta da 36 a 32
  • Armatura per livello aumentata da 4 a 4.25

Furia scatenata (Q)

  • Danno bonus per stack diminuito dal 5% al 2% (+1% per 33 bAD)

Spirito del terrore (W)

  • Cura diminuita dal 30% al 30% (+1% per 40 bAD) dei danni fatti da Hecarim
  • Questa percentuale è dimezzata al 15% (+1% per 80 bAD) per i danni inflitti dagli alleati

Carica devastante (E)

  • Danno minimo abbassato da 35/65/95/125/155 a 30/50/70/90/110
  • Danno massimo abbassato da  70/130/190/250/310 a 60/100/140/180/220

Vladimir

Trasfusione (Q)

  • Tempo di ricarica aumentato da 9/7.75/6.5/5.25/4s a 9/7.9/6.8/5.7/4.6s

Morgana

Ombra tormentata (W)

  • Danno sui mostri abbassato dal 200% al 185%

Diana

Statistiche base

  • Armatura per livello diminuita da 3.6 a 3.1
  • Rigenerazione HP diminuita da 7.5 a 6.5

Lama lunargento (Passiva)

  • Velocità d’attacco diminuita da 20-40% a 15-40%

Dr.Mundo

Statistiche base

  • Armatura per livello diminuita da 3.5 a 3
  • AD per livello diminuito da 3.5 a 3

Rumble

Titano della discarica (Passiva)

  • Danno magico on-hit del surriscaldamento diminuito da 10-50 a 5-40

Jinx (bug fix nerf)

  • Danno critico dei razzi sugli splash target diminuito dal 200% al 175%

Gragas

Urto devastante (E)

  • Danno diminuito da 80/130/180/230/280 a 80/120/160/200/240

Heimerdinger

Micro-razzo hextech (W)

  • Danno iniziale dei razzi diminuito da  50/80/110/140/170 a 50/75/100/125/150
  • Danno totale dei razzi diminuito da 90/144/198/252/306 a 90/135/180/225/270

Garen

Coraggio (W)

  • Armatura e resistenza magica per stack diminuite da 0.25 a 0.2 (resistenze massime invariate)
  • Minion necessari per avere il massimo delle resistenze aumentati da 120 a 150

Oggetti buffati nella patch 11.9

Pietra di luna rinnovata

  • Cura base di Grazia stellare aumentata da 60 a 70

Danza della morte

  • AD aumentato da 50 a 55
  • Armatura aumentata da 40 a 45

Speranza perduta

  • AD aumentato da 30 a 40
  • Nuovo buildpath: ascia del focolare, mantello di negatron, spada lunga e 75G
  • Costo totale invariato

Egida del sole (solo per la jungle)

  • Danno ai mostri di Immolazione aumentato dal 100% al 150%

Oggetti nerfati nella patch 11.9

Chemtank turbo

  • Velocità di movimento dell’attiva diminuita dal 60 al 40%

Corazza dell’uomo morto

  • Salute diminuita da 400 a 300

MSI 2022: i G2 rischiano ma battono anche gli Evil Geniuses

MSI 2022: i G2 rischiano ma battono anche gli Evil Geniuses

Profilo di Rios
 WhatsApp

Dopo le vittorie ottenute ieri sui T1 e sugli RNG ci si aspettava molto dai G2 Esports in questa giornata del MSI 2022, specialmente contro una squadra più debole come quella degli EG. Ma, in realtà, le cose non sono state poi così semplici per i campioni della LEC.

Infatti Caps e compagni hanno sudato più del previsto, rischiando anche di perdere durante le fasi di mid-game. Alcuni errori singoli stavano pregiudicando il risultato finale del game, ma nelle fasi di fight i G2 hanno tirato fuori tutte le loro carte segrete.

Insomma, uno scivolone evitato per la compagine europea, che ha causato scompensi cardiaci a tutti a fan del Vecchio Continente.

Lo scontro tra Europa e Nord America al MSI 2022

Un copione già visto

Durante la fase a gruppi i G2 Esports e gli Evil Geniuses si sono affrontati innumerevoli volte, con gli europei sempre vincitori sugli avversari nord-americani. Nonostante questo, però, gli EG sono quasi sempre riusciti a mettere in difficoltà Caps e compagni.

Anche oggi, nel secondo giorno del rumble stage del MSI 2022, il copione non è stato differente. Nonostante un buon inizio da parte dei G2, capaci di contenere e mettere in estrema difficoltà il Mordekaiser di Impact, il mid-game è stato dominato dagli Evil Geniuses.

Facilitati da alcuni errori grossolani dei loro avversari, i campioni della LCS sono riusciti a rimontare un grosso svantaggio in gold, portandosi anche avanti verso la vittoria. Inspired sono stati bravissimi a sfruttare tutti gli scivoloni dei G2, assicurandosi così tanti obiettivi ed un discreto vantaggio in gold.

Ma poi è arrivato quel momento. I G2 Esports hanno premuto sul loro interruttore, decidendo di vincere con la loro carta migliore: i teamfight. Grazie ad alcune schermaglie perfette, apparecchiate dal solito BrokenBlade con Ornn e finalizzate da Flakked con Kai’Sa, i campioni della LEC hanno cancellato quanto di buono fatto dagli Evil Geniuses. Da lì in poi la vittoria è stata una pratica piuttosto semplice per i G2, che continuano ad essere imbattuti e primi in questo rumble stage del MSI 2022.

Bel’Veth: ecco la cinematica che presenta il campione

Bel’Veth: ecco la cinematica che presenta il campione

Profilo di Rios
 WhatsApp

In questi minuti Riot ha rilasciato una nuova cinematica dedicata a League Of Legends, che presenta ufficialmente Bel’Veth: il nuovo jungler. La clip parte subito dopo il finale di The Call (il video che ha aperto la stagione) ed ha anche Kai’Sa come protagonista.

Benché la cinematica non ci mostri ufficialmente il kit del campione, possiamo vedere qualche particolarità che rimanda a quel leak mostrato diversi giorni fa. Ancora manca qualche giorno al reveal completo ed al debutto sul PBE, ma qualche cosa interessante si è intravista.

L’imperatrice del Vuoto è pronta a mettere a ferro e fuoco Runeterra, in quello che si preannuncia essere un nuovo evento di lore.

Ecco a voi Bel’Veth

La cinematica

Come detto in apertura di articolo, la cinematica “Tutto ciò che sarà” parte subito dopo la fine di “The Call“, mostrandoci cosa è successo a Kai’Sa dopo la lotta con Rek’Sai. Molti si ricorderanno che la Figlia del Vuoto si è gettata in un tunnel, successivamente chiuso con delle rocce da Taliyah.

Subito dopo essere atterrata, la nostra Kai’Sa trova dei resti di una città consumata, con dei richiami shurimani abbastanza chiari. Alle sue spalle, però, un’ombra inquietante si agita: è Bel’Veth colei che è “tutto ciò che il vuoto ha consumato“.

Da lì in poi inizia un breve combattimento, in cui la Figlia del Vuoto ha nettamente la peggio, ritrovandosi inerme davanti alla potenza di Bel’Veth, L’Imperatrice ha un solo ed unico obiettivo: divorare tutto il mondo di Runeterra attraverso la potenza e la fame continua del Vuoto.

Nel video ci viene anche mostrata la forma finale del nuovo campione, che più volte è stata nominata nei leak che si sono susseguiti in queste settimane. Inoltre la stessa Kai’Sa viene catturata dall’Imperatrice, diventando poi corrotta come nella splashart che vi abbiamo mostrato qualche tempo fa.

MSI 2022: i G2 polverizzano anche gli RNG

MSI 2022: i G2 polverizzano anche gli RNG

Profilo di Rios
 WhatsApp

Quella che doveva essere una giornata difficilissima per i G2 Esports, è diventata una vero e proprio sogno ad occhi aperti. I campioni della LEC hanno polverizzato i T1 e poi anche gli RNG, assicurandosi un 2-0 netto nella prima giornata del rumble stage del MSI 2022.

Gli europei hanno sovvertito quasi tutti i pronostici della vigilia, andando ad imporre uno stile di gioco che ha cancellato le sicurezze degli avversari. Anche nel match giocato contro i cinesi non c’è stata storia, ed anzi abbiamo visto una squadra ancora più compatta e combattiva.

Forse gli RNG hanno commesso qualche errore in più rispetto ai T1, ma questo non cambia lo splendido risultato di questi ragazzi.

I G2 dominano la prima giornata del rumble stage del MSI 2022

Ancora una volta

Dopo la vittoria ottenuta qualche ora fa contro i T1, ci si aspettavano dei G2 Esports ancora più combattivi, ed i ragazzi non hanno deluso le attese. La squadra ha giocato un game spettacolare, dimostrando di non essere arrivati al MSI 2022 per fare da sparring partner.

La partita giocata contro i Royal è stata un manifesto per il team europeo, che ha confermato e portato ancora più in alto le prestazioni mostrate contro Faker e compagni. I campioni della LPL hanno commesso molti più errori dei coreani, concentrandosi sulla corsia superiore cercando di negare il Vladimir di BrokenBlade mentre tutto il resto del team crollava.

Infatti, nelle altre linee, CapsFlakkedTargamas sono riusciti a trovare moltissimo successo, insieme a Jankos che si è fatto trovare sempre al posto giusto nel momento giusto. I G2, però, hanno trovato la massima espressione della loro forza nei fight caotici messi in piedi, riuscendo a trarre vantaggio anche dalle situazione in cui avrebbero dovuto perdere.

Questi ragazzi stanno dimostrando che sono arrivati qui per riprendersi la coppa, replicando quel magico 2019 che è ancora vivo nei ricordi dei fan europei.