Outplayed vincitori del PG Nationals Predator Summer Split

Outplayed vincitori del PG Nationals Predator Summer Split

Profilo di Paesano
 WhatsApp

Sono gli Outplayed i vincitori del PG Nationals Predator Summer Split 2018. Nell’evento giocatosi a Roma, nel teatro 1 di Cinecittà World gli Outplayed si guadagnano la terza semifinale consecutiva. Sono bastate tre partite per chiudere la serie alla meglio delle 5, nessuna speranza lasciata al Team Forge, che dopo lo Spring Split, non riescono a trovare neanche una vittoria nella serie. Durante lo Split, i Team Forge si erano guadagnati il primo posto, anche se il parziale contro gli attuali campioni d’Italia era di 1W e 1L.

La serie

Se durante tutto lo split, Weizor non sembrava essere totalmente lucido, e nelle community si scherzava sul suo teorico “int“, in finale è stata tutta un’altra storia. Weizor è stato non solo solidissimo, ma anche il titolo di MVP della serie. Nella prima partita l’impostazione della gli Outplayed hanno dato lezioni di macro e gestione della pressione. Sono bastati 22 minuti per chiudere il game e impostare la serie.

La seconda partita è stata segnata da due scelte: Kennen nella corsia superiore, per gli Outplayed e Zoe nella corsia inferiore, come damage dealer per il Team Forge. Nessuno dei due pick risulta innovativo, ma questi sono stati la win condition della partita. Difatti la pressione che Zoe non è riuscita ad opprimere la corsia inferiore degli Outplayed, mentre la forza dell’engage di Kennen è riuscita ad impostare tutti i fight in favore del proprio team.

Una sola parola può descrivere il terzo game: Kled. Ebbene si, è il pick di Kled nelle mani di Waizor che ha stravolto i fight e tutta la formazione del Team Forge. Un pick sottovalutato e che mostra quanto sia importante saper leggere una draft, in un meta come questo. Si conclude al trentesimo minuto la partita, con un Kled da 13 kill partecipation su 16 totali (dal lato Forge).

L’intervista

La redazione ha potuto, nuovamente intervistare Pencil, coach degli Outplayed, dopo la terza vittoria consecutiva nelle finali contro i Forge.

D: Outplayed vs Team Forge è considerato El Clasico di tutti gli eventi del competitivo italiano. Come approcciate questa sfida? E come avete approcciato alla sfida di oggi?

R: L’approccio è sull’identificare il meta e come il nostro team si approccia al meta, ad esempio abbiamo più forza nella bolane se giochiamo un marksman, e da questo punto si sceglie che tipo di jungler vogliamo e poi sul team avversario e cosa vogliamo proteggere e cosa blind pickare. Guardando tutto questo si passa alla champion select e ai ban, già da una o due settimane prima. Si iniziano a fare degli scrim e si valutano i risultati. Arrivati alla LAN non si arriva mai con tutte le informazioni, c’è sempre qualcosa di nuovo e li entra in gioco la capacità di saper draftare sul momento.

D: In questo meta particolare, che può essere giocata sia con un AD Carry che con un Bruiser/Mage, come scegliete pick e composizione?

R: Questo dipende innanzi tutto dal giocatore, per noi le prove con i maghi non sono state sufficienti, quindi abbiamo deciso di continuare con i marksman, ha funzionato anche con pick non convenzionali. Siamo concentrati sui marksman semplicemente perchè il giocatore bisogna vedere cosa può giocare.

D: Draft dell’ultima partita, Kled fenomenale. Come l’avete scelto e perchè?

R: Avevamo messo gli occhi su Kled già da un po’, vedevamo che i game erano impostati sull’ingaggio. Ne serviva un forte per poter bloccare tutte le composizioni che giocavano di poke, kite e split push. In questo senso Kled funziona sia come split pusher, se ottieni vantaggio, inoltre con la sua ultimate ti aiuta tantissimo nell’ingaggio sul team avversario. In più il tutto entrava bene nel gioco di Weizor, e quando è arrivata l’occasione di giocarlo, anche se non del tutto sicuri, abbiamo provato ed è andata molto bene.

D: Come approcerete all’European Masters, c’è stata un preparazione a prescindere dal risultato?

R: Di base, se vuoi vincere qua, l’obiettivo è l’EuropeanMasters. Quindi si sta già andando a scrimmare con team che dovresti affrontare al Masters. Nelle ultime settimane abbiamo pensato al Team Forge, perché era l’avversario da battere, però la preparazione del team, e della sua evoluzione, è stata fatta in preparazione all’EuropeanMasters, per competere a quel livello.

 

Ranked su LoL: ”Chi è scarso fa star male fisicamente gli altri giocatori”, il disastroso verdetto di Tyler1

Ranked su LoL: ”Chi è scarso fa star male fisicamente gli altri giocatori”, il disastroso verdetto di Tyler1

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

In un recente sfogo avvenuto in diretta streaming, il noto player Tyler ‘Tyler1‘ Steinkamp, ha spiegato come secondo lui lo scarso livello dei giocatori nelle sue partite classificate lo stia davvero mettendo a dura prova.

Streamer decisamente sopra le righe, Tyler1 è tuttavia inequivocabilmente un giocatore di altissimo livello che appena pochi mesi fa è addirittura riuscito ad arrivare in Challenger, il massimo livello delle ranked di LoL, in tutti e cinque i ruoli del gioco.

Un deterioramento non solo mentale, ma anche a livello fisico, quello che secondo Tyler1 sarebbe ormai la quotidianità per moltissimi giocatori delle ranked su LoL, stanchi di trovarsi a giocare con gente decisamente non al loro livello.

Le ranked su LOL sono davvero così tossiche?

Sebbene Tyler1 sia diventato famoso proprio grazie ai suoi sfoghi contro i compagni di squadra, quello che dice non è del tutto fuori dal mondo.

A quanti di voi sarà capitato almeno una volta di farsi ”rodere il fegato” così tanto dopo una partita magari persa solo per l’arrendevolezza di alcuni compagni di squadra? Ecco, questo è fondamentalmente quello che lamenta lo streamer.

”Purtroppo, mi fa ancora male lo stomaco dalla partita di prima. Penso che i giocatori che incontro in Ranked, per quanto giocano male, mi stiano facendo ammalare fisicamente”.

Ed ha continuato: ”Penso davvero che stiano danneggiando la mia salute. Li vedo giocare, e poi prima che la partita finisca, non sto scherzando, ve lo giuro mi sento male, come ieri che ha iniziato a farmi male la testa. Poi oggi invece ha iniziato a farmi male lo stomaco.”

Che ne pensate community? Anche per voi le ranked su LoL sono un’esperienza così traumatica? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Patch 12.15 LoL – nel mirino Master Yi e Sivir, NERF anche all’Annientatore Divino ed alla runa Primo Attacco

Patch 12.15 LoL – nel mirino Master Yi e Sivir, NERF anche all’Annientatore Divino ed alla runa Primo Attacco

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

LOL – Arrivati ieri in serata anche i dettagli completi sulla patch 12.15, che dopo l’anteprima di settimana scorsa verranno resi disponibili oggi stesso.

Nel mirino degli interventi degli sviluppatori diversi campioni, con un’attenzione speciale al flagello del Low-Elo Master Yi ed a Sivir, che verranno entrambi depotenziati dopo i risultati impressionanti degli ultimi giorni.

Senza ulteriori indugi procediamo dunque con i dettagli sui bilanciamenti, lasciando la parola direttamente agli sviluppatori: ‘‘Nella versione di questa settimana delle note sulla patch abbiamo dato ai campioni basati sull’energia un lieve potenziamento, alcuni bilanciamenti a Master Yi e Sivir, e buffato alcuni supporti da ingaggio.

Abbiamo anche ridotto il potere di Annientatore divino e di Primo attacco, in modo che non siano sempre troppo efficaci. Ora andiamo, è il momento della patch 12.15!”

LoL – Patch 12.15, dettagli completi sull’aggiornamento

Campioni nerfati nella patch 12.15

  • Master Yi – Stile Wuju (E): Tempo di ricarica aumentato da 18/17/16/15/14 a 18 a tutti i livelli
  • Qiyana Privilegio reale (P): Scaling con l’AD del danno diminuito dal 45% al 30%
  • Sivir Statistiche base: Crescita dell’AD diminuita da 3.3 a 3 // Scudo incantato (E): Tempo di ricarica aumentato da 22/20/18/16/14 a 24/22.5/21/19.5/18 // Caccia grossa (R): Tempo di ricarica aumentato da 100/85/70s a 120/100/80
  • Gwen Zac Zac! (Q): Conversione del danno puro diminuito dal 75% al 70%
  • Taliyah Disfare il terreno (E): Tempo di ricarica aumentato da 16/15/14/13/12s a 18/17/16/15/14s // Muro della Tessitrice (R): Durata del muro diminuito da 5s a 4s
  • Kalista Statistiche base: AD base diminuito da 69 a 66

CLICCA QUI per continuare a leggere tutti i dettagli sulla PATCH 12.15 di League of Legends

Ufficiale l’ADDIO di Huni, il competitivo di LoL saluta un grandissimo campione

Ufficiale l’ADDIO di Huni, il competitivo di LoL saluta un grandissimo campione

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

LoL – Nella notte tra ieri ed oggi, il noto player Heo ‘Huni’ Seung-hoon, leggenda finora in forze al team TSM, ha ufficializzato il suo ritiro dal competitivo di League of Legends, lasciando fan ed ammiratori estremamente sconfortati.

Leggendario Toplaner sudcoreano, Huni era ormai divenuto un vero e proprio simbolo per i connazionali e per i fan del gioco. Un risultato abbastanza prevedibile per un professionista che ha operato nella scena del videogioco più competitivo al mondo per 8 anni.

Dopo l’infortunio al polso che lo aveva costretto a fare un passo indietro rispetto al suo posto da titolare, Huni si è dedicato all’allenamento del proprio sostituto Toplaner, in attesa di rimettersi completamente dai danni subiti.

Addio ad HUNI, gli indimenticabili ricordi del competitivo di LoL commuovono qualche fan

L’attesa della riammissione al team ed il tempo passato in inattività, hanno evidentemente avuto un certo effetto sul giocatore, che tuttavia all’interno del comunicato, non ha accennato a nessun dissapore con TSM:

”È stato un piacere essere un giocatore professionista all’interno dell’esport di League of Legends.” – ha dichiarato commosso il giocatore – ”Credo che la gente mi ricorderà come un toplaner divertente, immagino… anche se forse potrei far parte della top 10. Forse.”

Huni è stato ai campionati mondiali di League of Legends tre volte, nel 2015, 2017 e 2019 ed altre due volte è apparso su un terreno internazionale durante il Mid Season Invitational. Nelle tre apparizioni ai mondiali, è arrivato due volte tra i primi quattro con Fnatic e SKT.

Insomma, cosa ne pensate commnity? Era finalmente arrivata l’ora di appendere il mouse al chiodo? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati: