LEC: le pagelle della sesta settimana di campionato

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La sesta settimana di LEC non ha rotto il delicato equilibrio che regna in vetta alla classifica.

Fnatic, G2 ed Origen si tengono stretta le testa, mentre i Misfits perdono un punto importante contro Rekkles e compagni. Continua il periodo nero degli SK Gaming che non riescono a trovare la forma giusta per potare a casa delle vittorie.

Le pagelle della sesta settimana di LEC

Excel Esports: 5,5

La mediocrità degli Excel continua anche in questa sesta settimana, ed il risultato complessivo di 6-6 lo conferma ulteriormente. La squadra inglese non riesce a trovare la sua continuità, ed ogni week guadagnano una vittoria ed una sconfitta. Le differenza di prestazioni con i top team è significativa e, con una classifica così corta, faticheranno ad inserirsi nella lotta per un posto utile nei playoff. La vittoria sui MAD Lions ha fatto vedere dei segnali positivi, ma il lavoro da fare è tanto.

Fonte: Leaguepedia

F.C. Schalke 04: 5

Le partite affrontate dagli Schalke 04 non sono state facili. OrigenFnatic erano degli avversari decisamente fuori portata e le sconfitte sono arrivate puntuali. Nonostante questo, il livello di gioco espresso dal team tedesco è stato positivo, possono dare filo da torcere a chiunque. Ancora sono lontani dal trovare la loro forma definitiva, ma i ragazzi sono sulla strada giusta anche grazie agli innesti di Lurox ed Innaxe che hanno dato nuova linfa vitale.

Fnatic: 8

Vincere il match contro i Misfits era obbligatorio, ed i Fnatic hanno rispettato le attese. I ragazzi in arancione sono sulla cresta dell’onda e, nonostante debbano tenere salda la testa della classifica, continuano a provare cose nuove. Hanno trovato il modo di evitare che Hylissang perda da solo i game, affidandogli un pick come Tahm Kench che gli impedisce di regalare kill agli avversari. In entrambe le partite vinte abbiamo notato un atteggiamento un po’ sprecone, che ha rischiato di compromettere dei match vinti già dopo 15 minuti.

G2 Esports: 6

Nonostante i due punti importanti, i G2 non hanno convinto al 100%. Nel match contro gli SK Gaming hanno faticato parecchio, sottovalutando un avversario che ha giocato al meglio delle sue possibilità. Il loro atteggiamento superbo e presuntuoso gli aveva già fatto perdere dei punti per strada nelle scorse settimane, perciò dovrebbero correggere il tiro in questo senso. Caps come adc (con dei veri tiratori) rimane un oggetto misterioso, completamente avulso dai meccanismi di gioco della squadra. Basta bannare Senna Caps si trova completamente spaesato. Sabato affronteranno i Fnatic, solo in quel momento capiremo qual è il loro vero stato di forma e, soprattutto, se potranno puntare alla vittoria finale della LEC.

MAD Lions: 5

Per quanto i MAD Lions stiano performando bene (Shadow su tutti), non riescono a mantenere il passo delle “grandi”. Molto spesso si perdono in un bicchiere d’acqua ed i loro risultati sono decisamente una montagna russa. Vista la loro poco esperienza all’interno della LEC (solo Humanoid è al suo secondo anno), il 7-5 è uno score che va decisamente oltre le più rosee aspettative. Con tanto altro lavoro possono diventare una seria minaccia all’interno dei playoff, ma in questa week 6 rimangono mediocri nei risultati.

Misfits Gaming: 6

La sconfitta subita per mano dei Fnatic è decisamente pesante per la classifica dei Misfits. Purtroppo le squadre di testa hanno continuato a vincere, mentre i Coniglietti sono rimasti un passettino indietro. Chiaramente ancora i giochi non sono chiusi, ma durante questa settimana li abbiamo visti un po’ stanchi e forse poco concentrati. Sono cose che si possono sistemare in fretta e, con il derby d’Europa in vista, possono sperare di agganciare la squadra perdente, il loro compito sarà solo quello di vincere.

Origen: 7

Gli Origen continuano a vincere ed affermano, ancora una volta, la loro forza. La vittoria convincente contro i Rogue ha fatto vedere di cosa sono capaci questi ragazzi, ma ci sono delle cose ancora da affinare. Il loro livello di gioco è indubbiamente alto rispetto alla media, ma rimangono stabili su dei pick troppo semplici e meta aderenti. Non riescono ad innovare, e risultano molto leggibili sia in fase di draft sia sulla landa degli evocatori.

Rogue: 6

Nella week 6 i Rogue si sono limitati a fare il compitino, accontentandosi di una sufficienza risicata. Ci aspettiamo sempre game esplosivi da parte loro, cosa che non abbiamo visto nel corso di questo week-end. A volte sembrano in grado di spaccare il mondo, mentre altre volte sembrano dei docili agnellini. Non sappiamo a cosa possono puntare realmente questi ragazzi, le potenzialità ci sono, forse manca un pochino di mentalità vincente.

SK Gaming: 4,5

Come già accennato nell’introduzione, gli SK Gaming continuano nella loro striscia negativa. Purtroppo i ragazzi non riescono a trovare la quadratura del cerchio, e le prestazioni dei singoli giocatori lasciano a desiderare. Il peggiore rimane sempre Sacre che, quando esce dalla sua piccola comfort zone, non riesce mai ad essere utile per la sua squadra (riguardare il game con Kennen).

Team Vitality: 4

Ci si aspettava una settimana un po’ più movimentata in casa Vitality, ma purtroppo siamo tornate alla solite. Ancora una volta ci troviamo a fare i conti con una squadra spaesata, confusa e poco preparata. Poco comprensibile il ritorno tra i titolari di Jactroll, visto che Steelback stava performando molto meglio del support polacco. Il mancato arrivo di Milica ha penalizzato molto la squadra, palesemente non preparata a giocare con Saken. Anche quest’ultimo è stato lanciato sul palco della LEC senza preparazione ed esperienza e, purtroppo, si vede benissimo. Chissà cosa sarebbe cambiato con il midlaner serbo anche se, un suo inserimento in questo momento, potrebbe destabilizzare ulteriormente una squadra in totale crisi tecnica.

Immagini via LoL Esports


LEC: le pagelle della sesta settimana di campionato
Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701