ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Topdeck e Fattore RnG: si concluderà mai la discussione?

Topdeck e Fattore RnG: si concluderà mai la discussione?

Profilo di Stak
 WhatsApp

Qualche giorno fa, sul nostro gruppo Facebook di Hearthstone, si accendeva nuovamente una discussione sull’argomento che accompagna la storia di questo gioco fin dal primo giorno in cui è stato rilasciato: il Fattore Rng, il TopDeck, e la fortuna in Hearthstone.
La discussione iniziava con il contributo dell’autore del post che affermava:

[…] Per quello che posso dire questo gioco è addirittura meno luck based di magic, perchè? si c’è l’rng in alcune componenti ma, ebbene si, il mana aumenta di uno ad ogni turno, no mana flood, no mana screw ragazzi. In questo gioco la così bramata fortuna conta poco, un 30% a star largo, il resto sta nelle vostre capacità.
Se un mech mage svuota la sua mano per mandarvi a 8 punti vita e poi magicamente topdecka una Palla di Fuoco due turni dopo NON è fortuna, sveglia, è ottimizzare le risorse del proprio mazzo e comprensione delle proprie win condition.
Pescare le carte del proprio mazzo NON è luck, se no che le avete messe a fare?
Altra cosa che molti di voi sbaglia, è giudicare il match dal finale, ossia dal suddetto “topdeck”, quando l’errore che ha portato alla sconfitta può tranquillamente essere al primo turno […].
Il 90% delle volte non è “ha topdeckato ed ho perso”, ma “dove ho sbagliato?” […].

goblins-650x300

La discussione a questo punto si infiamma e sono tantissimi gli spunti che vengono dati dagli utenti; tra questi, una delle tante risposte è stata:

D’accordo sul fatto che la maggior parte delle volte che si perde su hs si grida alla “sfortuna” invece di pensare ai propri errori che spesso, sono stati determinanti per la sconfitta; ma l’esempio che hai fatto secondo me è sbagliato! Se un mech mage svuota la mano per portare basso l’opponent usando in tutto 10 carte e poi topdecka Palla di Fuoco, l’ha topdeckata avendo 2 possibilità su 20 (quindi 1 a 10) ammesso che nelle prime 10 carte non abbia già usato la prima Palla di Fuoco ed in quel caso le possibilità saranno di 1 a 20! Allora mi stai dicendo che l’avversario è furbo perchè ha rischiato conoscendo la sua win-condition che in questo caso statisticamente accade 1 volta su 10 o anche meno? Secondo me qualcuno che si basa su una win-condition così incerta non è tanto furbo visto che per salire di rank devi vincere almeno il 51% delle partite… secondo me ha soltanto fortunato visto che statisticamente se ci riprova altre 9 o più non gli riesce!

Innegabile è che una delle componenti essenziali nell’esperienza di gioco che può regalare ai vari players Hearthstone è sicuramente il fattore “fortuna”: arcinota amica e collega del tanto amato ed odiato (quanto celebre) fattore “random“.
Molto spesso assistiamo direttamente o indirettamente a giocate strabilianti che, in base a “chi le subisca”, ci possono fare letteralmente volare dalla sedia dalla gioia o dalla rabbia, possono scatenare divertimento e risate o sani e superbi urli a prova di camera insonorizzata!
Qualunque sia l’esito della giocata o della partita influenzata da un eventuale TopDecking sicuramente il nostro stato d’animo verrà incontrovertibilmente coinvolto rendendo l’esperienza di gioco, tra le altre cose, assolutamente emozionante e coinvolgente. 

Nota della redazione, si usa dire Top Deck quando noi o il nostro avversario peschiamo l’unica carta che ci può permettere di vincere o di non perdere o che comunque può pesantemente alterare la partita che stiamo giocando; ad esempio se, essendo con un solo punto vita e senza ne carte ne creature peschiamo giusto un Ordine di Morte o un Leeroy Jenkins che ci può permettere di vincere comunque il match: in questo caso si parla di “Top Deck.

08_goblin-gnomi-blizzcon-2014-hearthstone_2451

Mediante il suo punto di vista, il giocatore del nostro team Biscaf, vuole contribuire a fare ordine nell’infinito e grande dibattito interno alla community che ancora non trova un valido “the end” (e che probabilmente mai troverà…): alcuni giocatori credono infatti che l’RnG (il fattore “casuale”, ndr) sia regolato unicamente dalla fortuna e dal caso, e c’è chi invece crede fermamente che questo fattore possa avvantaggiare realmente (su un grande numero di partite giocate, ndr) solo chi è in grado di “sfruttarlo” a suo favore.

Il fattore Rng in Hearthstone conta sul singolo game moltissimo, infatti ogni mazzo di hearthstone ha almeno 3 o 4 carte che sfruttano il fattore Random. Molte delle carte più forti di hearthstone (Dott. Boom, Ragnaros, Sylvanas Ventolesto) si basano o si basavano su questa meccanica. Insomma sembra proprio che in hearthstone la skill non conti ma non è assolutamente cosi: tutto sta nel massimizzare le proprie possibilità di vittoria sfruttando al massimo le probabilità che l’rng volga a nostro favore.
Credo inoltre che conti molto di più avere la carta giusta al momento giusto, piuttosto che l’rng di una singola carta e rispetto a magic, dove hai la possibilità di pescare troppe terre o zero terre, hearthstone è decisamente superiore cosi come lo è il sistema del mulligan che è fatto infinitamente meglio. 
Per concludere, sempre relativamente al fattore Rng ed al confronto che spesso viene portato ad esempio tra Magic ed Hs, credo che rispetto al gioco di carte da tavolo in Hearthstone il fattore skill conta di più perché le regole sono più semplici e quindi conta maggiormente la strategia.

Riuscire a gestire determinati poteri che, all’apparenza, potrebbero sembrare completamente dediti al fattore casuale (ne sono un esempio le carte come Maglio degli Ogre e Sputafiamme) sarà sicuramente, e spesso è già stato cosi, quel “fattore in più” che solo i grandi giocatori possono vantare.
Nell’attendere un reale esaurimento della discussione, vi chiediamo di farci sapere il vostro parere riguardo alla questione: cosa ne pensate di quanto fin qui detto?

Principe Renathal comincia ad essere un problema per Hearthstone?

Principe Renathal comincia ad essere un problema per Hearthstone?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Fino al 2 Agosto scopriremo di volta in volta tutte le carte che verranno pubblicate con l’uscita della nuova espansione Assassinio al Castello di Nathria. Ma una carta, appartenente a questo set, è già disponibile: Principe Renathal.

La carta “semplicemente” permette di avere 10 punti Salute in più, per il proprio eroe, e ben 10 carte in più in fase di costruzione del mazzo per un totale di 40 Salute e 40 carte nel proprio mazzo. Ma ciò cosa vuol dire effettivamente?

Be’ il risultato di questo effetto può scaturire sia in un malus che un bonus, a seconda del deck in questione e del matchup che si incontra. Nonostante ciò la Ladder è piena zeppa di Principi, ma che risultati porta?

Principe Renathal

Al momento sembra quasi che i giocatori vogliano inserire forzatamente questa carta, pur di ottenere maggior value dalle carte in più nel mazzo. Ad oggi, con la strategia Renathal ancora in sviluppo, le 10 carte in più sembrano pesare ed essere inutili, anche nei Control.

E i 10 Salute in più non riparano dagli aggro più solidi che ci sono al momento, soprattutto se quelle 10 carte aggiuntive diluiscono i removal nel mazzo. Quindi se dovessi pensare a questi giorni, Renathal è un problema per chi lo usa senza criterio, anche se iniziano a farsi vedere strategie solide con questa carta.

Tra tutti infatti è spuntato un Prestor Druid che non solo approfitta delle 10 carte per avere 10 draghi in più, ma i 10 Salute gli permettono di sopravvivere abbastanza per mettere in atto la sua strategia.

Infatti se in futuro Renathal verrà usato al massimo della sua forza, il suo effetto potrà letteralmente annichilire la maggior parte degli aggro, permettendo ai Control di temporeggiare e comunque avere maggiori carte (questa volta utili) nel mazzo.

Insomma, ora il Principe è un problema per i suoi utilizzatori, ma nel tempo diventerà un grande problema per i mazzi aggro.

Che ne pensate? State usando Renathal, che parere avete in proposito?

Articoli Correlati:

Hearthstone Battlegrounds Survival, Il 5/07 il torneo finale con 250€ in palio, ecco come partecipare

Hearthstone Battlegrounds Survival, Il 5/07 il torneo finale con 250€ in palio, ecco come partecipare

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Hearthstone Battlegrounds Torneo – Sta per volgere al termine il primo circuito competitivo in versione ”Open Beta” di readyCheck.gg, la piattaforma tornei europea con la quale Powned.it ha stretto una duratura collaborazione al fine di offrire alle nostre community un servizio di qualità con elevati premi in denaro.

Al centro delle luci della ribalta il prossimo 5 Luglio ci saranno i migliori giocatori classificatisi durante gli ultimi due tornei (quello del 27 e del 30 di giugno), che già da ora dovrebbero essere in grado di trovare il proprio nome nella leaderboard generale.

In palio per i qualificati, che già si sono spartiti 200€ in RCP durante le scorse competizioni, ci saranno stavolta ben 250€ in palio. Il torneo, come al solito sarà ad iscrizione gratuita.

Hearthstone Battlegrounds Survival, ecco come partecipare al torneo finale!

A potersi iscrivere a questa esclusiva finale, saranno solo coloro che si saranno almeno classificati in top 8 durante gli scorsi due tornei.

Per verificare la vostra presenza in Leaderboard, vi basterà CLICCARE su questo collegamento per essere reindirizzati alla pagina dedicata su ReadyCheck.gg, se tra i nomi vedrete anche il vostro, allora siete già qualificati per partecipare alla finale.

Per iscrivervi, CLICCANDO QUI troverete la pagina ufficiale del torneo, che si svolgerà con le stesse modalità dei precedenti ed anche allo stesso orario, le ore 19.00 italiane.

Come al solito i due contendenti dovranno aggiungersi su Hearthstone ed avviare insieme la ricerca di una lobby in Battlegrounds. Si aggiudicherà la vittoria chi riuscirà a sopravvivere più lungo del proprio avversario all’interno di quella specifica Lobby. Il torneo sarà Best of 1, mentre solo finale e finalina (per il 3à e 4° posto) dovranno essere giocate in modalità BO3.

Insomma cosa ne pensate community? Ci sarete? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Tre nuove carte svelate durante i Masters Tour. Ritorna il Dude Paladin!

Tre nuove carte svelate durante i Masters Tour. Ritorna il Dude Paladin!

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Dude Paladin – Piano piano ci stiamo inoltrando nel periodo di reveal della nuova espansione, Assassinio al Castello di Nathria, che vi ricordiamo é in uscita il 2 Agosto.

Non molte carte sono state svelate al momento, ma già sembrano molto interessanti. Oggi é stato il turno di ben tre carte del Paladino.

La prima e sicuramente piú importante é la nuova leggendaria, e sospettata del caso Denathrius, Toto il Factotum. La nuova Leggendaria é una 3 Mana con un body da 3 Attacco e 3 Salute.

Come vedremo a breve, la carta si baserà completamente sulla meccanica Dude Paladin, ovvero la meccanica delle Reclute Mano d’Argento. Infatti il suo effetto é: “Rantolo di Morte: +3/+3 e questo Rantolo di Morte alla prossima Recluta Mano d’Argento evocata sotto il tuo controllo“.

Anche le altre due carte saranno a tema con la meccanica, entrambe le due nuove comuni. Una con Infusione ci permetterà di evocare due Reclute con +2 Attacco e Scudo Divino, mentre l’altra metterà due Reclute nella nostra mano.

Vedremo altre carte, nei prossimi reveal, che supporteranno questa meccanica? La possibilità é molto alta!

Anteprima Carte

Questo al momento le nuove carte svelate durante l’ultimo Masters Tour, terminato con la vittoria di Pocket Train.

Che ne pensate di queste tre nuove carte del Paladino? E del ritorno del Dude Paladin?

Articoli Correlati: