Powned Domanda… i Legend Rispondono!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

L’intervista esclusiva di Powned.it con Gera89, Lexxie, Lik e Bertels!! La redazione da ufficialmente il benvenuto sul portale a questi quattro player!

1) Ciao ragazzi, iniziamo in velocità… Bruciapelo…siete su una torre, dovete scegliere chi buttare: Aggro o Controll? Perchè?

Lik: Aggro perchè in generale nei tcg ho sempre preferito giocare  Control o Combo.

Gera: Butterei aggro giu dalla torre , perchè per me è un mazzo che viene  giocato con poco criterio e richiede un bassa riflessione sulle mosse; li vedo un pò come “butta carte a caso e fai danno”… ovviamente non parlo di tutti gli aggro ma di una buona parte, io amo giocare usando tutta l’intelligenza di cui dispongo, magari facendo giocate uniche, belle anche da vedere, ed il control mi permette di farle molto più dell aggro .

Lexxie: Aggro, cosi a buffo non c’è un motivo particolare!

Bertels: Sicuramente il mazzo Control. Considerando il dolore fisico che mi ha inferto l’aggro in questi pochi mesi di hearthstone non sarebbe arrivato in cima alla torre, l’avrei bruciato prima.

2) Si dice che i livelli leggenda vengano pagati profumatamente, ma  bertels è arrivato in scooter… ha sbagliato lui qualcosa?

Lik: La strada per il rank leggenda è affollata quindi con lo scooter si arriva prima 🙂

Gera: Io sono arrivato a leggenda praticamente senza leggendarie (la prima volta)… se fossi pagato profumatamente di sicuro mi sarei potuto permettere carte migliori 😉 ahahaha

Lexxie: Il pollo (Bertels) spende tutti i soldi in hamburger!

Bertels: Ho speso tutto il ricavato dallo psicologo per superare il trauma dell’hunter midrange.

3) Ok dai ricominciamo…secondo voi è giusto relazionare l’E-sport alle altre discipline più fisiche? ed è giusto considerare i grandi Pro player come atleti affermati?

Lik: Personalmente non lo assocerei alle discipline sportive essendo mondi completamente diversi, detto questo, dal punto di vista economico penso che il tutto sia proporzionato al giro di affari che si crea intorno al giocatore, quindi se un bravo gamer riesce ad attrarre tante persone e, di conseguenza, tanti sponsor è giusto che guadagni in proporzione.

Gera: Secondo me si perchè l’intelligenza e la memoria si possono tenere in allenamento proprio come i nostri muscoli ,ed è giusto quindi considerare i pro player come atleti affermati dal momento che con la loro intelligenza e capacità ci regalano momenti emozionanti tanto quanto gli atleti .

Lexxie: Sinceramente non li considererei come Atleti affermati, però bisogna comunque riconoscere l’impegno e la bravura.

Bertels: Sono due mondi diversi che hanno come unica continuità l’entertainment e la dedizione e il sacrificio del singolo o del team per raggiungere i risultati. Dipende da game a game in ogni caso. Ci sono giochi come i MMORPG dove l’abilità del singolo non è necessaria per il raggiungimento della vittoria finale.

4) Al primo torneo del nostro network avete partecipato tutti e 4; come l’avete visto? consigli e/o critiche da fare?

Lik: Secondo me l’organizzazione è stata molto buona, con gli admin sempre online per risolvere eventuali problemi; questo ha permesso anche di svolgere in torneo in sole 2 giornate quindi non c’è nulla di cui lamentarsi a mio avviso.

Gera: Ho avuto un contrattempo e mi sono organizzato malissimo nell’ultimo torneo , ma chi ha organizzato il torneo ha fatto un ottimo lavoro ,la cosa che ho gradito di più è il fatto che un responsabile era online e chiedeva a tutti i partecipanti come stava andando in tempo reale , Bravi.

Lexxie: Molto bene il torneo, purtroppo è il gioco che secondo me è ancora troppo random e ci sono delle partite determinate troppo dall’rng.

Bertels: Mi sono divertito molto e mi è piaciuto tanto il fatto che nonostante l’ingente mole di iscritti il torneo si sia concluso in 2 sere. Personalmente preferisco il formato libero al 100% con la possibilità di cambiare eroe anche tra un game e l’altro essendo hearthstone un gioco dove alcune classi caunterano naturalmente altre e la fortuna di azzeccare la classe giusta in un best of three è un’aggiunta di rng ad un gioco che ne ha già fin troppo!

5) Proverete a spodestare Bacco (Peppemarke, vincitore della prima edizione del torneo di Powned.it) dal trono al prossimo torneo? o il suo mago vi ha terrorizzato vita natural durante?

Lik: Sicuramente ci proverò, Bacco non mi ha terrorizzato affatto! (sopratutto perchè non ci ho giocato contro).

Gera: Quando partecipo ad un torneo punto sempre alla vittoria , quindi è ovvio che spodesterò bacco del trono ahaha!

Lexxie: Se devo essere sincero affatto, non so come sono andati gli altri game ma contro di me ha avuto una dose di ” rng ” che non si può ripetere, mi spaventa di più un pollo (sempre Bertels).

Bertels: Starò rannicchiato nella vasca da bagno stile pubblicità costa crociere a tremare fino al prossimo torneo.

6) Tornando all’E-sport, la Blizzard ha comunicato che al Blizzcon di quest’anno si terranno le fasi finali del campionato del mondo di HearthStone… ma prima c’è la fase continentale… come la vedete? fattibile da raggiungere?

Lik: Per me personalmente penso sia infattibile, il problema dei rank alti a leggenda è che se giochi meno degli altri che competono perdi molte posizioni quando sei assente, 16 posizioni su oltre 1500 leggende (senza contare i milioni di giocatori totali) son poche e raggiungerle vuol dire impegnarsi veramente tanto (oltre a essere comunque un buon giocatore).

Gera: Arrivare alla qualificazione penso sia fattibile ,cioè rientrare nella top 16 leggende è e sarà il mio obiettivo nella prossima season ,la fase continentale e cioè rientrare nei 4 giocatori europei è un altra storia molto più difficile ma non impossibile 😉

Lexxie: Sicuramente non è facile, penso che molto sia nel meta, se il best deck del meta è un mazzo con cui sei confortevole e ti piace la top16 penso sia fattibile con un po di fortuna e tanto grind.

Bertels: Sinceramente non sono molto d’accordo con il metodo che vuole utilizzare la Blizzard per selezionare i players che si sfideranno nelle fasi finali del blizzcon. Il motivo è semplice: fare legend significa investire una quantità di tempo enorme in hearthstone, e fare top 16 ancora di più. Il fatto che un giocatore sia top 16 non significa necessariamente che sia più capace di uno che è rank gallina ma semplicemente che ha più tempo da investire. Penso che sarebbe stato più meritocratico fare dei tornei a tappe magari, ma ovviamente questo andrebbe contro i progetti della blizzard che non ha dato un senso al rank legend e per invogliare i players più assidui a continuare a giocare ha legato il rank a un reward cosi appetitoso. La top 16 in ogni caso è fattibile da raggiungere, mi basterebbe chiudere in uno sgabuzzino mia madre e mia nonna, uccidere il mio cane, smettere di fare l’università, a quel punto avrei abbastanza tempo da dedicare alla top 16.

7) Avete giocato ad altri video-games prima di trovare HearthStone? e se si, a che livelli?

Lik: Gioco ai video games da quando avevo 6 sul Nes, la maggior parte dei giochi son stati single player quindi non saprei dire a che livelli non avendo ‘concorrenza’ diretta, l’unico gioco con un aspetto competitivo a cui ho giocato è stato World of Warcraft a cui ho giocato dall’inizio di TBC ad inizio Cataclysm raggiungendo qualche server first kill in ambito pve e un rating di 2600 (in 2v2), 2400 (in 3v3) e 2100 (in 5v5) in arena.

Gera: Giocavo a call of duty nel team campione d’Italia , per quanto riguarda giochi di carte invece giocavo a yugioh dove sono stato incoronato re dei duelli e massimo grado nella modalità sopravvivenza e Duel of Champion mighty and magic dove ho conseguito una discreta popolarità per avere raggiunto la cima della classifica: ero 1° al mondo (unico server). Ho vinto anche vari campionati di magic in Real, e ora mi sono fermato su hearthstone ,ho iniziato da 2 season e in entrambe ho raggiunto il grado di Leggenda .

Lexxie: wc3, tft , wow!

Bertels: World of Warcraft per troppi anni tra top 30/50/100/2000 PVE

8) Onestamente… la rubrica “le carte di hearthstone” vi piace? Attenti a come rispondete…

Lik: Mi piace sopratutto la parte riguardante il lore, visto che la maggior parte dei personaggi li ho incontrati in WoW ma non mi sono mai fermato a capire cosa significavano per la storia (ai tempi mi concentravo di più sulle strategie). p.s. anche io quando gioco Ragnaros lo guardo con diffidenza come se ci fosse la possibilità che sparasse direttamente il mio eroe!

Gera: Si, amo questa rubrica per un motivo: io non ho mai giocato wow e quindi non conosco i personaggi raffigurati nelle carte ma grazie alla rubrica posso saperne di più. E’ bello conoscere la storia dei propri eroi e  delle proprie carte preferite.

Lexxie: ahah mi fucilerai ma non l’ho letta! ultimamente ho pochissimo tempo tra lavoro e donna!!

Bertels: Ho ammazzato boss su boss su wow per 8 anni senza essermi mai chiesto cosa ci facessero lì e chi fossero, figuriamoci se mi vado a imbarcare in letture sulle carte di hearthstone, indubbiamente però conosco molta gente a cui piace.

9) Ora vi mostro un immagine e mi dite esattamente cosa vi passa per la testa non appena la vedete…

 

 

Lik: La prima cosa che mi è venuta in mente è che sembra di plastica.

Gera: la Prima cosa a cui ho pensato è la carta Maleficio , carta conosciuta del deck shamano 🙂 che trasforma ogni volta le mie creature migliori in rane ma con la specialità di poterla usare sulle proprie creature per fornire un TAUNT se serve .

Lexxie: Maleficio!

Bertels: Mi chiedo che c***o di domanda è in un’intervista su hearthstone 😀

Premio speciale al “Nerd King” Ex aequo Lexxie-Gera. Siete cosi addentrati nell’HearthStone pensiero che vedete un rospo e pensate al Maleficio! Complimenti a nome di tutta la NerdRedazione! Rassicurante però che nessuno abbia visto il principe azzurro…

10) Cosa manca ad Hearthstone secondo voi?

Lik: Secondo me ci sono ancora poche carte, con l’uscita delle espansioni sicuramente ci saranno più mazzi e quindi più divertimento, un’altra cosa che manca a mio avviso sono le magie istantanee da giocare anche nel turno dell’avversario (avendo giocato a Magic questa è una grande differenza tra i due giochi) ma non credo verranno mai implementate su Hearthstone.

Gera: Secondo me una chat migliorata , appunto per questa mancanza mi piacerebbe vedere il mio canale di twitch più affollato cosi da ritrovarci nella chat del mio canale per discutere di tutto , e anche di strategie etc.
Anche se spero e ne sono sicuro che verrà migliorata in game; poi mi piacerebbe vedere anche altre modalità come una modalità torneo dove il podio ha dei premi in gold e bustine , infine mi piacerebbe vedere una classifica del grado Legend, dove potrò cosi conoscere chi c’è sopra di me e chi sotto magari con una bandierina affianco che ne indica la nazionalità o perchè no una classifica divisa per regioni.

Lexxie: Un pool maggiore di carte e serve meno rng, già ce n’è tanto essendo un gioco di carte, secondo me ci sono troppe carte con effetto random che influenzano troppo il game,da Ragnaros a Ysera ma anche a come spara un knife o a discard di doomguard, soulfire etc

Bertels: Un tool in game che gestisca i tornei, magari con iscrizione e premi a gold. Il constructed attualmente è un formato piuttosto inutile ai fini del completamente della collezione.

11) Parlando di community, perchè quella italiana ha fino ad ora (a parte qualche eccezione) mancato di costanza a livello internazionale?

Lik: Sinceramente non lo so, probabilmente dipende molto dalla cultura del paese in Italia i videogames vengono spesso visti come una gioco per bambini e non come un passatempo anche per adulti, questo comunque sta cambiando con il crescere delle generazioni che masticano Pc e Console da sempre.

Gera: il motivo è semplice… perchè in italia non esiste il concetto di pro player e le persone in italia ti giudicano male se passi molte ore davanti al pc a giocare! anche per questo quindi non esiste nessuno stimolo positivo e non esiste avere un guadagno giocando , senza contare che a livello di connessioni adsl in italia siamo deboli,e quindi stremmare in HD è quasi impossibile, è più semplice vedere i pro player giocare ed essere consapevoli che rimarrà al 99% un sogno essere come loro, spero che cambi questa situazione in Italia .

Lexxie: Come in tutti i giochi il netgaming in Italia è ad un livello basso.

Bertels: La risposta sta nella domanda, perchè la community italiana è formata da italiani. L’italiano medio è scostante, disinteressato, un cazzaro per intenderci.

12) Siete arrivati a livello leggenda, cosa bisogna fare per ottenere questo risultato?

Lik: Una cosa importante sicuramente è avere tante carte, è vero che per fare un mazzo anche di quelli più competitivi non ci vuole molto tempo però avere la possibilità di poter cambiare alcune carte game dopo game è molto importante, avere in più la possibilità di cambiare completamente mazzo se quello che si ha diventa inutilizzabile nel meta-game è un grosso vantaggio; io personalmente ho giocato pochissime rankate fino alla stagione scorsa per concentrarmi sull’arena in modo da ottenere una buona collezione e poter competere nella prima stagione ufficiale.
La cosa più importante a mio parere resta comunque il saper adattarsi al metagame che si incontra e che in questo gioco cambia velocemente, ma come detto sopra per potersi adattare oltre all’inventiva servono anche le carte.

Gera: Vorrei dire a tutti coloro che pensano sia importante avere 8.000 leggendarie nel proprio deck per arrivare a quel grado che NON è cosi! come detto prima io ho raggiunto il rank Legend anche senza carte leggendarie, con le mia sola skill , ecco perchè vi consiglio di impegnarvi anche solo con le carte che già possedete e vedrete che sarete delle leggende 😉
La cosa più importante e cercare di capire quali carte può giocare l’avversario e cercare di prevenire il più possibile, ricordarsi sempre quante copie delle carte chiave l’avversario ha già giocato (es. hunter attenzione a quante carte segugi ha gia giocato) tutte queste cose possono sembrare piccolezze ma fanno il 60% della partita ricordatevi 😉

Lexxie: penso che basti conoscere un po il Meta e giocare senza fare troppi errori.

Bertels: Spegnere i propri sentimenti fino al rank legend. La ladder è stata disegnata da dei sadici per dei masochisti. Se sei alla ricerca di un’esperienza rilassante conviene organizzare una canasta con le amiche di tua nonna.

13) Ultima domanda… come vedete questa collaborazione con powned.it? dove possiamo arrivare insieme?

Lik: Io personalmente spero di essere di aiuto a qualcuno che si vuole avvicinare a questo gioco o dare qualche informazione in più a chi già gioca, per il futuro si vedrà il gioco è ancora nuovo chissà in quanti modi la Blizzard lo evolverà e che opportunità usciranno.

Gera: La speranza è quella di vederci arrivare ad essere molto conosciuti e di poter aiutare a migliorare le proprie esperienze di gioco a tutti i nostri Fans! ecco perchè se qualcuno avesse bisogno di aiuto NON deve esitare a chiederlo! io sono Gera89#2106 , UN SALUTO A TUTTI VOI ci vediamo in game 😉

Lexxie: Spero si crei qualcosa di bello per la comunity Italiana di hs.

Bertels: Spero lontano, questa community ha bisogno di un punto di riferimento!

14) Ragazzi, vi ringrazio a nome di tutta la redazione per il tempo che ci avete concesso! Portate alto il nome di powned.it!

Lik: Grazie a voi, e che il random sia con tutti noi!

Gera: Grazie a voi , porterò alto il nome della redazione ci potete scommettere , invito tutti a seguirmi nel mio canale Twitch!! siate numerosi e ci divertiremo, ancora un SALUTO, ciaoooo!!

Lexxie: grazie a Voi!!

Bertels: Grazie a voi, è bello quello che state cercando di fare in questo sito, vi auguro un futuro radioso!

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701