ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

La storia della Montagna Roccianera!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La Montagna Roccianera sarà la nuova protagonista della prossima avventura di Hearthstone. Con buona probabilità, questa nuova feature dovrebbe essere estremamente simile a quella che è stata “La Maledizione di Naxxramas” uscita ad Agosto del 2014.

Ma cos’è la Montagna Roccianera e perché dovrebbe essere cosi interessante da farci ruotare attorno una nuova avventura?

La Montagna Roccianera è un’imponente montagna sul confine fra le Steppe Ardenti e la Gorgia Rovente venutosi a creare quando, durante la Guerra dei Tre Martelli, Thaurissan (Signore dei Nani Ferroscuro) evocò il terrificante Lord Elementale Ragnaros liberandolo dalla sua prigionia sotteranea per potersi servire della sua potenza e vincere la guerra contro i clan Bronzebeard e Wildhammer!

A seguito della sua liberazione però, Ragnaros uccise Thaurissan e soggiogò il clan dei Ferroscuro rendendoli suoi schivi cosi da costringerli a scavare tanti tunnel sotterranei creando una vera e propria città nel cuore della montagna che fosse sotto il suo dominio!
I Nani la soprannominarono poi Bastioni di Roccianera!

Il momento della liberazione di Ragnaros!
Il momento della liberazione di Ragnaros!

L’imponente fortezza scavata nelle viscere magmatiche della Montagna Roccianera fu opera dell’abile architetto nanico Franclorn Forgiabruna. Simbolo della potenza dei Nani Ferroscuro, la fortezza ha resistito per secoli sotto il dominio di questi sinistri Nani.
I Bastioni rimasero nelle mani dei Nani asserviti a Ragnaros fino agli eventi della Prima Guerra, quando con il suo arrivo il clan Orchesco Roccianera prese il controllo della parte superiore della montagna (i Bastioni appunto) grazie alla guida del loro capo Rend Manonera che successivamente stringerà un patto con il reggente del Black Dragonflight: Nefarian, il figlio di Alamorte, che avrebbe in seguito reso noto cosa aveva in mente da fare dei Bastioni di Roccianera.

Nefarian e i Draghi al suo seguito presero cosi il controllo dei Bastioni Superiori e, una volta dichiarato guerra ai Nani insediati nelle profondità vulcaniche della montagna, occuparono ciò che rimaneva dei Bastioni mettendo a difesa della vetta i generali della sua armata in continua espansione, tra cui il Capoguerra dell’Orda Oscura Rend Manonera.
Le creature originate dai malefici esperimenti di Nefarian fuoriescono senza sosta dai Bastioni di Roccianera minacciando di invadere le terre confinanti.

Dopo tanti anni da questi eventi, si scatenò la Seconda Guerra nella quale proprio la Montagna Roccianera divenne il quartier generale dell’Orda; al termine di questa importante guerra, fu proprio nella celebre montagna che si tenne una delle battaglie più cruente della storia di Azeroth, l’Assalto a Blackrock Spire.

Ragnaros e Nefarian si contesero per anni il controllo e la supremazia sulla montagna; il Signore Elementale con il controllo dei Nani Ferroscuro, i macchinari da guerra, una possente armata di elementali, golem, bestie e luogotenenti come Barone Geddon, Garr e Sulfuron da un lato e Nefarian che invece controllava dal suo imponente trono il clan orchesco dei Roccianera, una piccola armata di troll e ogre e una serie di creature nate dai suoi esperimenti dall’altro.

In definitiva, i due rivali controllarono l’uno la montagna (Nefarian) e l’altro il cuore e le viscere della stessa (Ragnaros) in attesa di scatenare le loro forze su Azeroth e fino a quando non vennero entrambi sconfitti dalle forze dell’Orda e dell’Alleanza che sacrificarono molti valorosi combattenti per garantire il futuro del mondo!

La Montagna, ospita o ha ospitato i seguenti contenuti PvE:

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701