ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
La Forgia: e se ci fosse la Sideboard?

La Forgia: e se ci fosse la Sideboard?

Profilo di GVC
 WhatsApp

Eccoci all’ottavo appuntamento con La Forgia rubrica nella quale proviamo ad espandere il mondo di Hearthstone con feature particolari. Oggi analizzeremo un elemento cardine di tutti i giochi di carte tradizionali tranne in quello firmato Blizzard e che dovrebbe invece essere aggiunto il prima possibile: la Sideboard. Per chi non sapesse cosa fosse la Sideboard o “panchina” è un numero di carte non facenti parte del deck iniziale ma con il quale è possibile effettuare sostituzioni dal termine del primo game di un match.  Per chi non avesse giocato a trading card game oltre ad Hearthstone è un concetto strano, ma in realtà è l’arma migliore contro deck sbilanciati o atipici senza dover snaturare il deck originario; è bene anche tener conto di come in praticamente tutti i giochi di carte non esistano partite “secche” ma bisogna vincere 2 game su 3 con sempre lo stesso mazzo (+ sideboard).

Inseriamo ora le meccaniche della Sideboard in Hearthstone: al momento della creazione del deck oltre alle 30 carte del deck originario dovremmo inserire un quantitativo di carte di scorta con le quali poter poi effettuare le sostituzioni, ok ma quante? In Magic il limite è fissato a 15 carte con il deck principale contenente almeno 60 carte, anche in Yugioh il limite è di 15 mentre, per citare un altro prodotto Blizzard, il gioco di carte di Warcraft permetteva 10 sostituzioni; considerando che un deck di Hearthstone è molto più piccolo rispetto agli altri e mantenendo il rapporto degli altri giochi che si aggira attorno al 25% possiamo ipotizzare una Sideboard di 8 Carte. Possono sembrare poche ma con 8 carte è possibile adattare un Control Warrior in un Patron, un Oil Rogue in un Malygos, un Face Hunter in un Midrange, oppure si potrebbero utilizzare questi slot -e questo è l’utilizzo principale della sideboard- con le Tech Cards contro i match-up più ostici… per esempio l’Eater of Secrets è una di quelle carte che rientrerebbe nelle side, essendo utile solo in alcuni Match-up (SecretDin, FreezeMage…) ed inutile in molti altri; potrebbe perciò restare in panchina fino al momento propizio per essere utilizzato garantendoci molto molto value. Questo stesso ragionamento si può estendere a molte carte che potremmo definire “situazionali” e che, inserite in main deck, potrebbero rappresentare pescate inutili essendo utilizzabili solo in qualche game.

Dato il funzionamento della ladder, tuttavia, la sideboard dovrebbe essere esclusa nelle partite classificate poiché questo implicherebbe la modifica dei match da partita secca a game 2 su 3 rendendo la scalata ancora più lunga…al contrario sarebbe qualcosa di molto positivo guardando nell’ottica torneistica. Invece di scegliere 3 o 4 eroi con i vari formati Conquest/Last Hero Standing si opterebbe per avere una classe e una Sideboard da sfruttare per “limare” gli spigoli del deck rendendo le partite, probabilmente, più coinvolgenti.

Hearthstone sta uscendo da una lunga fase di “apprendistato” e il passaggio allo Standard è un indizio di come la Blizzard si stia muovendo verso la scena competitiva e non escludo perciò che quanto ipotizzato in questo articolo prima o -più probabilmente- poi diventi realtà; è necessario infatti dotare i giocatori di strumenti contro le strategie più “gimmick” -come i già citati Segreti, ma anche i deck Face o carte incontrastabili come l’ Alba dei Murloc Viventi– potendo così ridurre il numero di nerf necessari per il bilanciamento.

E così si conclude anche l’appuntamento di questa settimana, come sempre vi invito a dire la vostra e a ipotizzare altre feature!

Svelati i primi nerf e buff della Patch di Hearthstone: Edwin, Celestial, Wildseed, cambia tutto

Svelati i primi nerf e buff della Patch di Hearthstone: Edwin, Celestial, Wildseed, cambia tutto

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Nerf/Buff Hearthstone – Di solito il weekend di Hearthstone è molto tranquillo per quanto riguarda le notizie e ci si concentra sul competitivo del gioco con i tornei disponibili. Stavolta, però, è stata svelata più di qualche piccolo dettaglio.

Infatti inaspettatamente (anche se qualche informazione stava sfuggendo) sono stati svelati molti dei cambiamenti che saranno disponibili a partire dalla prossima Patch, in arrivo tra Lunedì e Martedì.

A dare i primi spunti è stato Aleco Gereco, Game Designer del gioco, che in un post in cui si parlava dell’ultimo hotfix e dei suoi problemi, ha svelato qualche nome importante.

Tutte le carte che vi citeremo saranno parte della patch in arrivo.

Si parla non solo di nerf, ma anche buff, anche se questi ultimi non sono stati annunciati tutti. Partendo dai malus alle carte, ad essere colpiti saranno:

  • Biblioteca Vile: perderà il suo +1/+1 di base (ed ora si darà il buff solo se saranno effettivamente presenti Imp; almeno uno)
  • Semebrado del Cervo: al suo risveglio darà un’arma 3/2
  • Guardiano di Nevealta: diventerà un 5/5, ma non otterrà più buff dai servitori che congelerà
  • Allineamento Celeste: non inciderà più sull’avversario
  • Illusionista Coboldo (Wild): diventerà un 5 Mana

Svelati anche un paio di buff, che a quanto pare erano già stati scoperti: Edwin, Capo dei Defias sarà un 3 Mana 3/3, mentre Cripta delle Reliquie costerà 2 Mana.

Aleco, però, ha anche svelato che saranno in arrivo altri buff aggiuntivi e riguarderanno soprattutto Cacciatore di Demoni, Paladino e Guerriero (ad oggi le classi effettivamente più in difficoltà).

Queste sono le informazioni al momento annunciate: che ne pensate di questi nerf e buff di Hearthstone? Quali altri vorreste vedere?

Articoli Correlati:
Hotfix di Hearthstone nato per risolvere i problemi, ne crea altri: fermato sul nascere

Hotfix di Hearthstone nato per risolvere i problemi, ne crea altri: fermato sul nascere

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Hotfix Hearthstone – Ieri sera, oltre ai già annunciati dettagli sui prossimi bilanciamenti, è stato anche annunciato un inaspettato hotfix che sarebbe servito a risolvere alcuni problemi e bug nati sul gioco con la nuova espansione. Ma in questo caso il condizionale è d’obbligo.

Già perché l’annuncio di HSDeckTech ha sicuramente rianimato i giocatori per le risoluzioni che avrebbe portato, il problema, però, è che dopo qualche minuto l’hotfix è stato fermato sul nascere perché stava creando altri inconvenienti.

Sono tanti i cambiamenti che avrebbe portato questo veloce fix: dalla rimozione della carta eroe Guff in Duelli per Drek’Thar, alla possibilità di riscattare il mazzo di ritorno per coloro che già lo avevano in parte riscattato prima della Patch 24.0, ed alcuni altri bug fix.

Un nuovo problema, però, sembrava esser nato proprio per i mazzi di ritorno.

La manipolazione del codice da parte degli sviluppatori avrebbe portato non solo a risolvere il vecchio problema, ma addirittura a dare la possibilità di riscattare il mazzo anche a coloro che non avrebbero dovuto.

Per questo l’hotfix è stato sospeso e tutte le risoluzioni arriveranno più avanti, non appena il problema verrà risolto.

Questa è la situazione al momento, ma siamo sicuri che i dev troveranno una risoluzione nel più breve tempo possibile.

Che ne pensate di questo hotfix per Hearthstone? Avete riscontrato anche voi problemi con il mazzo di ritorno?

Articoli Correlati:
Svelato quando arriveranno i bilanciamenti di Hearthstone! Iksar scherza sulla prima carta colpita

Svelato quando arriveranno i bilanciamenti di Hearthstone! Iksar scherza sulla prima carta colpita

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai non era piú un mistero che da qui a poco tempo sarebbero arrivati bilanciamenti al nuovo meta di Hearthstone, mancava solo il quando e quali carte colpire (il che é quasi tutto effettivamente).

Fatto sta che ieri in tarda serata sono arrivati i primi indizi, non solo su quando ci saranno questi bilanciamenti, ma anche su un primo bersaglio.

Come avevamo ipotizzato, infatti, i cambi al meta giungeranno nella giornata di Lunedí o Martedí, come svelato da HSDeckTech (probabile si parli di Patch Note per queste date, magari con conseguente aggiornamento per Giovedí).

Ma a questo primo dettaglio importante si aggiunge un piccolo quanto decisivo meme pubblicato dal Iksar, Game Director del gioco.

Con il noto meme di Momoa che sta per acciuffare, scherzosamente, Henry Cavill, vediamo che Hearthstone é alla ricerca di…Allineamento Celeste.

Il meme di Iksar sui prossimi Bilanciamenti di Hearthstone

Il meme di Iksar

Già, la carta del Druido tanto chiacchierata (anche se in Standard si sta vedendo di meno) potrebbe proprio essere il primo bersaglio degli sviluppatori. É praticamente impossibile non sia cosí.

Queste le informazioni al momento in possesso della community, ma nulla ci vieta di credere che qualche altro assaggio possa arrivare prima di settimana prossima.

E voi cosa ne pensate? Vorreste un aggiustamento ad Allineamento Celeste? E quali saranno gli altri bersagli?

Articoli Correlati: