Cairne brillerà nello Standard, e con lui….

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Con la data dei preannunciati nerf che si avvicina, l’introduzione dello Standard a stretto giro e la spoiler list sempre più corposa di Sussurri cresce l’hype verso quello che potremmo ribattezzare Hearthstone 2.0.
Con la dipartita di Naxx e GvG ed un power level generalmente inferiore (spostato a turni più altri…) alcune leggendarie inusabili allo stato attuale potranno ritrovare spazio e conquistare lo scettro di carte più usate nel 2016.

Nonosatnte ci siano più candidati per il ruolo di “più significativo comeback” tanti indizi e tanti analisti del gioco, puntano il dito verso un solo nome: Cairne. Il mitico leader dei Tauren è scomparso dalla scena competitiva da quando è stato soppiantato da opzioni molto più valide (decisamente OP…) sia come ruolo sia come costo.

Il più economico Sputafango ha rappresentato il primo chiodo alla bara di Cairne, ma anche  Loatheb leggendaria utile e con statistiche in grado -potenzialmente- di traddare Cairne + Baine- ha avuto un ruolo importante in questa rotazione. Ancora più “grave” la situazione spostandoci al turno 6 -in diretta concorrenza per lo stesso posto- dove basta citare lo Sfidante Misterioso per renderci conto di come già solo per le stats esistano soluzioni migliori (e senza contare i 5 segreti tutorati!)… sebbene Dr.6 non abbandonerà ufficialmente la scena competitiva, come ben sappiamo il SecretPaladin è destinato ad una rapida scomparsa venendo bannate tante carte del suo early game.

Parlando di Caine ecco cosa ne pensano alcuni dei pro di Powned:

Ricordo come si giocasse in quasi tutti i mazzi quando c’erano ancora poche carte, insieme a Sylvanas Ventolesto erano i Dott. Boom dell’epoca, e quindi se il meta rallenterà e con l’uscita di molte carte dal formato, credo che Cairne si ritornerà a giocare” conferma Tegrasus e con il suo intuito da deckbuilder IlNuvoloso ci fa una predizione: “potrebbe trovare una sinergia con N’Zoth e in un meta senza forte spam di creature potrebbe dire la sua nuovamente“.

Anche il nostro nonno Lik punta su Cairne “era giocato parecchio prima dell’uscita di Sputafango e Loatheb, ora che queste carte non ci sono più (e per ora non si son visti replace decenti a costo 5) potrebbe tornare.
Se a queste considerazioni si aggiunge un rallentamento del meta -molto probabile allo stato attuale delle rivelazioni di WOG– appare fin troppo evidente come un 4\5 che lascia dietro di sé un altro 4\5 sia qualcosa su cui puntare.

Altri candidati per il rientro.

C’è un altra Leggendaria che penso tornerà di moda nella Locanda, mi riferisco al Cavaliere Nero: già tornato alla ribalta nel Druido senza Combo e che potrebbe trovare ancora più spazio nello Standard data l’impronta voluta dagli sviluppatori sempre più indirizzata verso il combattimento tra creature sulla board e il conseguente aumento dei servitori con Provocazione che ciò causerà.

Scommetto anche sulla carta più “flop” di TGT Varian Wrynn che potrebbe diventare finalmente giocabile e -questa volta- davvero risultare tanto OP da necessitare il “nerf” che gran parte della community già invocava quando fu spoilerato.

Ultima leggendaria, ma non per importanza, è Malygos sebbene al momento venga utilizzata -marginalmente- potrebbe ritornare a rappresentare il fulcro di deck Tier 1 sfruttando anche il blocco draghi che, già nelle prime partite sperimentali, ha dimostrato essere competitivo.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701